0
it
US
WSM
223148619
Il carrello è vuoto
Menu
Dolori dell’endometriosi

Endometriosi: quali integratori alimentari assumere?

Estenuante e psicologicamente sfiancante, l’endometriosi colpisce il 10% delle donne in età fertile. Scopri quali sono gli integratori alimentari da privilegiare per aiutarti a convivere meglio con questa malattia.

Promemoria: che cos’è l’endometriosi?

L’endometriosi è una patologia ginecologica frequente che colpisce 1 donna su 10 prima della menopausa. È caratterizzata dalla migrazione di cellule dell’endometrio (la mucosa che riveste l’interno del corpo dell’utero) al di fuori della cavità uterina, che si sviluppano poi sotto forma di lesioni benigne o aderenze (1) che possono comparire nelle tube, nelle ovaie, ma anche nella vescica o nel retto.

Poiché sono costituite da tessuto endometriale, le lesioni rispondono alle variazioni dei livelli ormonali durante il ciclo mestruale, pertanto crescono, sanguinano e sviluppano tessuto fibroso, più o meno come accade per la mucosa uterina. Questo spiega, in particolare, i forti dolori provati durante le mestruazioni.

In alcune donne, la malattia rimane asintomatica. In altre, invece, il dolore pelvico ricorrente e acuto, specialmente durante le mestruazioni, è un sintomo determinante (2). Talvolta, nel corso del tempo, l’infiammazione si cronicizza a causa della retrazione dei tessuti e di una sensibilità neurologica sempre maggiore.

A seconda della localizzazione delle cellule endometriali, possono manifestarsi anche dispareunia (dolore durante i rapporti sessuali), difficoltà o necessità frequente di urinare, oppure dolore durante la defecazione (3). Infine, tra il 30% e il 50% delle donne affette da endometriosi sarebbe infertile (4).

Quali sono i trattamenti medici per l’endometriosi?

Quando la paziente non lamenta sintomi o disturbi funzionali, di solito non viene proposto alcun trattamento. In caso contrario, vengono generalmente prese in considerazione diverse strategie terapeutiche.

Al fine di ridurre il dolore, vengono proposti trattamenti ormonali (contraccettivi estroprogestinici, progestinici, analoghi della gonadoliberina...), che determinando l’arresto delle mestruazioni (amenorrea) riescono normalmente a stabilizzare le lesioni o addirittura a farle regredire. Tuttavia, queste non scompariranno del tutto. Possono essere prescritti anche farmaci analgesici più o meno potenti (paracetamolo, FANS, antiepilettici, antidepressivi...) a seconda dell’intensità dello stimolo doloroso (5).

Si noti che la neurostimolazione, il cui scopo è modulare i messaggi nervosi inviati al cervello tramite impulsi elettrici controllati, spesso dà buoni risultati sul dolore pelvico neuropatico (6).

Per le donne che desiderano avere figli o che non traggono beneficio dal primo approccio terapeutico, la chirurgia è l’ultima risorsa, con l’obiettivo di rimuovere o distruggere (mediante coagulazione o vaporizzazione laser) le lesioni incriminate. Si tratta tuttavia di un’operazione complessa, soprattutto in caso di endometriosi disseminata, che richiede una buona valutazione preventiva del rapporto rischio-beneficio (7).

Endometriosi: quali integratori alimentari assumere?

Come accennato in precedenza, non esiste un integratore alimentare in grado di curare l’endometriosi. Alcune sostanze possono tuttavia integrare i trattamenti convenzionali fornendo un sostegno fisico o mentale alle donne che ne soffrono. Prima di iniziare ad assumere qualsiasi integratore, consulta il medico che ti consiglierà quelli più adatti alla tua condizione.

Tra i composti naturali più frequentemente citati in letteratura troviamo la curcuma. Questa spezia, regina della medicina ayurvedica, interviene nella gestione della risposta infiammatoria e ha proprietà antiossidanti, una virtù che deve principalmente alla sua ricchezza di curcumina (8). Al momento, gli scienziati stanno cercando di capire come agisce sulla produzione di estrogeni e i suoi effetti sull’invasione, l’adesione e l’angiogenesi dei tessuti da parte delle cellule endometriosiche (9-10).

Sintetizzata principalmente tramite l’esposizione al sole, la vitamina D svolge un ruolo nel processo di divisione cellulare e partecipa al normale funzionamento del sistema immunitario (11-12). È inoltre dimostrato che le ovaie e l’endometrio ospitano dei recettori della vitamina D e diversi enzimi coinvolti nel suo metabolismo. Questa vitamina potrebbe quindi agire in un ambiente immunologico specifico della regione uterina, mediando tra l’altro il rapporto tra citochine antinfiammatorie e proinfiammatorie (13).

