INNOVATION AND EXCELLENCE SINCE 1992
Home
  >  
Categorie
  >  
Probiotici e prebiotici
  >  
Lactoxira
Lactoxira
Novita
Lactoxira
La prima formula psicobiotica per combattere la depressione
  • Ideata a partire dalle ultime scoperte nella neuroscienza.
  • Agisce in profondità sui disturbi dell'umore (depressione, malinconia, demotivazione).
  • Contribuisce a un microbiota sano e a una comunicazione "microbiota-cervello" ottimale.
  • Contiene 8 ceppi di probiotici selezionati a partire da studi clinici.
  • Contiene anche dei prebiotici per accompagnarne lo sviluppo.
visualizzare le recensioni

Disponibilità : Quantità limitata

Quantitá : 60 DR Caps™ 56.00 €
(63.20 US$)
aggiungi al carrello

+certificato di analisi

La formula probiotica Lactoxira è stata ideata sulla base delle più recenti scoperte in neurobiologia : ora sappiamo che i microrganismi che popolano il nostro tratto digestivo comunicano con il cervello (attraverso la sintesi di neurotrasmettitori e il rilascio indiretto di sostanze di segnalazione cellulare) e influenzano i nostri stati d'animo, pensieri e comportamenti.
Questa importante scoperta rivoluziona il trattamento delle persone affette da malinconia, depressione o disturbi dell'umore la cui salute della flora intestinale è generalmente molto alterata.

A chi si rivolge Lactoxira?

La formula probiotica Lactoxira si rivolge a tutti gli individui con disturbi dell'umore e della motivazione:

  • le persone soggette a episodi di depressione cronica, transitoria, persistente o stagionale;
  • le persone che perdono interesse per delle attività che precedentemente apprezzavano;
  • le persone affette da malinconia ricorrente senza motivazione apparente;
  • le persone che mantengono spesso pensieri negativi o devalorizzanti ("non ce la farò mai", "detesto chi sono", "non mi sento a mio agio"...) ;
  • le persone che cercano di superare delle esperienze difficili;
  • le persone che hanno bisogno di ridarsi la carica e che hanno difficoltà ad essere motivati al mattino;
  • le persone che hanno perso il gusto della vita;
  • le persone che sono regolarmente di cattivo umore (imbronciati, irritati o tristi).

Lactoxira si rivolge anche alle persone le cui abitudini di vita possono nuocere al loro stato psicologico (consumo di tabacco, esposizione allo stress, eccesso di alcol, mancanza di attività fisica, mancanza di sonno, trattamento antibiotico, carenze nutrizionali, soprattutto per quanto riguarda le vitamine D, B6, B12 e B9, invecchiamento...).

Quali sono gli effetti di Lactoxira sull'umore e sulla salute psicologica?

Quali sono gli effetti di Lactoxira sull'umore e sulla salute psicologica?

I probiotici sono dei microrganismi viventi in grado di influenzare positivamente la microflora intestinale (1). Sono stati associati a numerosi miglioramenti della salute (relativi ai disturbi gastrointestinali (2), soprattutto alla sindrome dell'intestino irritabile (3-4), così come alla loro capacità di ridurre la pressione sanguigna (5) o di ridurre il rischio di eczema... (6)), ma le prospettive terapeutiche sembrano ancora molto aperte.

Negli ultimi anni, numerosi studi hanno rivelato il loro potenziale immenso per migliorare i disturbi dell'umore e per attenuare la depressione (7). I ricercatori hanno capito che i disturbi depressivi erano in realtà disturbi psico-neuro-immunologici e che la somministrazione di probiotici poteva migliorarne la condizione. Sono stati scoperti due meccanismi d'azione:

Una comunicazione permanente e bidirezionale con il cervello

Si tratta di una delle scoperte più sorprendenti degli ultimi anni: i batteri intestinali possono comunicare con il cervello attraverso il nervo vago (si parla di asse microbioma-intestino-cervello (8)). Ancora più sorprendentemente, sono in grado di produrre dei neurotrasmettitori identici a quelli che si trovano nel cervello (9). Diversi ceppi di Lactobacilli e Bifidobacteria secernono infatti il GABA (10) che è un neurotrasmettitore inibitorio la cui produzione viene notevolmente rallentata in caso di depressione e ansia (11). Altre specie batteriche producono anche acetilcolina (un neurotrasmettitore coinvolto nella memoria, nella concentrazione e nell'umore (12)) e serotonina (un metabolita del triptofano coinvolto nella modulazione dell'umore (13)).

