INNOVATION AND EXCELLENCE SINCE 1992
Blog
  >  
I miei consigli
  >  
Cinque suggerimenti per preservare la memoria
I miei consigli

Cinque suggerimenti per preservare la memoria

2018-11-12
Gli studi sono unanimi: il declino cerebrale non deve essere visto come inevitabile! È possibile agire per proteggere, rafforzare e stimolare le funzioni cognitive. Scoprite i nostri cinque consigli per preservare la memoria.

1. Stimolare la memoria con tutti i mezzi

Il declino cognitivo è una realtà, ma non una fatalità. Può essere ritardato, e persino invertito, concentrandosi sulla plasticità neurale; si tratta della capacità del tessuto nervoso di ristrutturarsi e rimodellarsi nel tempo. In altre parole, le connessioni neurali possono essere stimolate o addirittura rigenerate.

Ecco alcune idee per stimolare e preservare la vostra memoria:

  • Ricapitolare mentalmente la propria giornata;
  • Ricordare i bei momenti della settimana;
  • Condividere i ricordi con la famiglia e gli amici;
  • Fare i cruciverba;
  • Optare per giochi di parole;
  • Imparare le parole di una canzone;
  • Imparare a memoria una poesia;
  • Fare teatro;
  • Ecc.

Siate consapevoli che esistono anche prodotti in grado di stimolare le capacità cognitive. Alcuni di essi sono stati utilizzati per secoli per i loro benefici sulla funzione neurale. Questi includono il fungo nootropico Hericium erinaceus, meglio conosciuto come Lion’s Mane Mushroom.

2. Svolgere attività fisica quotidiana

I benefici dell'attività fisica sono innumerevoli. È stato infatti ampiamente dimostrato che aiuta a combattere il declino delle funzioni cognitive. L'attività fisica quotidiana stimola l'ossigenazione delle cellule cerebrali. Molte attività fisiche fanno lavorare anche la memoria.

Prendiamo l'esempio della danza: bisogna memorizzare e ricordare i movimenti e la loro sequenza. Lo stesso vale per lo yoga, il pilates, la ginnastica o l'acquagym. Inoltre, non bisogna dimenticare che l'attività fisica non comprende solo lo sport. Il giardinaggio è un ottimo esempio di attività fisica che mobilita la memoria. Combinare l'attività fisica e l'attività intellettuale è senza dubbio uno dei modi migliori per preservare la memoria.

3. Prestare attenzione all’alimentazione per preservare la memoria

Il cervello è un organo complesso che consuma molta energia: richiede dieci volte più energia rispetto alla media degli altri organi. Il cervello da solo monopolizza fino al 40% dell'assunzione di carboidrati. Spesso è consigliabile preferire l'assunzione di carboidrati da alimenti a basso indice glicemico (legumi, cereali integrali, ecc.) che rilasciano gradualmente il glucosio nel sangue.

Anche il cervello ha bisogno di lipidi, in particolare di acidi grassi omega 3. Questi ultimi sono utilizzati nella composizione delle membrane neuronali. È stato dimostrato che la carenza di omega 3 ha un impatto sulle funzioni cerebrali e favorisce i disturbi cognitivi. A livello cerebrale è opportuno prestare particolare attenzione all'acido docosaesaenoico (DHA). Alcuni studi hanno dimostrato che questo acido grasso contribuisce al normale funzionamento del cervello e aiuta a preservare la memoria.

4. Controllare l'assunzione di colina per un cervello in ottima forma

La colina è una molecola ancora troppo spesso trascurata. Spesso indicata come vitamina B4, è essenziale per mantenere una corretta funzione cerebrale. È necessaria per la sintesi dell'acetilcolina, un neurotrasmettitore coinvolto nell'apprendimento e nella memoria. Alcuni alimenti, come le uova, forniscono colina. Esistono anche integratori alimentari quali Choline Complex, un integratore che ha il vantaggio di fornire tre forme biodisponibili di colina.

5. Preservare la memoria contrastando i radicali liberi

I radicali liberi sono tra i principali nemici del corpo. Sono elementi ossidanti il cui accumulo provoca innumerevoli danni cellulari. A livello cerebrale, i neuroni non sono immuni. Per questo motivo è spesso consigliabile affidarsi al potere protettivo degli antiossidanti. Questi includono la curcumina presente nella curcuma, gli antociani estratti dalle bacche, il resveratrolo dell'uva o l’epigallocatechina gallato del tè verde. In grado di contrastare l'aggressione dei radicali liberi, questi antiossidanti naturali sono preziosi alleati nella protezione del cervello.

Share
A découvrir aussi
Quali sono i migliori oli essenziali antinfettivi?
2018-10-30
Gli oli essenziali antinfettivi sono tra i rimedi naturali più famosi. Sono stati usati e riconosciuti per molti anni per prevenire o trattare naturalmente le infezioni. Quale olio essenziale scegliere? Quale combinazione preferire? Vi raccontiamo tutto sui migliori oli essenziali antinfettivi.
I miei consigliLeggere articolo
Stanchezza cronica: cosa fare?
2018-10-19
Oggi gli esperti SuperSmart sono interessati alla stanchezza cronica. Ancora poco compreso e poco riconosciuto, questo fenomeno non deve essere visto come inevitabile. Al contrario, il trattamento della stanchezza cronica oggi consiste prevalentemente nell'accettare di combattere! È necessario identificare le possibili cause ed eliminarle una ad una!
I miei consigliLeggere articolo
Come proteggersi dall'inquinamento atmosferico?
2018-10-11
L'inquinamento atmosferico è una vera piaga. Le città sono particolarmente colpite, ma anche la campagna non viene risparmiata. Come i climatologi, anche i medici moltiplicano i messaggi di avvertimento! È giunto il momento di adottare misure concrete per ridurre i rischi per la salute associati all'inquinamento atmosferico!
I miei consigliLeggere articolo
Dans le même thème
close

Gratis

Ti ringraziamo per la visita, prima di uscire

ISCRIVITI AL
Club SuperSmart
Ed approfitta
di promozioni esclusive:
  • Uno sconto fisso del 5% su tutti i tuoi acquisti
  • Gratis: la pubblicazione scientifica settimanale "Nutranews"
  • Delle promozioni esclusive ai membri del club
Continua gli acquisti
keyboard_arrow_up