0
it
US
WSM
223038190
Il carrello è vuoto
Menu
Vertigini dovute a carenza di ferro

Carenza di ferro: i sintomi da conoscere

Molte persone soffrono di una carenza di ferro (soprattutto le donne), senza nemmeno sospettarlo. Tuttavia, le conseguenze della carenza di ferro possono essere pericolose. Scopri i sintomi che possono metterti in allerta e come risolverli.

A cosa serve il ferro?

Il corpo di un umano adulto contiene tra 2,5 e 4 g di ferro. È un componente chiave dell’emoglobina, la proteina responsabile del trasporto dell’ossigeno nel sangue, indispensabile per la formazione dei globuli rossi. Il ferro è quindi fondamentale per l’ossigenazione di tutte le cellule dell’organismo, ma interviene in molti altri fenomeni vitali quali metabolismo energetico, disintossicazione, funzionamento ottimale del sistema immunitario e sintesi del DNA.

Una donna in età fertile necessita di almeno 25 mg/giorno (perché perde molto sangue durante le mestruazioni), mentre un uomo adulto e una donna in menopausa hanno bisogno di almeno 12 mg/giorno. L’equilibrio nutrizionale si può costruire su una continuità settimanale, ma l’alimentazione deve essere necessariamente ricca di ferro per riuscire a coprire il fabbisogno a lungo termine.

I sintomi della carenza di ferro

La mancanza di ferro può causare una carenza di emoglobina nel corpo: è la cosiddetta da anemia sideropenica. L’organismo non dispone, quindi, di quantità sufficienti di ferro per produrre questa proteina essenziale e quindi non riesce a fabbricare un numero ottimale di globuli rossi “operativi”. Un semplice esame del sangue consente di rilevare questa défaillance, pericolosa per la salute, con un livello di emoglobina, un livello di ematocrito, un livello di ferritina (meno di 15 µg/L nel sangue) e un conteggio dei globuli rossi inferiore ai valori normali.

Se l’anemia è lieve, i sintomi di solito passano inosservati e si iniziano a percepire quando il livello di emoglobina è inferiore a 80 g/L:

  • un certo pallore o la carnagione pallida;
  • stanchezza anormale;
  • mancanza di respiro sotto sforzo;
  • frequenti capogiri e vertigini (in particolare quando ci si alza in posizione eretta);
  • mal di testa;
  • debolezza muscolare;
  • mani e piedi freddi;
  • possibile calo delle prestazioni intellettuali, in particolare con una mancanza di attenzione.

Altri sintomi possono suggerire una carenza di ferro (1): unghie fragili, pelle e capelli secchi, problemi di concentrazione, irritabilità, disturbi del sonno, insorgenza della sindrome delle gambe senza riposo, ecc. In generale, tutti questi sintomi si manifestano progressivamente, poiché l’anemia si sviluppa molto gradualmente.

Nelle donne incinte, le conseguenze di una carenza di ferro colpiscono il feto: può causare nascita prematura, deficit mentali del nascituro e un peso alla nascita inferiore alla media (2).

Le cause principali della carenza di ferro

Tre fattori possono portare gradualmente a una carenza di ferro (carenza marziale o sideropenia): un’alimentazione che non fornisce stabilmente un apporto sufficiente di ferro (malnutrizione, dieta speciale, alimentazione squilibrata, ecc.), problemi di assorbimento del ferro a livello digestivo (ad esempio, malattie infiammatorie intestinali) e gravi perdite di sangue.

Relativamente a queste cause, diversi profili sono a rischio di carenza di ferro:

  • le donne che hanno mestruazioni abbondanti, a causa delle perdite di ferro nel sangue mestruale;
  • le donne incinte e quelle con gravidanze multiple e ravvicinate, poiché le riserve di ferro si esauriscono per soddisfare il fabbisogno del bambino;
  • i fondisti (maratona, trail running) perché perdono molto ferro attraverso il sudore e l’emolisi (distruzione dei globuli rossi durante lo sforzo);
  • le persone affette da una malattia che provoca un malassorbimento del ferro, come il morbo di Crohn o la celiachia;
  • le persone con un problema di salute che provoca perdite di sangue croniche nelle feci come un’ulcera peptica o polipi benigni al colon;
  • i vegetariani e, a maggior ragione, i vegani;
  • le persone denutrite o che seguono una dieta non equilibrata, povera di carne, pesce, legumi e verdure a foglia verde;
  • le persone che consumano regolarmente alcuni farmaci come gli antiacidi di tipo inibitore della pompa protonica per alleviare il bruciore di stomaco – l’acidità dello stomaco permette di rendere il ferro alimentare assimilabile dall’organismo;
  • le persone affette da insufficienza renale, in particolare quelle in dialisi, ecc.