Queste scoperte spiegano il motivo per cui la flora intestinale è ormai considerata come un organo endocrino virtuale, in grado di influenzare il sistema nervoso centrale attraverso l'asse microbioma-flora-cervello (14-15). Alcuni studi hanno infatti mostrato che l'uso di probiotici aumentava i livelli di alcuni neurotrasmettitori nella corteccia frontale, riducendo così i sintomi della depressione (16).

Un controllo dell'infiammazione sistemica

Il secondo meccanismo d'azione degli psicobiotici si basa sulla loro capacità di ridurre i livelli di infiammazione. I ricercatori avevano notato che i livelli di molti marcatori dell'infiammazione erano anormalmente alti nelle persone depresse (17-19), ma non erano in grado di stabilire il legame con la flora intestinale. Oggigiorno è noto che i probiotici agiscono contro l'infiammazione limitando la diffusione dei batteri patogeni nell'intestino tenue, rinforzando la barriera intestinale, riducendo la traslocazione batterica (20) e diminuendo il numero di citochine infiammatorie e di sostanze tossiche che circolano nell'organismo.

È attraverso queste molteplici azioni contro l'infiammazione che i probiotici permettono di migliorare i disturbi dell'umore (21-23). Due studi controllati randomizzati sull'uomo hanno infatti confermato questi benefici psicologici (24-25).

I probiotici sono efficaci nel trattamento della depressione?
" Una combinazione di diversi ceppi probiotici (Lactobacillus acidophilus, Lactobacillus casei e Bifidobacterium bifidum) riduce leggermente i sintomi di depressione e ansia. " L’AAFP (https://www.aafp.org/afp/2018/0315/od2.html)

Da cosa è composto Lactoxira?

La formula probiotica Lactoxira è costituita dai ceppi più studiati dalla ricerca nel campo della salute mentale e dei disturbi dell'umore. Si basa sull'ultima meta-analisi pubblicata, che elenca 25 studi sugli animali e 15 studi clinici sull'uomo (26):

  • Bifidobacterius longum (presente nel tratto grastrointestinale umano, riduce i sintomi depressivi).
  • Lactobacillus plantarum (presente in alcuni alimenti fermentati a base di cavolo, è neuroprotettivo e si oppone ai fenomeni infiammatori).
  • Bifidobacterium bifidum
  • Bifidobacterium lactis
  • Lactobacillus lactis
  • Lactobacillus casei (presente nell'intestino e nella mucosa orale, aumenta le concentrazioni di triptofano, serotonina e dopamina, causando un significativo miglioramento dell'umore nelle persone soggette a depressione).
  • Lactobacillus brevis (agisce sulla sintomatologia dell'ansia).
  • Lactobacillus salivarius (il più attivo di tutti).

Alcuni di questi ceppi sono in grado di resistere all'acidità dello stomaco (altrimenti non sarebbe utile mangiare yogurt o bere kefir), ma per massimizzare la loro sopravvivenza e garantire la migliore efficacia della formula, Supersmart li confeziona in capsule gastroresistenti che li rilasciano dove dovrebbero agire: nell'intestino. Il numero di microrganismi che raggiungono vivi questo luogo è infatti fondamentale per la potenza della loro portata. Questo è anche il motivo per cui una dose di Lactoxira contiene più di 100 miliardi di batteri (CFU).

Per aumentare ulteriormente la sua efficacia, Supersmart ha aggiunto alla formulazione Lactoxira una proporzione ideale di prebiotici (o frutto-oligosaccaridi). Questi composti naturali non digeribili per l'uomo permettono ai probiotici di svilupparsi e di colonizzare più facilmente il tratto digestivo.

