0
it
US
X
× SuperSmart Informarsi per problema di salute Nuovi articoli Articoli popolari
Visita il nostro negozio Il mio conto Smart Prescription Blog Programma di fidelizzazione Lingua: Italiano
Digestione e comfort oro-gastrointestinale Guide e tutorial

Sono intollerante (o ipersensibile) al glutine?

Sei intollerante o ipersensibile al glutine? Distingui finalmente il vero dal falso leggendo il nostro dossier completo sull'argomento.
Persona ipersensibile al glutine che rifiuta il pane
Se scopri di essere intollerante o ipersensibile al glutine dovresti, in particolare, smettere di mangiare il pane comune.
Rédaction Supersmart.
2022-01-18Commenti (0)

E comunque, che cos'è il glutine?

No, il glutine non esiste allo stato di composto naturale nei cereali! La parola "glutine" (dal latino glutinium ossia "colla") descrive effettivamente la rete elastica che si forma durante l'idratazione di alcune farine. Apprezzato nei panifici, è inseparabile dal processo di panificazione, poiché favorisce la lievitazione dell'impasto.

Da un punto di vista molecolare, il glutine è costituito principalmente da due grandi famiglie di proteine dei cereali: le prolamine e le glutenine. Questo spiega perché, per metonimia, il termine oggi designa direttamente queste particolari frazioni proteiche presenti in alcuni cereali.

Un espediente mnemonico per ricordare quali cereali contengono glutine? Pensa a SOFFAK: segale, orzo, frumento, farro, avena e kamut.

Intolleranza al glutine: che cos'è?

In alcune persone, il consumo di glutine innesca una reazione autoimmune nei confronti della parete dell'intestino tenue che viene chiamataintolleranza al glutine o malattia celiaca(1). Sottoposte a un'infiammazione prolungata, le pieghe intestinali (villi) si atrofizzano eccessivamente e faticano ad assorbire in modo corretto i vari nutrienti.

Se non riconosciuta, questa patologia può portare a complicazioni più gravi, come carenze di vitamine e minerali, demineralizzazione ossea o persino sviluppo di tumori.

Quali sono i sintomi della celiachia?

Si pensa che la celiachia, geneticamente determinata, colpisca circa l'1% della popolazione mondiale, ma non viene diagnosticata sistematicamente. In effetti, i sintomi di questa malattia sono talvolta discreti e variano in modo significativo da un individuo all'altro (2). Tuttavia, la combinazione delle seguenti manifestazioni dovrebbe rappresentare un campanello d'allarme:

Come si conferma la diagnosi di intolleranza al glutine?

Se pensi di avere un'intolleranza al glutine, parlane prima con il tuo medico, che ti prescriverà un esame del sangue per rilevare la presenza di anticorpi nei confronti delle proteine del glutine (IgA anti-transglutaminasi). Se il risultato è positivo, verrà eseguita una biopsia dell'intestino tenue per valutare le condizioni della mucosa intestinale.

Intendi iniziare una dieta senza glutine di tua iniziativa? Non è una buona idea, almeno senza aver eseguito prima il test, giacché rischi di compromettere i risultati dell'analisi biologica.

Esiste una cura per l'intolleranza al glutine?

Attualmente non esiste un trattamento in grado di curare la celiachia. L'unico modo efficace per moderarla è seguire una dieta priva di glutine per tutta la vita.

Si tratta di un regime piuttosto restrittivo, che impone di rivedere in maniera sostanziale la propria alimentazione identificando non solo i prodotti a base di glutine, ma anche quelli che potrebbero aver subito una contaminazione crociata durante la filiera produttiva.

In Italia, l'AIC (Associazione Italiana Celiachia) semplifica la spesa ai celiaci grazie al simbolo Spiga Barrata. Vera garanzia di affidabilità, assicura l'assenza di glutine nei prodotti contrassegnati (contenuto residuo inferiore a 20 mg/kg) e uno scrupoloso controllo dei siti produttivi.

Il profilo della dieta senza glutine

Hai appena scoperto di avere la celiachia? Niente paura, esistono molti cereali naturalmente privi di glutine da provare per sostituire i tradizionali SOFFAK.

