0
it
US
WSM
222886779
Il carrello è vuoto
Menu
Ritenzione idrica a livello dell’addome

Come ridurre la ritenzione idrica a livello dell’addome?

La ritenzione idrica è un disturbo comune che si manifesta con un eccessivo accumulo di liquidi nei tessuti. Scopriamo come ridurre la ritenzione idrica a livello dell’addome.

Edemi e ritenzione idrica

Un edema, spesso definito come ritenzione idrica, è un gonfiore dei tessuti molli dovuto a un aumento del liquido interstiziale.

Seppure questo liquido sia essenzialmente e perlopiù composto da acqua, può anche contenere proteine e altri liquidi ricchi di cellule, soprattutto in caso di ostruzione linfatica.

Ritenzione idrica addominale: sintomi e cause

La ritenzione idrica si manifesta principalmente nella parte inferiore del corpo. Si tratta di un problema che molte donne conoscono: gambe pesanti, piedi e caviglie gonfie, ecc. (questi sintomi possono essere simili a quelli dell'insufficienza venosa, ma quest'ultima è dovuta a meccanismi diversi).

La ritenzione idrica a livello addominale è spesso caratterizzata da gonfiore o distensione addominale, talvolta accompagnata da un rapido aumento di peso, una sensazione di pesantezza e una pelle tesa o lucida sull'addome.

Le cause frequenti di questa ritenzione includono:

  • Squilibri ormonali, particolarmente nelle donne durante il ciclo mestruale, la gravidanza o la menopausa;
  • Un'alimentazione troppo ricca di sodio;
  • Un consumo eccessivo di alcol che colpisce il fegato;
  • Disturbi renali, cardiaci o epatici;
  • O alcuni farmaci (corticosteroidi, farmaci ipotensivi, ecc.)

Si prega di notare che l'ascite si riferisce specificamente all'accumulo di liquido nella cavità peritoneale. È spesso legata a gravi problemi epatici.

In caso di gonfiore addominale persistente o altri sintomi preoccupanti, è fondamentale consultare un medico per una diagnosi accurata e un trattamento adeguato (1-3).

Metodi per ridurre la ritenzione idrica a livello dell’addome

Dieta e ritenzione idrica

Le persone che soffrono di ritenzione idrica a causa della ritenzione di sodio possono beneficiare di una dieta priva o povera di sale. I medici possono episodicamente prescrivere una dieta con sale di potassio come sostituto del sodio (4).

Naturalmente, in caso di ritenzione idrica addominale, è anche opportuno interrompere il consumo di alcol, per consentire al fegato di rigenerarsi.

Inoltre, alcuni alimenti e bevande, come il sedano (5), il cetriolo e il tè verde, sono tradizionalmente noti per le loro proprietà diuretiche e possono favorire l’eliminazione dei liquidi in eccesso.

Attività fisica e ritenzione idrica

L’esercizio fisico regolare stimola la circolazione sanguigna e il sistema linfatico, contribuendo così a ridurre la ritenzione idrica. Attività come camminare, nuotare o praticare yoga possono essere benefiche.

La sedentarietà provoca una fragilità del sistema cardiovascolare e favorisce il sovrappeso, con conseguente circolo vizioso. Un’attività fisica, anche leggera, di 30 minuti al giorno, può essere sufficiente per ridurre rapidamente i liquidi in eccesso.

Gestione dello stress

Lo stress cronico può influenzare i livelli ormonali e favorire la ritenzione idrica. Tecniche di gestione dello stress, come la meditazione o lo yoga, possono aiutare a ridurre i sintomi della ritenzione idrica.

Trattamenti farmacologici

In alcuni casi, quando la ritenzione idrica è grave o correlata a una condizione medica sottostante, possono essere prescritti dei farmaci diuretici. È importante consultare un professionista sanitario prima di assumere dei farmaci per la ritenzione idrica, in quanto possono avere effetti collaterali.

Rimedi naturali e rimedi della nonna

Alcuni metodi naturali possono essere utilizzati per ridurre la ritenzione idrica a livello dell’addome. Tra i rimedi popolari della nonna troviamo il consumo di succo di mirtillo (6), l’infuso di foglie di tarassaco o di carciofo e l’applicazione di impacchi di acqua fredda sulla zona addominale.

