0
it
US
X
× SuperSmart Informarsi per problema di salute Nuovi articoli Articoli popolari
Visita il nostro negozio Il mio conto Smart Prescription Blog Programma di fidelizzazione Lingua: Italiano
Rafforzamento generale dell'organismo Guide e tutorial

Quali alimenti e integratori alimentari conservare in frigorifero?

Mettiamo fine alle idee preconcette ed elenchiamo gli alimenti e gli integratori alimentari che devono o non devono essere conservati in frigorifero.
Alimenti in frigorifero
Le uova, i probiotici, il gel di aloe vera ecc. devono essere conservati in frigorifero? Scoprilo leggendo questo articolo.
Rédaction Supersmart.
2022-08-24Commenti (1)

Alimenti: quali conservare in frigorifero e quali mettere negli armadietti?

Alimenti da conservare in frigorifero

È utile precisarlo? Alcuni alimenti devono essere conservati in frigorifero (la temperatura del frigorifero di solito è compresa tra 0 e 6° C). E questo per un periodo massimo che dipende dal tipo di alimento e dal suo stato (crudo o cotto):

Inoltre, tutti i prodotti alimentari senza conservanti devono essere mantenuti freschi dopo l’apertura: latte pastorizzato, lattine iniziate, succhi di frutta, zuppe, verdure preparate, ecc.

Per quanto riguarda le uova, che certamente non sono mantenute refrigerate nei supermercati, l’Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) ha così deciso, in un parere scientifico del luglio 2014: “Conservare le uova in frigorifero è l’unico modo di ridurre il maggior rischio di infezione dovuto alla conservazione prolungata. Tuttavia, se la data limite di vendita e la data limite per il consumo sono prolungate di più di tre settimane, il rischio aumenta, anche se le uova sono refrigerate negli stabilimenti di vendita.” (1)

Infine, per quanto riguarda il formaggio e il burro, la conservazione dipende dai gusti, dai desideri e dalle abitudini, nonché dalle temperature esterne: per una conservazione ottimale, soprattutto in estate, è da preferire il frigorifero. In inverno, peraltro, burro e formaggio possono essere conservati a temperatura ambiente in un contenitore dedicato (portaburro, porta formaggio).

Gli alimenti da non conservare in frigorifero

Alcuni alimenti, al contrario, perderanno il sapore, la consistenza o le qualità nutrizionali se conservati in frigorifero:

Infine, alcuni alimenti e condimenti che sono tradizionalmente conservati in frigorifero possono essere riposti in un armadietto:

Integratori alimentari: quali conservare o non conservare in frigorifero?

La maggior parte degli integratori alimentari sono prodotti secchi!

In generale, gli integratori alimentari non devono essere messi in frigorifero: sono infatti realizzati con estratti secchi e/o oli, che permettono di conservarli in modo semplice.

L’unica raccomandazione è quella di preferire una conservazione al fresco, a secco e al riparo dalla luce per evitare che le loro qualità si deteriorino.

Tuttavia, alcuni integratori alimentari, per la loro natura (organismi viventi in particolare), si conservano meglio e più a lungo in frigorifero.

Per le formule probiotiche: privilegiare la conservazione refrigerata

Come il lievito da panificazione che si acquista in bustine, i probiotici sono microrganismi viventi ‘disattivati’ da un processo di disidratazione. Tuttavia, in questa forma, probiotici e lieviti possono essere sottoposti a un forte stress ossidativo (2).

Per limitare il rischio di stress ossidativo, i probiotici possono essere confezionati in un blister ermetico che li protegge dall’ossigeno. È inoltre possibile aggiungere alla formula probiotica dei composti come il sorbitolo o l’inulina per favorirne la conservazione (3).

Infine, si raccomanda uno stoccaggio refrigerato, sia prima della spedizione (come previsto da Supersmart per i probiotici che ne hanno bisogno) che dopo, a casa tua.

Tra i nostri riferimenti, la conservazione in frigorifero è particolarmente raccomandata per i seguenti probiotici:

Come conservare il gel di aloe vera

Ottenuto dalla polpa dell’omonima pianta succulenta, il gel di aloe vera è ricco di acidi grassi salutari, steroli, acidi organici, fenoli, ecc. che presentano molti benefici per l’organismo e per la pelle (4).