I più comuni, ossia riso e mais, non dovrebbero allontanarti troppo dalle tue abitudini alimentari. I più esotici, ossia quinoa, grano saraceno, miglio,amaranto o teff meritano di essere scoperti per il bellissimo profilo nutrizionale (3). Per non parlare dei legumi che sono assolutamente idonei!

E che dire del piccolo farro, spesso elogiato per la sua buona tolleranza? Se il suo contenuto di glutine è davvero basso, non è tuttavia nullo: pertanto, è da da evitare in caso di intolleranza.

Se le materie prime sono facilmente evitabili, la trappola sta soprattutto nei piatti pronti, i re del glutine nascosto. Quindi sì, dovrai leggere le (noiose) diciture a caratteri piccoli della composizione nutrizionale. Tra l'altro, ricordiamo le parole "amido di frumento" o "sciroppo di frumento" che possono comparire sulle confezioni di alcuni biscotti, lieviti chimici o dadi per brodo. Un altro falso amico: la salsa di soia, che prevede la fermentazione del grano.

Nota: la quasi totalità dei nostri integratori alimentari è compatibile con una dieta senza glutine. Per verificarlo, dai un'occhiata ai loghi presenti sotto le foto dei nostri prodotti!

Ipersensibilità al glutine: quali sono le differenze?

In caso di ipersensibilità al glutine, non si osserva alcuna reazione immunitaria o infiammatoria. In particolare, sono assenti gli anticorpi anti-transglutaminasi. Tuttavia, i vari disturbi digestivi o reumatici associati sono comunque presenti e cessano rapidamente dopo l'eliminazione del glutine (6). Un mistero ancora irrisolto per la scienza, ma che tuttavia interesserebbe il 13% degli occidentali. Se soffri di simili disturbi legati al glutine, senza che ti venga diagnosticata un'intolleranza, puoi desumere di essere ipersensibile al glutine. Ancora una volta, non esitare a parlarne con il tuo medico.

A differenza dei celiaci, chi è ipersensibile al glutine non deve per forza seguire una dieta rigorosamente priva di glutine. Limitare o eliminare le principali fonti di glutine (come pane e pasta) porta già sollievo nella maggior parte dei casi.

Per i pazienti non celiaci che hanno difficoltà a digerire frumento e cereali simili, alcuni naturopati consigliano l'assunzione di enzimi capaci di degradare le proteine del glutine, come endopeptidasi ed esopeptidasi (ad esempio con Glutalytic®, integratore avanzato supportato da studi clinici) (7-8) . Una gradita spinta per regalarsi (comunque) una serata in pizzeria con gli amici!

Bibliografia

  1. Parzanese I, Qehajaj D, Patrinicola F, et al. Celiac disease: From pathophysiology to treatment. World J Gastrointest Pathophysiol. 2017;8(2):27-38. doi:10.4291/wjgp.v8.i2.27
  2. Schuppan D, Zimmer KP. The diagnosis and treatment of celiac disease. Dtsch Arztebl Int. 2013;110(49):835-846. doi:10.3238/arztebl.2013.0835
  3. Abugoch James LE. Quinoa (Chenopodium quinoa Willd.): composition, chemistry, nutritional, and functional properties. Adv Food Nutr Res. 2009;58:1-31. doi: 10.1016/S1043-4526(09)58001-1. PMID: 19878856.
  4. Caselato-Sousa VM, Amaya-Farfán J. State of knowledge on amaranth grain: a comprehensive review. J Food Sci. 2012 Apr;77(4):R93-104. doi: 10.1111/j.1750-3841.2012.02645.x. PMID: 22515252.
  5. Li L, Lietz G, Seal C. Buckwheat and CVD Risk Markers: A Systematic Review and Meta-Analysis. Nutrients. 2018;10(5):619. Published 2018 May 15. doi:10.3390/nu10050619
  6. Roszkowska A, Pawlicka M, Mroczek A, Bałabuszek K, Nieradko-Iwanicka B. Non-Celiac Gluten Sensitivity: A Review. Medicina (Kaunas). 2019;55(6):222. Published 2019 May 28. doi:10.3390/medicina55060222
  7. Kõiv V, Tenson T. Gluten-degrading bacteria: availability and applications. Appl Microbiol Biotechnol. 2021;105(8):3045-3059. doi:10.1007/s00253-021-11263-5
  8. Dunaevsky YE, Tereshchenkova VF, Belozersky MA, Filippova IY, Oppert B, Elpidina EN. Effective Degradation of Gluten and Its Fragments by Gluten-Specific Peptidases: A Review on Application for the Treatment of Patients with Gluten Sensitivity. Pharmaceutics. 2021;13(10):1603. Published 2021 Oct 2. doi:10.3390/pharmaceutics13101603
SharePinterest

