INNOVATION AND EXCELLENCE SINCE 1992
Home
  >  
Categorie
  >  
Fitonutrienti
  >  
Notoginseng 200 mg
Notoginseng 200 mg
Novita
Notoginseng 200 mg
Estratto di Panax notoginseng altamente concentrato in notoginsenosidi (75%)
  • aiuta a migliorare tutti i problemi di circolazione del sangue (palpitazioni, vene varicose, tachicardia, ipertensione...…) ;
  • utile per ridurre l'aggregazione piastrinica e i livelli di colesterolo nel sangue;
  • indispensabile nella farmacopea cinese.
visualizzare le recensioni

Quantitá : 60 caps. veg. 67.00 €
(75.85 US$)
aggiungi al carrello

+

Il Panax notoginseng è una varietà del famoso ginseng considerato come la fonte di "energia vitale" e noto per aumentare la forza e il volume del sangue. Il notoginseng si distingue dal classico ginseng, benché abbiano entrambi una consonanza comune. Le sue proprietà eccezionali hanno portato alla commercializzazione di integratori alimentari di primissimo piano

Una radice di ginseng nota nella medicina tradizionale

Il notoginseng appartiene alla famiglia delle Araliacee e proviene dalle province di Guangxi e Yunnan, dove occupa un posto di primo piano nella medicina tradizionale cinese: il suo utilizzo rinvia in particolare ai meridiani del fegato e dello stomaco.
Viene usato nel trattamento dei problemi legati alla circolazione sanguigna, delle emorragie (emorragie interne ed esterne), degli ematomi e dei disturbi della coagulazione (miglioramento del flusso sanguigno). Si trova spesso anche nei kit di pronto soccorso per guarire le lesioni e le ferite: in un cataplasma, applicato sulla parte lesa, può alleviare i dolori e arrestare le emorragie.
Infine, è anche uno degli ingredienti dello Zheng Gu Shui, una preparazione rinomata della farmacopea cinese, usata per migliorare la circolazione sanguigna ed energetica, ridurre l'infiammazione, ridurre il dolore, accelerare il processo di guarigione o di cicatrizzazione e aiutare a rigenerare i tessuti danneggiati.

Una composizione eccezionalmente ricca di notoginsenosidi e ginsenosidi

Le virtù del notoginseng sono conosciute grazie al suo uso storico: è ciò che chiamiamo evidenza empirica. Oggi, però, siamo in grado di spiegarne scientificamente gli effetti. Sono legati alla sua ricchezza di un acido grasso molto particolare, la trilinoleina, ma anche, e soprattutto, al suo contenuto di ginsenosidi e notoginsenosidi.

I ginsenosidi e i notoginsenosidi sono delle saponine prodotte esclusivamente da alcune specie di ginseng. Ci sono diversi tipi: i ginsenosidi Rb1, Rg1, Rd, Re o Rb2. La ricerca non ha ancora decifrato tutti i loro misteri, ma si presume che agiscano sull'organismo in due modi diversi: alterando le proprietà delle membrane cellulari e legandosi potenzialmente ai recettori degli ormoni steroidei. Comunque, i ricercatori ne hanno già evidenziato gli effetti sul sistema cardiovascolare, sul sistema nervoso (con un notevole interesse per il declino cognitivo) e sul sistema immunitario. Negli ultimi anni sono state descritte anche delle proprietà antiproliferative, neuroprotettive e antiossidanti.

In quali casi occorre optare per una cura al ginseng?

