0
it
US
WSM
222669942
Il carrello è vuoto
Menu
Nevralgia cervicobrachiale

Nevralgia cervicobrachiale: cinque rimedi della nonna

La nevralgia cervicobrachiale è un dolore cronico che ha origine nel collo e si estende a un arto superiore. Quali sono le cause e, soprattutto, quali sono i rimedi della nonna per alleviarne i sintomi?

Tutto sulla nevralgia cervicobrachiale

Come suggerisce il nome, la nevralgia cervicobrachiale è un dolore localizzato lungo il percorso di un nervo che ha origine nel rachide cervicale (ossia nel collo) e si estende nell’arto superiore collegato a quel nervo (il braccio sinistro o destro – la nevralgia cervicobrachiale è generalmente unilaterale) (1).

Le cause della nevralgia

Le cause principali della nevralgia cervicobrachiale, altrimenti detta “sciatica del collo”, sono (2):

  • un’ernia del disco cervicale, ossia lo spostamento di un disco interposto fra due vertebre cervicali che provoca una compressione della radice nervosa;
  • l’artrosi cervicale (cervicartrosi) che, causando una riduzione dell’altezza del disco attraverso il quale il nervo esce dal canale rachidiano, lo comprime;
  • una frattura;
  • un tumore.

Esistono anche altre cause più complesse che causano sintomi simili a quelli della nevralgia cervicobrachiale. Tuttavia, nella stragrande maggioranza dei casi, la sindrome è dovuta a un’ernia del disco cervicale o all’artrosi cervicale.

I sintomi della nevralgia cervicobrachiale

I sintomi sono (3):

  • dolori agli arti superiori (spesso a livello della spalla, che peraltro si irradiano talvolta fino all’inserimento del bicipite sull’avambraccio);
  • formicolio e senso di intorpidimento alle estremità;
  • sensazione di pesantezza a livello delle scapole;
  • irradiazione del dolore fino al petto.

Complicazioni

La principale complicanza della nevralgia cervicobrachiale è la resistenza al trattamento che potrà portare a un intervento chirurgico per alleviare più efficacemente i sintomi. Infatti, in caso di peggioramento, alcuni pazienti sperimentano dei gravi deficit sensoriali e motori all’arto interessato che possono essere invalidanti.

Esercizi e body-building

Uno dei principali trattamenti delle nevralgie cervicobrachiali è innanzitutto il riposo. In seguito, tuttavia, si è ritenuto sempre più consigliabile lo svolgimento di esercizi per garantire il rafforzamento muscolare delle articolazioni interessate, vale a dire la nuca e la spalla.

Oggi, quindi, i fisioterapisti prescrivono spesso degli esercizi dolci e semplici, tra cui sollevamento delle spalle, rotazioni della nuca e movimenti delle braccia. L’obiettivo? Rafforzare delicatamente trapezi e deltoidi.

Infatti, più la struttura del muscolo che circonda un’articolazione è solida e forte, minore sarà lo stress a cui l’articolazione stessa sarà sottoposta in caso di sforzo. Questi esercizi permettono quindi di alleviare i dolori.

Si può lavorare se si soffre di nevralgia cervicobrachiale?

Solo un medico può stabilire, caso per caso, in base all’origine della nevralgia (ernia o artrosi), alla gravità del disturbo all’origine dei sintomi, all’età del paziente e alla professione esercitata, se è possibile o meno lavorare con la nevralgia cervicobrachiale.

Infatti, in caso di deficit motorio o sensitivo, è evidente che non sarà possibile svolgere una professione che richiede uno sforzo fisico. Tuttavia, se si lavora seduti al computer per ore, senza sottoporsi a riabilitazione o eseguire degli esercizi per migliorare la postura e rinforzare la schiena e le articolazioni, il lavoro può rivelarsi altrettanto complicato.

In caso di nevralgia cervicobrachiale, è quindi fortemente consigliato consultare un medico per ricevere una diagnosi precisa.

Cinque rimedi della nonna per alleviare i sintomi di una nevralgia cervicobrachiale

Poiché i trattamenti farmacologici proposti dai medici per alleviare i sintomi di una nevralgia cervicobrachiale sono essenzialmente composti da miorilassanti, per stare meglio si può optare per alcuni rimedi naturali della nonna, in accordo con il proprio medico curante.

1) Massaggi con oli essenziali

Il miglior miorilassante naturale è sempre il massaggio! Quindi, in caso di nevralgia cervicobrachiale, non esitare a rivolgerti a un massaggiatore-fisioterapista o a domandare a una persona cara di occuparsene.

Idealmente, prepara un olio da massaggio a base di olio vegetale neutro e oli essenziali, in particolare di menta piperita, nota per favorire la decontrazione muscolare (4).

2) Piante rilassanti

Valeriana, melissa, passiflora e camomilla sono quattro piante rilassanti con proprietà decontratturanti ampiamente raccomandate dai naturopati e dalle nostre nonne per rilassare la muscolatura e alleviare i sintomi della nevralgia cervicobrachiale.

