0
it
US
X
× SuperSmart Informarsi per problema di salute Nouveaux articles Articoli popolari Visita il nostro negozio Il mio conto Smart Prescription Blog Programma di fidelizzazione Lingua: Italiano
Cuore e circolazione sanguigna Casi

Le meraviglie del Ginkgo Biloba - Vantaggi, dosaggio e leggende

Chiunque si interessi agli alberi e alla fitoterapia finisce per cadere irrimediabilmente sul ginkgo biloba. È una curiosità della natura che va vista almeno una volta nella vita...
Rédaction Supersmart.
2019-10-22Commentaires (0)

Se avessi una macchina del tempo e scegliessi l'era dei dinosauri 150 milioni di anni fa, saresti proiettato in un mondo molto diverso dal nostro. Quasi tutte le specie viventi sembrerebbero del tutto insolite e stravaganti, ma alcune di esse sarebbero molto familiari. È il caso del Ginkgo biloba, questo albero molto misterioso che illumina le strade di Tokyo o New York e che, a quanto pare, ha assistito all'estinzione dei dinosauri.

Erano 65 milioni di anni fa. A titolo di paragone, l'uomo esiste solo da 300.000 anni. Come questi alberi antichi hanno potuto attraversare i secoli e sopravvivere a tutti i fenomeni biologici e geologici del pianeta sotto il naso di tutti quelli che hanno conosciuto? Il segreto sta probabilmente nel genio della sua composizione cellulare. I ricercatori hanno trovato al suo interno una miscela sensazionale di micronutrienti che permette loro di resistere a malattie, parassiti, inquinanti, calore, insetti e anche all'invecchiamento poiché il ginkgo biloba può sopravvivere fino a 3.000 anni.

Questi alberi antichi che sfidano il tempo

Quando i primi botanici occidentali si trovarono di fronte a questo albero nel XVII secolo, furono molto perplessi. Era una conifera? Un albero chiomato? Questo albero eccentrico non rientrava in nessuna delle famiglie di piante esistenti. Così abbiamo dovuto creare una famiglia solo per lui, nonostante fosse l'unico membro. Molto rapidamente, confrontandolo con dei fossili, i ricercatori hanno capito che ilGinkgo biloba era in realtà l'ultimo sopravvissuto di un gruppo di alberi molto diffusi che esistevano circa 150 milioni di anni fa. Questi alberi atipici si estinsero in Nord America 7 milioni di anni fa, poi in Europa quasi 3 milioni di anni fa, probabilmente a causa dell'estinzione dei mammiferi e dei rettili che erano coinvolti nell'espansione dei loro "semi". Ma contro ogni aspettativa, una specie di questo gruppo è sopravvissuta in Cina, nell'ombra e fuori dalla vista (1). Il Ginkgo biloba è l'unico rappresentante della famiglia Ginkgophyta, probabilmente la famiglia di alberi più antica del mondo.

E se è ancora con noi oggi, è un vero miracolo perché i dinosauri e i grandi mammiferi che un tempo disperdevano i suoi "semi" sono tutti scomparsi. Il ginkgo biloba aveva sviluppato un modo intelligente per attirarli rendendo i suoi "semi" molto profumati. Ma dobbiamo credere che la funzione olfattiva differisca enormemente da una specie all'altra, perché per noi questi "semi" sprigionano un odore molto sgradevole, che non incoraggia molto ad assaggiarli. Se sei curioso(a), sappi che sarà difficile scoprirlo: visto che lo stratagemma veniva sfruttato solo dagli esemplari femmine, le città scelgono generalmente degli esemplari maschi come piante ornamentali... Questo permette ai più informati di raccogliere serenamente i "semi" il cui sapore ricorda un po' quello del pistacchio (2).

Ad ogni modo, anche se oggi esistono degli uccelli e dei piccoli mammiferi che possono disperderne i semi, il Gingko biloba sembra essere sopravvissuto negli ultimi millenni grazie all'azione dell'uomo e forse anche a dei monaci buddisti che li hanno piantati intorno ai monasteri. Oggi, la sua progressiva ricolonizzazione del mondo rimane fragile ma testimonia, ancora una volta, la sua incredibile tenacia in un momento in cui la maggior parte delle specie stanno prendendo la strada opposta...