I benefici del notoginseng sono numerosi, ma alcuni meritano più attenzione. Così, può essere interessante utilizzare il notoginseng in caso di:
  • disturbi cardiovascolari e disturbi circolatori con stasi sanguigna, cioè quando il sangue si accumula per ostruzione della sua circolazione (nel corso di una trombosi per esempio, o quando un difetto meccanico non ne permette la risalita come nelle vene varicose);
  • malattia coronarica, antecedenti di infarto e tutti i suoi postumi;
  • colesterolo alto e ipertensione;
  • retinite o atrofia dei nervi ottici;
  • palpitazioni, congestione e dolori bronchiali;
  • disturbi emorragici, sia quelli del tratto gastrointestinale sia quelli provenienti dalla cavità polmonare, nasale, vescicale o uterina. Può anche essere interessante associare il notoginseng con altre piante come lo zenzero, la rehmannia o la radice di astragalo;
  • traumi vari, sia per il dolore sia per il recupero.
Negli ultimi due decenni, la scienza moderna si è anche preoccupata delle proprietà antischemiche, anti-infarto e ipolipemizzanti del notoginseng. Questi notevoli effetti hanno motivato una serie di studi o test farmacologici condotti su diversi ambiti:
  • Le piastrine. Ad esempio, il ginsenoside 2A inibisce il PAG (tasso di aggregazione piastrinica) nelle persone ipertese.
  • L’emostasi. Uno studio condotto su quattro gruppi di ratti in doppio cieco, controllato con placebo, ha misurato i diversi tempi di sanguinamento e coagulazione dopo che gli animali sono stati trattati con estratti di ginsenosidi e saponine. Si è scoperto che i ratti trattati hanno mostrato un tempo di sanguinamento più breve. Questo effetto è stato osservato anche quando applicato per via esterna.
  • Il sistema immunitario. I polisaccaridi del notoginseng esercitano un effetto stimolante sui linfociti T, negli studi in vivo e in vitro. Altri esperimenti hanno mostrato che il notoginseng favoriva la produzione di anticorpi e di interleuchine, il che ha portato gli scienziati a somministrarlo nel trattamento delle malattie autoimmuni.
  • Il sistema nervoso e la corteccia cerebrale. Uno studio su animali condotto su alcuni ratti ha permesso di sottolineare gli effetti positivi delle saponine del notoginseng su alcune lesioni patologiche dei neuroni colinergici nel morbo di Alzheimer. I risultati ottenuti hanno rivelato una riduzione delle lesioni neuronali nelle persone trattate con delle saponine di notoginseng rispetto ad un gruppo testimone.
Sono stati evidenziati anche altri effetti, tra cui le proprietà epatoprotettive del notoginseng rispetto all'etanolo (alcol). Infatti la sua somministrazione migliora i livelli di alcuni enzimi presenti all'interno delle cellule: l'ALT (alanina aminotransferasi, precedentemente GPT, glutammato-piruvato transaminasi) e l'AST (aspartato aminotransferasi), precedentemente SGOT (transaminasi sierica glutammico ossalacetica). Si tratta di enzimi le cui quantità aumentano in caso di distruzione degli epatociti (cellule del fegato) e più in particolare in caso di epatite virale, intossicazione alcolica, sovrappeso ponderale o invecchiamento legato all'età. Inoltre inibisce la perossidazione lipidica sul fegato dei topi, un fenomeno responsabile dei danni ai tessuti e dell'invecchiamento legato alla formazione di radicali liberi.
Infine, alcuni ricercatori hanno anche osservato delle proprietà analgesiche del notoginseng per quanto riguarda l'infiammazione e il dolore. Questo effetto è indubbiamente coerente con i risultati di un altro studio secondo cui l'assunzione giornaliera di 1.350 mg di notoginseng per 30 giorni ha migliorato le prestazioni da sforzo di 29 soggetti di età compresa tra i 20 e i 35 anni.

Qual è il dosaggio per godere dei benefici del notoginseng?

Perché scegliere un integratore concentrato di notoginseng invece di un estratto classico? Ci sono tre motivi principali:
  • Il sapore amaro del Panax notoginseng è molto pronunciato. Internamente, è quindi molto difficile da sopportare se consumato così com'è.
  • È praticamente impossibile trovarlo fresco in commercio e la sua qualità è spesso discutibile.
  • I ginsenosidi hanno una biodisponibilità relativamente bassa: per sfruttare al massimo i loro benefici, è imperativo scegliere un integratore alimentare di ginseng standardizzato in ginsenosidi, com'è il caso di questo estratto di notoginseng. Di qualità ineguagliabile, è inoltre molto più concentrato rispetto alla maggior parte dei prodotti disponibili in commercio, il che spiega il suo prezzo più elevato.
Ciò dimostra comunque l'enorme opportunità di questo estratto di Panax notoginseng per beneficiare degli effetti dei notoginsenosidi.

Quest'ultimo è ottenuto a partire dalla radice e dalle foglie e contiene 200 mg di estratto di Panax notoginseng. Alcuni studi dei farmacologi cinesi hanno mostrato che questo dosaggio era sufficiente per coprire l'insieme delle applicazioni precedentemente menzionate. Per quanto riguarda la sua forma, gli studi hanno mostrato che la forma in capsula (che si somministra 2 o 3 volte al giorno) è la più affidabile, anche se può essere utilizzata sotto forma di pasta o polvere per uso topico (per guarire le lesioni).

In sintesi, il notoginseng si posiziona come un integratore tonico di importanza fondamentale per gli usi molteplici e per i numerosi benefici. Si avvicina soprattutto al "Triple Protect", un integratore ideato per combattere l'ipertensione e i problemi di circolazione sanguigna, al PADMA Basic, particolarmente indicato per i disturbi circolatori periferici come l'intorpidimento e al Cardio Booster, il prodotto fondamentale per la protezione cardiaca.
Dose giornaliera: 2 capsule
Numero di dosi per scatola: 30

Quantità
per dose

Estratto di Panax notoginseng standardizzato al 75% di notoginsenosidi, al 5% di ginsenosidi R1, al 30% di ginsenosidi Rb1, al 30% di ginsenosidi Rg1, al 6% di ginsenosidi Re, al 4% di ginsenosidi Rd 400 mg
Altri ingredienti: gomma di acacia, farina di riso.


adulti. Assumere 2 capsule al giorno.
Ogni capsula contiene 200 mg di estratto di Panax notoginseng.

Precauzioni: Non superare la dose giornaliera raccomandata. Questo prodotto è un supplemento nutrizionale che non deve sostituire un'alimentazione varia ed equilibrata. Non lasciare alla portata dei bambini. Conservare al riparo dalla luce, da fonti di calore e dall'umidità. Come con ogni supplemento nutrizionale, consultare un medico prima di assumerlo durante la gravidanza, l'allattamento o nel caso di problemi di salute.
 
Scopri qualche testimonianza dei nostri clienti

Gratis

Ti ringraziamo per la visita, prima di uscire

ISCRIVITI AL
Club SuperSmart
Ed approfitta
di promozioni esclusive:
Continua gli acquisti
keyboard_arrow_up