Cinque buone motivazioni per provare Lactoxira

Esistono numerose motivazioni per consumare dei probiotici per migliorare la salute psicologica, ma se dovessimo sceglierne solo cinque, ecco quelle che manterremmo:

  1. L’OMS stima che i disturbi depressivi rappresentano la principale causa mondiale di malattia e disabilità: il numero di vittime è in costante aumento da decenni.
  2. I farmaci sono molto inefficaci nel trattamento della depressione cronica (solo il 30% dei risultati è accettabile (27)), il tasso di ricaduta è molto elevato (circa il 50%) e gli effetti collaterali sono numerosi.
  3. I microrganismi intestinali sono in grado di produrre dei neurotrasmettitori sotto ogni aspetto identici a quelli che vengono prodotti nel nostro cervello. Li trasmettono attraverso il nervo vago.
  4. Il nostro stile di vita moderno comporta una scomparsa drastica dei microrganismi intestinali benefici, il che spiega probabilmente l'esplosione delle malattie autoimmuni e quella dei disturbi depressivi.
  5. Gli psicobiotici contribuiscono alla salute psicologica, ma forniscono anche tutti i benefici solitamente attribuiti ai probiotici: diminuzione dei marcatori dell'infiammazione, miglioramento dei disturbi digestivi, ottimizzazione della digestione...

Come i ricercatori hanno identificato questa nuova proprietà?

Sospettiamo che il microbiota svolga un ruolo decisivo nella costituzione dei nostri stati d'animo da decenni (già nel 1863 Ludwig Andreas Feuerbach affermava che "l'uomo è ciò che mangia"), ma è rimasta da provare scientificamente la realtà di questa attività.

Alcuni studi effettuati sugli animali in laboratorio hanno permesso in primo luogo di modificare il comportamento delle specie selezionate aggiungendo dei probiotici alla loro alimentazione: si è così potuto riscontrare che alcune classi di probiotici potevano rendere gli animali più aggressivi, mentre altre presentavano delle proprietà rilassanti. Questi primi risultati conclusivi hanno spinto i ricercatori a testare la loro ipotesi su alcune persone ansiose, depresse o sottoposte a stress cronico. I risultati sono stati altrettanto giustificativi. Dopo diversi studi clinici, è stato così possibile isolare tutti i ceppi che si sono rivelati essere i più attivi in questo campo, in modo da combinarli in una formula probiotica di ultima generazione.

Come ottimizzare l'efficacia di Lactoxira?

Cerchi di massimizzare gli effetti di Lactoxira? Ecco un piano d'azione da eseguire in parallelo alla tua integrazione.

1) Adottare un'alimentazione migliore per tutta la durata dell'integrazione (28). Ciò inizia con un graduale aumento degli apporti di fibre alimentari : più sono alti gli apporti, minore è il rischio di depressione (29). Sono dei materiali digeribili solo per i batteri benefici: il loro consumo permette quindi di beneficiarne a scapito degli organismi patogeni. Si trovano in quasi tutta la frutta e la verdura fresca e nei cereali integrali.

Inoltre, numerosi studi mostrano la relazione inversamente proporzionale tra il consumo di alimenti ricchi di acidi grassi omega 3 e la depressione (30). Diversi ricercatori raccomandano così alle persone depresse di aumentare l'assunzione settimanale di pesci grassi o di optare per un'integrazione con acidi grassi omega 3 (1-4 g al giorno di EPA/DHA) (31-32).

Infine, è importante aumentare gli apporti divitamine del gruppo B (soprattutto l'acido folico). Le carenze di vitamine B sono caratteristiche delle persone depresse (33-35). Queste sostanze nutritive svolgono un ruolo importante nella sintesi dei neurotrasmettitori che influiscono sull'umore (in modo particolare la serotonina e la dopamina).