Le caratteristiche dell'albero "dai mille scudi"

Photographie de Ginkgo bilobaChiunque si interessi agli alberi e alla fitoterapia finisce per cadere irrimediabilmente sul ginkgo biloba. È una curiosità della natura che va vista almeno una volta nella vita, anche solo per l'aspetto singolare delle foglie e per il colore giallo dorato che assumono in autunno. Ma lo spettacolo più suggestivo si ha all'inizio dell'inverno, quando le foglie verdi cadono tutte allo stesso tempo, formando un tappeto dorato con una luce magica. Migliaia di visitatori vengono ad ammirare questo fenomeno ogni anno presso il tempio buddista di Guanyin Gu.

Anche il suo modo di riproduzione è unico al mondo. In realtà, il ginkgo biloba non produce "semi", come è stato suggerito in precedenza, ma ovuli! Gli alberi di ginkgo biloba fanno parte delle prespermatofite: precedono nell'evoluzione non solo l'invenzione dei semi, ma anche quella dei frutti. Questa caratteristica li avvicina agli esseri umani, soprattutto perché l'esemplare femmina è in grado di produrre degli ovuli solo durante l'"adolescenza", cioè intorno agli 80 anni. Questa particolarità ha portato infatti i giapponesi a denominarlo "l'albero del nonno e del nipote" perché chiunque pianti un ginkgo biloba non può sperare di raccogliere lui stesso gli ovuli fecondati: dovrà affidarsi a suo nipote...

La sua caratteristica più sorprendente rimane, nonostante tutto, la qualità dei suoi sistemi di difesa, considerati infallibili. È molto semplice, non conosciamo malattie o parassiti legati a questo albero. È inoltre resistente a virus, batteri, insetti, inquinamento, freddo, siccità e anche agli incendi più devastanti. Il segreto? In caso di incendio, fa affluire in superficie una linfa particolare che lo rende molto difficile da bruciare. Così, nel 1923, un tempio giapponese sopravvisse miracolosamente al grande incendio di Tokyo grazie alle siepi di ginkgo che circondavano l'edificio. Questo evento storico ha spinto le autorità a scegliere la foglia di gingko come emblema della città.

Ma è stato probabilmente il 6 agosto 1945 quando il gingko biloba ha offerto la sua più grandedimostrazione di resistenza. L'uso di armi nucleari a Hiroshima da parte degli americani ha portato alla morte di oltre 140.000 esseri umani e all'annientamento di molte formazioni vegetali nel raggio di tre chilometri intorno all'impatto. Ma nella primavera del 1946, appena un anno dopo la tragedia, i ricercatori furono sorpresi di vedere una gemma di ginkgo biloba a solo un chilometro dall'impatto, nel bel mezzo di un campo di rovine ancora fumanti. Questo ginkgo, oggi simbolo di rinnovamento, è stato da allora integrato nella costruzione di un tempio consacrato alla vita. In totale, quattro individui appartenenti alla specieGinkgo biloba sono sopravvissuti, dimostrando una grande resistenza agli agenti mutageni come le radiazioni.

Messe insieme, queste proprietà rendono il ginkgo un albero quasi immortale: gli esemplari più antichi raggiungono i 4.000 anni e i 40 metri di altezza... Si dice infatti che il fondatore del taoismo, Lao Tseu, avesse piantato un ginkgo all'epoca che sarebbe ancora vivo oggi. Si tratta di 2.500 anni fa.

I comprovati benefici del ginkgo e quelli ancora inesplorati

Photographie de Ginkgo bilobaQuando i ricercatori si sono resi conto che si trattava di una specie straordinaria, hanno subito pensato che potesse essere utile per la specie umana. E non si sono sbagliati. Inoltre, le popolazioni asiatiche ci avevano pensato molto prima di loro, dal momento che le foglie e soprattutto gli "ovuli" sono tradizionalmente utilizzati da secoli per curare l'asma e i disturbi della circolazione.

