0
it
US
WSM
222183359
Il carrello è vuoto
Menu
Problemi di memoria

Che cosa prendere per la memoria?

La memoria, vera e propria biblioteca dei ricordi, subisce un deterioramento con il tempo: può quindi diventare più difficile memorizzare le informazioni e restituirle. Quali composti permettono di sostenere efficacemente la memoria?

Memoria, plasticità sinaptica e declino con l’età

La memoria definisce la funzione cognitiva che consente a un individuo di registrare delle informazioni e ricordarle.

Memoria di lavoro, memoria semantica, memoria procedurale, memoria percettiva... Esistono molte forme di memoria complementari.

Bisogna anche sapere che non esiste un unico centro della memoria nel cervello. La memorizzazione coinvolge molte regioni cerebrali (ippocampo, corteccia prefrontale, ecc.) Funziona creando e rafforzando le connessioni sinaptiche tra i neuroni, attraverso segnali elettrici e biochimici. La plasticità sinaptica è il meccanismo attraverso il quale le connessioni neuronali vengono rafforzate o indebolite, in risposta all’esperienza.

Con l’età, la plasticità sinaptica diminuisce a causa della ridotta produzione di neurotrasmettitori, del declino dei recettori sinaptici o delle conseguenze dell’ossidazione, del danneggiamento del DNA e di altre forme di usura cellulare.

Come potenziare la memoria in modo efficace?

Per aumentare la memoria, è estremamente importante avere uno stile di vita sano: dormire bene, fare esercizio fisico, evitare lo stress e limitare l’assunzione di stimolanti, alcol e droghe, ecc. È anche molto importante sforzarsi di seguire una dieta varia e ricca di vari nutrienti.

Allenare regolarmente la memoria è un altro modo efficace per preservarla e un sistema eccellente è stimolare l’intelletto in modo ludico: giochi di parole (cruciverba), con i numeri (sudoku), giochi da tavolo, giochi per computer, meditazione, ecc. Le possibilità sono tante!

Quali nutrienti e integratori assumere per la memoria?

DHA: alleato indispensabile della salute del cervello e della memoria

Si consiglia spesso di puntare sugli omega-3 per sostenere la memoria... E non è un caso. Tra gli omega-3, è noto che il DHA contribuisce, in particolare, al mantenimento di una funzione cerebrale normale e quindi, tra le altre cose, delle capacità di memorizzazione.

Il DHA si assume in modo naturale consumando pesce grasso (salmone selvatico, sgombro, aringa, ecc.) e frutti di mare (ostriche, gamberetti, ecc.), nonché in quantità maggiori sotto forma di integratore alimentare (come Super DHA).

Il ruolo troppo spesso sconosciuto della fosfatidilserina nel cervello

La fosfatidilserina è un fosfolipide presente nelle membrane cellulari, in particolare nelle cellule cerebrali. È studiata per i suoi potenziali effetti sulla memoria.

Molti ricercatori ritengono che sarebbe in grado, più precisamente, di sostenere la fluidità delle membrane cellulari, favorendo il rilascio di neurotrasmettitori e combattendo lo stress ossidativo che danneggia il cervello.

La capacità dell’organismo di produrre fosfatidilserina diminuisce con l’età, ma questa può essere assunta sotto forma di integratore (come PS 100). Si noti che la combinazione di DHA e fosfatidilserina sembra offrire una sinergia particolarmente efficace, soprattutto per gli anziani.

Ginkgo biloba: un potente supporto naturale alla memoria

Il Ginkgo biloba è una delle piante medicinali più famose per il supporto delle funzioni cognitive e in particolare della memoria. L’“albero dei quaranta scudi” deve le sue proprietà soprattutto a due principi attivi, i ginkgoflavonglucosidi e i lattoni terpenici (1-2).

Agisce principalmente:

  • dilatando i vasi sanguigni, il che migliora la microcircolazione sanguigna e quindi garantisce una maggiore ossigenazione e un aumento dell’apporto di nutrienti alle cellule cerebrali;
  • e neutralizzando i radicali liberi, che proteggono i neuroni dai danni causati dallo stress ossidativo.

Puoi trovare il ginkgo biloba sotto forma di foglie essiccate per infusi o sotto forma di integratore alimentare ad alto contenuto di principi attivi (come Ginkgo biloba).

