0
it
US
WSM
222519572
Il carrello è vuoto
Menu
Vitamina D in gravidanza

Gravidanza: è necessario assumere vitamina D?

Gli studi sono concordi: la carenza di vitamina D nelle donne incinte è una realtà in tutto il mondo. Quali sono i rischi? Le spiegazioni? È necessario assumere degli integratori di vitamina D, sebbene proprio gli integratori siano talvolta sconsigliati alle donne in gravidanza?

La vitamina D deve essere assunta come prevenzione durante la gravidanza?

Tutte le organizzazioni scientifiche competenti raccomandano l’assunzione di vitamina D durante la gravidanza. Il motivo è semplice: circa il 35% delle donne soffre di carenze all’inizio del III trimestre di gravidanza, quando questo capita in primavera e in inverno (1). E la maggior parte delle donne incinte versa in una condizione di deficit. Le recenti raccomandazioni, stabilite dalla American Society of Endocrinology nonché dall’Institute of Medicine (IOM), invitano all’assunzione di 600 UI di vitamina D al giorno per le donne in gravidanza, ma diversi studi dimostrano che questo dosaggio è probabilmente insufficiente per raggiungere l’obiettivo di 30 ng/ml.

Per quanto riguarda la forma dell’integratore, si può scegliere: capsule oleose (come Vitamin D3 1000 UI) da assumere quotidianamente per riprodurre gli apporti naturali, una singola fiala da 100.000 UI, generalmente raccomandata al settimo mese di gravidanza, o due fiale da 50.000 UI, una da assumere al 6° mese, l’altra al 7° mese.

Alcune donne incinte devono vigilare di più perché sono più a rischio:

  • donne di carnagione scura che vivono a medie e alte latitudini, poiché hanno bisogno di più sole per produrre la stessa quantità di vitamina D delle persone di carnagione chiara;
  • donne in sovrappeso, poiché gli strati di grasso sottocutanei sequestrano la vitamina D prodotta dai raggi solari;
  • donne che seguono una dieta specifica (senza pesce, senza uova, senza prodotti di origine animale, ecc.);
  • donne che vivono in città inquinate, poiché la CO2 assorbe le radiazioni UV;
  • donne che utilizzano sistematicamente creme anti-UVB (indice > 15), poiché queste possono ridurre del 99% gli UVB che penetrano nella pelle.

Per ridurre il rischio, l’integrazione con vitamina D potrebbe essere presa in considerazione anche antecedentemente il primo trimestre, durante la fase di concepimento.

Quali sono i benefici degli integratori di vitamina D per le donne in gravidanza e per il neonato?

Una carenza di vitamina D non deve essere presa alla leggera: è associata a diversi rischi e disfunzioni sia per la madre che per il feto, e successivamente per il neonato:

  • rischio di diabete gestazionale e pre-eclampsia (malattia della gravidanza associata a ipertensione arteriosa) per la madre (2);
  • maggiore probabilità di ricorrere al taglio cesareo (3);
  • scarso peso alla nascita per il neonato, quindi un rischio a medio termine di rachitismo (4);
  • aumento del rischio di sviluppare asma e diabete di tipo 1 per il neonato;
  • rischio di ipocalcemia neonatale e fluorosi dentale per il bambino.

Ricordiamo che la vitamina D contribuisce, in particolare, al normale funzionamento del sistema immunitario e aiuta a mantenere, al mantenere una corretta funzione muscolare, nonché ossa e denti normali. Tutte funzioni fisiologiche che si sviluppano nel feto fin dai primi mesi di gravidanza.

Come spiegare questa mancanza di vitamina D durante la gravidanza?

