0
it
US
WSM
217328022
Il carrello è vuoto
Menu
Benefici degli integratori di iodio secondo la medicina

Integratore alimentare di iodio: perché assumerlo?

Seppure il suo fabbisogno si misuri in microgrammi, lo iodio è indispensabile al buon funzionamento del nostro organismo. Scopri in quali casi può essere utile assumere un integratore.

Che cos’è lo iodio?

Loiodio è un oligoelemento appartenente alla famiglia degli alogeni; corrisponde al numero atomico 53 nella tavola periodica degli elementi e il suo simbolo è I. È piuttosto raro in natura e si trova in piccole quantità nei prodotti del mare (1). Scoperto per la prima volta tra le ceneri di alghe marine nel 1811, il suo nome deriva dal greco ioeidès che significa “viola”, per il colore dei suoi vapori quando viene riscaldato.

A che cosa serve lo iodio?

Lo iodio partecipa direttamente al buon funzionamento della tiroide e alla normale produzione di due ormoni tiroidei: la T3 (triiodotironina) e la T4 (tiroxina), contenenti rispettivamente 3 e 4 atomi di iodio (2). È inoltre coinvolto nel corretto metabolismo energetico, nel mantenimento di una pelle normale, nonché nel corretto funzionamento del sistema nervoso e nelle normali funzioni cognitive (3-5).

Si ricorda che la tiroide è una piccola ghiandola a forma di farfalla situata alla base del collo che svolge un ruolo essenziale nel mantenimento delle funzioni vitali dell’organismo. Regola, tra le altre cose, la frequenza cardiaca, la temperatura corporea, la crescita, l’aspetto della pelle, l’appetito, il peso e l’umore (6).

Qual è la dose giornaliera raccomandata di iodio?

Il nostro corpo non è in grado di sintetizzare lo iodio in modo endogeno, deve quindi necessariamente attingere alla dieta per coprirne il fabbisogno.

Secondo gli organismi ufficiali, la dose soddisfacente è generalmente stimata in 90 mcg/giorno per i bambini, 130 mcg/giorno per gli adolescenti, 150 mcg/giorno per gli adulti e 200 mcg/giorno per le donne in gravidanza o in allattamento (7).

Quali sono i rischi della carenza di iodio?

La carenza di iodio compromette la funzione tiroidea. Pertanto, una mancanza cronica di iodio può causare la comparsa del gozzo, ossia un aumento del volume della tiroide e/o la comparsa di noduli (8).

Nel caso di una carenza accertata, sebbene questa sia eccezionalmente rara, la tiroide è ipoattiva, ossia “lenta”: si parla quindi di ipotiroidismo (9), che si traduce quindi in vari sintomi, come aumento di peso, stanchezza eccessiva, stitichezza, pallore o disturbi dell’attenzione (10).

Sebbene sia necessario all’organismo, lo iodio non deve essere ingerito in quantità eccessiva per evitare di compromettere la funzionalità della ghiandola tiroidea (11). L’Unione europea ha pertanto fissato un limite di sicurezza di 600 mcg/giorno. Il rischio è peraltro molto raro, soprattutto perché l’eccesso di iodio può teoricamente essere escreto nelle urine (12).

Quali alimenti sono ricchi di iodio?

Negli anni ‘50, il governo suggerì di arricchire il sale da cucina con iodio per eliminare le carenze, creando il sale iodato che si è quindi imposto come la principale fonte di iodio alimentare in tutto il mondo. Tuttavia, è ormai accertato che una dieta ricca di sodio aumenta il rischio cardiovascolare: l’OMS raccomanda pertanto un consumo di sale giornaliero inferiore ai 5 g al giorno, ossia due volte meno di quello che ingeriamo in media (13).

Oltre al sale iodato, lo iodio si trova naturalmente nelle alghe marine (kombu, dulse, wakamé), nei frutti di mare, nel tuorlo d’uovo e nei prodotti lattiero-caseari (14).

In quali casi è consigliabile assumere un integratore di iodio?

Nella maggior parte dei casi, un’alimentazione sufficientemente variegata, che prediliga i prodotti del mare e ai latticini, è sufficiente a coprire il nostro fabbisogno. Tuttavia, alcune fasce della popolazione sono più inclini al deficit di altre:

  • vegetariani e vegani, così come tutti coloro che non consumano prodotti del mare (15);
  • persone che seguono una dieta a basso contenuto di sodio (povera di sale);
  • fumatori, poiché il tabacco ostacola l’assorbimento dello iodio (16);
  • sportivi di alto livello, a causa della perdita di iodio attraverso il sudore (17);
  • donne in gravidanza, il cui fabbisogno è aumentato dallo sviluppo del feto (18).

