0
it
US
WSM
222673344
Il carrello è vuoto
Menu
Le migliori piante adattogene disegnate

L’elenco delle 8 piante adattogene più efficaci (secondo l’EFSA)

Le piante adattogene sono meraviglie della natura che contribuiscono a rafforzare l’organismo eliminando lo stress. Scopri le otto migliori piante adattogene identificate dall’Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA).

2022-08-02

Piante adattogene: rivelazioni recenti sui rimedi naturali millenari

Dalla cordigliera delle Ande alle montagne del Tibet, passando per la pianura del Gange o le steppe della Siberia, l’uomo utilizza da millenni le piante per rinvigorirsi, affrontare meglio l’altitudine, lo stress o i disturbi ormonali. Queste piante riequilibrano l’organismo, rendendolo allo stesso tempo più forte e più rilassato.

Tuttavia, bisognerà attendere l’inizio degli anni ’40 perché lo scienziato russo Nikolai Lazarev, alla ricerca di espedienti per “potenziare” le capacità fisiche e cognitive dei soldati e degli operai dell’URSS, scopra i benefici della Schisandra chinensis e formalizzi il concetto di pianta adattogena (1).

Da queste prime scoperte, il concetto si è diffuso in tutto il mondo e gli studi si sono moltiplicati (in sessant’anni sono state condotte più di 1.000 ricerche). Dunque, la definizione oggi comunemente accettata è la seguente (2).

Una pianta adattogena:

  • aumenta in modo non specifico la resistenza dell’organismo contro aggressori di diversa natura (fisici, chimici o biologici);
  • presenta un’influenza normalizzatrice, indipendentemente dai mutamenti in corso;
  • mostra un’assenza di tossicità e influenza sulle normali funzioni dell’organismo.

Ecco un elenco delle otto migliori piante adattogene identificate dall’Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA).

Schisandra chinensis: la pianta adattogena di riferimento

La schisandra (Schisandra chinensis) è una lunga liana decidua legnosa particolarmente ruvida che vive nel sottobosco che viene utilizzata da millenni non solo in cucina, ma anche nella medicina tradizionale cinese.

Detta anche bacca dei cinque sapori (poiché i suoi frutti sono al tempo stesso salati, dolci, acidi, speziati e amari), ginseng indiano o frutto della vitalità, la schisandra veniva impiegata soprattutto come stimolante sessuale e della libido, nonché delle prestazioni fisiche e cognitive, contro l’insonnia e lo stress.

In breve: corrisponde perfettamente all’idea di pianta adattogena, e per una buona ragione: Nikolai Lazarev studiava proprio la schisandra quando formalizzò il concetto.

Tuttavia, si è dovuto attendere il 1951 per scoprire che i benefici adattogeni della Schisandra chinensis erano dovuti a un principio attivo specifico, la schisandrina e al suo derivato gamma-schisandrina, nonché a diversi lignani contenuti nella pianta (gomisina A, B, C, D, E, F).

I lignani, in particolare, fornirebbero una protezione dei tessuti contro lo stress ossidativo (soprattutto a livello di pelle, cervello, cuore, reni e fegato), rafforzando soprattutto le funzioni del glutatione (3).

Oltre alle proprietà adattogene, la Schisandra chinensis:

  • contribuisce alla salute delle vie respiratorie
  • e ha effetti epatoprotettivi.

È per godere di queste numerose virtù che il frutto della vitalità viene utilizzato per realizzare degli integratori alimentari (come Schisandra Chinensis, standardizzato al 9% di schisandrina).

Ashwagandha (Withania somnifera): perfetta contro lo stress

Pilastro della farmacopea tradizionale indiana, la Withania somnifera è una pianta robusta in grado di crescere anche nelle zone aride del Pakistan e dello Sri Lanka. In sanscrito, il suo nome significa “odore di cavallo” per le esalazioni delle sue radici.

Detta “foglia della guarigione” in Yemen, l’aswhaganda è inoltre una delle piante che più si meritano la qualifica di adattogena: veniva infatti utilizzata nella medicina ayurvedica come rimedio per numerose condizioni (insonnia, stress, artrite, ansia, disturbi respiratori, ecc.).

In seguito alla scoperta dei suoi principi attivi più importanti (withanolidi, acido aspartico, glicina, tirosina, alanina, prolina, triptofano, acido glutammico, cistina ecc., nonché numerosi flavonoidi), sono stati depositati diversi brevetti per utilizzare la pianta nel trattamento di alcuni disturbi mentali (4).

L’ashwaganada favorisce in particolare:

  • la salute mentale e il rilassamento;
  • la salute del sistema cardiovascolare.