Un maggiore apporto di acidi grassi omega 3, in particolare di EPA e DHA di origine marina, presenterebbe anche dei benefici compensando il consumo eccessivo di omega 6. Infatti, l’acido arachidonico, una forma particolare di omega 6, fungerebbe da substrato per la sintesi delle prostaglandine (PGE2) e dei leucotrieni (LTB4), possibilmente implicati nei dolori pelvici legati all’endometriosi (14).

Un altro studio evidenzia che le tube di Falloppio delle donne affette da endometriosi si contrarrebbero in modo più spasmodico e irregolare (15). Questo fenomeno potrebbe aggravare la mestruazione retrograda (risalita dei flussi sanguigni verso le tube), un’anomalia riscontrata costantemente in questa patologia. Inoltre, non è raro che l’endometriosi sia accompagnata da un’intensa stanchezza psicologica a causa del carattere cronico della malattia (16). Pur in mancanza di studi sull’argomento, un’integrazione di magnesio, che contribuisce al normale funzionamento sia dei muscoli che del sistema nervoso, potrebbe rivelarsi salutare (17-18).

Alcune forme di endometriosi si associano a disbiosi, ossia a uno squilibrio della flora intestinale in cui i batteri cattivi prendono il sopravvento su quelli buoni (19). Questo disturbo può influenzare la sfera immunitaria e favorire l’impianto anomalo delle cellule uterine in regioni dove non sono normalmente tollerate. Disseminando il tratto intestinale di microrganismi “amici”, i probiotici contribuiscono all’equilibrio del microbiota intestinale. Nel caso dell’endometriosi, alcuni ceppi specifici, come il Lactobacillus gasseri, sono studiati più nello specifico (20).

Si noti che alcune piante utilizzate per migliorare il comfort mestruale, come l’agnocasto, sono talvolta raccomandate per le donne con endometriosi (21) e, tuttavia, possono alterare in profondità il sistema ormonale influenzando direttamente i livelli di prolattina e progesterone. Pertanto, si consiglia vivamente di utilizzarli solo sotto controllo medico.

Oltre agli integratori alimentari, si possono esplorare altre possibilità nel campo delle medicine dolci o alternative. Lo yoga, la sofrologia, il rilassamento, l’agopuntura o l’osteopatia forniscono strumenti preziosi per meglio comprendere e gestire il dolore quotidiano e migliorare la qualità della vita (22). Anche l’aspetto nutrizionale, con un’alimentazione antinfiammatoria ricca di frutta, verdura e antiossidanti, meriterebbe di essere più considerato (23).