Come trattare una carenza di ferro e far scomparire i sintomi associati?

I rimedi e i trattamenti dipendono dalla gravità della carenza di ferro: solo il tuo medico può guidarti verso la soluzione migliore. In ogni caso, si consiglia di aumentare l’assunzione di cibo incorporando più alimenti ricchi di ferro nella dieta quotidiana.

Ferro eme e non eme

Il ferro esiste in due forme principali: il ferro eme (presente negli alimenti di origine animale), facilmente metabolizzato dall’organismo (tasso di assorbimento di circa il 25%), e il ferro non eme (presente negli alimenti di origine vegetale), meno assorbito (circa il 5%).

La differenza di assorbimento è dovuta principalmente alla presenza di acido fitico e tannini nelle piante: il ferro non eme deve prima essere “liberato” dall’acidità dello stomaco e poi trasformato dalla membrana cellulare delle cellule intestinali.

Le principali fonti alimentari di ferro

Alcune fonti di ferro eme: fegato (carne), manzo, pollame, sardine, crostacei.

Alcune fonti di ferro non eme: tofu, frutta secca, legumi, verdure a foglia verde, frutta a guscio e semi.

Ideali contro la carenza di ferro: gli integratori di ferro

Su consiglio di un professionista sanitario, e una volta che la carenza di ferro è stata effettivamente dimostrata, l’assunzione di un integratore di ferro può essere molto utile per ricostituire rapidamente le tue riserve. A volte, può essere raccomandata anche un’infusione di ferro , in particolare alle donne in gravidanza che soffrono di una carenza.

In entrambi i casi, questa deve essere inquadrata, in quanto vi sono rischi comprovati associati al sovradosaggio. Alcuni consigli da seguire per accompagnare efficacemente il trattamento della carenza di ferro:

  • non consumare in modo massiccio e duraturo fonti animali di ferro, poiché questi alimenti non sono generalmente salutari a lungo termine – integrali con parsimoniae alterna con fonti di ferro non eme;
  • evita di associare alimenti ricchi di ferro con prodotti lattiero-caseari, poiché riducono la biodisponibilità del ferro (3);
  • prima di cucinare i legumi, immergili per 48 ore in acqua, avendo cura di cambiarla frequentemente, per rimuovere i composti che frenano l’assimilazione del ferro non eme;
  • integra i pasti con alimenti ricchi di vitamina C (peperoni, broccoli, cavoletti di Bruxelles, clementine, succo d’arancia, ecc.) e vitamina A (patate dolci, carote, spinaci, zucca, ecc.) che includono fonti di ferro non eme (ne migliorano l’assorbimento intestinale);
  • opta per degli integratori di ferro sotto forma di bisglicinato (come Iron Bisglycinate), poiché offrono la migliore biodisponibilità e minimizzano gli effetti collaterali sull’organismo (4).

IL CONSIGLIO DI SUPERSMART

Bibliografia

  1. Leung, W., Singh, I., McWilliams, S., Stockler, S., Ipsiroglu, O.S., 2020. Iron deficiency and sleep – A scoping review. Sleep Medicine Reviews 51, 101274. DOI 10.1016/j.smrv.2020.101274
  2. Georgieff, M.K., 2020. Iron deficiency in pregnancy. American Journal of Obstetrics and Gynecology 223 (4), 516 524. DOI 10.1016/j.ajog.2020.03.006
  3. Hadler, M.-C., Colugnati, F., Sigulem, D.M., 2004. Risks of anemia in infants according to dietary iron density and weight gain rate.. Preventive Medicine 39, 713 783.
  4. Olivares, M., Pizarro, F., Pineda, O., Name, J.J., Hertrampf, E., Walter, T., 1997. Milk inhibits and ascorbic acid favors ferrous bis-glycine chelate bioavailability in humans. The Journal of Nutrition 127 (7), 1407 1411. DOI 10.1093/jn/127.7.1407 OMS, 2008.

Commenti

Devi accedere al tuo conto per poter lasciare un commento

Questo articolo non è stato ancora commentato, inserisci la prima recensione

Pagamento protetto
32 anni di esperienza
Soddisfatti
o rimborsati
Invio rapido
Consultazione offerta