0
it
US
WSM
222187730
Il carrello è vuoto
Menu
Antinfiammatorio naturale

Qual è l’antinfiammatorio naturale più efficace?

Per combattere l’infiammazione, la fitoterapia ha diverse frecce al suo arco. Esiste un antinfiammatorio naturale più potente di tutti gli altri?

Promemoria: cos’è l’infiammazione?

L’infiammazione definisce la risposta organizzata del sistema immunitario conseguente un’aggressione fisica (infezione batterica o virale, contatto con un allergene, danno tissutale, compressione del nervo sciatico, ecc.) volta a favorire il processo di guarigione (1). È caratterizzata in fase acuta da arrossamenti, edemi o dolori circoscritti.

Succede, tuttavia, che uno stato infiammatorio si instauri nel tempo, molto spesso in maniera silente: si parla di infiammazione di basso grado o di infiammazione cronica. Quest’ultima è responsabile di alcune patologie come l’artrosi, il diabete di tipo 2, le allergie, le malattie cardiovascolari o le malattie autoimmuni (2).

Un elenco non esaustivo di potenti antinfiammatori naturali

Prima di dedicarci all’antinfiammatorio naturale più efficace, passiamo in rassegna 2-3 ingredienti naturali noti per i loro effetti antinfiammatori.

Boswellia, l’antinfiammatorio naturale per le articolazioni

Altrimenti noto come “albero dell'incenso”, la Boswellia serrata è meglio conosciuta come la pianta del comfort articolare, sebbene supporti anche le funzioni respiratorie e intestinali (3).

La sua resina, la boswellina, concentra un alto contenuto di acidi boswellici, tra cui l’acido 3-acetil-11-cheto-β-boswellico (AKBA) estremamente attivo sul piano biologico (4). Eserciterebbe un effetto positivo sulla 5-lipossigenasi (5-LO) e sull’elastasi leucocitaria umana (HLE), due enzimi coinvolti nella cascata infiammatoria (l’integratore Super Boswellia punta quindi su una formula standardizzata al 20% di AKBA per la massima efficacia) (5).

Zenzero, la star delle tisane antinfiammatorie casalinghe

L’infuso di zenzero (Zingiber officinale) è uno dei rimedi emblematici della medicina tradizionale cinese. E per una buona ragione, giacché questo rizoma antiossidante e antinfiammatorio agisce su tutti i fronti: salute immunitaria, digestiva e respiratoria, mantenimento del tono e della vitalità, regolazione del metabolismo degli zuccheri (6-8), ecc.

Più di recente, gli studi si sono concentrati sulla valutazione dell’efficacia dello zenzero nelle persone soggette a disturbi artrosici e reumatici (9-10). I risultati incoraggianti riportati sarebbero attribuibili all’azione inibitoria sulla biosintesi delle prostaglandine e dei leucotrieni, due mediatori dell’infiammazione (tutti motivi per scegliere Super Gingerols, estratto naturale di zenzero standardizzato al 20% di gingeroli).

Regina dei prati, un potente antinfiammatorio muscolare naturale

Le infiorescenze della regina dei prati (Filipendula ulmaria) sintetizzano l’acido salicilico, un’“aspirina naturale” che ha reso famosa soprattutto la corteccia di salice bianco. È dotata di proprietà analgesiche e antinfiammatorie molto apprezzate in caso di dolori muscolari attribuibili a diversi meccanismi inibitori (in particolare a livello dell’enzima COX-2 e della via di segnalazione NF-κB) (11). Si noti che i suoi glicosidi flavonoidi interagiscono in parallelo con il microbiota intestinale, supportandone ulteriormente l’efficacia.

Qual è l’antinfiammatorio naturale più efficace?

Seppure le farmacopee del mondo comprendano decine di piante per combattere l’infiammazione, esiste un rizoma che ha dimostrato la propria supremazia, sia in termini di efficacia che di sicurezza: la curcuma.

Star dell’ayurveda, nelle diverse medicine asiatiche questa spezia è considerata uno dei pochi antinfiammatori naturali sistemici, ossia in grado di agire su tutte le sfere dell’organismo. Alla base delle diverse attività biologiche vie è il suo curcuminoide predominante, la curcumina (12).

