0
pt
US
SuperSmartSuper-nutrition Blog
X
× SuperSmart Informar-se por pergunta de saúde Artigos novos Artigos populares Visitar a nossa loja A minha conta Smart Prescription Blog Programa de fidelização Idioma: Português
Coração e Circulação sanguínea Dossiers

3 soluções eficazes para reduzir o seu risco de AVC

Gli ictus non colpiscono proprio "alla cieca": alcuni studi hanno mostrato che alcune semplici misure alimentari possono ridurre il rischio dell'80%.
Rédaction Supersmart.
2019-10-07Commentaires (0)

Se qualcuno dei tuoi familiari ha già avuto un ictus, allora sai che è probabilmente uno dei peggiori incidenti che possono accadere nel corso della vita. Solo una persona su dieci recupera completamente le proprie capacità fisiche e mentali: le altre conservano conseguenze invalidanti per tutta la vita e quasi il 40% ne muore nel giro di pochi mesi.

La cosa più difficile è che nulla lascia mai presagire una tragedia del genere. Il processo è improvviso. Imprevedibile. Un bel giorno, una placca di natura lipidica si stacca dalla parete di un vaso sanguigno e si lascia trasportare dal flusso sanguigno. Continua il percorso tranquillamente fino a quando si ritrova finalmente intrappolata dal restringimento dell'arteria. È in quel momento che tutto cambia: l'ostruzione del vaso da parte della placca interromperà bruscamente la circolazione sanguigna e priverà di ossigeno le migliaia di cellule nervose che letteralmente dipendevano da questa arteria per sopravvivere.

Se non si fa nulla nelle ore successive, i neuroni moriranno asfissiati, rimuovendo intere sezioni di circuiti neuronali responsabili di funzioni complesse come la sensibilità tattile, la parola, l'equilibrio... Se i danni non sono troppo significativi e la vittima è ancora giovane, i circuiti neuronali potranno essere ricostruiti grazie alla plasticità neuronale, ma ci vorrà del tempo. Altrimenti, come accade più frequentemente, niente sarà più come prima.

Le conseguenze di questo incidente sono sufficienti per far gelare il sangue e non c'è dunque da stupirsi che la maggior parte delle persone non vogliano sentirne parlare: sperano segretamente e silenziosamente che la scamperanno. Ma rifiutandosi di affrontare la realtà, si espongono a un rischio aggiuntivo inutile e pericoloso. Gli ictus non colpiscono proprio "alla cieca": alcuni studi hanno mostrato che alcune semplici misure alimentari possono ridurre il rischio dell'80%.

I 3 fattori alimentari che riducono il rischio

Esistono numerosi fattori di rischio per l'ictus che già conosci, come l'inattività fisica, l'ipertensione o il diabete di tipo 2. Ma che dire dei fattori che influenzano positivamente il rischio? Ve ne sono almeno 3 che sono facili da adottare e che presentano, inoltre, un grande interesse per molte altre patologie. Negli ultimi 30 anni i ricercatori hanno esaminato quasi 400 studi per identificare il tipo di alimentazione che contribuisce meglio a prevenire l'ictus (4). Sono state identificate tre misure principali per ridurre il rischio di ictus di almeno l'80%.

Degli elevati apporti di potassio

Questa è certamente la misura principale da adottare per lottare contro l'ictus. Nel 2017, alcuni ricercatori dell'Università di Birmingham hanno mostrato per la prima volta come dei bassi apporti di potassio favorissero la rigidità delle arterie e soprattutto come l'aumento di tali apporti permettesse di contrastare il fenomeno della calcificazione (5). Il potassio si trova in quasi tutti i tipi di frutta e verdura, e purtroppo, il drastico calo del consumo di questi alimenti spiega senza dubbio la rapida progressione dell'ictus... Mentre il fabbisogno di potassio è stimato a 4.700 mg al giorno, nelle nostre società occidentali gli apporti raggiungerebbero faticosamente i 2.300 mg per le donne e i 3.100 mg per gli uomini (6).

Gli alimenti ricchi di potassio : tutti i tipi di frutta, verdura e legumi, soprattutto i fagioli bianchi, le zucche, gli spinaci e le banane.

L'integratore di potassio : Potassium Bicarbonate (ufficialmente riconosciuto per l'ottimizzazione e il mantenimento della pressione sanguigna (7))

Un'alimentazione ricca di magnesio

Questa è la seconda scoperta dei ricercatori che hanno effettuato la meta-analisi: coloro il cui consumo di magnesio è elevato hanno meno probabilità di essere colpiti da un ictus. È un minerale essenziale per il corretto funzionamento dell'organismo e vitale per la funzione cardiaca: partecipa direttamente al metabolismo dei lipidi e interviene a livello della pressione arteriosa, due dei meccanismi coinvolti nell'ictus. È la sua azione dilatoria sui vasi che sarebbe la più decisiva per ridurre il rischio.

