0
it
US
WSM
223146651
Il carrello è vuoto
Menu
Mancanza di dopamina nel cervello

Carenza di dopamina: quale integratore alimentare assumere?

La dopamina è un ormone che agisce sul controllo motorio, il piacere, la motivazione, il desiderio di novità... In quali situazioni può manifestarsi una carenza? Che cosa fare per aumentarne i livelli?

Dopamina: a che cosa serve questo ormone?

Sintetizzata dalla tirosina, un aminoacido, la dopamina è un neurotrasmettitore che esercita una funzione di controllo su movimento, attenzione, piacere e motivazione, nonché una funzione di regolazione del sonno, della memoria e dei processi cognitivi (1-3).

È soprannominata “molecola del piacere” o “ormone della motivazione”.

Dopamina, circuito di ricompensa e dipendenze

La dopamina è il principale neurotrasmettitore coinvolto nel “circuito di ricompensa”.

Questo sistema, che si basa su diverse strutture cerebrali, è incaricato di ricompensare l’esecuzione di funzioni vitali (mangiare, bere, riprodursi, ecc.) fornendo una sensazione di piacere (4-5).

Il circuito di ricompensa rafforza così alcuni nostri comportamenti, motivandoci a ripetere ciò che ci fa bene.

Tuttavia, la dopamina svolge un ruolo nel meccanismo delladipendenza: tabacco, alcol o eroina hanno infatti la capacità di aumentare la dopamina nelle sinapsi e quindi spingono il consumatore a ripetere ciascun comportamento dannoso. Lo stesso vale per la dipendenza dal gioco d’azzardo o dai like sui social network.

Quali sono le cause della mancanza di dopamina?

A volte l’ormone della motivazione viene a mancare. Questa carenza di dopamina può avere diverse cause:

  • una dieta squilibrata, povera di tirosina, vitamine B6, B12, C e omega-3;
  • lo stress psicologico e la produzione di cortisolo (l’ormone dello stress) che provoca una diminuzione della trasformazione della tirosina in dopamina;
  • una predisposizione genetica;
  • un rapporto squilibrato tra dopamina, serotonina e noradrenalina che influisce negativamente sui livelli di dopamina;
  • un consumo eccessivo di stimolanti come le droghe o il gioco d’azzardo (la secrezione di dopamina avviene quindi solo attraverso gli stimolanti e la produzione naturale inizia a diminuire).
  • Da ultima, ma non meno importante, citiamo il morbo di Parkinson, malattia degenerativa del cervello che si caratterizza principalmente per la morte dei neuroni secretori di dopamina. La patologia è generalmente legata all’avanzare dell’età, ma dipende anche da fattori genetici e ambientali (stress ossidativo, deficit energetico, infiammazione, esposizione significativa ai pesticidi, ecc.). Questa malattia può causare rallentamento dei movimenti, rigidità muscolare, tremori, disturbi cognitivi, depressione, ecc. Naturalmente, se pensi di essere affetto da questa patologia, dovresti essere visitato dal tuo medico e seguire le sue raccomandazioni.

Mancanza di dopamina: i sintomi

Un deficit di dopamina si riconosce solitamente da uno o più dei sintomi seguenti:

  • difficoltà di concentrazione;
  • mancanza di motivazione e fiducia;
  • vuoti di memoria;
  • sonno prolungato o agitato;
  • calo della libido;
  • forte stanchezza;
  • pensieri negativi;
  • bisogno di zucchero e spuntini.

Come aumentare i livelli di dopamina in modo naturale?

Per aumentare i livelli di dopamina, la prima cosa da fare è praticare un’attività sportiva. Lo sport è un ottimo modo per incrementare la dopamina in maniera naturale.

Allo stesso modo, non esitare a concederti volontariamente degli shock (ad esempio facendo delle docce fredde) per aumentare l’energia e l’attenzione.

Numerosi studi hanno inoltre dimostrato che una pratica giapponese chiamata shinrin-yoku (bagno nella foresta) può abbassare i livelli di cortisolo e adrenalina (gli ormoni dello stress) e aumentare i livelli di dopamina, serotonina e endorfina (gli ormoni della felicità) (8-9).

Allo stesso modo, massaggi, meditazione o l’accarezzare un animale possono ridurre lo stress e quindi contribuire a ritrovare livelli soddisfacenti di dopamina.

Le notti di sonno ristoratore e l’esposizione al sole, infine, sono altresì noti per aumentare i livelli di dopamina.

Dieta e miglior integratore alimentare contro la carenza di dopamina

In caso di carenza di dopamina, è inoltre importante aumentare le fonti di tirosina nella dieta, poiché la dopamina è sintetizzata da questo aminoacido. Uova, carne, pesce, latticini, verdure, frutta fresca e legumi dovrebbero quindi essere presenti nella dieta.

Per aumentare l’apporto, puoi assumere l’integratore alimentare di tirosina N-Acetyl L-Tyrosine, con il massimo assorbimento e biodisponibilità.

Anche la vitamina B6, la vitamina B12 e la vitamina C sono cofattori della dopamina e devono quindi essere consumati in quantità sufficienti per sostenere l’azione dell’ormone della motivazione (10). Assicurati anche di avere un apporto sufficiente di omega-3.