Diversi studi ne riferiscono la capacità di inibire la produzione di mediatori proinfiammatori (interleuchine, TNF-α, G‐CSF, MCP-1, ecc.) e di interferire con alcune vie di segnalazione infiammatorie (13). La curcuma preserva anche la funzione immunitaria comportandosi come un immunomodulatore in grado di riequilibrare le popolazioni cellulari: ripristinerebbe, in particolare, un rapporto equilibrato tra i linfociti T regolatori che reprimono la risposta infiammatoria e i linfociti Th17 che la favoriscono (14). Alcuni studi menzionano, inoltre, le sue interazioni con le specie reattive dell’ossigeno (ROS), generatrici di uno stress ossidativo che mantiene insidiosamente i processi infiammatori, rafforzando in particolare l’attività degli enzimi antiossidanti (15).

Grazie all’ottima tolleranza, la curcuma e la sua curcumina sono oggi al centro di molti esperimenti clinici su varie patologie con componente infiammatoria. I ricercatori ne stanno attualmente esplorando le potenziali applicazioni su infiammazioni croniche intestinali, squilibri cutanei, disagio articolare, gravi disturbi dell’umore o rigidità arteriosa (16-20).

Come assimilare al meglio la curcuma?

Sebbene la curcuma appaia come il rimedio naturale preferito per l’infiammazione, presenta tuttavia un limite: la curcumina ha una bassa biodisponibilità. I produttori di integratori alimentari di alta qualità hanno fortunatamente trovato diverse soluzioni per contrastare questo fenomeno:

  • proporre grandi quantità di curcuma massimizzando la concentrazione di principi attivi per capsula (come in Natural Curcuma, in cui ogni dose giornaliera contiene 2.500 mg di curcuma standardizzata al 95% di curcuminoidi);
  • associare la curcuma alla fosfatidilcolina naturale per potenziarne l’assorbimento (grazie a questo processo innovativo, l’integratore brevettato Super Curcuma beneficia di una bioassimilazione 29 volte superiore rispetto agli integratori convenzionali) (21);
  • presentare la curcumina in forma micellare per migliorarne la solubilità nei succhi digestivi e consentirle di attraversare più facilmente la parete intestinale (185 volte più assorbibile della curcumina classica, Curcumin Solution si posiziona come l’integratore di curcumina più biodisponibile sul mercato al momento) (22).

Infine, è bene ricordare che tutti reagiamo in modo diverso all’assunzione di un antinfiammatorio (naturale o meno). La sua efficacia può essere più marcata in alcuni e meno evidente in altri, a seconda della sensibilità individuale. Sembra quindi opportuno prevedere un ampio spettro di composti attivi per massimizzare le sue possibilità di risposta (la sinergia d’urto InflaRelief combina la curcuma con altre 11 sostanze naturali selezionate con cura quali artiglio di gatto, ortica, tulsi o rosmarino) (23-26).