Nel caso di una preparazione casalinga, il gel di aloe vera è fortemente soggetto a ossidazione e può essere conservato solo per una decina di giorni in frigorifero (un po’ più a lungo aggiungendovi vitamina E, vitamina C o qualche goccia di olio essenziale di semi di pompelmo).

Per quanto riguarda il gel di aloe vera proposto da SuperSmart (Organic Aloe Vera), contiene acido citrico, sorbato di potassio e benzoato di sodio per massimizzarne la durata di conservazione. Pertanto, può essere conservato in frigorifero per 1 mese dopo l’apertura.

Gli integratori di DIM amano il freddo?

Molecola naturale che compare durante la digestione delle verdure crucifere, il Di-indolilmetano (DIM) è un metabolita naturale soggetto a stress ossidativo, perciò deve essere conservato a una temperatura compresa tra 2 e 8 °C (5).

Assicurati, quindi, di mantenere in frigorifero gli integratori alimentari che contengono DIM, come Natural Anti Aromatase Support, una formula ottimizzata contro l’eccesso di produzione di estrogeni, grazie a una combinazione sinergica di DIM e crisina, estratto di agarico, naringina, genisterina, ecc.

Si noti: è del tutto normale che il DIM diventi rosa nel tempo e ciò non altera i suoi benefici.

Enzimi e frigorifero: caso per caso

Gli enzimi sono proteine che agiscono nel corpo come catalizzatori di alcune reazioni chimiche.

Tuttavia, che si tratti di enzimi digestivi (che, come suggerisce il nome, partecipano alla digestione di macro- e micronutrienti) o metabolici (che regolano i processi organici), anche a temperature moderate come 20 °C, la cinetica di denaturazione termica di molti enzimi non è trascurabile (da poche ore a pochi giorni di emivita).

Per questo motivo si raccomanda di conservare i preparati enzimatici in frigorifero (a una temperatura intorno ai 3 o 4° C). La stabilità è quindi generalmente garantita per diversi mesi.

Questo è il caso, ad esempio, dei seguenti integratori alimentari:

Bibliografia

  1. https://www.efsa.europa.eu/fr/press/news/140731
  2. RASCÓN, M. P., HUERTA-VERA, K., PASCUAL-PINEDA, L. A., et al.Osmotic dehydration assisted impregnation of Lactobacillus rhamnosus in banana and effect of water activity on the storage stability of probiotic in the freeze-dried product. Lwt, 2018, vol. 92, p. 490-496.
  3. MIREMADI, Fatemeh et SHAH, Nagendra P. Applications of inulin and probiotics in health and nutrition.
  4. VOGLER, B. K. et ERNST, E. Aloe vera: a systematic review of its clinical effectiveness. British journal of general practice, 1999, vol. 49, no 447, p. 823-828.
  5. KAMAL, A. et QURESHI, A. Ali. Syntheses of some substituted di-indolylmethanes in aqueous medium at room temperature. Tetrahedron, 1963, vol. 19, no 4, p. 513-520.
  6. CLAIBORNE, A. L. Catalase activity. In : CRC handbook of methods for oxygen radical research. CRC press, 2018. p. 283-284.
  7. AKESON, Walter R. et STAHMANN, Mark A. A pepsin pancreatin digest index of protein quality evaluation. The Journal of nutrition, 1964, vol. 83, no 3, p. 257-261.
  8. WU, Hong, TIAN, Chunyong, SONG, Xiaokai, et al.Methods for the regeneration of nicotinamide coenzymes. Green Chemistry, 2013, vol. 15, no 7, p. 1773-1789.
SharePinterest

Commenti

Devi accedere al tuo conto per poter lasciare un commento
Ottavio C.
18/09/2022
Articolo molto interessante, ricco di indicazioni utilissime da seguire.
La nostra selezione di articoli

Questi prodotti dovrebbero interessarti

© 1997-2022 Supersmart.com® - Tutti i diritti di riproduzione riservati
© 1997-2022 Supersmart.com®
Tutti i diritti di riproduzione riservati
Nortonx
secure
Warning
ok