2) Organizzare uno stile di vita più sano per tutta la durata dell'integrazione. Durante il trattamento, sarebbe opportuno andare a dormire più presto controllando di favorire una migliore qualità del sonno. È anche un buon momento per iniziare nuovi progetti, per aprirsi alla famiglia e agli amici e per riconoscere le proprie paure.

3) Abbandonarsi alla pratica di massaggi. Diversi studi (36-37) hanno mostrato che i massaggi scatenavano un miglioramento dell'umore e del sonno attraverso un ulteriore rilascio di serotonina e dopamina.

4) Aumentare significativamente il livello di attività fisica. L'attività fisica è indispensabile per l'equilibrio mentale. I cambiamenti metabolici che induce ottimizzano il funzionamento cerebrale e soprattutto l'umore (38-39). Per sentirli, è necessario praticare un'attività fisica per circa trenta minuti almeno cinque giorni alla settimana. Se già lo fai, sarebbe opportuno aumentare significativamente l'intensità o la durata delle tue attività.

È anche possibile combinare Lactoxira con altri integratori alimentari come la SAM-e, una molecola naturale che svolge un ruolo decisivo nel metabolismo dei neurotrasmettitori, o come l'erba di San Giovanni, a condizione che il suo uso sia ben controllato (la pianta interagisce con molti farmaci e sostanze).

Sulla base degli ultimi studi scientifici, Lactoxira permette oggigiorno l'impensabile: migliorare la salute psicologica influenzando la composizione del microbiota e ottimizzando la comunicazione intestino-cervello.

Da leggere anche:
Probiotici: le ultime scoperte annunciano una vera rivoluzione intestinale

Versione : ottobre 2018

Bibliografia

Cepeda, M. S., Katz, E. G., & Blacketer, C. (2017). Microbiome-Gut-Brain Axis: Probiotics and Their Association With Depression. The Journal of Neuropsychiatry and Clinical Neurosciences, 29(1), 39–44. doi:10.1176/appi.neuropsych.15120410

França, K., & Lotti, T. (2017). The gut-brain connection and the use of probiotics for the treatment of depression, anxiety and obsessive-compulsive disorders in dermatology. Dermatologic Therapy, 30(5), e12506. doi:10.1111/dth.12506