Ecco perché la Withania somnifera è annoverata tra gli integratori alimentari (come Super Ashwagandha).

I benefici del Piper Longum

Liana originaria dell’India, il pepe lungo (Piper longum), i cui semi minuscoli sono racchiusi in baccelli simili a quelli del nocciolo, è una pianta fondamentale della medicina ayurvedica.

Resistenza del corpo allo stress, disturbi respiratori, apparato digerente… il pepe lungo è utilizzato tradizionalmente in India per le sue numerose virtù.

Queste sarebbero dovute all’elevato tenore di piperina, un alcaloide che dona al Piper longum una nota leggermente piccante e agisce su varie funzioni dell’organismo (5).

Ginseng: la pianta adattogena di punta della medicina cinese

Pianta regina della farmacopea tradizionale asiatica (cinese, coreana, indiana), il ginseng appartiene al genere botanico Panax, così definito in greco, che significa “rimedio a tutti i mali, panacea”. Le sue proprietà adattogene erano quindi note ben prima delle scoperte di Nikolai Lazarev.

Tuttavia, le ricerche recenti hanno permesso di scoprire che i principi attivi all’origine dei benefici del ginseng sono i ginsenosidi, i cui meccanismi d’azione non sono peraltro ancora stati dimostrati dagli scienziati (6).

Il ginseng contribuisce:

  • alla salute mentale, alle prestazioni mentali e alle funzioni cognitive;
  • alla salute immunitaria;
  • alla salute sessuale;
  • alle prestazioni fisiche;
  • al metabolismo del glucosio;
  • alla vitalità grazie soprattutto alle virtù anti-fatica.

In breve: il ginseng è senza dubbio la pianta adattogena e l’integratore alimentare che non può mancare in nessuna casa (ad esempio, opta per Ginseng 30%, standardizzato al 30% di ginsenosidi).

L’olivello spinoso si adatta alle molteplici esigenze dell’organismo

Arbusto molto spinoso della famiglia degli eleagni, le cui bacche sono perlopiù commestibili e oggi molto utilizzate nei giardini boschivi, l’olivello spinoso (Hippophae rhamnoides) è diffuso nelle zone temperate di Europa e Asia.

I frutti dell’olivello spinoso – commestibili, aciduli, ricchi di vitamina C (cinque volte più del kiwi), A, E, F e P, flavonoidi e antociani, vengono consumati da almeno 1.200 anni in Europa, Cina e Russia come vermifugo, tonico, anti-infettivo, contro le ferite e in particolare le ustioni cutanee, ecc. (7)

L’olivello spinoso contribuisce:

  • alle difese naturali dell’organismo;
  • alla salute della pelle;
  • alla salute cardiovascolare;
  • alla salute digestiva.

È quindi una pianta le cui virtù si adattano alle esigenze dell’organismo, il che ne fa un valido integratore alimentare naturale (utilizza, ad esempio, Sea Buckthorn Extract, olio di olivello spinoso in softgel).

Eleutherococcus senticosus, il ginseng siberiano

Cespuglio con bacche nere in grappoli particolarmente rustico, originario della Siberia e dell’Asia, l’eleuterococco è definito ginseng siberiano per le sue proprietà adattogene: era d’altronde utilizzato dagli sportivi dell’URSS, ma i suoi usi tradizionali risalgono a più di 4000 anni fa.

L’eleuteroside B, una siringina antiossidante e antimicrobica, sarebbe il suo principio attivo più potente. La pianta contribuisce in particolare a sostenere:

  • le difese immunitarie
  • e le prestazioni fisiche e mentali (8).

Astragalo: l’adattogeno pro-immunità più potente

Pianta perenne della famiglia delle fabaceae (lenticchie, ceci, ecc.), l’astragalo è un piccolo legume originario della Cina nord-orientale, con fiori gialli a grappolo. Se ne contano più di 2.500 specie.

Per millenni, le radici dell’astragalo sono state utilizzate nella medicina tradizionale cinese per i suoi benefici immunostimolanti e antinfiammatori. È soprattutto la ricchezza di polisaccaridi, delle fibre che stimolano il sistema immunitario a livello intestinale, che sarebbe all’origine delle sue numerose virtù (9).

L’astragalo contribuisce:

  • alla salute cardiovascolare;
  • al benessere fisico e mentale;
  • al mantenimento di una pelle elastica e sana;
  • alla motilità degli spermatozoi;
  • alla salute immunitaria.

Tanti benefici che rendono l’astragalo un integratore alimentare ideale per le sue proprietà adattogene (prendi ad esempio Astragalus Extract).

