0
it
US
WSM
223153053
Il carrello è vuoto
Menu
Giovane che viene vaccinato

Antietà: presto un vaccino per rallentare l'invecchiamento?

I ricercatori giapponesi sono riusciti a sviluppare un vaccino mirato specificamente alle cellule senescenti. Avremo presto un vaccino antietà? Facciamo il punto della situazione.

Promemoria: che cos'è una cellula senescente?

Una cellula senescente è una cellula che ha perso la sua funzione ed è diventata incapace di dividersi. La senescenza cellulare è fondamentale per l'organismo: le cellule senescenti svolgono, infatti, un ruolo importante nello sviluppo embrionale, nella riparazione dei tessuti, nonché nella soppressione dei tumori (1).

Tuttavia, quando un numero elevato di cellule senescenti si accumula sistematicamente nell'organismo, l'effetto diventa nocivo: possono alterare l'omeostasi dei tessuti e favorire così l'insorgere di patologie metaboliche, infiammatorie, neurodegenerative e persino indurre un processo tumorigenico (2).

Inoltre, ormai da anni i ricercatori conducono degli studi per cercare di distruggere queste cellule, sperando così di contrastare l'invecchiamento e, soprattutto, le patologie correlate all'età quali diabete, osteoporosi, problemi di salute articolari, aterosclerosi ecc. (3)

Un vaccino mirato contro le cellule senescenti

Il professor Toru Minamino della Juntendo University (Giappone) e il suo team hanno fatto notizia dopo la pubblicazione di un articolo sulla rivista "Nature" all'inizio di dicembre 2021 che descriveva in dettaglio le prove di un vaccino contro le cellule senescenti ( 4).

Infatti, fino ad ora, la maggior parte degli agenti utilizzati da medici e ricercatori miravano a inibire le vie antiapoptotiche delle cellule senescenti. In altre parole: questi agenti hanno lo scopo di favorire la morte delle cellule senescenti (vengono quindi chiamati “agenti senolitici ”).

La novità dello studio condotto da questi ricercatori sta nell'aver utilizzato una tecnologia finora esplorata per la lotta contro il cancro: un vaccino peptidico. I peptidi sono infatti catene di aminoacidi, componenti di proteine, che hanno un ruolo molto immunogenico.

Il principio è identificare un peptide specifico di un virus, un tumore o, in questo caso, di cellule senescenti, amplificarlo e iniettarlo nell'organismo affinché il sistema immunitario produca degli anticorpi specifici.

Per questo studio, i team del professor Toru Minamino hanno identificato una proteina, la GPNMB, come marker di aterosclerosi. Per testare la loro ipotesi, hanno rimosso geneticamente le cellule positive per questa proteina nei topi alimentati con una dieta ricca di grassi e sono stati così in grado di verificare la diminuzione della senescenza nel tessuto adiposo e ilmiglioramento delle anomalie metaboliche sistemiche nelle cavie.

Hanno quindi immunizzato, grazie al vaccino peptidico sviluppato, un'altra coorte di topi su cui hanno potuto verificare una diminuzione delle cellule GPNMB positive, un miglioramento dei fenotipi normali e patologici associati all'invecchiamento e un prolungamento della durata della vita dei topi maschi con sindrome progeroide (una malattia genetica che causa un invecchiamento precoce).

Una scoperta promettente per una vita lunga, in buona salute

Sebbene questi primi risultati richiedano ovviamente ulteriori approfondimenti, sono molto incoraggianti e potrebbero indicare delle soluzioni per vivere più a lungo e in buona salute.

Ma nell'attesa che la ricerca progredisca e si possa infine trovare un vaccino contro l'invecchiamento utilizzabile dall'uomo, dovremo imparare a prenderci cura del nostro corpo per limitare la comparsa delle cellule senescenti.

Dieta equilibrata, regolare attività fisica, riduzione dello stress ossidativo, riduzione del consumo di alcol e soprattutto tabacco ecc. sono quindi, per il momento, le migliori strategie per vivere più a lungo in buona salute.

Va inoltre ricordato che già da diversi anni alcune molecole sono particolarmente studiate per il loro incoraggiante potenziale senolitico. Si tratta in particolare di due flavonoidi, la fisetina e la quercetina, che possono essere consumati sotto forma di integratori alimentari. Si possono infatti trovare integratori di fisetina pura (come Fisetin) e formule sinergiche che associano fisetina, quercetina, ma anche tè nero decaffeinato, vitamina C o bromelina (è il caso di Senolytic Complex) (5-7).

Bibliografia

  1. VAN DEURSEN, Jan M. The role of senescent cells in ageing. Nature, 2014, vol. 509, no 7501, p. 439-446.
  2. CAMPISI, Judith. Senescent cells, tumor suppression, and organismal aging: good citizens, bad neighbors. Cell, 2005, vol. 120, no 4, p. 513-522.
  3. CHILDS, Bennett G., GLUSCEVIC, Martina, BAKER, Darren J., et al. Senescent cells: an emerging target for diseases of ageing. Nature reviews Drug discovery, 2017, vol. 16, no 10, p. 718-735.
  4. SUDA, Masayoshi, SHIMIZU, Ippei, KATSUUMI, Goro, et al. Senolytic vaccination improves normal and pathological age-related phenotypes and increases lifespan in progeroid mice. Nature Aging, 2021, p. 1-10.
  5. ZHU, Yi, DOORNEBAL, Ewald J., PIRTSKHALAVA, Tamar, et al. New agents that target senescent cells: the flavone, fisetin, and the BCL-XL inhibitors, A1331852 and A1155463. Aging (Albany NY), 2017, vol. 9, no 3, p. 955.
  6. CHONDROGIANNI, Niki, KAPETA, Suzanne, CHINOU, Ioanna, et al. Anti-ageing and rejuvenating effects of quercetin. Experimental gerontology, 2010, vol. 45, no 10, p. 763-771.
  7. LIM, Hyun, PARK, Haeil, et KIM, Hyun Pyo. Effects of flavonoids on senescence-associated secretory phenotype formation from bleomycin-induced senescence in BJ fibroblasts. Biochemical pharmacology, 2015, vol. 96, no 4, p. 337-348.

Commenti

Devi accedere al tuo conto per poter lasciare un commento

Questo articolo non è stato ancora commentato, inserisci la prima recensione

Pagamento protetto
32 anni di esperienza
Soddisfatti
o rimborsati
Invio rapido
Consultazione offerta