0
it
US
1 mascherina gratuita per ogni ordine, 1 set "mascherina + flacone di gel idroalcolico" incluso per ogni ordine pari o superiore a 120€
X
× SuperSmart Informarsi per problema di salute Nouveaux articles Articoli popolari Visita il nostro negozio Il mio conto Smart Prescription Blog Programma di fidelizzazione Lingua: Italiano
Fegato e disintossicazione Liste

4 piante dai benefici riconosciuti per la salute del fegato

Affinché il fegato svolga le sue funzioni essenziali, è indispensabile prendersene cura quotidianamente. Dettagli di piante che possono aiutare.
Fotografia di piante di cardo mariano
Il cardo mariano è una delle migliori piante epatoprotettive.
Rédaction Supersmart.
2019-11-29Commenti (0)

Dallo stoccaggio alla disintossicazione, passando attraverso la sintesi proteica e il metabolismo degli zuccheri: il fegato svolge molte funzioni essenziali per il corretto funzionamento dell'organismo. È quindi necessario prendersene cura per evitare di vederlo cedere. La fitoterapia rappresenta un modo efficace per aiutare il fegato a svolgere meglio il suo ruolo. Concentrati su quattro piante, scientificamente rinomate per i loro benefici sulla salute del fegato.

Il cardo mariano, una pianta anticancro.

Il Silybum Marianum è una pianta mediterranea utilizzata fin dall'antica Grecia per le sue incredibili proprietà farmacologiche. Le deve in gran parte a un composto che si trova nei suoi semi maturi, la silimarina. In realtà si tratta di un complesso di tre flavonoidi: la silicristina, la silidianina e la silibina. Questo complesso ha potenti proprietà antiossidanti e protegge il fegato dagli attacchi dei radicali liberi, prodotti soprattutto quando si consuma alcol in eccesso. Lo stress ossidativo legato all'alcol nel fegato è una delle cause del cancro al fegato.

La silimarina limita anche lo sviluppo della fibrosi, un accumulo di collagene nel fegato che può portare alla cirrosi. È anche antinfiammatoria : una risorsa che gli consente di essere attiva contro l'epatite e contro la steatoepatite non alcolica (NASH) o "malattia del fegato grasso umano" (1).

Infine, la silimarina favorisce la depurazione dell'organismo, impedendo alle tossine di aggrapparsi alle cellule del fegato, facilitandone così l'eliminazione attraverso il sistema biliare (2). In sintesi: il cardo mariano è un alleato significativo per la salute del tuo fegato!

In pratica : il cardo mariano viene assunto sotto forma di infusione, tre volte al giorno. Si trova anche sotto forma di integratore alimentare standardizzato in silimarina, con il vantaggio di essere assimilato più facilmente dall'organismo.dosaggio comunemente raccomandato è di 200 milligrammi, tre volte al giorno.

Il carciofo, per il fegato pigro

Il carciofo, o Cynara Scolimus, è un ortaggio particolarmente apprezzato nella stagione estiva per le sue qualità gustative. Ma si conosce di meno sulle sue incredibili proprietà epatoprotettive, che attribuiamo a un polifenolo in particolare, la cinarina. Questo composto è raccomandato in caso di "fegato pigro", perché stimola la produzione di bile nel fegato, un liquido viscoso necessario per una buona digestione dei lipidi e per l'eliminazione attiva di scarti e tossine (3).

Le foglie di carciofo hanno anche un ruolo protettivo per le cellule del fegato, oltre a stimolarne la rigenerazione in caso di aggressione, meccanica o chimica (4).

In pratica : sotto forma di estratto, il dosaggio raccomandato è di 300 milligrammi, da due a tre volte al giorno. Anche le foglie essiccate di carciofo vengono consumate sotto forma di infusione: sono necessarie da due a tre tazze al giorno per trarne vantaggio.

Il ravanello nero, il segreto della disintossicazione!

Il Raphanus sativus è particolarmente raccomandato per proteggere il fegato da un'alimentazione troppo pesante per quest'ultimo, ad esempio nel caso di un pasto particolarmente ricco. Infatti, anche il ravanello nero consente un aumento della produzione biliare e consente una migliore digestione dei grassi. Il ravanello nero stimola anche gli enzimi epatici responsabili della disintossicazione dell'organismo da alcune tossine particolarmente pericolose (5).

Anche il succo di ravanello nero presenta degli effetti antiossidantinotevoli (6).

In pratica : il ravanello nero viene consumato sotto forma di succo puro (attenzione al suo gusto molto pronunciato!), appena spremuto con una centrifuga o direttamente in fiale. Ci sono poche controindicazioni, tranne in caso di blocco dei dotti biliari.

La clorella, un'alga alleata contro i metalli pesanti.

La Chlorella Vulgaris è un' alga verde microscopica, dai grandi benefici nutrizionali. È eccezionalmente ricca di proteine, il che rende la clorella interessante nell'ambito di una dieta vegetariana o vegana. Inoltre, contiene le vitamine A, C, E, omega 3, sali minerali e oligoelementi in quantità eccezionali per una singola pianta: è spesso classificata nella categoria molto selezionata dei "superalimenti".

I suoi benefici per la salute del fegato sono molteplici: la clorella è nota per la sua capacità di chelazione dei metalli pesanti (piombo, mercurio, arsenico...) presenti nell'organismo. Li intrappola e ne accelera l'eliminazione (7).