Se desideri assumere degli integratori di iodio, ti invitiamo tuttavia a contattare innanzitutto un professionista della salute che potrà, in particolare, stabilire la quantità di iodio presente nel tuo organismo tramite analisi del sangue o delle urine (ioduria) e valutare la reale necessità di un’integrazione.

Quale integratore alimentare di iodio scegliere?

Per chi cerca di ridurre l’apporto di sale, l’integrazione con Ascophyllum nodosum (come Natural Iodine) è l’opzione migliore (19). Questa alga raccolta al largo della costa occidentale della Scozia e dell’Irlanda ha un tenore di sodio 10 volte inferiore rispetto al sale per la stessa quantità di iodio.

Le compresse diioduro di potassio, risultato della reazione di iodio e idrossido di potassio, godono di una stabilità senza pari e di una biodisponibilitàeccezionale, valutata al 96,4% (20). Questa forma è quella utilizzata per il sale da cucina, ma anche per le pastiglie di iodio fornite alla popolazione in caso di incidente nucleare (per saturare la tiroide e impedirle di fissare lo iodio radioattivo, all’origine di gravi lesioni tiroidee) (21). Tuttavia, opta per formulazioni non sovradosate e completamente sicure (come Potassium Iodide, che contiene 200 mcg di iodio per compressa).

Alcune formulazioni di ultima generazione combinano anche lo iodio con vari composti benefici per la tiroide (l’integratore sinergico Natural Thyro Formula associa lo iodio delle alghe con il selenio, che contribuisce al normale funzionamento della tiroide, e l’estratto di guggul, che promuove la salute della tiroide) (22-23).

Infine, gli integratori multivitaminici, che contengono lo iodio in percentuali minori, sono più adatti all’uso quotidiano (rivista nel 2019, la formula d’eccezione Daily 3 riunisce non meno di 42 ingredienti di origine naturale selezionati, tra cui lo iodio fino a 50 mcg per capsula).