In soli pochi anni, le nostre conoscenze hanno convalidato l'esperienza degli antichi. Oltre 200 studi sugli effetti biologici del ginkgo hanno permesso di individuare i terpeni (ginkgolidi A, B e C, bilobalidi) e i flavonoidi (caempferolo, quercetolo, luteolina, ecc.) come molecole responsabili degli effetti del ginkgo (3). Ma sembra che la sua azione sia principalmente il risultato di una sinergia complessa tra tutti questi componenti. Cos'è la sinergia? Si tratta di un fenomeno che si verifica quando gli effetti benefici di diversi componenti assunti contemporaneamente sono superiori agli effetti degli stessi componenti assunti singolarmente. In altre parole, in questo caso, 1+1 non è uguale a 2, ma a 3 o 4. La vitamina C e il ferro sono spesso utilizzati per illustrare questo principio, perché la vitamina C aiuta l'organismo ad assorbire meglio il ferro oltre ad esercitare i suoi effetti abituali. L'assunzione di vitamina C e ferro allo stesso tempo avrà quindi degli effetti maggiori rispetto ad assumere la vitamina C al mattino e il ferro nel pomeriggio.

Al momento, gli integratori e i farmaci a base di gingko sono utilizzati nel trattamento dei disturbi legati ad una diminuzione delle prestazioni intellettuali e al fine di migliorare l'irrigazione cerebrale e periferica. In Cina, le indicazioni terapeutiche del ginkgo descritte nella Farmacopea della Repubblica Popolare Cinese (pubblicata nel 2010) includono anche l'ictus, l'angina pectoris, i disturbi cardiovascolari, la disfasia e l'infarto del miocardio.

L'albero d'argento e i disturbi della circolazione

La maggior parte delle persone che assumono il ginkgo biloba lo fanno per migliorare i propri problemi di circolazione sanguigna. E sono numerosi:

I componenti responsabili di questo effetto sono numerosi, ma i più importanti sono senza dubbio i flavonoidi. Si tratta di antiossidanti noti per agire a tutti i livelli del sistema circolatorio (4-5). Rilassano la resistenza capillare, diminuiscono la permeabilità e aumentano l'irrigazione cerebrale azionando diversi meccanismi :

Ginkgo biloba: degli effetti anche sull'invecchiamento?

Quasi tutte le cellule del nostro organismo contengono dei mitocondri. Questi ultimi sono delle specie di piccole officine che finalizzano la trasformazione dei nostri alimenti in energia utilizzabile dall'organismo. Tutte le cellule che richiedono molta energia, come i neuroni o le cellule muscolari, ne contengono quindi molta.

Queste officine sono la sede di reazioni chimiche complesse e accade che sfuggano degli elementi pericolosi per la cellula. Si tratta di una situazione perfettamente normale e l'organismo è dotato di un sistema antiossidante per proteggersi. Almeno fino a un certo punto. Quando le difese si riducono (ad esempio con l'invecchiamento) o quando le molecole ossidanti sono rinforzate di numero da elementi provenienti dall'esterno (inquinamento, fumo di sigaretta, raggi UV, ecc.), la lotta non è uniforme e si verificano irrimediabilmente dei danni nelle cellule (17). Sono quindi particolarmente a rischio quelle che contengono molti mitocondri, così come gli stessi mitocondri, il che è molto problematico perché manipolano dei composti molto sensibili. Degli attacchi ripetuti rischierebbero di danneggiare notevolmente la struttura e di aumentare così le perdite di elementi pericolosi che, a loro volta, farebbero vacillare la struttura. Se non si arresta questo circolo vizioso, il danno potrebbe diventare gigantesco e danneggiare l'intero organismo. Fortunatamente, per evitare questa situazione, la cellula ha la buona idea di uccidersi da sola.

Ecco cosa sembra accadere durante il declino cognitivo e alcune patologie come il morbo di Alzheimer (18). È l'alterazione della funzione mitocondriale che causerebbe danni irreparabili alle cellule (e le proteine che sintetizzano) e porterebbe al loro suicidio. Il grande problema è che i neuroni non hanno la capacità di dividersi e che ogni cellula che scompare non viene sostituita (19) ...

La ricerca dimostra che il ginkgo biloba è in grado di intervenire su questo meccanismo patologico grazie ai bilobalidi riducendo le perdite e proteggendo le barriere mitocondriali dagli elementi ossidanti (20-23). A lungo termine, tale azione può fare differenze colossali: aumentare la produzione di energia (meno perdite) (24-25), rallentare il numero di neuroni e cellule muscolari che si uccidono e preservare i circuiti neurali che garantiscono la conservazione dei nostri ricordi e la preservazione delle nostre facoltà cognitive (26)...