La sua ricchezza di vitamine e composti fenolici le conferisce notevoli capacità antiossidanti e alcuni studi hanno mostrato che è un eccellente integratore terapeutico in caso di NASH. Infatti, la clorella ha degli effetti benefici sul colesterolo e sul diabetee i suoi effetti antinfiammatori completano la sua fama di alga alleata del fegato (8).

Un'alimentazione varia ed equilibrata e il consumo di alcol con moderazione sono i primi alleati di un fegato sano. In caso di dubbi, consulta un medico per escludere qualsiasi patologia che richiederebbe un trattamento.

Le piante possono apportare i loro benefici, ma fai attenzione: la maggior parte degli integratori alimentari dovrebbero essere evitati per le donne in gravidanza e in allattamento e per i bambini. Per gli altri, ti raccomandiamo: Liver Support Formula, un integratore che contiene i migliori estratti naturali epatoprotettivi (silimarina, clorella, foglie di carciofo...).

Attenzione: in alcuni casi sono possibili effetti collaterali e interazioni farmacologiche. Per evitare qualsiasi rischio, non esitare a porre le tue domande al farmacista, che ti indirizzerà agli articoli giusti e ai giusti dosaggi nella fitoterapia, per una funzionalità epatica ben bilanciata!

Bibliografia

  1. Safiyeh Aghazadeh, Rahim Amini, Razieh Yazdanparast, Seyed H. Ghaffari, Anti-apoptotic and anti-inflammatory effects of Silybum marianum in treatment of experimental steatohepatitis, Experimental and Toxicologic Pathology, Volume 63, Issue 6, 2011, Pages 569-574. 
  2. Abenavoli, L., Capasso, R., Milic, N. and Capasso, F. (2010), Milk thistle in liver diseases: past, present, future. Phytother. Res., 24: 1423-1432.
  3. Bekheet, S., & Sota, V. (2019). Biodiversity and medicinal uses of globe artichoke (Cynara scolymus L.) plant. Journal of Biodiversity Conservation and Bioresource Management, 5(1), 39-54.
  4. Aksu, Özlem & Altınterim, Başar. (2013). Hepatoprotective effects of artichoke (Cynara scolymus). Bilim ve genclik Dergisi. 10.13140/2.1.1127.9043.
  5. Paul R. Hanlon, David M. Webber, David M. Barnes, Aqueous Extract from Spanish Black Radish (Raphanus sativus L. Var. niger) Induces Detoxification Enzymes in the HepG2 Human Hepatoma Cell Line. J. Agric. Food Chem.200755166439-6446. 
  6. Lugasi A, Blázovics A, Hagymási K, Kocsis I, Kéry A. Antioxidant effect of squeezed juice from black radish (Raphanus sativus L. var niger) in alimentary hyperlipidaemia in rats. Phytother Res. 2005 Jul;19(7):587-91.
  7. Ebrahimi-Mameghani M, Sadeghi Z, Abbasalizad Farhangi M, Vaghef-Mehrabany E, Aliashrafi S. Glucose homeostasis, insulin resistance and inflammatory biomarkers in patients with non-alcoholic fatty liver disease: Beneficial effects of supplementation with microalgae Chlorella vulgaris: A double-blind placebo-controlled randomized clinical trial. Clin Nutr. 2017 Aug;36(4):1001-1006.
  8. Jae-Young Shim, Hye-seoung Shin, Jae-Gab Han, Hyeung-Suk Park, Byung-Lak Lim, Kyung-Won Chung, and Ae-Son Om.Protective Effects of Chlorella vulgaris on Liver Toxicity in Cadmium-Administered Rats. Journal of Medicinal Food. Volume: 11 Issue 3: September 18, 2008. 
SharePinterest

Commenti

Devi accedere al tuo conto per poter lasciare un commento
Questo articolo non è stato ancora commentato, inserisci la prima recensione
La nostra selezione di articoli

Questi prodotti dovrebbero interessarti

DMSA 100 mgDMSA 100 mg

Il chelante del mercurio più sicuro e più efficace

37.00 €(41.77 US$)
+
Magnesium Malate 800 mgMagnesium Malate 800 mg

Una forma brevettata con una biodisponibilità migliorata per chelatare gli eccessi tossici di alluminio. 20% magnesio, 69% acido malico

20.00 €(22.58 US$)
+
LIV 52<sup>®</sup>LIV 52®

Celebre formulazione ayurvedica di disintossicazione epatica

19.00 €(21.45 US$)
+
Silyplus 120 mgSilyplus 120 mg

Una formulazione da 8 a 10 volte più potente e meglio assorbita della silymarina

29.00 €(32.74 US$)
+
Colon Cleanse FormulaColon Cleanse Formula

Un colon sano garante di una vita sana

23.00 €(25.97 US$)
+
EDTA 250 mgEDTA 250 mg

Poco costoso e molto più pratico della chelazione intravenosa

27.00 €(30.48 US$)
+
Liver Support FormulaLiver Support Formula

Nuova formula migliorata e rinforzata Sostiene naturalmente la funzione epatica

34.00 €(38.39 US$)
+
Desmo Forte™Desmo Forte™

Estratto liquido 1:2 di Desmodium adscendens Concentrazione massimale

36.00 €(40.64 US$)
+
© 1997-2020 Supersmart.com® - Tutti i diritti di riproduzione riservati
© 1997-2020 Supersmart.com®
Tutti i diritti di riproduzione riservati
Nortonx
secure
Warning
ok