0
it
US
X
× SuperSmart Informarsi per problema di salute Nuovi articoli Articoli popolari
Visita il nostro negozio Il mio conto Smart Prescription Blog Programma di fidelizzazione Lingua: Italiano
Dimagranti Guide e tutorial

Ecco cosa succede alle cellule di grasso quando si aumenta di peso

Se sei in sovrappeso o se hai la cosiddetta "pancia", sei probabilmente vittima di un'infiammazione cronica del tessuto adiposo. Poiché si tratta di un processo patologico silenzioso che, prima o poi, si manifesterà come una bomba a orologeria, è meglio interessarsi alle nuove scoperte e agire rapidamente.
Cellule adipose (adipociti) viste al microscopio
Adipociti visti al microscopio
Rédaction Supersmart.
2022-11-08Commenti (0)
Se sei in sovrappeso o se hai la cosiddetta "pancia", sei probabilmente vittima di un'infiammazione cronica del tessuto adiposo. Poiché si tratta di un processo patologico silenzioso che, prima o poi, si manifesterà come una bomba a orologeria, è meglio interessarsi alle nuove scoperte e agire rapidamente.

Che cosa succede quando si aumenta di peso?

L'aumento di peso è un processo completamente naturale per il nostro organismo. Si tratta di un trucco che permette di immagazzinare l'energia di cui non si ha bisogno immediatamente. In questo modo, non c'è mai alcuno spreco e l'organismo può facilmente sopravvivere a periodi di carenze. Purtroppo, quello che era una benedizione per i nostri antenati è diventato una vera maledizione nelle nostre ricche società. Il calo dell'attività fisica, l'abbondanza di cibo e l'elevato apporto calorico hanno influenzato il meccanismo provocando eccezionali epidemie di sovrappeso.

In queste persone, gli apporti calorici erano superiori al dispendio energetico per un certo tempo: era quindi necessario immagazzinare l'energia in eccesso in alcune cellule specializzate, gli adipociti. Sono queste cellule che formano la maggior parte dei tessuti adiposi, i tessuti molli responsabili delle forme antiestetiche. Le riserve sono immagazzinate sotto forma di lipidi: penetrano negli adipociti che si gonfiano come palloncini man mano che si accumulano i grassi.

Se lo squilibrio calorico continua, il tessuto continua a espandersi, costringendo l'organismo a reclutare sempre più cellule adipose e a riorganizzare le vie di circolazione del sangue per alimentarle correttamente. Ma se gli adipociti sono troppo grandi, finiscono per soffocare e non avere abbastanza ossigeno: i vasi sanguigni non li raggiungono più e la distanza di diffusione dell'ossigeno può essere superata (2-3).

Questa mancanza di ossigeno, denominata ipossia, causerà il caos nel tessuto adiposo.

Questo fenomeno è un vero circolo vizioso: la riduzione del flusso sanguigno verso il tessuto fibrotico può portare alla necrosi delle cellule adipose, il che attira altri macrofagi e aumenta ulteriormente il livello di infiammazione (9). Alla fine, le cellule adipose del tessuto progrediscono ad uno stato di senescenza molto inquietante.

Come si fa a sapere se il tuo tessuto adiposo è normale?

Secondo i ricercatori, questa "fibrosi" del tessuto adiposo non si verifica solo nelle persone obese. Può anche apparire nelle persone magre, avendo molto poco grasso sotto la pelle, ma che presentano questa forma di mela caratteristica che si chiama colloquialmente "pancia". In queste persone, il grasso si deposita a livello dell'addome, negli strati profondi dell'addome e intorno ai loro organi interni. Tuttavia, è un deposito di grasso particolarmente rischioso per la salute.

Esistono diversi depositi di grasso importanti: il tessuto sottocutaneo, il tessuto viscerale, i fianchi e tutti quelli associati a degli organi come il cuore o i reni. Ognuno di questi depositi ha un profilo endocrino molto specifico, cioè non secernono gli stessi messaggeri e quindi le conseguenze non sono le stesse se i depositi si ampliano o si ammalano. Ad esempio, il tessuto sottocutaneo non sembra essere legato a patologie associate all'obesità, a differenza del tessuto viscerale. È quest'ultimo che sarebbe particolarmente sensibile a questo fenomeno di fibrosi (10).