I benefici del ginkgo sulla memoria

L'estratto di ginkgo biloba è certamente la sostanza più testata clinicamente a livello cognitivo. In realtà, la sua azione sulla funzione mitocondriale non è l'unico fattore che spiega la sua popolarità sul piano cognitivo. Esistono almeno altri 3 meccanismi decisivi:

Decine di studi clinici sono stati pubblicati negli ultimi anni. Evidenziano l'azione del ginkgo a livello cerebrale. Due meta-analisi recenti hanno concluso che il gingko è significativamente superiore a un placebo (28-29). Già nel 2009 l'IQWiG, un istituto scientifico indipendente, aveva concluso che il ginkgo aveva un effetto benefico, in particolare sul miglioramento della vita quotidiana e delle funzioni cognitive (30).

L'albero "dai mille scudi" potrebbe quindi essere utile per le persone a rischio di demenza, ma anche per migliorare i vari problemi legati alla cognizione:

Degli effetti collaterali da anticipare?

Spesso diciamo che "se sembra troppo bello per essere vero, è perché nasconde qualcosa". Ma anche qui il ginkgo biloba è un'eccezione: le varie meta-analisi hanno mostrato che il ginkgo aveva solo rari effetti collaterali e che in generale era molto ben accettato.

La maggior parte di questi può essere spiegata con l'effetto vasodilatatore del ginkgo, che può causare alcuni mal di testa lievi all'inizio dell'integrazione. Per evitare questo, basta iniziare con dosi più basse e aumentare gradualmente, se necessario. Tuttavia, poiché si tratta di una pianta che tende a fluidificare il sangue, gli emofiliaci e le donne incinte non dovrebbero assumerlo.

Che dosaggio per il ginkgo?

Nella maggior parte degli studi clinici, i periodi di studio variavano da 22 a 26 settimane per dosi che vanno da 120 a 240 mg di estratto secco al giorno (31). Queste sono anche le raccomandazioni della Commissione europea, dell'OMS e della IQWiG. Poiché gli effetti del ginkgo possono richiedere un certo tempo per manifestarsi completamente, è meglio aspettare almeno 2 o 3 mesi prima di apprezzarne gli effetti.

Questi ultimi saranno anche massimizzati se si scelgono degli estratti che garantiscono un contenuto di flavonoidi di almeno il 20% e un contenuto di terpeni di almeno il 6%. Ci sono troppi estratti di ginkgo biloba di qualità mediocre e i cui prezzi sono generalmente anormalmente bassi. Questa volta, il proverbio menzionato sopra si applica pienamente: ricorda che il ginkgo biloba è un albero raro e che i componenti antiossidanti sono particolarmente fragili! La qualità del prodotto finale dipende da tutte le fasi della sua produzione, dalla coltivazione degli alberi all'inserimento nella capsula finale. Un integratore come Ginkgo Biloba 60 mg riunisce tutte le condizioni precedentemente menzionate, è stato anche ideato appositamente a partire dagli elementi della ricerca.

Se sei interessato(a) al ginkgo biloba per i suoi effetti sul piano cognitivo, sarai sicuramente interessato(a) anche da Smart Pills, una nuova formula nootropica che combina il ginkgo biloba con prodotti naturali per migliorare l'efficacia intellettuale. La possibilità di provare la "fluidità", questo stato di "grazia" associato con la chiarezza mentale, conservando le proprie capacità cognitive a lungo termine...

Coloro che dovrebbero leggere questo articolo una seconda volta

Le persone che sono più a rischio di declino cognitivo e disturbi della circolazione sanguigna dovrebbero interessarsi ancora di più alle virtù del ginkgo. Ecco l'elenco:

Non si dice di dovere agli anziani il massimo rispetto?

