INNOVATION AND EXCELLENCE SINCE 1992
Home
  >  
Categorie
  >  
Fitonutrienti
  >  
CBD Oil 6 %
CBD Oil 6 %
Novita
CBD Oil 6 %

Olio di canapa standardizzato al 6,4% di cannabidiolo (CBD)

  • 5 mg di CBD per softgel
  • Integratore alimentare adampio spettro: contiene anche tutti i fitocannabinoidi non psicotropi presenti nella Cannabis sativa (cannabinolo, cannabigerolo, tetraidrocannabivarina…)
  • Non contiene sostanze psicotrope (THC)
  • Ideato per alleviare i dolori cronici, l'infiammazione e l'agitazione interna (benefici multipli)
visualizzare le recensioni

Quantitá : 30 Softgels 5 mg 29.00 €
(33.26 US$)
aggiungi al carrello

+certificato di analisi

Che cos'è il CBD e quali sono i suoi effetti?

Il cannabidiolo (CBD) è una molecola di fitocannabinoide contenuta nella canapa (Cannabis sativa) così come la nota sostanza psicotropa tetraidrocannabinolo (THC). A differenza di quest'ultima, il CBD non ha tuttavia alcuna proprietà stupefacente.

Il THC è stato il primo componente psicoattivo scoperto nella marijuana (1-3), ma abbiamo dovuto attendere gli anni Novanta per identificare il sistema di segnalazione endogeno, oggi denominato sistema endocannabinoide. Si tratta di un sistema di segnalazione in cui intervengono dei messaggeri prodotti dall'organismo (endocannabinoidi) e dei recettori specifici situati sulle membrane esterne delle cellule (i recettori CB1 e CB2).

Il principio è semplice: l'organismo produce dei messaggeri endocannabinoidi quando sente di averne bisogno, poi questi messaggeri si legano ai recettori corrispondenti, innescando varie risposte cellulari come la stimolazione dell'appetito, la limitazione della trasmissione sinaptica, l'anti-nocicezione (sollievo dal dolore), l'ipotermia o la riduzione della locomozione spontanea (4).

Ad esempio, è noto che gli endocannabinoidi sono efficaci per inibire la trasmissione delle fibre nocicettive di piccolo diametro (che sono coinvolte nel fenomeno del dolore) e per ridurre il rilascio di neurotrasmettitori come la sostanza P, responsabili della trasmissione del dolore. Ciò che è meno semplice, tuttavia, è che questo sistema influenza diversi meccanismi complessi come la neuroplasticità, l'apoptosi, la neuroinfiammazione o la memoria traumatica.

Abbiamo scoperto che le piante producono delle molecole che assomigliano molto a queste molecole endocannabinoidi, al punto da potersi legare (con una maggiore o minore affinità) agli stessi recettori. Alcuni di essi producono delle risposte cellulari molto simili a quelle degli endocannabinoidi, o delle risposte amplificate, come nel caso del THC.

La cannabis contiene più di 200 tipi di queste molecole che imitano gli endocannabinoidi, tra cui il cannabidiolo (CBD) che può contenere fino al 40% di estratto secco.

Come funziona il CBD? Quali sono i benefici e gli effetti del CBD?

I recettori CB1 e CB2 su cui si legano gli endocannabinoidi e i fitocannabinoidi non sono localizzati in modo casuale nell'organismo. Si trovano in particolare sulla superficie delle cellule cerebrali umane, del sistema nervoso centrale e nei tessuti del sistema immunitario. L'ippocampo (in particolare il giro dentato) così come il Globus pallidus, che regola i movimenti (5), hanno una densità di recettori CB1 molto elevata. I recettori CB2, invece, sono espressi piuttosto nei tessuti immunitari (6). Questi posizionamenti suggeriscono un coinvolgimento dei cannabinoidi nella modulazione della memoria, delle emozioni, del dolore (cronico, infiammatorio o neuropatico) (7-8) e dei movimenti (9-10).

Il CBD si lega di più ai recettori CB2, mentre il THC si lega ai recettori CB1 con una maggiore affinità. Quando il CBD si lega ai suoi recettori, produce una reazione a catena che provoca una diminuzione del rilascio dei neurotrasmettitori.