Note

  1. World Health Association: Health and nutritional properties of probiotics in food including powder milk with live lactic acid bacteria. Geneva, Switzerland, World Health Association
  2. Ritchie ML, Romanuk TN: A meta-analysis of probiotic efficacy for gastrointestinal diseases. PLoS One 2012; 7:e34938
  3. McFarland LV: Meta-analysis of probiotics for the prevention of antibiotic associated diarrhea and the treatment of Clostridium difficile disease. Am J Gastroenterol 2006; 101:812–822
  4. Hoveyda N, Heneghan C, Mahtani KR, et al: A systematic review and meta-analysis: probiotics in the treatment of irritable bowel syndrome. BMC Gastroenterol 2009; 9:15
  5. Khalesi S, Sun J, Buys N, et al: Effect of probiotics on blood pressure: a systematic review and meta-analysis of randomized, controlled trials. Hypertension 2014; 64:897–903
  6. Cuello-Garcia CA, Brozek JL, Fiocchi A, et al: Probiotics for the _ prevention of allergy: A systematic review and meta-analysis of randomized controlled trials. J Allergy Clin Immunol 2015; 136:952–961
  7. Bravo JA, Forsythe P, Chew MV, et al: Ingestion of Lactobacillus strain regulates emotional behavior and central GABA receptor expression in a mouse via the vagus nerve. Proc Natl Acad Sci USA 2011; 108:16050–16055
  8. Dash S, Clarke G, Berk M, et al: The gut microbiome and diet in psychiatry: focus on depression. Curr Opin Psychiatry 2015; 28:1–6
  9. Wang, H., Lee, I. S., Braun, C., & Enck, P. (2016, October). Effect of probiotics on central nervous system functions in animals and humans: A systematic review. Journal of Neurogastroenterology and Motility, 22(4), 589–605. doi:10.5056/jnm16018
  10. Dinan TG, Stanton C, Cryan JF (2013) Psychobiotics: a novel class of psychotropic. Biol Psychiatry 74(10):720–726
  11. Schousboe A, Waagepetersen HS (2007) GABA: homeostatic and pharmacological aspects. In: Tepper JM, Abercrombie ED, Bolam JP (eds) GABA and the basal ganglia: from molecules to systems, vol 9–19. Elsevier Science B, Amsterdam
  12. Roshchina VV (2010) Evolutionary considerations of neurotransmitters in microbial, plant, and animal cells. In: Lyte M, Freestone PPE (eds) Microbial endocrinology: interkingdom signaling in infectious disease and health. Springer, New York, pp 17–52
  13. Collins SM, Bercik P (2009) The relationship between intestinal microbiota and the central nervous system in normal gastrointestinal function and disease. Gastroenterology 136:2003–2014
  14. Bested AC, Logan AC, Selhub EM: Intestinal microbiota, probiotics and mental health: from Metchnikoff to modern advances, part II: contemporary contextual research. Gut Pathog 2013; 5:3–3
  15. Logan AC, Katzman M: Major depressive disorder: probiotics may be an adjuvant therapy. Med Hypotheses 2005; 64:533– 538
  16. Desbonnet L., Garrett L., Clarke G., Bienenstock J., Dinan T.G. The probiotic Bifidobacteria infantis: An assessment of potential antidepressant properties in the rat. J. Psychiatr. Res. 2008;43:164–174. doi: 10.1016/j.jpsychires.2008.03.009.
  17. Wium-Andersen MK, Ørsted DD, Nielsen SF, et al: Elevated C-reactive protein levels, psychological distress, and depression in 73,131 individuals. JAMA Psychiatry 2013; 70:176–184
  18. Cepeda MS, Makadia R: Depression is associated with high levels of C reactive protein and low levels of exhaled nitric oxide: results from the 2007–2012 National Health and Nutrition Examination Surveys. J Clin Psychiatry (Epub ahead of print, June 21, 2016)
  19. Berk M, Williams LJ, Jacka FN, et al: So depression is an inflammatory disease, but where does the inflammation come from? BMC Med 2013; 11:200
  20. Maes M, Kubera M, Leunis JC et al (2013) In depression, bacterial translocation may drive inflammatory responses, oxidative and nitrosative stress (O&NS), and autoimmune responses directed against O&NS-damaged neoepitopes. Acta Psychiatr Scand 127(5):344–354
  21. Clarke G, Grenham S, Scully P et al (2013) The microbiome-gutbrain axis during early life regulates the hippocampal serotonergic system in a sex-dependent manner. Mol Psychiatry 18(6):666–673
  22. Tillisch K, Labus J, Kilpatrick L, et al: Consumption of fermented milk product with probiotic modulates brain activity. Gastroenterology 2013; 144:1394–1401
  23. Mayer EA, Knight R, Mazmanian SK, et al: Gut microbes and the brain: paradigm shift in neuroscience. J Neurosci 2014; 34:15490– 15496