Bibliografia

  1. Gong W, Chen C, Dobes C, et al. Phylogeography of a living fossil: pleistocene glaciations forced Ginkgo biloba L. (Ginkgoaceae) into two refuge areas in China with limited subsequent postglacial expansion. Mol Phylogenet Evol. 2008;48(3):1094–105.
  2. Cohn R, May 1 2003, The Life Story of The Oldest Tree on Earth, Yale Environment 360, Published at the Yale School of Forestry & Environmental Studies
  3. Singh B, Kaur P, Gopichand, et al. Biology and chemistry of Ginkgo biloba. Fitoterapia. 2008;79(6):401–18.
  4. Hertog MG, Feskens EJ, Kromhout D. Antioxidant flavonols and coronary heart disease risk. Lancet. 1997;349(9053):699.
  5. Yochum L, Kushi LH, Meyer K, et al. Dietary flavonoid intake and risk of cardiovascular disease in postmenopausal women. Am J Epidemiol. 1999;149(10):943–9.
  6. Touvay C, Vilain B, Taylor JE, et al. Proof of the involvement of platelet activating factor (paf-acether) in pulmonary complex immune systems using a specific paf-acether receptor antagonist: BN 52021. Prog Lipid Res 1986; 25(1-4): 277-88
  7. Tzeng SH, Ko WC, Ko FN, et al. Inhibition of platelet aggregation by some flavonoids. Thromb Res 1991; 64(1): 91-100.
  8. Belayev L, Khoutorova L, Atkins K, et al. LAU-0901, a novel platelet-activating factor antagonist, is highly neuroprotective in cerebral ischemia. Exp Neurol. 2008;214(2):253–8.
  9. Smith PF, Maclennan K, Darlington CL. The neuroprotective properties of the Ginkgo biloba leaf: a review of the possible relationship to platelet-activating factor (PAF). J Ethnopharmacol. 1996;50(3):131–9.
  10. EGb 761: Ginkgo biloba extract, Ginkor. Drugs R D 2003; 4(3): 188-93.
  11. Ou HC, Lee WJ, Lee IT, et al. Ginkgo biloba extract attenuates oxLDL-induced oxidative functional damages in endothelial cells. J Appl Physiol 2009; 106(5): 1674-85.
  12. Pierre SV, Lesnik P, Moreau M, et al. The standardized Ginkgo biloba extract Egb-761 protects vascular endothelium exposed to oxidized low density lipoproteins. Cell Mol Biol 2008; 54(Suppl 1): 1032-42.
  13. Fiorentino TV, Prioletta A, Zuo P, et al. Hyperglycemia-induced oxidative stress and its role in diabetes mellitus related cardiovascular diseases. Curr Pharm Des 2013; 19(32): 5695-703.
  14. Chen JS, Chen YH, Huang PH, et al. Ginkgo biloba extract reduces high-glucose-induced endothelial adhesion by inhibiting the redoxdependent interleukin-6 pathways. Cardiovasc Diabetol 2012; 11: 49.
  15. Tsai TN, Lin WS, Wu CH, et al. Activation of Kruppel-like factor 2 with Ginkgo biloba extract induces eNOS expression and increases no production in cultured human umbilical endothelial cells. Acta Cardiol Sin 2014; 30(3): 215-22.
  16. Kubota Y, Tanaka N, Umegaki K, et al. Ginkgo biloba extractinduced relaxation of rat aorta is associated with increase in endothelial intracellular calcium level. Life Sci 2001; 69(20): 2327-36.
  17. Christen Y. Oxidative stress and Alzheimer disease. Am J Clin Nutr. 2000;71(2):621S–9S.
  18. Mancuso M, Coppede` F, Murri L, et al. Mitochondrial cascade hypothesis of Alzheimer’s disease: myth or reality? Antioxid Redox Signal. 2007;9(10):1631–46.
  19. Reddy PH. Mitochondrial dysfunction in aging and Alzheimer’s disease: strategies to protect neurons. Antioxid Redox Signal. 2007;9(10):1647–58
  20. Abdel-Kader R, Hauptmann S, Keil U, et al. Stabilization of mitochondrial function by Ginkgo biloba extract (EGb 761). Pharmacol Res. 2007;56(6):493–502.
  21. Leuner K, Hauptmann S, Abdel-Kader R, et al. Mitochondrial dysfunction: the first domino in brain aging and Alzheimer’s disease? Antioxid Redox Signal. 2007;9(10):1659–75.
  22. Eckert A, Keil U, Kressmann S, et al. Effects of EGb 761 Ginkgo biloba extract on mitochondrial function and oxidative stress. Pharmacopsychiatry. 2003;36(Suppl 1):S15–23.
  23. Eckert A, Keil U, Scherping I, et al. Stabilization of mitochondrial membrane potential and improvement of neuronal Pharmacokinetics of Ginkgo biloba Extracts energy metabolism by Ginkgo biloba extract EGb 761. Ann N Y Acad Sci. 2005;1056:474–85.
  24. Janssens D, Michiels C, Delaive E, et al. Protection of hypoxiainduced ATP decrease in endothelial cells by Ginkgo biloba extract and bilobalide. Biochem Pharmacol. 1995;50(7):991–9.
  25. Janssens D, Remacle J, Drieu K, et al. Protection of mitochondrial respiration activity by bilobalide. Biochem Pharmacol. 1999;58(1):109–19.
  26. Tchantchou F, Lacor PN, Cao Z, et al. Stimulation of neurogenesis and synaptogenesis by bilobalide and quercetin via common final pathway in hippocampal neurons. J Alzheimers Dis. 2009;18(4):787–98.
  27. Rimbach G, Wolffram S, Watanabe C, et al. Effect of Ginkgo biloba (EGb 761) on differential gene expression. Pharmacopsychiatry. 2003;36(Suppl 1):S95–9.
  28. Ahlemeyer B, Krieglstein J. Neuroprotective effects of Ginkgo biloba extract. Cell Mol Life Sci. 2003;60(9):1779–92.
  29. DeFeudis FV. Bilobalide and neuroprotection. Pharmacol Res. 2002;46(6):565–8
  30. IQWIG. Abschlussbericht: Ginkgohaltige Pra¨parate bei Alzheimer Demenz; 2008.
  31. DeFeudis FV, Drieu K. Ginkgo biloba extract (EGb 761) and CNS functions: basic studies and clinical applications. Curr Drug Targets. 2000;1(1):25–58.
  32. Alzheimer's Association Report. 2010 Alzheimer'snext term disease facts and figures. Alzheimer's and Dementia. Volume 6, Issue 2, March 2010, Pages 158-194.