Il legame del CBD ai recettori CB2 sembra inizialmente ridurre la risposta infiammatoria. Il fenomeno coinvolge bersagli cellulari multipli che portano ad un aumento del BDNF (una proteina che favorisce la crescita e la differenziazione di nuovi neuroni), a una riduzione delle cellule della microglia e a una diminuzione dei mediatori pro-infiammatori (11-13). È questo effetto antinfiammatorio che rende il CBD così interessante per il sollievo dal dolore.

Il CBD contribuisce quindi a diminuire la produzione di citochine infiammatorie, a preservare la circolazione cerebrale durante gli eventi ischemici e a ridurre la neuroinfiammazione (14). Contribuisce anche ad aumentare i livelli di adenosina nel cervello, il che è associato alla neuroprotezione e a una diminuzione dell'infiammazione (15). Aiuta anche ad attivare i PPAR (16), delle proteine che agiscono come fattori di trascrizione di alcuni geni coinvolti nell'infiammazione e nella trasmissione del dolore.

Diversi studi hanno mostrato altri benefici: favorisce anche la vasodilatazione (17-18) e aiuta a ridurre le specie reattive dell'ossigeno (ROS) così come la perossidazione lipidica (19-21). Il CBD è anche coinvolto nella modulazione dei recettori che non appartengono al sistema endocannabinoide. I recettori della serotonina, ad esempio, sembrano svolgere un ruolo nei benefici terapeutici e nelle proprietà del CBD.

IL CBD può ridurre l'intensità e l'impatto dei sintomi associati all'ansia cronica o allo stress cronico (22-23). L'esame diagnostico umano ha permesso di mostrare che il CBD colpiva delle aree del cervello coinvolte nella neurobiologia di diversi disturbi psichiatrici. Uno studio ha mostrato che una semplice dose di CBD, somministrata per via orale ad alcuni volontari sani, alterava l'attività di riposo nelle aree limbiche e paralimbiche (24-25).

Alcune ricerche hanno anche evidenziato una potenziale attenuazione della memoria associata a delle esperienze traumatiche.

Il CBD gode attualmente di un merito che non si smentisce nel tempo. Sebbene la parte attribuibile ai "media" non sia trascurabile in questo successo, quest'ultima sembra più legata alle proprietà e alle virtù del CBD, oggigiorno ben documentate. In sintesi, ecco le proprietà evidenziate negli studi in vitro, sugli animali o clinici sull'uomo (26):

  • benefici sul dolore;
  • azione sui recettori cerebrali, in particolare sulla serotonina, un neurotrasmettitore che regola l'umore e il comportamento sociale;
  • potenziale antinfiammatorio sulle citochine;
  • benefici neuroprotettivi;
  • proprietà ansiolitiche e virtù antistress;
  • benefici antidipendenza;
  • azione su alcune risposte allo stress.

Come viene prodotto CBD Oil 6%?

Dopo l'estrazione, il CBD viene diluito nell'olio estratto dai semi di canapa.

Generalmente, l'olio di semi di canapa contiene pochissimo CBD (0,0025%). Il CBD è presente soprattutto nei fiori di Cannabis sativa e, in misura minore, nelle foglie e non nei semi. CBD Oil 6% contiene quindi olio di semi di canapa a cui è stata aggiunta una quantità di CBD estratta dai fiori di canapa.

Quando la cannabis cresce, produce THC-A e CBD-A e non CBD o THC. È quando le due molecole sono riscaldate che vengono decarbossilate nelle loro forme attive (27). La conversione di CBD-A in CBD può anche essere più lenta a causa dell'esposizione della molecola alla luce, al calore (i fluidi gastrici sono a una temperatura di 37°C) o con il tempo (28). CBD Oil 6% contiene CBD e non CBD-A, oltre a numerosi altri fitocannabinoidi presenti in quantità più modeste. Attualmente non esiste un prodotto migliore sul mercato.


Esistono degli effetti collaterali?

La canapa qui utilizzata non contiene THC. Non presenta quindi alcun effetto stupefacente sul consumatore e dispone di un profilo di sicurezza eccellente sull'uomo.

Non appena ingerito, il CBD viene rapidamente distribuito nell'organismo. La sua natura lipofila gli consente di passare rapidamente attraverso la barriera emato-encefalica e quindi di raggiungere i tessuti cerebrali. Non altera la frequenza cardiaca, né influisce sulla pressione sanguigna né sulla temperatura corporea. Il tempo di dimezzamento del CBD è di circa 9 ore: viene poi escreto nelle urine in forma metabolizzata.

