0
it
US
WSM
222898082
Il carrello è vuoto
Menu
Effetti dell’aspartame sull’ansia

Effetti dell’aspartame: ci rende tutti ansiosi e depressi?

Già oggetto di molte controversie per il suo esteso utilizzo alimentare, l’aspartame è forse all’origine di un’epidemia di ansia ereditaria? Le risposte al riguardo alla luce degli ultimi studi sull’argomento.

Aspartame: il dolcificante onnipresente

L’aspartame è un edulcorante con una densità calorica equivalente a quella dello zucchero (ossia circa 4 kcal/g) e un potere dolcificante 200 volte superiore! Pertanto, può essere utilizzato in quantità molto inferiori rispetto al saccarosio per ottenere un gusto dolce molto simile (1).

Seppure l’OMS raccomandi di non superare il 10% dell’apporto calorico giornaliero di zuccheri cosiddetti “liberi” per evitare i rischi sanitari associati (diabete di tipo II, malattie cardiovascolari, carie, sovrappeso, ecc.) (2), consumatori e industriali optano per dosi massicce di aspartame per ritrovare il gusto dolce (o come esaltatore di sapidità, ad esempio in torte aperitivo) dei loro prodotti preferiti.

L’aspartame è quindi presente in migliaia di prodotti in tutto il mondo, dalle bibite “light” agli yogurt, dagli stuzzichini per l’aperitivo fino ai condimenti per insalate oppure le conserve di carne o verdure.

L’aspartame può aumentare il rischio di sviluppare stati d’ansia per... tre generazioni!

In particolare, il consumo di aspartame può aumentare i livelli di fenilalanina e acido aspartico nel cervello. Questi composti possono inibire la sintesi e il rilascio di neurotrasmettitori (dopamina, norepinefrina e serotonina) che sono noti regolatori dell’attività neurofisiologica (3).

L’aspartame agisce inoltre come fattore di stress chimico aumentando i livelli plasmatici di cortisolo e provocando la produzione di radicali liberi in eccesso. Elevati livelli di cortisolo e un eccesso di radicali liberi possono aumentare la vulnerabilità del cervello allo stress ossidativo, il che può avere effetti negativi sul sistema neurocomportamentale.

Oltre a ciò, secondo un altro studio recente che ha avuto grande eco, l’esposizione all’aspartame produce dei cambiamenti nell’espressione dei geni che regolano l’equilibrio tra eccitazione e inibizione nell’amigdala, una regione del cervello che regola l’ansia e la paura. Peggio ancora: questi effetti potrebbero trasmettersi a due generazioni (4), per un totale di tre generazioni interessate!

Ecco perché gli autori di questi due studi raccomandano vivamente di abbandonare il consumo di aspartame per evitare di sviluppare disturbi d’ansia o addirittura stati depressivi.

E allo stesso modo, un altro studio condotto in Francia dai ricercatori dell’Istituto nazionale per la salute e la ricerca medica (INSERM), dell’INRAE, dell’Université Sorbonne Paris Nord e del Cnam, all’interno del gruppo di ricerca in epidemiologia nutrizionale (EREN), ha cercato di cambiare lo status di questo dolcificante controverso presso l’Autorità europea per la sicurezza alimentare - EFSA, a causa dell’aumento del rischio di cancro associato al suo consumo (5).

Come ridurre il consumo di aspartame?

È quindi fortemente sconsigliato, soprattutto se si è per natura inclini all’ansia, allo stress, ai disturbi del sonno e ai sintomi depressivi, consumare aspartame o dolcificanti in generale.

In assoluto, l’ideale è riuscire a eliminare lo zucchero in maniera graduale, consumando prodotti sempre più naturali e sostituendolo, ad esempio, con frutta fresca succosa (pere, kiwi, pesche, ecc.) o uvetta nello yogurt e nel formaggio bianco.

Può essere dunque interessante sostituire lo zucchero bianco dapprima con zucchero integrale (di canna, cocco, barbabietola, ecc.), sciroppo d’acero o miele (o anche sciroppo d’agave).