IL CONSIGLIO DI SUPERSMART

##TPL_ARTICOLI:0751,0818,0513,0578#

Bibliografia

  1. Zimmermann M, Trumbo PR. Iodine. Adv Nutr. 2013 Mar 1;4(2):262-4. doi: 10.3945/an.113.003665. PMID: 23493543; PMCID: PMC3649107.
  2. Chung HR. Iodine and thyroid function. Ann Pediatr Endocrinol Metab. 2014 Mar;19(1):8-12. doi: 10.6065/apem.2014.19.1.8. Epub 2014 Mar 31. PMID: 24926457; PMCID: PMC4049553.
  3. Zbigniew S. Role of Iodine in Metabolism. Recent Pat Endocr Metab Immune Drug Discov. 2017;10(2):123-126. doi: 10.2174/1872214811666170119110618. PMID: 28103777.
  4. Costa RO, Macedo PM, Carvalhal A, Bernardes-Engemann AR. Use of potassium iodide in dermatology: updates on an old drug. An Bras Dermatol. 2013 May-Jun;88(3):396-402. doi: 10.1590/abd1806-4841.20132377. PMID: 23793210; PMCID: PMC3754371.
  5. Redman K, Ruffman T, Fitzgerald P, Skeaff S. Iodine Deficiency and the Brain: Effects and Mechanisms. Crit Rev Food Sci Nutr. 2016 Dec 9;56(16):2695-713. doi: 10.1080/10408398.2014.922042. PMID: 25880137.
  6. Armstrong M, Asuka E, Fingeret A. Physiology, Thyroid Function. [Updated 2022 Mar 18]. In: StatPearls [Internet]. Treasure Island (FL): StatPearls Publishing; 2022 Jan-. Available from: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK537039/
  7. Ahad F, Ganie SA. Iodine, Iodine metabolism and Iodine deficiency disorders revisited. Indian J Endocrinol Metab. 2010 Jan;14(1):13-7. PMID: 21448409; PMCID: PMC3063534.
  8. Can AS, Rehman A. Goiter. [Updated 2022 Aug 22]. In: StatPearls [Internet]. Treasure Island (FL): StatPearls Publishing; 2022 Jan-. Available from: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK562161/
  9. Zimmermann MB, Boelaert K. Iodine deficiency and thyroid disorders. Lancet Diabetes Endocrinol. 2015 Apr;3(4):286-95. doi: 10.1016/S2213-8587(14)70225-6. Epub 2015 Jan 13. PMID: 25591468.
  10. Patil N, Rehman A, Jialal I. Hypothyroidism. [Updated 2022 Aug 8]. In: StatPearls [Internet]. Treasure Island (FL): StatPearls Publishing; 2022 Jan-. Available from: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK519536/
  11. Southern AP, Jwayyed S. Iodine Toxicity. [Updated 2022 Oct 10]. In: StatPearls [Internet]. Treasure Island (FL): StatPearls Publishing; 2022 Jan-. Available from: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK560770/
  12. Pearce EN, Caldwell KL. Urinary iodine, thyroid function, and thyroglobulin as biomarkers of iodine status. Am J Clin Nutr. 2016 Sep;104 Suppl 3(Suppl 3):898S-901S. doi: 10.3945/ajcn.115.110395. Epub 2016 Aug 17. PMID: 27534636; PMCID: PMC5004493.
  13. Wang YJ, Yeh TL, Shih MC, Tu YK, Chien KL. Dietary Sodium Intake and Risk of Cardiovascular Disease: A Systematic Review and Dose-Response Meta-Analysis. 2020 Sep 25;12(10):2934. doi: 10.3390/nu12102934. PMID: 32992705; PMCID: PMC7601012.
  14. Pehrsson PR, Patterson KY, Spungen JH, Wirtz MS, Andrews KW, Dwyer JT, Swanson CA. Iodine in food- and dietary supplement-composition databases. Am J Clin Nutr. 2016 Sep;104 Suppl 3(Suppl 3):868S-76S. doi: 10.3945/ajcn.115.110064. Epub 2016 Aug 17. PMID: 27534627; PMCID: PMC5004500.MC7601012.
  15. Krajcovicová-Kudlácková M, Bucková K, Klimes I, Seboková E. Iodine deficiency in vegetarians and vegans. Ann Nutr Metab. 2003;47(5):183-5. doi: 10.1159/000070483. PMID: 12748410.
  16. Cho NH, Choi HS, Kim KW, Kim HL, Lee SY, Choi SH, Lim S, Park YJ, Park DJ, Jang HC, Cho BY. Interaction between cigarette smoking and iodine intake and their impact on thyroid function. Clin Endocrinol (Oxf). 2010 Aug;73(2):264-70. doi: 10.1111/j.1365-2265.2010.03790.x. Epub 2010 Jan 23. PMID: 20105185.
  17. Smyth PP, Duntas LH. Iodine uptake and loss-can frequent strenuous exercise induce iodine deficiency? Horm Metab Res. 2005 Sep;37(9):555-8. doi: 10.1055/s-2005-870423. PMID: 16175493.
  18. Skeaff SA. Iodine deficiency in pregnancy: the effect on neurodevelopment in the child. 2011 Feb;3(2):265-73. doi: 10.3390/nu3020265. Epub 2011 Feb 18. PMID: 22254096; PMCID: PMC3257674.
  19. Hrólfsdóttir AÞ, Arason S, Sveinsdóttir HI, Gudjónsdóttir M. Added Value of Ascophyllum nodosum Side Stream Utilization during Seaweed Meal Processing. Mar Drugs. 2022 May 24;20(6):340. doi: 10.3390/md20060340. PMID: 35736143; PMCID: PMC9229640.
  20. Aquaron R, Delange F, Marchal P, Lognoné V, Ninane L. Bioavailability of seaweed iodine in human beings. Cell Mol Biol (Noisy-le-grand). 2002 Jul;48(5):563-9. PMID: 12146713.
  21. Torti JF, Correa R. Potassium Iodide. [Updated 2022 May 22]. In: StatPearls [Internet]. Treasure Island (FL): StatPearls Publishing; 2022 Jan-. Available from: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK542320/
  22. Gorini F, Sabatino L, Pingitore A, Vassalle C. Selenium: An Element of Life Essential for Thyroid Function. 2021 Nov 23;26(23):7084. doi: 10.3390/molecules26237084. PMID: 34885664; PMCID: PMC8658851.
  23. Panda S, Kar A. Guggulu (Commiphora mukul) potentially ameliorates hypothyroidism in female mice. Phytother Res. 2005 Jan;19(1):78-80. doi: 10.1002/ptr.1602. PMID: 15798994.

Commenti

Devi accedere al tuo conto per poter lasciare un commento

Questo articolo non è stato ancora commentato, inserisci la prima recensione

Pagamento protetto
32 anni di esperienza
Soddisfatti
o rimbor&satiacute;
Invio rapido
Consultazione offerta