Gli alimenti ricchi di potassio : in generale, i legumi, i semi e le noci e in modo particolare i semi di soia, le mandorle, gli spinaci e il cioccolato.

Gli integratori di magnesio : OptiMag (che contiene 8 diverse forme di magnesio) da assumere durante i pasti.

Degli integratori di vitamina B9

Una meta-analisi più recente e specificamente dedicata all'ictus e ai disturbi cardiovascolari ha mostrato che gli integratori di vitamina B9 (noti anche come folati) riducono il rischio di ictus di circa il 20-70%. Questa non è in realtà una sorpresa: gli integratori di vitamina B9 (folato) come SuperFolate erano già stati ufficialmente riconosciuti per la loro ottimizzazione della formazione dei globuli rossi (8). Si trovano anche nella carne e negli ortaggi, ma la cottura, la conservazione e il congelamento ne riducono drasticamente il contenuto.

Referências

  1. Sacco RL, Wolf PA, Gorelick PB. Risk factors and their management for stroke prevention: outlook for 1999 and beyond. Neurology 1999; 53 : S15–24.
  2. Ding EL, Mozaffarian D. Optimal dietary habits for the prevention of stroke. Semin Neurol. 2006 Feb;26(1):11-23. Review.
  3. Yong Sun, Chang Hyun Byon, Youfeng Yang, Wayne E. Bradley, Louis J. Dell’Italia, Paul W. Sanders, Anupam Agarwal, Hui Wu, Yabing Chen. Dietary potassium regulates vascular calcification and arterial stiffness. JCI Insight, 2017; 2 (19) DOI: 10.1172/jci.insight.94920
  4. Hajjar IM, Grim CE, et al. Impact of diet on blood pressure and age-related changes in blood pressure in the US population: analysis of NHANES III. Arch Intern Med. 2001;161(4):589-593.
  5. EFSA Opinion 2010;8(2):1469
  6. Sabatier M., Arnaud M.J., Kastenmayer P., Rytz A., Barclay D.V. Meal effect on magnesium bioavailability from mineral water in healthy women. Am. J. Clin. Nutr. 2002;75:65–71.
  7. Tian, T., Yang, K.-Q., Cui, J.-G., Zhou, L.-L., & Zhou, X.-L. (2017). Folic Acid Supplementation for Stroke Prevention in Patients With Cardiovascular Disease. The American Journal of the Medical Sciences, 354(4), 379–387. doi:10.1016/j.amjms.2017.05.020


Se gostou, partilhe

Commentaires

Deve estar ligado à sua conta para poder deixar um comentário
Este artigo ainda não foi recomendado; seja o primeiro a dar a sua opinião
A nossa seleção de artigos

Estes produtos devem interessar-lhe

Super Omega 3 - 500 mgSuper Omega 3 - 500 mg

EPA e DHA: um produto o mais natural, puro, potente e estável do mercado

25.00 €(27.86 US$)
+
Novo
Arctic Plankton OilArctic Plankton Oil

O óleo de Calanus, o tesouro nutricional do Ártico para potenciar a saúde do coração e lutar contra a inflamação.

42.00 €(46.80 US$)
+
Lactobacillus reuteriLactobacillus reuteri

Um probiótico de nova geração ao serviço da saúde cardiovascular

21.00 €(23.40 US$)
+
Coenzyme Q10 30 mgCoenzyme Q10 30 mg

Em base lipídica: biodisponibilidade triplicada !

34.00 €(37.89 US$)
+
Celery3nb™ 75 mgCelery3nb™ 75 mg

Uma arma natural e eficaz para controlar a hipertensão.

33.00 €(36.78 US$)
+
Triple ProtectTriple Protect

Prevenir o imprevisível no plano cardiovascular

69.00 €(76.89 US$)
+
Cardio BoosterCardio Booster

Protecção e reforço multiformes da saúde cardiovascular

34.00 €(37.89 US$)
+
Ubiquinol™ 100 mgUbiquinol™ 100 mg

Forma mais activa e biodisponível da CoQ10

73.00 €(81.35 US$)
+
© 1997-2019 Supersmart.com® - Reservados todos os direitos de reprodução
© 1997-2019 Supersmart.com®
Reservados todos os direitos de reprodução
Nortonx
secure