Inoltre, è essenziale evitare il più possibile gli alimenti ultra-elaborati, che contengono molto di frequente dolcificanti (e quindi spesso aspartame, in quanto poco costoso) e il cui consumo è da tempo correlato a un aumentato rischio di cancro e malattie cardiovascolari.

Le bibite, qualunque esse siano, sono ovviamente da bandire da un’alimentazione sana ed equilibrata.

Se ti piacciono le gomme da masticare, analizzane la composizione e sostituiscile con del chewing gum senza dolcificanti, aromi artificiali e antiossidanti (come Mastic Gum Elma, una gomma da masticare naturale e rinfrescante grazie all’olio essenziale di mastice di Chios).

Quali sono i rimedi naturali contro l’ansia?

Se soffri di disturbi d’ansia o depressione a causa o meno di un consumo eccessivo di aspartame, puoi optare per dei rimedi naturali con molti benefici.

Così l’ashwagandha, una delle piante adattogene utilizzate da millenni nell’Ayurveda, la medicina tradizionale asiatica, offre dei benefici riconosciuti dalle autorità, in quanto favorisce un ottimo rilassamento ottimale, l’equilibrio emotivo e il benessere generale. L’ashwagandha è quindi un eccellente sostegno nei periodi di stress e ansia (6). Si trova sotto forma di capsule (ad esempio le capsule vegetali di Super Ashwagandha, con il più alto contenuto di principi attivi sul mercato).

Inoltre, il magnesio è un minerale essenziale che contribuisce al normale funzionamento psicologico e alla riduzione della fatica. La vitamina B1 partecipa al normale funzionamento del sistema nervoso, mentre la passiflora contribuisce a indurre uno stato di calma, ad aumentare la resistenza del corpo allo stress e favorisce un sonno ristoratore. Oltre a ciò, questi tre rimedi naturali in sinergia costituiscono un integratore ideale per contrastare l’ansia e lo stress (cfr. Stress Relief Formula) (7-8).

Infine, molte persone optano per l’idebenone, un analogo del coenzima Q10, per combattere lo stress ossidativo che, come abbiamo visto in precedenza, può causare disturbi d’ansia.

IL CONSIGLIO DI SUPERSMART

##TPL_ARTICOLI:0378,0582,0593,0259##

Bibliografia

  1. https://www.efsa.europa.eu/fr/topics/topic/aspartame
  2. https://www.who.int/fr/news/item/04-03-2015-who-calls-on-countries-to-reduce-sugars-intake-among-adults-and-children
  3. CHOUDHARY, Arbind Kumar et LEE, Yeong Yeh. Neurophysiological symptoms and aspartame: What is the connection?. Nutritional neuroscience, 2018, vol. 21, no 5, p. 306-316.
  4. JONES, Sara K., MCCARTHY, Deirdre M., VIED, Cynthia, et al.Transgenerational transmission of aspartame-induced anxiety and changes in glutamate-GABA signaling and gene expression in the amygdala. Proceedings of the National Academy of Sciences, 2022, vol. 119, no 49, p. e2213120119.
  5. https://presse.inserm.fr/la-consommation-dedulcorants-serait-associee-a-un-risque-accru-de-cancer/45022/
  6. SPEERS, Alex B., CABEY, Kadine A., SOUMYANATH, Amala, et al.Effects of withania somnifera (ashwagandha) on stress and the stress-related neuropsychiatric disorders anxiety, depression, and insomnia. Current Neuropharmacology, 2021, vol. 19, no 9, p. 1468.
  7. MIYASAKA, Lincoln Sakiara, ATALLAH, Álvaro N., et SOARES, Bernardo. Passiflora for anxiety disorder. Cochrane Database of Systematic Reviews, 2007, no 1.
  8. BOYLE, Neil Bernard, LAWTON, Clare, et DYE, Louise. The effects of magnesium supplementation on subjective anxiety and stress—a systematic review. Nutrients, 2017, vol. 9, no 5, p. 429.

Commenti

Devi accedere al tuo conto per poter lasciare un commento

Questo articolo non è stato ancora commentato, inserisci la prima recensione

Pagamento protetto
32 anni di esperienza
Soddisfatti
o rimborsati
Invio rapido
Consultazione offerta