SUPERSMART CONSIGLIA

##TPL_ARTICOLI:0115,0717,0082,0630,0774,0531##

Bibliografia

  1. Stone WL, Basit H, Burns B. Pathology, Inflammation. [Updated 2022 Nov 14]. In: StatPearls [Internet]. Treasure Island (FL): StatPearls Publishing; 2023 Jan-. Available from: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK534820/
  2. Pahwa R, Goyal A, Jialal I. Chronic Inflammation. [Updated 2022 Aug 8]. In: StatPearls [Internet]. Treasure Island (FL): StatPearls Publishing; 2023 Jan-. Available from: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK493173/
  3. Siddiqui MZ. Boswellia serrata, a potential antiinflammatory agent: an overview. Indian J Pharm Sci. 2011 May;73(3):255-61. doi: 10.4103/0250-474X.93507. PMID: 22457547; PMCID: PMC3309643.
  4. Sailer ER, Subramanian LR, Rall B, Hoernlein RF, Ammon HP, Safayhi H. Acetyl-11-keto-beta-boswellic acid (AKBA): structure requirements for binding and 5-lipoxygenase inhibitory activity. Br J Pharmacol. 1996 Feb;117(4):615-8. doi: 10.1111/j.1476-5381.1996.tb15235.x. PMID: 8646405; PMCID: PMC1909340.
  5. Gomaa AA, Mohamed HS, Abd-Ellatief RB, Gomaa MA. Boswellic acids/Boswellia serrata extract as a potential COVID-19 therapeutic agent in the elderly. 2021 Aug;29(4):1033-1048. doi: 10.1007/s10787-021-00841-8. Epub 2021 Jul 5. PMID: 34224069; PMCID: PMC8256410.
  6. Mashhadi NS, Ghiasvand R, Askari G, Hariri M, Darvishi L, Mofid MR. Anti-oxidative and anti-inflammatory effects of ginger in health and physical activity: review of current evidence. Int J Prev Med. 2013 Apr;4(Suppl 1):S36-42. PMID: 23717767; PMCID: PMC3665023.
  7. Nikkhah Bodagh M, Maleki I, Hekmatdoost A. Ginger in gastrointestinal disorders: A systematic review of clinical trials. Food Sci Nutr. 2018 Nov 5;7(1):96-108. doi: 10.1002/fsn3.807. PMID: 30680163; PMCID: PMC6341159.
  8. Khandouzi N, Shidfar F, Rajab A, Rahideh T, Hosseini P, Mir Taheri M. The effects of ginger on fasting blood sugar, hemoglobin a1c, apolipoprotein B, apolipoprotein a-I and malondialdehyde in type 2 diabetic patients. Iran J Pharm Res. 2015 Winter;14(1):131-40. PMID: 25561919; PMCID: PMC4277626.
  9. Bartels EM, Folmer VN, Bliddal H, Altman RD, Juhl C, Tarp S, Zhang W, Christensen R. Efficacy and safety of ginger in osteoarthritis patients: a meta-analysis of randomized placebo-controlled trials. Osteoarthritis Cartilage. 2015 Jan;23(1):13-21. doi: 10.1016/j.joca.2014.09.024. Epub 2014 Oct 7. PMID: 25300574.
  10. Srivastava KC, Mustafa T. Ginger (Zingiber officinale) in rheumatism and musculoskeletal disorders. Med Hypotheses. 1992 Dec;39(4):342-8. doi: 10.1016/0306-9877(92)90059-l. PMID: 1494322.
  11. Van der Auwera A, Peeters L, Foubert K, Piazza S, Vanden Berghe W, Hermans N, Pieters L. In Vitro Biotransformation and Anti-Inflammatory Activity of Constituents and Metabolites of Filipendula ulmaria. 2023 Apr 20;15(4):1291. doi: 10.3390/pharmaceutics15041291. PMID: 37111776; PMCID: PMC10146082.
  12. Peng Y, Ao M, Dong B, Jiang Y, Yu L, Chen Z, Hu C, Xu R. Anti-Inflammatory Effects of Curcumin in the Inflammatory Diseases: Status, Limitations and Countermeasures. Drug Des Devel Ther. 2021 Nov 2;15:4503-4525. doi: 10.2147/DDDT.S327378. PMID: 34754179; PMCID: PMC8572027.
  13. Panahi Y, Hosseini MS, Khalili N, Naimi E, Simental-Mendía LE, Majeed M, Sahebkar A. Effects of curcumin on serum cytokine concentrations in subjects with metabolic syndrome: A post-hoc analysis of a randomized controlled trial. Biomed Pharmacother. 2016 Aug;82:578-82. doi: 10.1016/j.biopha.2016.05.037. Epub 2016 Jun 6. PMID: 27470399.
  14. Momtazi-Borojeni AA, Haftcheshmeh SM, Esmaeili SA, Johnston TP, Abdollahi E, Sahebkar A. Curcumin: A natural modulator of immune cells in systemic lupus erythematosus. Autoimmun Rev. 2018 Feb;17(2):125-135. doi: 10.1016/j.autrev.2017.11.016. Epub 2017 Nov 24. PMID: 29180127.