La Bacopa monnieri: una pianta acquatica eccellente per la funzione cerebrale

Un’altra pianta essenziale da considerare in caso di problemi di memoria: la Bacopa monnieri (3). Questa pianta acquatica deve i suoi benefici ai principi attivi chiamati bacosidi.

La Bacopa monnieri supporta, in particolare, la funzione cognitiva regolando la concentrazione e l’attività di alcuni neurotrasmettitori (serotonina, acetilcolina, ecc.), che svolgono un ruolo importante nella memoria.

La pianta si trova sotto forma di polvere essiccata, tinture o estratti standardizzati venduti sotto forma di integratori alimentari nootropici (come Bacopa monnieri).

Si noti che la formula sinergica Neurex combina estratti di Ginkgo biloba, Bacopa monnieri e altri composti benefici (come centella e huperzia, ottime per la salute cognitiva e mentale).

Ginseng: conosci i suoi effetti sulle facoltà cognitive e sulla memoria?

Il ginseng è la più famosa delle piante medicinali della medicina cinese, nota per sostenere il sistema immunitario, la vitalità, la vita sessuale... Inoltre, è consigliato per mantenere le prestazioni e la reattività del cervello (4).

Gli effetti sulla funzione cerebrale, tra cui la memoria, si spiegano con le sue proprietà adattogene (riduce gli effetti dello stress sul cervello), la sua capacità di migliorare la neurotrasmissione e la sua potenziale capacità neuroprotettiva.

Hai mai approfittato dei molteplici benefici di una cura di ginseng?

Un fungo promettente per la memoria

L’Hericium erinaceus, altrimenti detto testa di scimmia o lion’s mane (criniera di leone) in inglese, è un fungo ricco di ericenoni e ad alto contenuto di polisaccaridi beta-glucani.

Gli studi suggeriscono che l’estratto diHericium erinaceus potrebbe sostenere la memoria grazie ai suoi composti bioattivi che favoriscono la crescita dei neuroni e stimolano la sintesi del fattore di crescita nervosa (FCN) (5). Un fungo da seguire, quindi!

Puoi già trovarlo sotto forma di integratore (ad esempio Lion’s Mane).

IL CONSIGLIO DI SUPERSMART

##TPL_ARTICOLI: 0140,0075,0066,0343,0548,0068,0764##

Bibliografia

  1. Ribeiro ML, Moreira LM, Arçari DP, Dos Santos LF, Marques AC, Pedrazzoli J Jr, Cerutti SM. Protective effects of chronic treatment with a standardized extract of Ginkgo biloba L. in the prefrontal cortex and dorsal hippocampus of middle-aged rats. Behav Brain Res. 2016 Oct 15;313:144-150. doi: 10.1016/j.bbr.2016.06.029. Epub 2016 Jul 14. PMID: 27424157.
  2. Evans JR. Ginkgo biloba extract for age-related macular degeneration. Cochrane Database Syst Rev. 2000;(2):CD001775. doi: 10.1002/14651858.CD001775. Update in: Cochrane Database Syst Rev. 2013;1:CD001775. PMID: 10796819.
  3. Kumar N, Abichandani LG, Thawani V, Gharpure KJ, Naidu MU, Venkat Ramana G. Efficacy of Standardized Extract of Bacopa monnieri (Bacognize®) on Cognitive Functions of Medical Students: A Six-Week, Randomized Placebo-Controlled Trial. Evid Based Complement Alternat Med. 2016;2016:4103423. doi: 10.1155/2016/4103423. Epub 2016 Oct 10. PMID: 27803728; PMCID: PMC5075615.
  4. Kim KH, Lee D, Lee HL, Kim CE, Jung K, Kang KS. Beneficial effects of Panax ginseng for the treatment and prevention of neurodegenerative diseases: past findings and future directions. J Ginseng Res. 2018 Jul;42(3):239-247. doi: 10.1016/j.jgr.2017.03.011. Epub 2017 Apr 15. PMID: 29989012; PMCID: PMC6035378.
  5. Levi-Montalcini R: The nerve growth factor 35 years later. Science 1987; 237: 1154-62.

Commenti

Devi accedere al tuo conto per poter lasciare un commento

Questo articolo non è stato ancora commentato, inserisci la prima recensione

Pagamento protetto
32 anni di esperienza
Soddisfatti
o rimborsati
Invio rapido
Consultazione offerta