Le virtù della radice dorata (Rhodiola rosea)

Radice artica, radice dorata, rodiola rosa: la Rhodiola rosea è una piccola succulenta della famiglia delle Crassulaceae, il cui nome si ispira al profumo di rosa che sprigiona dalle sue radici. Si trova principalmente in Siberia e in Scandinavia.

In queste regioni, da millenni le vengono attribuite numerose virtù riguardanti resistenza fisica, longevità, vigore sessuale, memoria, ecc. Tante caratteristiche che corrispondono perfettamente alla descrizione delle piante adattogene.

La rodiola è infatti ricca di rosavina e salidroside, due glicosidi che agirebbero a livello del sistema nervoso, ma presentano anche numerosi effetti bioattivi (10).

La rodiola contribuisce:

  • a sostenere il sistema nervoso;
  • alla salute del cuore;
  • alla salute digestiva;
  • alle prestazioni fisiche;
  • e alle prestazioni mentali e cognitive.

Come tutte le piante adattogene elencate dall’EFSA, la rodiola è un eccellente integratore alimentare (disponibile sotto forma di capsule standardizzate al 5% di rosavina e all'1,8% di salidroside nell’integratore Rhodiola rosea).

Quali formule sinergiche adattogene scegliere?

Per sfruttare al massimo i benefici di queste piante adattogene dalle proprietà riconosciute, puoi ovviamente optare per delle formule sinergiche che le combinano per potenziarne gli effetti:

  • astragalo, schisandra e Rhodiola rosea possono, ad esempio, essere utilizzati in sinergia con altri rimedi naturali come reishi, ginseng, ashwagandha e bacche di goji. Per alleviare le tensioni sostenendo al contempo la tua immunità (questo è ciò che offre ad esempio l’integratore Adaptix ;
  • una ricetta adattogena a base di basilico sacro, astragalo, chaga, reishi, curcuma, zenzero, ecc. costituisce un valido rimedio ayurvedico ancestrale per ritrovare tono e vitalità, soprattutto nei periodi di stanchezza e stress (è il caso di Adaptogenic Potion);
  • eleuterococco, rodiola e maca potenziati con magnesio, vitamina C e zinco, infine, si combinano estremamente bene per aiutarti a rilassarti e a resistere meglio allo stress (segui ad esempio una cura di Adrenal Support).

Bibliografia

  1. PANOSSIAN, Alexander et WAGNER, Hildebert.
  2. Brekhman II. Eleutherococcus in Russian. Leningrad, Nauka, 1968:1-168
  3. PANOSSIAN, Alexander et WIKMAN, Georg. Pharmacology of Schisandra chinensis Bail.: an overview of Russian research and uses in medicine. Journal of ethnopharmacology, 2008, vol. 118, no 2, p. 183-212.
  4. GUPTA, Girdhari Lal et RANA, A. C. Withania somnifera (Ashwagandha): a review. Pharmacognosy Reviews, 2007, vol. 1, no 1.
  5. ZAVERI, Maitreyi, KHANDHAR, Amit, PATEL, Samir, et al.Chemistry and pharmacology of Piper longum L. International journal of pharmaceutical sciences review and research, 2010, vol. 5, no 1, p. 67-76.
  6. NG, T. B. Pharmacological activity of sanchi ginseng (Panax notoginseng). Journal of Pharmacy and Pharmacology, 2006, vol. 58, no 8, p. 1007-1019.
  7. SURYAKUMAR, Geetha et GUPTA, Asheesh. Medicinal and therapeutic potential of Sea buckthorn (Hippophae rhamnoides L.). Journal of ethnopharmacology, 2011, vol. 138, no 2, p. 268-278.
  8. DAVYDOV, Marina et KRIKORIAN, Abraham D. Eleutherococcus senticosus (Rupr. & Maxim.) Maxim.(Araliaceae) as an adaptogen: a closer look. Journal of ethnopharmacology, 2000, vol. 72, no 3, p. 345-393.
  9. FU, Juan, WANG, Zenghui, HUANG, Linfang, et al.Review of the botanical characteristics, phytochemistry, and pharmacology of Astragalus membranaceus (Huangqi). Phytotherapy Research, 2014, vol. 28, no 9, p. 1275-1283.
  10. PANOSSIAN, Alexander, WIKMAN, G., et SARRIS, Jerome. Rosenroot (Rhodiola rosea): traditional use, chemical composition, pharmacology and clinical efficacy. Phytomedicine, 2010, vol. 17, no 7, p. 481-493.

Parole chiave

Commenti

Devi accedere al tuo conto per poter lasciare un commento

Questo articolo non è stato ancora commentato, inserisci la prima recensione

Pagamento protetto
32 anni di esperienza
Soddisfatti
o rimborsati
Invio rapido
Consultazione offerta