La forma softgel e la purezza degli ingredienti garantiti da Supersmart ne consentono l'utilizzo senza particolari controindicazioni. Attualmente, l'acquisto di olio di canapa standardizzato in CBD e senza THC non presenta il minimo problema di salute pubblica.

Quali accorgimenti possono essere associati a CBD Oil 6%?

CBD Oil 6 % può essere associato a InflaRelief Formula, una formula ottimizzata contro i disturbi infiammatori, Natural Pain Relief, un antidolorifico naturale universale e Posinol 50 mg, un estratto diApocynum venetum che contribuisce al rilassamento mentale.

Note

Questo prodotto non deve sostituire una dieta diversificata ed equilibrata e uno stile di vita sano. Seguire le istruzioni per l'uso, la dose giornaliera consigliata e la data di scadenza. Non raccomandato per le donne incinte o in allattamento e per i bambini al di sotto dei 15 anni. Tenere fuori dalla portata dei bambini. Conservare in luogo fresco e asciutto.

Bibliografia

  1. Gaoni Y, Mechoulam R. Isolation structure and partial synthesis of an active constituent of hashish. J Am Chem Soc. 1964;86:1646–7.
  2. Mechoulam R, Braun P, Gaoni YA. Stereospecific synthesis of (-)-delta 1- and (-)-delta 1(6)-tetrahydrocannabinols. J Am Chem Soc. 1967;89:4552–4.
  3. Mechoulam R, Shvo Y, Hashish I. The structure of cannabidiol. Tetrahedron. 1963;19:2073–8.
  4. Venance L, Maldonado R, Manzoni O. Le système endocannabinoïde central. Med Sci (Paris) 2004 ; 20 : 45-53.
  5. Pertwee RG. The diverse CB1 and CB2 receptor pharmacology of three plant cannabinoids: Δ9-tetrahydrocannabinol, cannabidiol and Δ9-tetrahydrocannabivarin. Br J Pharmacol. 2008;153:199–215.
  6. Pettit DAD, Harrison MP, Olson JM, Spencer RF, Cabral GA. Immunohistochemical localization of the neural cannabinoid receptor in rat brain. J. Neurosci Res. 1998;51:391–402
  7. Hill KP. Medical marijuana for treatment of chronic pain and other medical and psychiatric problems: A clinical review. JAMA. 2015;313:2474–83
  8. Rog DJ, Nurmikko TJ, Friede T, Young CA. Randomized, controlled trial of cannabis-based medicine in central pain in multiple sclerosis. Neurology. 2005;65:812–9
  9. Portella G, Laezza C, Laccetti P, De Petrocellis L, Di Marzo V, Bifulco M. Inhibitory effects of cannabinoid CB1 receptor stimulation on tumor growth and metastatic spreading: Actions on signals involved in angiogenesis and metastasis. FASEB J. 2003;17:1771–3
  10. Freund TF, Katona I, Piomelli D. Role of endogenous cannabinoids in synaptic signaling. Physiol Rev. 2003;83:1017–66.
  11. Nestler EJ, Barrot M, DiLeone RJ, Eisch AJ, Gold SJ, Monteggia LM. Neurobiology of depression. Neuron. 2002;34:13–25
  12. Wang Q, Shao F, Wang W. Maternal separation produces alterations of forebrain brain-derived neurotrophic factor expression in differently aged rats. Front Mol Neurosci. 2015;8:49
  13. Wee N, Kandiah N, Acharyya S, Chander RJ, Ng A, Au WL, et al. Depression and anxiety are co-morbid but dissociable in mild Parkinson's disease: A prospective longitudinal study of patterns and predictors. Parkinsonism Relat Disord. 2016;23:50–6
  14. Camposa AC, Fogac MV, Sonegoa AB, Guimarãesa FS. Cannabidiol, neuroprotection and neuropsychiatric disorders. Pharmacol Res. 2016;112:119–27
  15. Castillo A, Tolóna MR, Fernández-Ruizb, J, Romeroa J, Martinez-Orgadoa J. The neuroprotective effect of cannabidiol in an in vitro model of newborn hypoxic–ischemic brain damage in mice is mediated by CB2 and adenosine receptors. Neurobiolo Dis. 2010;37:434–40.