Gli studi più recenti hanno dimostrato che, per apportare benefici alla salute, nel sangue deve circolare costantemente una quantità superiore a 50 nmol/L di vitamina D. Questa quantità deriva perlopiù dalla produzione di vitamina D da parte del nostro corpo: sotto l’effetto dei raggi UVB del sole, la pelle ne produce a partire dal colesterolo e il corpo si incarica di accumulare nel fegato l’eccedenza prodotta. Consumiamo anche alimenti che ne contengono, ma sono rari (pesce grasso, latticini, bevande arricchite) e forniscono solo da 100 a 200 unità al giorno (5) quando ne servirebbero da 400 a 800. Senza integrazione, l’esposizione regolare al sole è quindi indispensabile per non soffrire di una carenza.

Problema: lo stile di vita sedentario e l’abbigliamento riducono l’esposizione al sole, in particolare da ottobre a maggio, così come l’inquinamento nelle grandi metropoli e l’uso di protezioni solari. Per una parte di noi, le riserve sono già esaurite in autunno. Nelle donne in gravidanza, questo rischio è decuplicato perché l’organismo “devia” le scorte immagazzinate dalla madre a beneficio del feto, il cui fabbisogno aumenta gradualmente per la mineralizzazione del suo scheletro.

Ci sono rischi e pericoli potenziali per la salute in caso di assunzione eccessiva di vitamina D?

Il limite massimo di sicurezza (LMS), stabilito dallo IOM (2011) e dall’EFSA (2012), è stato fissato a 100 µg/giorno (4000 UI). Il rischio di superare questo dosaggio è nullo se si rispettano alla lettera le raccomandazioni delle autorità e persino quelle proposte da alcuni studi scientifici. Si noti che alcuni professionisti sanitari possono, tuttavia, consigliare apporti più elevati di vitamina D, a seconda della situazione (età, sesso, origine etnica, latitudine, ecc.)

Tuttavia, se sei incinta e desideri assumere un integratore (ad esempio con Vitamin D3 1000 UI), rivolgiti sempre a un operatore sanitario per conoscere il dosaggio appropriato e il momento ideale in base all’integratore selezionato (puoi farti consigliare a che mese iniziare l’integrazione con vitamina D o quando assumere una singola fiala di vitamina D, ecc.) È anche l’occasione per prendere in considerazione l’assunzione di altri integratori alimentari, come l’acido folico (all’inizio della gravidanza) e i multivitaminici prenatali (vitamina C, vitamina A, ecc.)

Se sei incinta e vuoi allattare, non dimenticare di continuare l’integrazione con vitamina D dopo la nascita del bambino: il latte materno contiene una concentrazione molto bassa di vitamina D (tra 20 e 60 UI per litro di latte). Anche in questo caso, chiedi consiglio a un professionista sanitario.

SUPERSMART CONSIGLIA

##TPL_ARTICOLI:0492,0682##

Bibliografia

  1. Madelenat P, Bastian H, Menn S. Supplémentation hivernale au 3e trimestre de la grossesse par une dose de 80 000 UI de vitamine D. J Gynecol Obstet Biol Reprod 2001;30:761-7.
  2. Maghbooli Z, Hossein-Nezhad A, Karimi F, Shafaei AR, Larijani B. Correlation between vitamin D3 deficiency and insulin resistance in pregnancy. Diabetes Metab Res Rev 2008;24:27-32.
  3. Merewood A, Mehta SD, Chen TC, Bauchner H, Holick MF. Association between vitamin D deficiency and primary cesarean section. J Clin Endocrinol Metab 2009;94:940-5.
  4. Palacios C, Kostiuk LK, Peña-Rosas JP. Vitamin D Supplementation for Women During Pregnancy. Cochrane Database Syst Rev 2019;7:CD008873.
  5. Bui, T.; Christin-Maitre, S. (2011). Vitamine D et grossesse. Annales d'Endocrinologie, 72(), S23–S28. doi:10.1016/S0003-4266(11)70006-3

Commenti

Devi accedere al tuo conto per poter lasciare un commento

Questo articolo non è stato ancora commentato, inserisci la prima recensione

Pagamento protetto
32 anni di esperienza
Soddisfatti
o rimborsati
Invio rapido
Consultazione offerta