  24. Steenbergen L, Sellaro R, van Hemert S, et al: A randomized controlled trial to test the effect of multispecies probiotics on cognitive reactivity to sad mood. Brain Behav Immun 2015; 48: 258–264
  25. Messaoudi M, Lalonde R, Violle N, et al: Assessment of psychotropiclike properties of a probiotic formulation (Lactobacillus helveticus R0052 and Bifidobacterium longum R0175) in rats and human subjects. Br J Nutr 2011; 105:755–764
  26. Wang, H., Lee, I. S., Braun, C., & Enck, P. (2016, October). Effect of probiotics on central nervous system functions in animals and humans: A systematic review. Journal of Neurogastroenterology and Motility, 22(4), 589–605. doi:10.5056/jnm16018
  27. Perovic B, Jovanovic M, Miljkovic B, Vezmar S (2010) Getting the balance right: established and emerging therapies for major depressive disorders. Nuropsychiatr Dis Treat 7(6):343–364
  28. Evrensel A., Ceylan M.E. The Gut-Brain Axis: The Missing Link in Depression. Clin. Psychopharmacol. Neurosci. 2015;13:239–244. doi: 10.9758/cpn.2015.13.3.239.
  29. Lai JS, Hiles S, Bisquera A, et al: A systematic review and metaanalysis of dietary patterns and depression in community-dwelling adults. Am J Clin Nutr 2014; 99:181–197
  30. Hibbeln JR. Fish consumption and major depression. Lancet. 1998;351(9110):1213. Lettre; Texte intégral
  31. Jacka EN, Pasco JA, et al. Dietary omega-3 fatty acids and depression in a community sample.Nutr Neurosci. 2004 Apr;7(2):101-6.
  32. Mamalakis G, Tornaritis M, Kafatos A. Depression and adipose essential polyunsaturated fatty acids. Prostaglandins Leukot Essent Fatty Acids. 2002;67(5):311-318.
  33. Tolmunen T, Hintikka J, et al. Dietary folate and the risk of depression in Finnish middle-aged men. A prospective follow-up study. Psychother Psychosom. 2004 Nov-Dec;73(6):334-9.
  34. Papakostas GI, Petersen T, et al. The relationship between serum folate, vitamin B12, and homocysteine levels in major depressive disorder and the timing of improvement with fluoxetine. Int J Neuropsychopharmacol. 2005 Dec;8(4):523-8. Erratum in: Int J Neuropsychopharmacol. 2005 Dec;8(4):528.
  35. Papakostas GI, Petersen T, et al. The relationship between serum folate, vitamin B12, and homocysteine levels in major depressive disorder and the timing of improvement with fluoxetine. Int J Neuropsychopharmacol. 2005 Dec;8(4):523-8. Epub 2005 May 9. Erratum in : Int J Neuropsychopharmacol. 2005 Dec;8(4):528.
  36. Hou WH, Chiang PT, et al. Treatment effects of massage therapy in depressed people: a meta-analysis. J Clin Psychiatry. 2010 Mar 23.
  37. Field T, Hernandez-Reif M, et al. Cortisol decreases and serotonin and dopamine increase following massage therapy. Int J Neurosci. 2005;115(10):1397-413.
  38. Brosse AL, Sheets ES, et al. Exercise and the treatment of clinical depression in adults: recent findings and future directions. Sports Med. 2002;32(12):741-60. Review
  39. Lawlor DA, Hopker SW. The effectiveness of exercise as an intervention in the management of depression: systematic review and meta-regression analysis of randomised controlled trials. BMJ. 2001 Mar 31;322(7289):763-7.
Dose giornaliera: 2 capsule
Numero di dosi per scatola: 30
Quantità per dose
Lactobacillus salivarius 28 x 109CFU
Lactobacillus plantarum 12 x 109CFU
Lactobacillus casei 12 x 109CFU
Lactobacillus brevi 12 x 109CFU
Lactobacillus lactis 12 x 109CFU
Bifidobacterium bifidum 12 x 109CFU
Bifidobacterium longum 11 x 109CFU
Bifidobacterium lactis 11 x 109CFU
Altri ingredienti: gomma d'acacia, crusca di riso.


Adulti. Assumere 2 capsule al giorno. Precauzioni: conservare in frigorifero.

Precauzioni: Non superare la dose giornaliera raccomandata. Questo prodotto è un supplemento nutrizionale che non deve sostituire un'alimentazione varia ed equilibrata. Non lasciare alla portata dei bambini. Conservare al riparo dalla luce, da fonti di calore e dall'umidità. Come con ogni supplemento nutrizionale, consultare un medico prima di assumerlo durante la gravidanza, l'allattamento o nel caso di problemi di salute.
 
Scopri qualche testimonianza dei nostri clienti
close

Gratis

Ti ringraziamo per la visita, prima di uscire

ISCRIVITI AL
Club SuperSmart
Ed approfitta
di promozioni esclusive:
Continua gli acquisti
keyboard_arrow_up