Consumale sotto forma di infusi, tre volte al giorno, o come integratori alimentari, ad esempio in una formula sinergica rilassante. Queste piante lenitive ti aiuteranno anche a dormire più serenamente, per svegliarti senza dolore.

3) Due rizomi insostituibili in cucina

Pianta ayurvedica per eccellenza, la curcuma ha molti benefici. È ampiamente riconosciuto che il suo rizoma (la sua radice) sostiene il sistema immunitario e respiratorio e mantiene fegato e pelle in buona salute, e tuttavia avrebbe anche delle proprietà antinfiammatorie e analgesiche (5).

Dunque qual è un altro rimedio della nonna contro la nevralgia cervicobrachiale? La curcuma! Da consumare preferibilmente fresca, affinché contenga curcumina (il suo principio attivo più potente) in quantità sufficiente per godere dei suoi benefici, o sotto forma di integratore di curcumina altamente biodisponibile.

Non sorprende che anche lo zenzero, un condimento della stessa famiglia della curcuma, faccia parte dei rimedi naturali per alleviare la nevralgia cervicobrachiale. E per una buona ragione: il rizoma di zenzero contiene gingerolo, un potente principio attivo che avrebbe le stesse proprietà antinfiammatorie e antidolorifiche della curcuma (6).

4) Vitamine da conoscere

Alcune vitamine possono rivelarsi altresì interessanti.

Le vitamine del gruppo B, innanzitutto, contribuiscono alla salute dei nervi. L’idea alla base dell’integrazione con vitamine del gruppo B? Rigenerare la guaina del nervo danneggiato. Alcune formule, come Coenzymated B Formula, riuniscono tutte le vitamine del gruppo B. Consulta il tuo medico per sapere se è necessario assumerle e in quale fase della terapia.

Per quanto riguarda la vitamina D, può rivelarsi altrettanto utile in caso di nevralgia cervicobrachiale. La sua carenza è peraltro associata a un aumento del rischio di dolore muscoloscheletrico e a problemi neurologici.

5) Magnesio

Chi non ha mai visto una persona anziana assumere regolarmente del magnesio? E per una buona ragione: la carenza di magnesio è una delle più diffuse nelle società occidentali. Eppure questo oligoelemento contribuisce, in particolare, alla trasmissione degli impulsi nervosi e al rilassamento muscolare dopo la contrazione (7).

Un integratore di magnesio biodisponibile (come Magnesium Orotate) può quindi rivelarsi un ottimo alleato per rilassare i muscoli del collo, i trapezi e i deltoidi in caso di nevralgia cervicobrachiale, contribuendo così ad alleviare i sintomi.

IL CONSIGLIO DI SUPERSMART

Bibliografia

  1. AIMARD, G. et CHARLES, N. Cervicobrachial neuralgia: diagnostic problems in neurology. Journal of Neuroradiology= Journal de Neuroradiologie, 1992, vol. 19, no 3, p. 149-153.
  2. PAKSOY, Yahya, LEVENDOGLU, Funda Dinç, ÖGÜN, Cemile Öztin, et al.Vertebral artery loop formation: a frequent cause of cervicobrachial pain. Spine, 2003, vol. 28, no 11, p. 1183-1188.
  3. BOUVIER, M1. Clinical semiology of common cervicobrachial neuralgia. Data from 50 hospital cases. Journal of Neuroradiology= Journal de Neuroradiologie, 1992, vol. 19, no 3, p. 146-148.
  4. SINGH, Prakash, KUMAR, Ravendra, PRAKASH, Om, et al.Seasonal variation in the essential oil composition of Mentha aquatica L. and its myorelaxant activity. Journal of Essential Oil Bearing Plants, 2020, vol. 23, no 2, p. 363-374.
  5. PAULTRE, Kristopher, CADE, William, HERNANDEZ, Daniel, et al.Therapeutic effects of turmeric or curcumin extract on pain and function for individuals with knee osteoarthritis: a systematic review. BMJ Open Sport & Exercise Medicine, 2021, vol. 7, no 1, p. e000935.
  6. TERRY, Rohini, POSADZKI, Paul, WATSON, Leala K., et al.The use of ginger (Zingiber officinale) for the treatment of pain: a systematic review of clinical trials. Pain medicine, 2011, vol. 12, no 12, p. 1808-1818.
  7. VAN DER PLAS, Anton A., SCHILDER, Johanna CM, MARINUS, Johan, et al.An  explanatory study evaluating the muscle relaxant effects of intramuscular magnesium sulphate for dystonia in complex regional pain syndrome. The Journal of Pain, 2013, vol. 14, no 11, p. 1341-1348.

Commenti

Devi accedere al tuo conto per poter lasciare un commento

Questo articolo non è stato ancora commentato, inserisci la prima recensione

Pagamento protetto
32 anni di esperienza
Soddisfatti
o rimborsati
Invio rapido
Consultazione offerta