0
it
US
WSM
223154503
Il carrello è vuoto
Menu

In magazzino

CBD Oil 6 %

Olio di canapa con il 6,4% di cannabidiolo (CBD) non psicotropo

31 recensioniLeggi le recensioni

Olio di canapa standardizzato al 6,4% di cannabidiolo (CBD)
  • 5 mg di CBD per softgel
  • Integratore alimentare ad ampio spettro: contiene anche tutti i fitocannabinoidi non psicotropi presenti nella Cannabis sativa (cannabinolo, cannabigerolo, tetraidrocannabivarina…)
  • Non contiene sostanze psicotrope (THC)
  • Ideato per alleviare i dolori cronici, l'infiammazione e l'agitazione interna (benefici multipli)

Acquistalo subito

30 Softgels 5 mg

31.00 €

Consegna automatica

30 Softgels 5 mg

31.00 €

28.52 €

Vorrei

ogni

CBD Oil 6 %

Senza glutine
Senza nanoparticelle
Senza eccipienti controversi
Senza lattosio
Senza edulcoranti
Senza zuccheri aggiunti

Che cos'è il CBD e quali sono i suoi effetti?

Il cannabidiolo (CBD) è una molecola di fitocannabinoide contenuta nella canapa (Cannabis sativa) così come la nota sostanza psicotropa tetraidrocannabinolo (THC). A differenza di quest'ultima, il CBD non presenta alcuna proprietà stupefacente.

Il THC è stato il primo componente psicoattivo scoperto nella marijuana (1-3), ma abbiamo dovuto attendere gli anni Novanta per identificare il sistema di segnalazione endogeno, oggi denominato sistema endocannabinoide. Si tratta di un sistema di segnalazione in cui intervengono dei messaggeri prodotti dall'organismo (endocannabinoidi) e dei recettori specifici situati sulle membrane esterne delle cellule (i recettori CB1 e CB2).

Il principio è semplice: l'organismo produce dei messaggeri endocannabinoidi quando sente di averne bisogno, poi questi messaggeri si legano ai recettori corrispondenti, innescando varie risposte cellulari come la stimolazione dell'appetito, la limitazione della trasmissione sinaptica, l'anti-nocicezione (sollievo dal dolore), l'ipotermia o la riduzione della locomozione spontanea (4).

Ad esempio, è noto che gli endocannabinoidi sono efficaci per inibire la trasmissione delle fibre nocicettive di piccolo diametro (che sono coinvolte nel fenomeno del dolore) e per ridurre il rilascio di neurotrasmettitori come la sostanza P, responsabili della trasmissione del dolore. Ciò che è meno semplice, tuttavia, è che questo sistema influenza diversi meccanismi complessi come la neuroplasticità, l'apoptosi, la neuroinfiammazione o la memoria traumatica.

Abbiamo scoperto che le piante producono delle molecole che assomigliano molto a queste molecole endocannabinoidi, al punto da potersi legare (con una maggiore o minore affinità) agli stessi recettori. Alcuni di essi producono delle risposte cellulari molto simili a quelle degli endocannabinoidi, o delle risposte amplificate, come nel caso del THC.

La cannabis contiene più di 200 tipi di queste molecole che imitano gli endocannabinoidi, tra cui il cannabidiolo (CBD) che può contenere fino al 40% di estratto secco.

Come funziona il CBD? Quali sono i benefici e gli effetti del CBD?

I recettori CB1 e CB2 su cui si legano gli endocannabinoidi e i fitocannabinoidi non sono localizzati in modo casuale nell'organismo. Si trovano in particolare sulla superficie delle cellule cerebrali umane, del sistema nervoso centrale e nei tessuti del sistema immunitario. L'ippocampo (in particolare il giro dentato) così come il Globus pallidus, che regola i movimenti (5), hanno una densità di recettori CB1 molto elevata. I recettori CB2, invece, sono espressi piuttosto nei tessuti immunitari (6). Questi posizionamenti suggeriscono un coinvolgimento dei cannabinoidi nella modulazione della memoria, delle emozioni, del dolore (cronico, infiammatorio o neuropatico) (7-8) e dei movimenti (9-10).

Il CBD si lega di più ai recettori CB2, mentre il THC si lega ai recettori CB1 con una maggiore affinità. Quando il CBD si lega ai suoi recettori, produce una reazione a catena che provoca una diminuzione del rilascio dei neurotrasmettitori.

Il legame del CBD ai recettori CB2 sembra inizialmente ridurre la risposta infiammatoria. Il fenomeno coinvolge bersagli cellulari multipli che portano ad un aumento del BDNF (una proteina che favorisce la crescita e la differenziazione di nuovi neuroni), a una riduzione delle cellule della microglia e a una diminuzione dei mediatori pro-infiammatori (11-13). È questo effetto antinfiammatorio che rende il CBD così interessante per il sollievo dal dolore.

Il CBD contribuisce quindi a diminuire la produzione di citochine infiammatorie, a preservare la circolazione cerebrale durante gli eventi ischemici e a ridurre la neuroinfiammazione (14). Contribuisce anche ad aumentare i livelli di adenosina nel cervello, il che è associato alla neuroprotezione e a una diminuzione dell'infiammazione (15). Aiuta anche ad attivare i PPAR (16), delle proteine che agiscono come fattori di trascrizione di alcuni geni coinvolti nell'infiammazione e nella trasmissione del dolore.