Commenti

Devi accedere al tuo conto per poter lasciare un commento
Questo articolo non è stato ancora commentato, inserisci la prima recensione
La nostra selezione di articoli
Alimenti ricchi di probiotici e prebiotici
In quali alimenti si trovano probiotici e prebiotici?

Vuoi riempire il tuo piatto di probiotici e prebiotici? In questo articolo scopriamo quali alimenti ne sono ricchi.

Uomo seduto che soffre di flatulenza eccessiva
Come liberarsi dai gas intestinali in modo naturale?

Una persona normale emette peti circa 14 volte al giorno. I gas intestinali sono prodotti normali della digestione, che possono diventare problematici se sono troppo numerosi, maleodoranti o se creano gonfiore. Come eliminarli?

Dieta FODMAP con vari alimenti
Dieta a basso contenuto di FODMAP: alimenti consigliati e alimenti vietati

La sindrome dell'intestino irritabile (SII) è un disturbo intestinale molto comune. Una dieta povera di zuccheri fermentescibili, detti FODMAP, aiuta ad alleviarne i sintomi. Scopri gli alimenti da privilegiare e quelli da evitare.

I probiotici nel microbiota intestinale
Probiotici: si possono assumere in modo continuativo?

I probiotici si possono assumere in modo continuativo o è meglio sospenderne l'assunzione con regolarità? Scopri i nostri consigli su questo argomento.

Abbinamenti di cibo su forchette
Le buone combinazioni alimentari: principi e tipologie di menù

Come abbinare gli alimenti per digerirli meglio e trarre il massimo beneficio dai loro nutrienti? Segui questi consigli tratti dalla naturopatia, con le nostre spiegazioni e le tipologie di menù.

Alimenti ricchi di fibre
Fibre: la loro funzione nell’organismo, gli alimenti e gli integratori alimentari consigliati

Lungi dall'essere una delle tante mode alimentari oggi in voga, l'invito a mangiare più fibre proviene dalle recenti scoperte scientifiche sulla loro importanza per la nostra salute. Scopri perché e come aumentare il tuo apporto di fibre alimentari.

Questi prodotti dovrebbero interessarti

Probio ForteProbio Forte

Mix di probiotici ; 8 miliardi di microrganismi per capsula In DR Caps™ gastroresistenti per un'efficienza ottimale

33.00 €(34.84 US$)
+
H. Pylori FightH. Pylori Fight

Il trattamento naturale contro l' Helicobacter pylori

33.00 €(34.84 US$)
+
Digestive EnzymesDigestive Enzymes

Formulazione digestiva pluripotente a spettro completo. Ora in DR caps™ gastro-resistenti.

34.00 €(35.89 US$)
+
Anti-Acid Reflux FormulaAnti-Acid Reflux Formula

La combinazione naturale essenziale contro il reflusso

39.00 €(41.17 US$)
+
Lactobacillus rhamnosus GGLactobacillus rhamnosus GG

Contribuisce naturalmente al mantenimento della flora intestinale e della flora vaginale.

25.00 €(26.39 US$)
+
FlavoFightFlavoFight

Dei flavobiotici per migliorare la flora e l'immunità intestinali

39.00 €(41.17 US$)
+
Zinc L-carnosineZinc L-carnosine

Complesso brevettato zinco-carnosina, protegge lo stomaco dalle agressioni multiple

28.00 €(29.56 US$)
+
Mastic GumMastic Gum

Calma i dolori di stomaco e aiuta a controllare H.Pylori

37.00 €(39.06 US$)
+
© 1997-2022 Supersmart.com® - Tutti i diritti di riproduzione riservati
© 1997-2022 Supersmart.com®
Tutti i diritti di riproduzione riservati
Nortonx
secure
Warning
ok