Ma come si fa a sapere se il tessuto adiposo addominale è coinvolto? Per essere completamente sicuri, dovremmo misurare il livello di infiammazione e rilevare o meno il fenomeno della fibrosi. Più semplicemente, se si ha l'impressione di avere troppo grasso a livello addominale, questo può essere un indicatore, ma anche qui, non è sistematico ..: ci sono persone magre che possono esserne vittime e persone obese "metabolicamente sane" (11). La sensazione, l'ascolto del corpo, i vari disturbi infiammatori, la fatica e la difficoltà a perdere peso (anche se l'eccesso non è enorme) sono quindi punti di riferimento fondamentali.

Cosa succede se non si fa nulla?

È importante sapere che il tessuto adiposo non è una semplice riserva di grassi: è un organo che secerne molti messaggeri chimici (leptina, adiponectina in particolare) con ripercussioni dirette sull'intero organismo. È coinvolto in modo particolare nella risposta immunitaria, nella pressione sanguigna, nell'emostasi, nella regolazione della massa ossea, nell'assunzione di cibo, nelle funzioni tiroidee e anche nella riproduzione. In altre parole, se il tessuto adiposo è fibrotico, l'intero organismo ne soffre.

È quindi urgente porvi rimedio prima che si manifesti lo spettro del diabete di tipo II o l'aterosclerosi. Più si attende, più è probabile che la fibrosi si assesti e danneggi l'intero tessuto. Ecco i 5 percorsi di azione da considerare al più presto possibile per ridurre il tessuto adiposo e il livello d'infiammazione:

Non dimenticare: lasciare che il sovrappeso vada avanti significa mantenere delle condizioni infiammatorie che inevitabilmente causeranno delle complicazioni e che prima o poi diventeranno irreversibili.

IL CONSIGLIO DI SUPERSMART

Appetite Control FormulaAppetite Control Formula
Aiuta a ridurre naturalmente il consumo di cibo
55.00 €(59.49 US$)aggiungi al carrello
4.5 9 recensioni
CSAT® 250 mg-50%** con
codice PREPAR23">
CSAT® 250 mg
Un estratto di carruba per lottare contro il desiderio di fare degli spuntini
22.00 €(23.79 US$)aggiungi al carrello
3.5 7 recensioni
-35%
Paradoxine®Paradoxine®
Estratto di Grani del Paradiso per combattere naturalmente i chili di troppo.
14.95 €23.00 €(16.17 US$)aggiungi al carrello
4.5 5 recensioni

Bibliografia

  1. Pasarica et al. Reduced adipose tissue oxygenation in human obesity: evidence for rarefaction, macrophage chemotaxis, and inflammation without an angiogenic response. Diabetes. 2009 Mar;58(3):718-25. doi: 10.2337/db08-1098. Epub 2008 Dec 15.
  2. Ye J, Gao Z, Yin J, He Q 2007. Hypoxia is a potential risk factor for chronic inflammation and adiponectin reduction in adipose tissue of ob/ob and dietary obese mice. Am J Physiol 293: E1118–E1128 doi: 10.1152/ajpendo.00435.2007
  3. Khan T, Muise ES, Iyengar P, Wang Z V, Chandalia M, Abate N, et al. Metabolic dysregulation and adipose tissue fibrosis: role of collagen VI. Mol Cell Biol 2009;29:1575–91. doi:10.1128/MCB.01300-08.
  4. Sun K, Kusminski CCM, Scherer PEP. Adipose tissue remodeling and obesity. J Clin Invest 2011;121:2094–101. doi:10.1172/JCI45887.2094.
  5. Muir LA, Neeley CK, Meyer KA, Baker NA, Brosius AM, Washabaugh AR, et al. Adipose tissue fibrosis, hypertrophy, and hyperplasia: Correlations with diabetes in human obesity. Obesity 2016;24:597–605. doi:10.1002/oby.21377.
  6. Alkhouli N, Mansfield J, Green E, Bell J, Knight B, Liversedge N, et al. The mechanical properties of human adipose tissues and their relationships to the structure and composition of the extracellular matrix. AJP Endocrinol Metab 2013;305:E1427– 35. doi:10.1152/ajpendo.00111.2013.
  7. Fried SK, Moustaid-Moussa N. Culture of adipose tissue and isolated adipocytes. Methods Mol Biol 2001;155:197–212. doi:10.1385/1-59259-231-7:197.
  8. Takaoka M, Nagata D, Kihara S, Shimomura I, Kimura Y, Tabata Y, Saito Y, Nagai R, Sata M. Periadventitial adipose tissue plays a critical role in vascular remodeling. Circ Res. 2009 Oct 23;105(9):906-11. doi: 10.1161/CIRCRESAHA.109.199653. Epub 2009 Sep 17.
  9. Samaras K., Botelho N.K., Chisholm D.J., Lord R.V. Subcutaneous and visceral adipose tissue gene expression of serum adipokines that predict type 2 diabetes. Obesity. 2010;18:884–889
  10. Carnethon MR1, De Chavez PJ, Biggs ML, Lewis CE, Pankow JS, Bertoni AG, Golden SH, Liu K, Mukamal KJ, Campbell-Jenkins B, Dyer AR. Association of weight status with mortality in adults with incident diabetes. JAMA. 2012 Aug 8;308(6):581-90. doi: 10.1001/jama.2012.9282.
  11. Brunner EJ, Chandola T, Marmot MG. Prospective effect of job strain on general and central obesity in the Whitehall II Study. Am J Epidemiol. 2007;165:828-837.
SharePinterest