  16. Esposito G, Scuderi C, Valenza M, Togna GI, Latina V, et al. Cannabidiol reduces ab-induced neuroinflammation and promotes hippocampal neurogenesis through PPARc involvement. PLoS One. 2011;6:e28668.
  17. Hillard CJ. Endocannabinoids and vascular function. J Pharmacol Exp Ther. 2000;294:27–32.
  18. Schultes RE. Hallucinogens of Plant Origin.Science. 1969;163:245–54.
  19. Esposito G, Scuderi C, Savani C, Steardo L, Jr, De Filippis D, Cottone P, et al. Cannabidiol in vivoblunts beta-amyloid induced neuroinflammation by suppressing IL-1ß and iNOS expression. Br J Pharmacol. 2007;151:1272–9.
  20. Hampson AJ, Grimaldi M, Axelrod J, Wink D. Cannabidiol and (-)Δ9-tetrahydrocannabinol are neuroprotective antioxidants. Proc Natl Acad Sci USA. 1998;95:8268–73.
  21. Iuvone T, Esposito G, Esposito R, Santamaria R, Di Rosa M, Izzo AA. Neuroprotective effect of cannabidiol, a non-psychoactive componentpCannabis sativa, on ß-amyloid-induced toxicity in PC12 cells. J Neurochem. 2004;89:134-41.
  22. Campos AC, Moreira FA, Gomes FV, Del Bel EA, Guimarães FS. Multiple mechanisms involved in the large-spectrum therapeutic potential of cannabidiol in psychiatric disorders. Philos Trans R Soc Lond B Biol Sci. 2012;367:3364–78.
  23. Bergamaschi MM, Queiroz RHC, Chagas MHN, de Oliveira DCG, De Martinis BS, Kapczinski F, et al. Cannabidiol reduces the anxiety induced by simulated public speaking in treatment-naive social phobia patients. Neuropsychopharmacology. 2011;36:1219–26.
  24. Crippa JA, Zuardi AW, Garrido GE, Wichert-Ana L, Guarnieri R, Ferrari L, et al. Effects of cannabidiol (CBD) on regional cerebral blood flow. Neuropsychopharmacology. 2004;29:417–26
  25. Fusar-Poli P, Crippa JA, Bhattacharyya S, Borgwardt SJ, Allen P, Martin-Santos R, et al. Distinct effects of Δ9-tetrahydrocannabinol and cannabidiol on neural activation during emotional processing. Arch Gen Psychiatry. 2009;66:95–105.
  26. Pisanti, S., et al., Cannabidiol: State of the art and new challenges for therapeutic applications. Pharmacol Ther, 2017. 175: p. 133-150
  27. Gowran A, Noonan J, Campbell VA. The multiplicity of action of cannabinoids: Implications for treating neurodegeneration. CNS Neurosci Ther. 2011;17:637–44.
  28. Russo, E.B., Cannabidiol Claims and Misconceptions.Trends in pharmacological sciences, 2017. 38(3): p. 198-201.
Dose giornaliera: 2 softgel
Numero di dosi per scatola: 15

Quantità
per dose

Cannabidiolo (CBD) di 156, 25 mg di olio di canapa non psicotropo standardizzato al 6,4% di CBD 10 mg
AJR non definiti. Altri ingredienti: olio d'oliva proveniente dall'agricoltura biologica.


Adulti. Assumere 2 softgel al giorno. Ogni softgel contiene 78.125 mg di olio di canapa standardizzato al 6,4% di cannabidiolo (CBD) ovvero 5 mg di CBD. Questo integratore non contiene sostanze psicotrope.

Precauzioni: Non superare la dose giornaliera raccomandata. Questo prodotto è un supplemento nutrizionale che non deve sostituire un'alimentazione varia ed equilibrata. Non lasciare alla portata dei bambini. Conservare al riparo dalla luce, da fonti di calore e dall'umidità. Come con ogni supplemento nutrizionale, consultare un medico prima di assumerlo durante la gravidanza, l'allattamento o nel caso di problemi di salute.
 
Scopri qualche testimonianza dei nostri clienti

Gratis

Ti ringraziamo per la visita, prima di uscire

ISCRIVITI AL
Club SuperSmart
Ed approfitta
di promozioni esclusive:
Continua gli acquisti
keyboard_arrow_up