Crédits Images :
David Scarboro https://www.flickr.com/photos/vicjuan/15856231060/ https://www.flickr.com/photos/diegojack/15713761809/ https://www.flickr.com/photos/uniform-studio/4898917349/
Martha W McQuade Shigemi.J - Iwate , Japan https://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/
Tapis d’or : https://www.flickr.com/photos/fui/306253983/
Feuille verte : https://www.flickr.com/photos/bwjones/42844285181/

Share

Commentaires

Devi accedere al tuo conto per poter lasciare un commento
Questo articolo non è stato ancora commentato, inserisci la prima recensione
La nostra selezione di articoli

Questi prodotti dovrebbero interessarti

Super Omega 3Super Omega 3

EPA e DHA : uno dei prodotti piu naturali, puri, potenti e stabili nel mercato

25.00 €(27.59 US$)
+
Novita
Arctic Plankton OilArctic Plankton Oil

L'olio di Calanus, il tesoro nutrizionale dell'Artico per rafforzare la salute del cuore e combattere l'infiammazione.

42.00 €(46.35 US$)
+
Lactobacillus reuteriLactobacillus reuteri

Un probiotico di nuova generazione al servizio della saluta cardiovascolare

21.00 €(23.17 US$)
+
Co-Enzyme Q10 30 mgCo-Enzyme Q10 30 mg

La chiave della salute cardio-vascolare - Biodisponibilità triplicata.

34.00 €(37.52 US$)
+
Celery3nb™ 75 mgCelery3nb™ 75 mg

Un'arma naturale ed efficace per controllare l'ipertensione.

33.00 €(36.42 US$)
+
Triple ProtectTriple Protect

Prevenire l'imprevedibile a livello cardiovascolare

69.00 €(76.14 US$)
+
Cardio BoosterCardio Booster

Protezione e sostegno multiformi della salute cardiovascolare

34.00 €(37.52 US$)
+
Ubiquinol™ 100 mgUbiquinol™ 100 mg

Forma più attiva e biodisponibile rispetto al CoQ10

73.00 €(80.56 US$)
+
© 1997-2020 Supersmart.com® - Tutti i diritti di riproduzione riservati
© 1997-2020 Supersmart.com®
Tutti i diritti di riproduzione riservati
Nortonx
secure