IL CONSIGLIO DI SUPERSMART

##TPL_ARTICOLI:0082,0597,0384,0573,0646##

Bibliografia

  1. Tsamantioti ES, Mahdy H. Endometriosis. [Updated 2022 Sep 6]. In: StatPearls [Internet]. Treasure Island (FL): StatPearls Publishing; 2022 Jan-. Available from: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK567777/
  2. Alimi Y, Iwanaga J, Loukas M, Tubbs RS. The Clinical Anatomy of Endometriosis: A Review. 2018 Sep 25;10(9):e3361. doi: 10.7759/cureus.3361. PMID: 30510871; PMCID: PMC6257623.
  3. Parasar P, Ozcan P, Terry KL. Endometriosis: Epidemiology, Diagnosis and Clinical Management. Curr Obstet Gynecol Rep. 2017 Mar;6(1):34-41. doi: 10.1007/s13669-017-0187-1. Epub 2017 Jan 27. PMID: 29276652; PMCID: PMC5737931.
  4. Smolarz B, Szyłło K, Romanowicz H. Endometriosis: Epidemiology, Classification, Pathogenesis, Treatment and Genetics (Review of Literature). Int J Mol Sci. 2021 Sep 29;22(19):10554. doi: 10.3390/ijms221910554. PMID: 34638893; PMCID: PMC8508982.
  5. Parasar P, Ozcan P, Terry KL. Endometriosis: Epidemiology, Diagnosis and Clinical Management. Curr Obstet Gynecol Rep. 2017 Mar;6(1):34-41. doi: 10.1007/s13669-017-0187-1. Epub 2017 Jan 27. PMID: 29276652; PMCID: PMC5737931.
  6. Zhang ZY, Wang J, Fan YL, Wang BY, Zhang WT. Effectiveness of neuromuscular electrical stimulation for endometriosis-related pain: A protocol of systematic review and meta-analysis. Medicine (Baltimore). 2020 Jun 19;99(25):e20483. doi: 10.1097/MD.0000000000020483. PMID: 32569169; PMCID: PMC7310956.
  7. Zanelotti A, Decherney AH. Surgery and Endometriosis. Clin Obstet Gynecol. 2017 Sep;60(3):477-484. doi: 10.1097/GRF.0000000000000291. PMID: 28742580; PMCID: PMC5635831.
  8. Hewlings SJ, Kalman DS. Curcumin: A Review of Its Effects on Human Health. 2017 Oct 22;6(10):92. doi: 10.3390/foods6100092. PMID: 29065496; PMCID: PMC5664031.
  9. Zhang Y, Cao H, Yu Z, et al. Curcumin inhibits endometriosis endometrial cells by reducing estradiol production. Iran J Reprod Med. 2013 May;11(5):415–22.
  10. Zhang Y, Cao H, Hu YY, et al. Inhibitory effect of curcumin on angiogenesis in ectopic endometrium of rats with experimental endometriosis. Int J Mol Med. 2011 Jan;27(1):87–94.
  11. Samuel S, Sitrin MD. Vitamin D's role in cell proliferation and differentiation. Nutr Rev. 2008 Oct;66(10 Suppl 2):S116-24. doi: 10.1111/j.1753-4887.2008.00094.x. PMID: 18844838.
  12. Aranow C. Vitamin D and the immune system. J Investig Med. 2011 Aug;59(6):881-6. doi: 10.2310/JIM.0b013e31821b8755. PMID: 21527855; PMCID: PMC3166406.
  13. Almassinokiani F, Khodaverdi S, Solaymani-Dodaran M, et al. Effects of Vitamin D on Endometriosis-Related Pain: A Double-Blind Clinical Trial. Med Sci Monit. 2016 Dec 17;22:4960–4966.
  14. James MJ, Gibson RA, Cleland LG. Dietary polyunsaturated fatty acids and inflammatory mediator production. Am J Clin Nutr. 2000 Jan;(71(1 Suppl)):343s–8s.
  15. Mathias JR, Franklin R, Quast DC, et al. Relation of endometriosis and neuromuscular disease of the gastrointestinal tract: new insights. Fertil Steril. 1998 Jul;70(1):81–8.
  16. Ramin-Wright A, Schwartz ASK, Geraedts K, Rauchfuss M, Wölfler MM, Haeberlin F, von Orelli S, Eberhard M, Imthurn B, Imesch P, Fink D, Leeners B. Fatigue - a symptom in endometriosis. Hum Reprod. 2018 Aug 1;33(8):1459-1465. doi: 10.1093/humrep/dey115. PMID: 29947766.
  17. Harris HR, Chavarro JE, Malspeis S, et al. Dairy-food, calcium, magnesium, and vitamin D intake and endometriosis: a prospective cohort study. Am J Epidemiol. 2013 Mar 1;177(5):420–30.
  18. Hoşgörler F, Kızıldağ S, Ateş M, et al. The Chronic Use of Magnesium Decreases VEGF Levels in the Uterine Tissue in Rats. Biol Trace Elem Res. 2020 Aug;196(2):545–551.
  19. Molina NM, Sola-Leyva A, Saez-Lara MJ, et al. New Opportunities for Endometrial Health by Modifying Uterine Microbial Composition: Present or Future?
  20. Itoh H, Sashihara T, Hosono A, Kaminogawa S, Uchida M. Lactobacillus gasseri OLL2809 inhibits development of ectopic endometrial cell in peritoneal cavity via activation of NK cells in a murine endometriosis model. 2011 Mar;63(2):205-10. doi: 10.1007/s10616-011-9343-z. Epub 2011 Mar 16. PMID: 21409454; PMCID: PMC3080482.
  21. Bischoff-Kont I, Brabenec L, Ingelfinger R, Nausch B, Fürst R. BNO 1095, a Standardized Dry Extract from the Fruits of Vitex agnus-castus, Impairs Angiogenesis-related Endothelial Cell Functions In Vitro. Planta Med. 2021 Jul;87(8):611-619. doi: 10.1055/a-1351-1038. Epub 2021 Feb 2. PMID: 33530113; PMCID: PMC8277439.
  22. Ravins I, Joseph G, Tene L. The Effect of Practicing "Endometriosis Yoga" on Stress and Quality of Life for Women with Endometriosis: AB Design Pilot Study. Altern Ther Health Med. 2022 Jul 15:AT7514. Epub ahead of print. PMID: 35839113.
  23. Helbig M, Vesper AS, Beyer I, Fehm T. Does Nutrition Affect Endometriosis? Geburtshilfe Frauenheilkd. 2021 Feb;81(2):191-199. doi: 10.1055/a-1207-0557. Epub 2021 Feb 8. PMID: 33574623; PMCID: PMC7870287.

Commenti

Devi accedere al tuo conto per poter lasciare un commento

Questo articolo non è stato ancora commentato, inserisci la prima recensione

Pagamento protetto
32 anni di esperienza
Soddisfatti
o rimborsati
Invio rapido
Consultazione offerta