0
it
US
WSM
222183414
Il carrello è vuoto
Menu
Cure naturali per disintossicare il fegato

Che cosa prendere per il fegato? 5 consigli per coadiuvare le sue funzioni disintossicanti

Cerchi di depurare il fegato? Panoramica dei consigli studiati dalla comunità scientifica per sostenere naturalmente le funzioni epatiche e ritrovare la forma quotidiana.

Promemoria: aiutare il fegato anziché depurarlo

Ogni giorno lavora instancabilmente per disintossicare l’organismo dalle sostanze nocive che ci troviamo ad affrontare. Il suo ruolo è cruciale per il nostro corpo: senza un fegato sano, le funzioni fisiologiche possono, una ad una, subire un rallentamento o un’alterazione. Ecco perché molti desiderano “ripulire” questo organo, probabilmente il più maltrattato di tutti dal nostro stile di vita moderno, e aiutarlo a svolgere al meglio le sue funzioni.

Non è un caso che sia uno dei pochi organi a rigenerarsi rapidamente dopo una lesione. È responsabile di molte funzioni metaboliche vitali. Contribuisce, in particolare, al mantenimento di una glicemia normale e alla sintesi di proteine cruciali (albumina, globine, ferritina, lipoproteina, ecc.). Ma l’aspetto più importante è che supporta la degradazione delle sostanze tossiche, come l’alcol e gli inquinanti. Pertanto, viene spesso percepito come un filtro che dovrebbe essere “pulito” o disincrostato con cure detox, come si farebbe con un filtro per aspirapolvere.

La realtà, tuttavia, è diversa: il fegato non è un filtro, ma un impianto di depurazione. Non accumula tossine nel tempo, bensì le trasforma in molecole che possono essere poi eliminate. Quindi, anziché cercare di “depurarlo”, dovresti tentare di aiutarlo a funzionare meglio, ad esempio fornendogli più micronutrienti essenziali per la disintossicazione.

Limitare alcol, zucchero e farmaci per un funzionamento ottimale del fegato

Tre abitudini diffuse causano problemi al fegato: il consumo eccessivo di zuccheri (in particolare di fruttosio), il consumo eccessivo di alcol e l’uso improprio di farmaci.

  1. L’eccesso di fruttosio, uno zucchero spesso presente negli alimenti zuccherati industriali, può causare problemi quando viene metabolizzato dal fegato. Invece di essere utilizzato immediatamente come energia dalle cellule, l’eccesso di fruttosio viene spesso convertito in trigliceridi dal fegato, un processo noto come lipogenesi, e può essere immagazzinato come grasso corporeo.
  2. L’alcol è dannoso per il fegato quando viene consumato regolarmente a dosi che possono sembrare basse (20 g, circa due bicchieri). Come per il fruttosio, il fegato accumula grassi nelle sue cellule, che normalmente non ne contengono o ne contengono pochi.
  3. Infine, i farmaci utilizzati in modo improprio (sovradosaggio, ritardo minimo tra le assunzioni che non vengono rispettate ecc.) possono causare gravi lesioni. Ad esempio, l’uso sbagliato del paracetamolo è la prima causa di trapianto di fegato per motivi farmacologici in Francia.

In tutti e tre i casi, il funzionamento del fegato è ostacolato. Si verifica una reazione infiammatoria che provoca lesioni e può diventare cronica se queste abitudini persistono nel tempo.

Puntare sul cardo mariano per sostenere la funzionalità epatica

Il cardo mariano è probabilmente il prodotto naturale migliore per aiutare il fegato a disintossicare l’organismo. Grazie alla sua ricchezza di silibina, questa pianta contribuisce a proteggere il fegato dalle tossine, stimola la rigenerazione delle cellule epatiche e favorisce la riduzione dello stress ossidativo. Inoltre, aiuta il fegato a contrastare la formazione di cellule adipose al suo interno (2), provocata in particolare dal famoso consumo eccessivo di fruttosio, ampiamente utilizzato dall’industria come agente dolcificante.

Questa azione apparentemente innocua è fondamentale: un fegato che accumula grassi può essere soggetto a infiammazione cronica, che può a sua volta causare la fibrosi epatica. È un fenomeno irreversibile particolarmente distruttivo, durante il quale le cellule attive del fegato sono sempre più isolate, faticano a scambiarsi tra loro e ad assumere collettivamente le funzioni vitali del fegato.

Il cardo mariano può essere consumato crudo o cotto come la bietola, prestando ovviamente attenzione alla raccolta e alla preparazione, perché le sue spine sono pungenti. Le sue foglie carnose hanno un sapore delizioso che ricorda quello del carciofo. Tuttavia, il modo più semplice ed efficace per consumarlo è optare per un integratore alimentare (come Silyplus, una forma brevettata standardizzata al 33% di silibina).

