0
it
US
WSM
223256688
Il carrello è vuoto
Menu
Donna che desidera snellire le guance

Come snellire le guance? Tecniche, alimenti e integratori

Vuoi ridurre il volume delle tue guance e ridefinire l'ovale del tuo viso? Ecco 6 consigli naturali efficaci per snellire le guance.

Consumare meno sale per ridurre la ritenzione idrica

Ami follemente le olive in salamoia, il pesce affumicato e i salumi? Sebbene solletichino il palato, tutti questi cibi hanno un elevato contenuto di sale. Ora, l'eccesso di sodio favorisce l'accumulo di acqua nei tessuti che si manifesta sotto forma di gonfiore, un fenomeno meglio noto come ritenzione idrica (1). Se i nostri arti inferiori sono spesso i primi a esserne interessati, nemmeno le guance vengono risparmiate!

A titolo informativo, l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) raccomanda di non superare i 5 g di sale al giorno (l'equivalente di 1 cucchiaino da caffè). Per non perdere il piacere del gusto, punta su spezie ed erbe aromatiche.

Idratarsi a sufficienza per prevenire l'accumulo di acqua nelle guance

Un consiglio che va di pari passo con il precedente! Se la ritenzione idrica è dovuta a una dieta troppo ricca di sale, la mancanza di idratazione crea delle condizioni altrettanto sfavorevoli. La spiegazione è semplice: se non bevi abbastanza, il tuo corpo cercherà di trattenere la poca acqua che gli fornisci e le tue guance appariranno quindi più gonfie e “paffute”.

Se vuoi snellire il viso, assicurati di fornire al tuo corpo un apporto idrico sufficiente (circa 1,5 L di acqua al giorno) (2). Infusi, the, caffè, brodi vegetali... tutto conta!

Perdere grasso per ridurre il volume delle guance

Le cellule adipose del viso sono poche, ma concentrate in zone ben definite: nel collo (dove si crea il famoso “doppio mento”) e nelle guance. Ridurre la massa adiposa complessiva ti permetterà di avere un viso dall'aspetto più snello e definito – soprattutto se vuoi comunque perdere qualche chilo!

Nel quadro di una dieta equilibrata e dello svolgimento di un'attività sportiva regolare, è importante puntare sugli aiuti naturali. Il coleus (Coleus forskohlii), una pianta perenne tropicale originaria dell'India settentrionale, contribuisce alla gestione del peso e al metabolismo dei lipidi (3-4). Per una maggiore efficacia, questo composto può essere combinato con degli estratti vegetali sinergici come inulina, caffè verde e le specie Sphaerantus indicus e Garcinia mangostana (come l'integratore alimentare Advanced Fat Burner).

Altra opzione interessante: l'alga bruna Ascophyllum nodosum, che favorisce il controllo del peso e la salute intestinale (è presente nella formula di ultima generazione Fat & Carb Blocker, sviluppata in Francia nel rispetto dell'ambiente) (5).

Prediligere alcuni alimenti per snellire il viso

Se sogni di snellire le guance (o qualsiasi parte del tuo corpo), la dieta è un pilastro fondamentale per avere successo. Se i cibi salati, dolci e grassi non sono proprio i migliori amici della linea, altre categorie di alimenti, al contrario, aiutano a dimagrire.

Prediligi frutta e verdura fresca ricche di acqua e povere di calorie (ad es. anguria, limone, cetriolo, sedano, scarola o carciofo), come pure i cereali integrali, la cui ricchezza di fibre ti permetterà di non indulgere in spuntini durante il giorno (6).

Non trascurare le proteine sazianti così come i latticini (senza zucchero) per fare il pieno di calcio. Il trucco in più? Insaporisci le tue insalate con mandorle tritate o crusca d'avena, preziosa per la sua capacità di "intrappolare" i grassi! (7)

Praticare lo yoga per il viso

Fare lavorare i muscoli del volto prendendo coscienza della respirazione: è questo il principio dello yoga per il viso! Se praticata con regolarità, questa ginnastica facciale (certamente peculiare se osservata dall'esterno) ridefinisce i contorni e l'ovale del viso contrastando il cedimento dei tessuti.

Vuoi provare? Ecco un esercizio molto semplice: gonfia le guance e poi sgonfiale arricciando le labbra come per dare un bacio. Ripeti lentamente per 10 volte consecutive, seguendo soltanto il tuo ciclo respiratorio naturale. Ricordati di rilassare tutti gli altri gruppi muscolari per ottenere la massima efficacia.