Carvi, regina dei prati, fico d’India, uva, finocchio, tarassaco, ecc.: le farmacopee tradizionali di tutto il mondo contengono molte piante medicinali oggi ampiamente utilizzate dai naturopati e riconosciute dalla medicina convenzionale.

Così, la troxerutina, un flavonoide estratto dalla sofora del Giappone, è un venotonico e vasculoprotettore riconosciuto utilizzato nella preparazione di diversi farmaci prescritti contro le insufficienze veno-linfatiche (7).

Diversi studi clinici suggeriscono che la betalaina, un pigmento del fico d’India, aumentia la diuresi (la quantità di urina eliminata in un dato periodo di tempo) e riduca i problemi di ritenzione idrica negli arti inferiori (8).

Il carvi, il tarassaco, la regina dei prati, ecc. sono riconosciuti da anni come diuretici naturali, in quanto favoriscono la riduzione degli edemi. Molti dei composti citati si trovano in formule sinergiche su misura (come Water Retention Formula).

Ritenzione idrica di origine ormonale negli uomini

Sebbene la ritenzione idrica sia spesso associata alle donne, anche gli uomini possono soffrirne. Gli squilibri ormonali, come quelli legati al testosterone o alla tiroide, possono contribuire alla ritenzione idrica negli uomini. Si possono applicare gli stessi metodi di riduzione della ritenzione idrica, come l’adozione di uno stile di vita sano e la gestione dello stress.

La ritenzione idrica, a livello dell’addome o di qualsiasi altra parte del corpo, è quindi spesso il segnale di una patologia sottostante. Pertanto, se il problema persiste dopo aver provato dei metodi naturali o degli integratori alimentari specifici, si consiglia di consultare un professionista sanitario per eseguire una diagnosi.

IL CONSIGLIO DI SUPERSMART

##TPL_ARTICOLI: 0624##

Bibliografia

  1. EDWARDS, Sharon. The formation of oedema. Part 1: Pathophysiology, causes and types. Professional Nurse (London, England), 2003, vol. 19, no 1, p. 29-31.
  2. REYNOLDS, Telfer B. Ascites. Clinics in liver disease, 2000, vol. 4, no 1, p. 151-168.
  3. GINÈS, Pere, CÁRDENAS, Andrés, ARROYO, Vicente, et al.Management of cirrhosis and ascites. New England Journal of Medicine, 2004, vol. 350, no 16, p. 1646-1654.
  4. MOORE, Kevin P., WONG, Florence, GINES, Pere, et al.The management of ascites in cirrhosis: report on the consensus conference of the International Ascites Club. Hepatology, 2003, vol. 38, no 1, p. 258-266.
  5. LEWIS, David A., THARIB, Saleh M., et VEITCH, G. Bryan A. The anti-inflammatory activity of celery Apium graveolens L.(Fam. Umbelliferae). International Journal of Crude Drug Research, 1985, vol. 23, no 1, p. 27-32.
  6. SUJANA, K., SAI TEJASWINI, K., et SRILAKSHMI, S. Cranberry fruit: An update review. International Journal of Herbal Medicine, 2016, vol. 4, no 3, p. 5-8.
  7. SCHULLER‐PETROVIC, Sanja, WOLZT, Michael, BÖHLER, Kornelia, et al.Studies on the effect of short‐term oral dihydroergotamine and troxerutin in patients with varicose veins. Clinical Pharmacology & Therapeutics, 1994, vol. 56, no 4, p. 452-459.
  8. CHEOK, Alex, GEORGE, Trevor W., RODRIGUEZ-MATEOS, Ana, et al.The effects of betalain-rich cacti (dragon fruit and cactus pear) on endothelial and vascular function: A systematic review of animal and human studies. Food & function, 2020, vol. 11, no 8, p. 6807-6817.

Commenti

Devi accedere al tuo conto per poter lasciare un commento

Questo articolo non è stato ancora commentato, inserisci la prima recensione

Pagamento protetto
32 anni di esperienza
Soddisfatti
o rimborsati
Invio rapido
Consultazione offerta