La curcuma e i suoi effetti benefici sulla salute del fegato

Non è il beneficio più noto della curcuma, eppure la sua ricchezza di curcumina contribuirebbe a ridurre l’infiammazione del fegato e lo stress ossidativo derivante dalla degradazione delle cellule epatiche. Secondo gli studi (3), questo composto influenzerebbe le citochine pro-infiammatorie come il fattore TNF-α e l’interleuchina-1, molecole che diffondono l’infiammazione nell’organismo.

Per beneficiare delle sue virtù, puoi semplicemente condire molti piatti con grandi quantità di questa spezia, preferibilmente biologica, abbinandola al pepe (la piperina in esso contenuta migliora l’assorbimento dei curcuminoidi) o prendere in considerazione l’assunzione di integratori alimentari di curcumina (come Curcumin Solution, considerata la forma più biodisponibile di tutti gli integratori esistenti).

Aumentare la quantità di polifenoli assunti quotidianamente

Si comincia a conoscerne meglio il funzionamento: i polifenoli sarebbero i composti antiossidanti più abbondanti nell’alimentazione umana secondo numerosi studi scientifici. Infatti, rallentano o impediscono l’ossidazione di altre sostanze chimiche, in particolare dei componenti cellulari dell’organismo, con effetti multiobiettivo complessi.

Secondo diversi studi (4-5), questi polifenoli, in particolare l’acido clorogenico, le epicatechine, le rutine e gli iperosidi, influenzerebbero quindi lo stress ossidativo che contribuisce alla degradazione del fegato, ma anche la modulazione della sua infiammazione e potrebbero anche svolgere un ruolo nei sistemi di riparazione cellulare.

Per beneficiare delle loro potenziali virtù nei confronti del fegato, privilegia gli alimenti non zuccherati che ne sono ricchi (carciofo, cavolo, patate, melanzane, broccoli, cipolla rossa, legumi, semi di lino, zenzero, soia, tè verde, ecc.) senza trascurare gli altri gruppi alimentari. Puoi anche optare per degli integratori di polifenoli (come Apple Polyphenols).

Una formula sinergica da conoscere per il tuo fegato

Se vuoi sostenere il fegato e in generale disintossicarti, sappi che esistono delle formule sinergiche che riuniscono diversi micronutrienti di interesse (da considerare ovviamente sotto la supervisione del tuo medico, soprattutto se hai dei problemi al fegato già accertati). Citiamo, in particolare, la formula completa per il fegato Liver Support Formula, in cui troviamo anche un estratto di cardo mariano, nonché un estratto di carciofo, Picrorhiza kurroa o glutatione ridotto).

SUPERSMART CONSIGLIA

Bibliografia

  1. Fei Xiong and Yong-Song Guan, Cautiously using natural medicine to treat liver problems, World J Gastroenterol. 2017 May 21; 23(19): 3388–3395.
  2. Bahmani M, Shirzad H, Rafieian S, Rafieian-Kopaei M. Silybum marianum: Beyond Hepatoprotection. J Evid Based Complementary Altern Med. 2015;20:292–301.
  3. Qin T, Chen X, Meng J, Guo Q, Xu S, Hou S, Yuan Z, Zhang W. The role of curcumin in the liver-gut system diseases: from mechanisms to clinical therapeutic perspective. Crit Rev Food Sci Nutr. 2023 Apr 25:1-30. doi: 10.1080/10408398.2023.2204349. Epub ahead of print. PMID: 37096460.
  4. Machado IF, Miranda RG, Dorta DJ, Rolo AP, Palmeira CM. Targeting Oxidative Stress with Polyphenols to Fight Liver Diseases. Antioxidants (Basel). 2023 Jun 3;12(6):1212. doi: 10.3390/antiox12061212. PMID: 37371941; PMCID: PMC10295067.
  5. Li S, Yin S, Ding H, Shao Y, Zhou S, Pu W, Han L, Wang T, Yu H. Polyphenols as potential metabolism mechanisms regulators in liver protection and liver cancer prevention. Cell Prolif. 2023 Jan;56(1):e13346. doi: 10.1111/cpr.13346. Epub 2022 Oct 13. PMID: 36229407; PMCID: PMC9816945.

Commenti

Devi accedere al tuo conto per poter lasciare un commento

Questo articolo non è stato ancora commentato, inserisci la prima recensione

Pagamento protetto
32 anni di esperienza
Soddisfatti
o rimborsati
Invio rapido
Consultazione offerta