Scegliere le giuste fonti di grasso per contrastare l'accumulo adiposo

Niente più vinaigrette nell'insalata? Anche se si segue una dieta, non si devono mettere al bando tutte le fonti di lipidi, che svolgono un ruolo fondamentale nella formazione delle membrane cellulari oltre che nell'equilibrio ormonale.

Poiché aggirano il classico percorso dei lipidi, alcune sostanze grasse godono tuttavia di proprietà più che sorprendenti. È il caso degli oli contenenti solo trigliceridi a catena media (TCM) che vengono rapidamente convertiti in chetoni e non vengono immagazzinati nei tessuti adiposi (8-9). Suscitano particolare interesse tra i seguaci della dieta chetogenica (dieta povera di carboidrati).

Per condire le verdure crude o insaporire le zuppe, punta su questi oli "magici" selezionando quelli puri e da agricoltura biologica (come Organic MCT Oil Pure C8, un olio biologico TCM di cocco, che contiene il 98% di acido caprilico C8).

Bibliografia

  1. Rakova N, Kitada K, Lerchl K, et al. Increased salt consumption induces body water conservation and decreases fluid intake. J Clin Invest. 2017;127(5):1932-1943. doi:10.1172/JCI88530
  2. Laja García AI, Moráis-Moreno C, Samaniego-Vaesken ML, Puga AM, Partearroyo T, Varela-Moreiras G. Influence of Water Intake and Balance on Body Composition in Healthy Young Adults from Spain. Nutrients. 2019;11(8):1923. Published 2019 Aug 15. doi:10.3390/nu11081923
  3. Loftus HL, Astell KJ, Mathai ML, Su XQ. Coleus forskohlii Extract Supplementation in Conjunction with a Hypocaloric Diet Reduces the Risk Factors of Metabolic Syndrome in Overweight and Obese Subjects: A Randomized Controlled Trial. Nutrients. 2015;7(11):9508-9522. Published 2015 Nov 17. doi:10.3390/nu7115483
  4. Henderson S, Magu B, Rasmussen C, et al. Effects of coleus forskohlii supplementation on body composition and hematological profiles in mildly overweight women. J Int Soc Sports Nutr. 2005;2(2):54-62. Published 2005 Dec 9. doi:10.1186/1550-2783-2-2-54
  5. Keleszade E, Patterson M, Trangmar S, Guinan KJ, Costabile A. Clinical Efficacy of Brown Seaweeds Ascophyllum nodosum and Fucus vesiculosus in the Prevention or Delay Progression of the Metabolic Syndrome: A Review of Clinical Trials. Molecules. 2021;26(3):714. Published 2021 Jan 30. doi:10.3390/molecules26030714
  6. Miketinas DC, Bray GA, Beyl RA, Ryan DH, Sacks FM, Champagne CM. Fiber Intake Predicts Weight Loss and Dietary Adherence in Adults Consuming Calorie-Restricted Diets: The POUNDS Lost (Preventing Overweight Using Novel Dietary Strategies) Study. J Nutr. 2019 Oct 1;149(10):1742-1748. doi: 10.1093/jn/nxz117. PMID: 31174214; PMCID: PMC6768815.
  7. Kristensen M, Bügel S. A diet rich in oat bran improves blood lipids and hemostatic factors, and reduces apparent energy digestibility in young healthy volunteers. Eur J Clin Nutr. 2011 Sep;65(9):1053-8. doi: 10.1038/ejcn.2011.102. Epub 2011 Jun 8. PMID: 21654701.
  8. St-Onge MP, Bosarge A. Weight-loss diet that includes consumption of medium-chain triacylglycerol oil leads to a greater rate of weight and fat mass loss than does olive oil. Am J Clin Nutr. 2008;87(3):621-626. doi:10.1093/ajcn/87.3.621
  9. Mumme K, Stonehouse W. Effects of medium-chain triglycerides on weight loss and body composition: a meta-analysis of randomized controlled trials. J Acad Nutr Diet. 2015 Feb;115(2):249-263. doi: 10.1016/j.jand.2014.10.022. PMID: 25636220.

Commenti

Devi accedere al tuo conto per poter lasciare un commento

Questo articolo non è stato ancora commentato, inserisci la prima recensione

Pagamento protetto
32 anni di esperienza
Soddisfatti
o rimborsati
Invio rapido
Consultazione offerta