Diversi studi hanno dimostrato ulteriori benefici: favorisce anche la vasodilatazione (17-18) e aiuta a ridurre le specie reattive dell'ossigeno (ROS) così come la perossidazione lipidica (19-21). Il CBD è anche coinvolto nella modulazione dei recettori che non appartengono al sistema endocannabinoide. I recettori della serotonina, ad esempio, sembrano svolgere un ruolo nei benefici terapeutici e nelle proprietà del CBD.

IL CBD può ridurre l'intensità e l'impatto dei sintomi associati all'ansia cronica o allo stress cronico (22-23). L'esame diagnostico umano ha dimostrato che il CBD colpiva delle aree del cervello coinvolte nella neurobiologia di diversi disturbi psichiatrici. Uno studio ha dimostrato che una semplice dose di CBD, somministrata per via orale ad alcuni volontari sani, alterava l'attività di riposo nelle aree limbiche e paralimbiche (24-25).

Alcune ricerche hanno, inoltre, evidenziato una potenziale attenuazione della memoria associata a delle esperienze traumatiche.

Il CBD gode attualmente di un merito che non si smentisce nel tempo. Sebbene la parte attribuibile ai "media" non sia trascurabile in questo successo, quest'ultima sembra più legata alle proprietà e alle virtù del CBD, oggigiorno ben documentate. In sintesi, ecco le proprietà evidenziate negli studi in vitro, sugli animali o clinici sull'uomo (26):

  • benefici sul dolore;
  • azione sui recettori cerebrali, in particolare sulla serotonina, un neurotrasmettitore che regola l'umore e il comportamento sociale;
  • potenziale antinfiammatorio sulle citochine;
  • benefici neuroprotettivi;
  • proprietà ansiolitiche e virtù antistress;
  • benefici antidipendenza;
  • azione su alcune risposte allo stress.

Da cosa è composto CBD Oil 6 %

Cannabidiolo (CBD)
Molecola / Complesso molecolare

Domande? Dubbi?

Come viene prodotto CBD Oil 6%?

Dopo l'estrazione, il CBD viene diluito nell'olio estratto dai semi di canapa.

Generalmente, l'olio di semi di canapa contiene pochissimo CBD (0,0025%). Il CBD è presente soprattutto nei fiori di Cannabis sativa e, in misura minore, nelle foglie e non nei semi. CBD Oil 6% contiene quindi olio di semi di canapa a cui è stata aggiunta una quantità di CBD estratta dai fiori di canapa.

Quando la cannabis cresce, produce THC-A e CBD-A e non CBD o THC. È quando le due molecole sono riscaldate che vengono decarbossilate nelle loro forme attive (27). La conversione di CBD-A in CBD può anche essere più lenta a causa dell'esposizione della molecola alla luce, al calore (i fluidi gastrici sono a una temperatura di 37°C) o con il tempo (28). CBD Oil 6% contiene CBD e non CBD-A, oltre a numerosi altri fitocannabinoidi presenti in quantità più modeste. Attualmente non esiste un prodotto migliore sul mercato.


Esistono degli effetti collaterali?

La canapa qui utilizzata non contiene THC. Non causa quindi alcun effetto stupefacente sul consumatore e dispone di un profilo di sicurezza eccellente sull'uomo.

Non appena ingerito, il CBD viene rapidamente distribuito nell'organismo. La sua natura lipofila gli consente di passare rapidamente attraverso la barriera emato-encefalica e quindi di raggiungere i tessuti cerebrali. Non altera la frequenza cardiaca, né influisce sulla pressione sanguigna né sulla temperatura corporea. Il tempo di dimezzamento del CBD è di circa 9 ore: viene poi escreto nelle urine in forma metabolizzata.

La forma softgel e la purezza degli ingredienti garantiti da Supersmart ne consentono l'utilizzo senza particolari controindicazioni. Attualmente, l'acquisto di olio di canapa standardizzato in CBD e senza THC non presenta il minimo problema di salute pubblica.

Quali accorgimenti possono essere associati a CBD Oil 6%?

CBD Oil 6 % può essere associato a InflaRelief Formula, una formula ottimizzata contro i disturbi infiammatori, Natural Pain Relief, un antidolorifico naturale universale e Posinol 50 mg, un estratto diApocynum venetum che contribuisce al rilassamento mentale.

Recensioni

La valutazione di questo prodotto è di 4.6 su 5 stelle.
Abbiamo raccolto 31 recensioni.

81%

6%

10%

0%

3%

Eccellente 31 Recensioni
Cubillo Dapena Ines

4 aprile 2021

Molto buono per il dolore

Bernard Michel

15 aprile 2024

merveilleux produits pour les douleurs articulaires ,musculaires et d’arthrose

Mme Fischer

13 gennaio 2024

Excellent et fiable

Ducret Olivier

8 gennaio 2024

J'en suis très content. merci et Bonne année 2024 tout mes voeux

Bernard Michel

29 dicembre 2023

super pour atténuer toute douleurs

Hai bisogno di aiuto?

Telefono

Chiamaci:
+39 06 53 26 13 95
dalle 9:00 alle 18:00

Domande frequenti

Trova le risposte alle domande più frequenti

Modulo di contatto

Non riesci a trovare la risposta alla tua domanda sul sito e vuoi contattarci direttamente?
Scrivici
Pagamento protetto
32 anni di esperienza
Soddisfatti
o rimborsati
Invio rapido
Consultazione offerta