0
it
US
X
× SuperSmart Informarsi per problema di salute Nuovi articoli Articoli popolari
Visita il nostro negozio Il mio conto Smart Prescription Blog Programma di fidelizzazione Lingua: Italiano
Rafforzamento generale dell'organismo Guide e tutorial

Quali integratori alimentari per vegetariani e vegani?

I vegetariani e i vegani sono a rischio di carenze legate alla loro dieta. Scopri quali nutrienti possono facilmente mancare e quali integratori sono più raccomandati.
Vegani e vegetariani che mangiano
Vegetariani e vegani, fate attenzione alle carenze!
Rédaction Supersmart.
2022-04-26Commenti (0)

Vegetariano, vegetaliano e vegano: definizioni e differenze

Mentre da qualche anno i tipi di diete si moltiplicano (paleodieta, dieta crudivora, ecc.), è necessario soffermarsi per ridefinire termini spesso fraintesi e talvolta mescolati tra loro.

Quindi...

Dieta vegetariana e vegana: gli aspetti da evidenziare

Qualunque sia il tipo di dieta adottata (questo consiglio vale quindi anche per gli onnivori): la cosa più importante è assicurarsi di seguire una dieta varia ed equilibrata!

E se questo equilibrio è un po’ più difficile da trovare per i vegetariani e i vegani, è semplicemente perché le fonti di proteine vegetali sono altresì, in modo quasi sistematico, fonti di carboidrati o addirittura di lipidi.

Inoltre, e questo è certamente l’aspetto più importante, è opportuno non solo valutare l’apporto di proteine, ma anche l’apporto di aminoacidi essenziali: per fornire tutti gli aminoacidi essenziali all’organismo, è indispensabile bilanciare l’apporto di legumi con un apporto di cereali (2).

Per garantire un apporto sufficiente di proteine (ad esempio tra 0,8 g/kg di peso corporeo e 2 g/kg di peso corporeo per i culturisti) e aminoacidi essenziali, alcuni latto-vegetariani e ovo-latto-vegetariani utilizzano le proteine del siero di latte in polvere (come Undenatured Whey Protein Isolate), che contiene tutti gli aminoacidi e fornisce una quantità significativa di proteine.

Molta frutta e verdura cruda (e in particolare quella ricca di vitamina C che favorisce l’assorbimento del ferro vegetale, assimilato meno facilmente rispetto al ferro di origine animale), cereali integrali e legumi vari (non esclusivamente tofu), spezie : si varia quindi il gusto, si mettono colore e varietà nel piatto e si dovrebbe fornire ciò di cui il corpo ha bisogno… in una certa misura (3).

Infatti, nonostante tutti questi sforzi, alcuni nutrienti sono delicati o impossibili da trovare naturalmente nella dieta vegetaliana/vegana. Spieghiamo...

Vitamina D: per tutti e tutte, con qualunque dieta!

Lo spieghiamo dettagliatamente in questo articolo sulla vitamina D: secondo medici, ricercatori e organizzazioni sanitarie, lo stile di vita contemporaneo occidentale non consente un apporto sufficiente di vitamina D, indipendentemente dalla dieta.

Pertanto, vegano, vegetaliano, vegetariano o onnivoro... si consiglia di effettuare un’integrazione con vitamina D, almeno durante l’autunno, l’inverno e all’inizio della primavera (ad esempio con la vitamina D vegana Vegan D3) (4).

Vitamina B12: un integratore indispensabile per vegetariani e vegani

Molti miti e discussioni ruotano intorno alla vitamina B12 per vegani e vegetariani. Che sia chiaro: nessun alimento di origine vegetale può apportare all’organismo la vitamina B12 di cui ha bisogno, nemmeno la spirulina. Se quest’ultima contiene vitamina B12, non è assimilata a priori dall’organismo (5-6).

La vitamina B12 è infatti prodotta dalla fermentazione dei vegetali da parte dei batteri, ad esempio nello stomaco degli animali ruminanti. Ed è inoltre prodotta nelle feci di alcuni erbivori coprofagi (come i conigli, che mangiano i propri escrementi per ottenere alcuni nutrienti non forniti direttamente dalla digestione) (7).

Tuttavia, poiché l’essere umano non è un ruminante, il suo apparato digerente non riesce a produrre la vitamina B12 consumando vegetali.

Ecco perché una dieta vegetariana richiede un’integrazione con vitamina B12 (ad esempio con l’integratore Methylcobalamine). E perché sia vegana, deve essere stata prodotta da una fermentazione batterica.

Da notare:

Iodio e diete povere di sale

Mentre quasi tutti i sali da tavola disponibili in Europa sono arricchiti di iodio, per evitare il cretinismo, i vegetariani e i vegani che hanno adottato una dieta povera di sale possono monitorare il proprio apporto di iodio.

Lo iodio contribuisce, infatti, al normale metabolismo energetico, alle normali funzioni intellettuali, al normale funzionamento del sistema nervoso, alla salute della pelle, alla normale produzione di ormoni tiroidei e al normale funzionamento della tiroide, e può venire a mancare in caso di dieta troppo povera di sale.

Può quindi essere presa in considerazione un’integrazione di iodio (ad esempio con l’integratore Potassium Iodide) (9).

Ferro: in caso di carenza accertata nel vegetariano o vegano

Come si è visto, il ferro di origine vegetale, detto “ferro non emico”, è meno biodisponibile per l’organismo: dell’ordine del 5% rispetto al 25% del ferro emico, ossia derivante dagli alimenti a base di carne (10).

