0
it
US
WSM
222522199
Il carrello è vuoto
Menu
Come depurare i reni

I quattro migliori rimedi naturali per depurare i reni

Veri e propri piccoli impianti di depurazione del nostro organismo, i reni sono messi costantemente a dura prova dallo stile di vita moderno. Ecco quattro rimedi naturali per depurarli.

Chanca piedra: la pianta “spaccapietre”

Quando si parla di detox dei reni, è difficile non pensare al Phyllanthus niruri, noto anche come Chanca piedra o pianta “spaccapietre”, tale è la potenza di questo rimedio naturale.

Arbusto del genere Phyllanthaceae, i cui usi etnomedici sono diffusi in tutto il mondo (sia nella medicina ayurvedica che in quella cinese o malese), il chanca piedra è un rimedio naturale i cui benefici per i reni, ma anche per il fegato, sono supportati da numerosi studi (1).

Una meta-analisi del 2016 ha di fatto concluso che gli estratti di Phyllanthus niruri possiedono, in particolare, delle proprietà anti-urolitiasiche (anti-calcoli) e anti-iperuricemiche (contro l’eccesso di acido urico, che può essere correlato alla riduzione della sua eliminazione da parte dei reni) (2).

La pianta favorirebbe l’eliminazione del magnesio e del potassio attraverso le urine, determinando così una significativa riduzione degli ossalati urinari e dell’acido urico. Questi dati devono essere ancora confermati da altri studi.

Equiseto: uno dei migliori rimedi naturali per depurare i reni?

Vero e proprio fossile vivente, l’equiseto (nome botanico Equisetum arvense) esiste da oltre 250 milioni di anni ed è utilizzato da millenni in Europa per scopi medicinali (3).

Pertanto, l’Agenzia europea per i medicinali ne riconosce l’uso tradizionale come trattamento coadiuvante per problemi urinari lievi (4).

Infatti, l’equiseto è ricco di silice, flavonoidi (in particolare quercetolo), saponine e nicotina ed avrebbe un’azione diuretica che ne farebbe un alleato anche nella depurazione dei reni nell’ambito di una strategia detox, associata in particolare a un’importante idratazione del corpo.

Tarassaco: una pianta famosa per la disintossicazione e la salute dei reni

Dente di leone, dente di cane, soffione o, dal suo nome botanico, Taxacum officinale, il tarassaco è senza dubbio una delle piante medicinali tradizionali europee che meglio porta il suo nome. Deve il nome volgare di “piscialetto” proprio ai suoi potenziali effetti diuretici (5)!

Ricco di flavonoidi, in particolare di sali di potassio, taraxacina, steroli, cumarine e inulina, il tarassaco aumenterebbe il volume delle urine e permetterebbe così non solo di depurare le vie urinarie, impedendo ai batteri di fissarvisi (da cui il suo uso tradizionale contro le infezioni urinarie), ma anche di evacuare più facilmente e abbondantemente il calcio, gli ossalati, l’acido urico, ecc. (da cui il suo uso tradizionale nella lotta contro i calcoli renali) (6).

Il tarassaco è quindi tradizionalmente uno dei migliori rimedi naturali per depurare i reni.

Noni: il frutto esotico che fa bene ai reni

Utilizzato da millenni dai polinesiani per scopi medicinali, il noni (Morinda citrifolia) gode da alcuni decenni di una popolarità senza precedenti in Europa e negli Stati Uniti. Alcuni lo considerano addirittura un rimedio universale per molti disturbi (7).

Se dovessero essere condotte ricerche più approfondite per confermare i benefici di questo frutto esotico, se ne concluderebbe, secondo diversi studi, che la ricchezza di alcaloidi, flavonoidi, fenoli, fitosteroli, saponine, steroli, acido silicico, tannini e triterpenoidi del suo succo gli conferirebbe virtù diuretiche benefiche per depurare i reni, proprio come l’equiseto (8).

Una formula sinergica efficace progettata per depurare i reni

Alcune formule sinergiche permettono di combinare diversi rimedi naturali tradizionali per depurare i reni: è il caso di Kidney Detox Formula.

Questo integratore alimentare contiene infatti non solo chanca piedra, equiseto, tarassaco e noni, ma anche magnesio glicinato e piridossal-5-fosfato. Una dose giornaliera di 4 capsule di Kidney Detox Formula può essere un’ottima alleata detox in aggiunta a una dieta sana ed equilibrata e a un’idratazione sufficiente.

IL CONSIGLIO DI SUPERSMART

Bibliografia

  1. KHAN, Firoz, HAIDER, Md Faheem, SINGH, Maneesh Kumar, et al.A comprehensive review on kidney stones, its diagnosis and treatment with allopathic and ayurvedic medicines. Urol Nephrol Open Access J, 2019, vol. 7, no 4, p. 69-74.
  2. HARISH, R. et SHIVANANDAPPA, T. Antioxidant activity and hepatoprotective potential of Phyllanthus niruri. Food chemistry, 2006, vol. 95, no 2, p. 180-185.
  3. BOEING, Thaise, TAFARELO MORENO, Karyne Garcia, GASPAROTTO JUNIOR, Arquimedes, et al.Phytochemistry and pharmacology of the genus Equisetum (Equisetaceae): A narrative review of the species with therapeutic potential for kidney diseases. Evidence-Based Complementary and Alternative Medicine, 2021, vol. 2021.
  4. https://www.vidal.fr/parapharmacie/phytotherapie-plantes/prele-des-champs-equisetum-arvense.html
  5. KARAKUŞ, Ali, DEĞER, Yeter, et YILDIRIM, Serkan. Protective effect of Silybum marianum and Taraxacum officinale extracts against oxidative kidney injuries induced by carbon tetrachloride in rats. Renal failure, 2017, vol. 39, no 1, p. 1-6.
  6. https://www.vidal.fr/parapharmacie/phytotherapie-plantes/pissenlit-taraxacum-officinale.html
  7. DE SOUSA, Beatriz Coutinho, MIGUEL, Camila Botelho, RODRIGUES, Wellington Francisco, et al.Effects of short-term consumption of Morinda citrifolia (Noni) fruit juice on mice intestine, liver and kidney immune modulation. Food and Agricultural Immunology, 2017, vol. 28, no 3, p. 528-542.
  8. MUELLER, Bruce A., SCOTT, Meri K., SOWINSKI, Kevin M., et al.Noni juice (Morinda citrifolia): hidden potential for hyperkalemia?. American Journal of Kidney Diseases, 2000, vol. 35, no 2, p. 310-312.

Parole chiave

Commenti

Devi accedere al tuo conto per poter lasciare un commento

Questo articolo non è stato ancora commentato, inserisci la prima recensione

Pagamento protetto
32 anni di esperienza
Soddisfatti
o rimborsati
Invio rapido
Consultazione offerta