Commenti

Devi accedere al tuo conto per poter lasciare un commento
Questo articolo non è stato ancora commentato, inserisci la prima recensione
La nostra selezione di articoli
Eccesso di grasso viscerale
Grasso viscerale: 7 consigli per eliminarlo in modo naturale

Il grasso viscerale è un particolare tipo di grasso immagazzinato tra i muscoli e gli organi addominali. In eccesso, diventa pericoloso... Ecco sette consigli per eliminare il grasso viscerale “cattivo”.

Pancia dopo il parto
Come eliminare la pancia dopo il parto?

Flaccida, molle... Passata la gioia della nascita, molte neomamme si preoccupano della pancia. I nostri consigli per scolpire e tonificare questa zona dopo il parto.

Ritenzione idrica a livello dell’addome
Come ridurre la ritenzione idrica a livello dell’addome?

La ritenzione idrica è un disturbo comune che si manifesta con un eccessivo accumulo di liquidi nei tessuti. Scopriamo come ridurre la ritenzione idrica a livello dell’addome.

Dieta chetogenica con carne, pesce, uova, avocado e la parola keto
Perché iniziare una dieta chetogenica o una dieta cheto?

La dieta cheto, molto ricca di grassi, porta a una rapida perdita di peso. Piccola panoramica degli elementi da sapere prima di iniziare una dieta di questo tipo.

Donna che fa sport per perdere grassi e dimagrire
Che cos'è la lipolisi?

La lipolisi è il meccanismo utilizzato dall'organismo per decomporre i grassi, per renderli assorbibili e utilizzabili. Ne esistono di due tipi: la lipolisi gastrointestinale, che si verifica durante la digestione, e la lipolisi adipocitaria, che riguarda i grassi già immagazzinati. Riassumiamo spesso quest'ultima con l'espressione "brucia grassi". Come usarla per dimagrire?

Bere tè verde per dimagrire
Tè verde per dimagrire: funziona o no?

Si dice che sia drenante, brucia grassi, detox, soppressore dell’appetito… In breve, gli vengono attribuite molte virtù, soprattutto per l’elevato contenuto di catechine, dei potenti flavonoidi. Il tè verde fa dimagrire o no?

Questi prodotti dovrebbero interessarti

© 1997-2024 Supersmart.com® - Tutti i diritti di riproduzione riservati
© 1997-2024 Supersmart.com®
Tutti i diritti di riproduzione riservati
Nortonx
secure
Utilizziamo i cookie (interni e di terzi) per rendere più piacevole la navigazione.
Pui informazioni sui cookie e gestisci i miei preferiti
Accetto i cookiex
Warning
ok