Tuttavia, è possibile aumentare la biodisponibilità del ferro di origine vegetale seguendo una dieta ricca di vitamina C. Questo comporta, ad esempio, il consumo quotidiano di cavolo rosso e/o kiwi e/o lattughella e/o germogli di spinaci, ecc. in inverno. In primavera e in estate, le cose sono ovviamente più facili: la maggior parte della frutta e verdura estiva ne è ricca (11).

In caso di anemia accertata in un vegetariano/vegano, e su consiglio medico, può quindi essere opportuno procedere a un’integrazione di ferro (ad esempio con Iron Bisglycinate).

Integratori alimentari di zinco e selenio: in caso di dubbio

Diamo un’occhiata alle carenze di zinco e selenio. Una dieta ricca di legumi e cereali può comportare un eccesso di fitato (o acido fitico) nell’organismo (12).

Infatti, sebbene il fitato sia un potente antiossidante e una molecola che aiuterebbe a combattere l’osteoporosi, è anche spesso indicato come “anti-nutriente”.

Molto presente nei legumi, nei cereali e nelle noci (tutti i semi, di fatto), comprometterebbe l’assorbimento dei minerali e degli oligoelementi da parte dell’intestino (13).

Per limitare l’apporto di fitati in una dieta ricca di legumi, noci e cereali, si consiglia vivamente di immergerli in acqua per diverse ore e poi risciacquare prima di procedere a una cottura adeguata.

In caso di dubbio, e se si manifestano i sintomi di una carenza di zinco e selenio, si può prendere in considerazione una cura con integratori di zinco (come Zinc Orotate) e selenio (come L-Selenomethionine).

Bibliografia

  1. MATHIEU, Sasha et DORARD, Géraldine. Végétarisme, végétalisme, véganisme: aspects motivationnels et psychologiques associés à l’alimentation sélective. La presse médicale, 2016, vol. 45, no 9, p. 726-733.
  2. MARIOTTI, François et GARDNER, Christopher D. Adéquation de l’apport en protéines et acides aminés dans les régimes végétariens. Cahiers de Nutrition et de Diététique, 2020, vol. 55, no 2, p. 66-81.
  3. MESSINA, Mark et MESSINA, Virginia. The dietitian's guide to vegetarian diets: issues and applications. Aspen, 1996.
  4. Rapport de l’Académie nationale de médecine. Statut vitaminique, rôle extra osseux et besoins quotidiens en vitamine D. Bull Acad Natle Med. 2012, 196, 1011.
  5. PAWLAK, Roman, PARROTT, Scott James, RAJ, Sudha, et al.How prevalent is vitamin B12 deficiency among vegetarians?. Nutrition reviews, 2013, vol. 71, no 2, p. 110-117.
  6. DAGNELIE, Pieter C., VAN STAVEREN, Wija A., et VAN DEN BERG, Henk. Vitamin B-12 from algae appears not to be bioavailable. The American journal of clinical nutrition, 1991, vol. 53, no 3, p. 695-697.
  7. ALLEN, Lindsay H. Vitamin B-12. Advances in Nutrition, 2012, vol. 3, no 1, p. 54-55.
  8. HUNT, Alesia, HARRINGTON, Dominic, et ROBINSON, Susan. Vitamin B12 deficiency. Bmj, 2014, vol. 349.
  9. DELANGE, Francois. Risks and benefits of iodine supplementation. The Lancet, 1998, vol. 351, no 9107, p. 923-924.
  10. HUNT, Janet R. Bioavailability of iron, zinc, and other trace minerals from vegetarian diets. The American journal of clinical nutrition, 2003, vol. 78, no 3, p. 633S-639S.
  11. MONSEN, Elaine R., et al.Iron nutrition and absorption: dietary factors which impact iron bioavailability. Journal of the American Dietetic Association, 1988, vol. 88, no 7, p. 786-790.
  12. DE BORTOLI, Maritsa Carla et COZZOLINO, Silvia Maria Franciscato. Zinc and selenium nutritional status in vegetarians. Biological trace element research, 2009, vol. 127, no 3, p. 228-233.
  13. REDDY, N. R., SATHE, S. K., et SALUNKHE, D. K. Phytates in legumes and cereals. Advances in food research, 1982, vol. 28, p. 1-92.
SharePinterest

Commenti

Devi accedere al tuo conto per poter lasciare un commento
Questo articolo non è stato ancora commentato, inserisci la prima recensione
La nostra selezione di articoli

Questi prodotti dovrebbero interessarti

Daily 3®Daily 3®

La formula multivitaminica più completa che si possa assumere in un'unica capsula

57.00 €(60.17 US$)
+
Daily 6®Daily 6®

Contiene 54 ingredienti! I multinutrienti ad ampissimo spettro per una salute ottimale.

95.00 €(100.29 US$)
+
Liposomal Vitamin C 335 mgLiposomal Vitamin C 335 mg

Forma altamente biodisponibile di vitamina C

52.00 €(54.90 US$)
+
Magnesium OrotateMagnesium Orotate

Una forma di magnesio ad alta biodisponibilità

39.00 €(41.17 US$)
+
MethylcobalamineMethylcobalamine

La forma di vitamina B12 più attiva, utilizzata di preferenza per rigenerare i neuroni.

22.00 €(23.23 US$)
+
Adaptogenic PotionAdaptogenic Potion

Una pozione ayurvedica per rinforzare l'immunità e allontanare lo stress

39.00 €(41.17 US$)
+
Annatto TocotrienolsAnnatto Tocotrienols

Benefico per la salute cardiovascolare. 90% di delta-tocotrienoli, la forma di vitamina E con l'attività biologica più intensa.

39.00 €(41.17 US$)
+
© 1997-2022 Supersmart.com® - Tutti i diritti di riproduzione riservati
© 1997-2022 Supersmart.com®
Tutti i diritti di riproduzione riservati
Nortonx
secure
Warning
ok