  15. Nakamae I, Morimoto T, Shima H, Shionyu M, Fujiki H, Yoneda-Kato N, Yokoyama T, Kanaya S, Kakiuchi K, Shirai T, Meiyanto E, Kato JY. Curcumin Derivatives Verify the Essentiality of ROS Upregulation in Tumor Suppression. 2019 Nov 10;24(22):4067. doi: 10.3390/molecules24224067. PMID: 31717651; PMCID: PMC6891586.
  16. Lin Y, Liu H, Bu L, Chen C, Ye X. Review of the Effects and Mechanism of Curcumin in the Treatment of Inflammatory Bowel Disease. Front Pharmacol. 2022 Jun 20;13:908077. doi: 10.3389/fphar.2022.908077. PMID: 35795556; PMCID: PMC9250976.
  17. Zhang S, Wang J, Liu L, Sun X, Zhou Y, Chen S, Lu Y, Cai X, Hu M, Yan G, Miao X, Li X. Efficacy and safety of curcumin in psoriasis: preclinical and clinical evidence and possible mechanisms. Front Pharmacol. 2022 Aug 29;13:903160. doi: 10.3389/fphar.2022.903160. PMID: 36120325; PMCID: PMC9477188.
  18. Perkins K, Sahy W, Beckett RD. Efficacy of Curcuma for Treatment of Osteoarthritis. J Evid Based Complementary Altern Med. 2017 Jan;22(1):156-165. doi: 10.1177/2156587216636747. Epub 2016 Mar 14. PMID: 26976085; PMCID: PMC5871206.
  19. Lopresti AL. Potential Role of Curcumin for the Treatment of Major Depressive Disorder. CNS Drugs. 2022 Feb;36(2):123-141. doi: 10.1007/s40263-022-00901-9. Epub 2022 Feb 7. PMID: 35129813; PMCID: PMC8863697.
  20. Singh L, Sharma S, Xu S, Tewari D, Fang J. Curcumin as a Natural Remedy for Atherosclerosis: A Pharmacological Review. 2021 Jul 1;26(13):4036. doi: 10.3390/molecules26134036. PMID: 34279384; PMCID: PMC8272048.
  21. Belcaro G, Cesarone MR, Dugall M, Pellegrini L, Ledda A, Grossi MG, Togni S, Appendino G. Efficacy and safety of Meriva®, a curcumin-phosphatidylcholine complex, during extended administration in osteoarthritis patients. Altern Med Rev. 2010 Dec;15(4):337-44. PMID: 21194249.
  22. Schiborr C, Kocher A, Behnam D, Jandasek J, Toelstede S, Frank J. The oral bioavailability of curcumin from micronized powder and liquid micelles is significantly increased in healthy humans and differs between sexes. Mol Nutr Food Res. 2014 Mar;58(3):516-27. doi: 10.1002/mnfr.201300724. Epub 2014 Jan 9. Erratum in: Mol Nutr Food Res. 2014 Mar;58(3):647. Dosage error in article text. PMID: 24402825.
  23. Sandoval-Chacón M, Thompson JH, Zhang XJ, Liu X, Mannick EE, Sadowska-Krowicka H, Charbonnet RM, Clark DA, Miller MJ. Antiinflammatory actions of cat's claw: the role of NF-kappaB. Aliment Pharmacol Ther. 1998 Dec;12(12):1279-89. doi: 10.1046/j.1365-2036.1998.00424.x. PMID: 9882039.
  24. Semwal P, Rauf A, Olatunde A, Singh P, Zaky MY, Islam MM, Khalil AA, Aljohani ASM, Al Abdulmonem W, Ribaudo G. The medicinal chemistry of Urtica dioica L.: from preliminary evidence to clinical studies supporting its neuroprotective activity. Nat Prod Bioprospect. 2023 May 12;13(1):16. doi: 10.1007/s13659-023-00380-5. PMID: 37171512; PMCID: PMC10176313.
  25. Jamshidi N, Cohen MM. The Clinical Efficacy and Safety of Tulsi in Humans: A Systematic Review of the Literature. Evid Based Complement Alternat Med. 2017;2017:9217567. doi: 10.1155/2017/9217567. Epub 2017 Mar 16. PMID: 28400848; PMCID: PMC5376420.
  26. Ghasemzadeh Rahbardar M, Hosseinzadeh H. Therapeutic effects of rosemary (Rosmarinus officinalis L.) and its active constituents on nervous system disorders. Iran J Basic Med Sci. 2020 Sep;23(9):1100-1112. doi: 10.22038/ijbms.2020.45269.10541. PMID: 32963731; PMCID: PMC7491497.

Commenti

Devi accedere al tuo conto per poter lasciare un commento

Questo articolo non è stato ancora commentato, inserisci la prima recensione

Pagamento protetto
32 anni di esperienza
Soddisfatti
o rimborsati
Invio rapido
Consultazione offerta