Mancanza di dopamina: altri integratori alimentari da conoscere

Per quanto riguarda i disturbi neurodegenerativi che causano un calo dei livelli di dopamina, i medici prescrivono comunemente un trattamento contenente il precursore dei neurotrasmettitori: la L-DOPA. Una delle migliori fonti naturali di L-DOPA è una pianta ayurvedica chiamata Mucuna pruriens.

Un altro approccio è quello di inibire il composto che degrada la dopamina nel cervello: l’enzima monoamino ossidasi B (MAO-B), la cui concentrazione aumenta con l’età. Gli studi hanno dimostrato che l’avena è in grado di inibire questo enzima. La pianta (che si trova in Natural Dopamine Support) è quindi nota per partecipare all’equilibrio ormonale sostenendo i livelli di dopamina nel cervello (12-13).

Si noti che alcuni integratori possono interagire con i farmaci. Pertanto, ti invitiamo a chiedere il parere del medico prima di iniziare una cura.

IL CONSIGLIO DI SUPERSMART

##TPL_ARTICOLI:0019,0443,0459,0641,0384,0295,0704##

Bibliografia

  1. DAUBNER, S. Colette, LE, Tiffany, et WANG, Shanzhi. Tyrosine hydroxylase and regulation of dopamine synthesis. Archives of biochemistry and biophysics, 2011, vol. 508, no 1, p. 1-12.
  2. EVANS, Andrew H. et LEES, Andrew J. Dopamine dysregulation syndrome in Parkinson's disease. Current opinion in neurology, 2004, vol. 17, no 4, p. 393-398.
  3. DAVIS, Kenneth L., KAHN, René S., KO, Grant, et al.Dopamine in schizophrenia: a review and reconceptualization. The American journal of psychiatry, 1991.
  4. ROUTTENBERG, Aryeh. The reward system of the brain. Scientific American, 1978, vol. 239, no 5, p. 154-165.
  5. ARIAS-CARRIÓN, Oscar, STAMELOU, Maria, MURILLO-RODRÍGUEZ, Eric, et al.Dopaminergic reward system: a short integrative review. International archives of medicine, 2010, vol. 3, no 1, p. 1-6.
  6. RADEMACHER, Lena, SCHULTE-RÜTHER, Martin, HANEWALD, Bernd, et al.Reward: from basic reinforcers to anticipation of social cues. Social behavior from rodents to humans, 2015, p. 207-221.
  7. COSTALL, B., DOMENEY, A. M., et NAYLOR, R. J. Behavioural and biochemical consequences of persistent overstimulation of mesolimbic dopamine systems in the rat. Neuropharmacology, 1982, vol. 21, no 4, p. 327-335.
  8. KONDO, Teruhiko, TAKEDA, Atsushi, KOBAYASHI, Isao, et al.Positive healthy physiological effects of Shinrin-yoku in human. The Journal of The Japanese Society of Balneology, Climatology and Physical Medicine, 2011, p. 169-177.
  9. LI, Qing. Effets des forêts et des bains de forêt (shinrin-yoku) sur la santé humaine: une revue de la littérature. Santé publique, 2019, vol. 1, no HS, p. 135-143.
  10. MENNITI, F. S., KNOTH, J., et DILIBERTO JR, E. J. Role of ascorbic acid in dopamine beta-hydroxylation. The endogenous enzyme cofactor and putative electron donor for cofactor regeneration. Journal of Biological Chemistry, 1986, vol. 261, no 36, p. 16901-16908.
  11. Rutledge RB, Smittenaar P, Zeidman P, Brown HR, Adams RA, Lindenberger U, Dayan P, Dolan RJ. Risk Taking for Potential Reward Decreases across the Lifespan. Curr Biol. 2016 Jun 20;26(12):1634-1639. doi: 10.1016/j.cub.2016.05.017. Epub 2016 Jun 2. PMID: 27265392; PMCID: PMC4920952.UPPALA, Praveen Kumar, LATHA, M. Swarna, REDDY, R. Shashidhar, et al.Evaluation of anti-depressant activity of Methanolic Seed Extract of Avena sativa L. In Mice. Research Journal of Pharmacology and Pharmacodynamics, 2013, vol. 5, no 4, p. 212-217.
  12. KENNEDY, David O., BONNLÄNDER, Bernd, LANG, Stefanie C., et al.Acute and chronic effects of green oat (Avena sativa) extract on cognitive function and mood during a laboratory stressor in healthy adults: a randomised, double-blind, placebo-controlled study in healthy humans. Nutrients, 2020, vol. 12, no 6, p. 1598.
  13. Kumar MJ, Andersen JK. Perspectives on MAO-B in aging and neurological disease: where do we go from here? Mol Neurobiol. 2004 Aug;30(1):77-89. doi: 10.1385/MN:30:1:077. PMID: 15247489.

Commenti

Devi accedere al tuo conto per poter lasciare un commento

Questo articolo non è stato ancora commentato, inserisci la prima recensione

Pagamento protetto
32 anni di esperienza
Soddisfatti
o rimborsati
Invio rapido
Consultazione offerta