INNOVATION AND EXCELLENCE SINCE 1992
Home
  >  
Categorie
  >  
Minerali
  >  
Iron Bisglycinate 25 mg
Iron Bisglycinate 25 mg
Iron Bisglycinate 25 mg
Una forma altamente biodisponibile e ben tollerata di ferro
visualizzare le recensioni

Quantitá : 60 caps. veg. 14.00 €
(15.99 US$)
aggiungi al carrello

+

Svolgendo un ruolo nella funzione immunitaria, la salute cardiovascolare e lo sviluppo cognitivo, il ferro è un nutriente essenziale per la salute. Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità, 1,3 miliardi di persone soffrono di anemia per carenza di ferro, una condizione che deriva da una diminuzione della concentrazione di emoglobina nel sangue. Tuttavia, molte persone con carenza di ferro non sono per questo anemiche.

Tra i sintomi più caratteristici di una carenza di ferro, ci sono principalmente:
    • stanchezza;
    • debolezza;
    • mancanza di resistenza;
    • stordimento;
    • perdita di libido;
    • freddo agli arti;
    • rallentamento del sistema immunitario.
Tutti questi sintomi sono legati al fatto che il corpo non ha abbastanza ferro per produrre emoglobina, che trasporta l'ossigeno ai principali organi vitali che sono il cuore, i polmoni e i reni.

Nei bambini, questa deficienza o carenza può portare a difficoltà di apprendimento e a un deficit marcato di attenzione (ADD - Attention Deficit Disorder).

Sono per lo più le donne in età fertile, da 20 a 49, a presentare tali carenze. Infatti, la perdita di ferro durante le mestruazioni e la gravidanza può portare ad una diminuzione dei livelli di ferro che possono arrivare fino al 25% della quantità normale.

Tuttavia, molte altre cause possono essere correlate a questa mancanza, tra cui malassorbimento intestinale, sanguinamento gastrointestinale, interventi chirurgici gastrici.

Per valutare carenze e deficienze di ferro, il dosaggio più rappresentativo è quello della ferritina sierica, è la proteina di stoccaggio del ferro. La sua quantità non deve essere inferiore a 15 µg/l negli adulti e 12 µg/l nei bambini.

Altamente biodisponibile. Maggiore tolleranza

Le forme di ferro più comunemente prescritte in caso di deficienza o carenza sono: solfato ferroso, citrato ferrico, D-gluconato di ferro. Tuttavia, tutte queste forme hanno percentuali ampiamente variabili di assorbimento e molteplici effetti collaterali: mal di stomaco, nausea, stitichezza o diarrea, dolore addominale.

Solo il ferro chelato in glicina, o bisglicinato ferroso, è:
    • facilmente assorbito;
    • a basso peso molecolare;
    • senza carica ionica positiva e perfettamente stabile;
    • non reattivo con altri nutrienti;
    • senza effetti negativi sulla parete dello stomaco e dell'intestino;
    • sicuro in caso di uso prolungato.
Infatti, quando un sale minerale è disciolto nello stomaco, il minerale diventa uno ione carico che può bloccare l'assorbimento di altri nutrienti o combinarsi con altri fattori alimentari per formare composti non assorbibili. Ciò è particolarmente vero in determinare forme di ferro, che possono disattivare le sostanze nutritive, quali le vitamine C ed E e bloccare l'assorbimento di altri minerali come il calcio. Poiché il bisglicinato fessoso è ionico neutro, vale a dire che non trasporta alcuna carica elettrica, non reagisce con altri nutrienti e arriva intatto nell'intestino.

Nella loro forma usuale, i minerali sono facilmente assorbiti dall'intestino. Le forme bisglicinate, in cui i minerali sono legati ad aminoacidi per produrre chelati organici naturali, sono composti a basso peso molecolare che non richiedono il lavoro di spingta dello stomaco e passano facilmente attraverso la parete intestinale.

Il bisglicinato ferroso non è quindi influenzato da fattori alimentari che possono ostacolarne l'assorbimento e quindi è assimilato quasi al 75%, ovvero 3,7 volte in più del solfato di ferro tradizionalmente prescritto.

L'assorbimento del bisglicinato ferroso è controllato dalle riserve di ferro del corpo. Quantità maggiori sono generalmente ben assorbite da persone con carenza di ferro. In caso di anemia, il corpo può assorbire fino al 90% del ferro, mentre una persona non carente assimilerà solo il 10% o solo la quantità necessaria per compensare le perdite metaboliche.

Quindi, è possibile ripristinare la quantità di ferro sierico con solo 25 - 75 mg di bisglicinato di ferro (15 mg di ferro elemento), ovvero da 1 a 3 capsule al giorno, senza effetti collaterali, mentre occorre generalmente una quantità quattro volte superiore con le forme di ferro solfatate.

Una perfetta sicurezza d'impiego

L'assunzione di bisglicinato di ferro è sicura ed efficace in ogni fase nella vita: crescita di bambini e adolescenti, donne in stato di gravidanza o allattamento o in ogni situazione particolare: sport, disturbi digestivi...

Anche a dosi superiori a 500 mg al giorno non sono state osservate alterazioni delle costanti biochimiche o fisiologiche.
Dose giornaliera: 3 capsule
Numero di dosi per scatola: 20
Quantità per dose
Ferro elementare (di 75 mg di bisglicinato di ferro) 15 mg
Dose giornaliera raccomandata di ferro 107 %
Altri ingredienti: cellulosa microcristallina, stearato di magnesio


Adulti. Assumere una capsula da una a tre volte al giorno oppure secondo il consiglio del terapeuta.
Ogni capsula contiene 25 mg di bisglicinato di ferro.

Precauzioni: Non superare la dose giornaliera raccomandata. Questo prodotto è un supplemento nutrizionale che non deve sostituire un'alimentazione varia ed equilibrata. Non lasciare alla portata dei bambini. Conservare al riparo dalla luce, da fonti di calore e dall'umidità. Come con ogni supplemento nutrizionale, consultare un medico prima di assumerlo durante la gravidanza, l'allattamento o nel caso di problemi di salute.
 
Scopri qualche testimonianza dei nostri clienti

Gratis

Ti ringraziamo per la visita, prima di uscire

ISCRIVITI AL
Club SuperSmart
Ed approfitta
di promozioni esclusive:
Continua gli acquisti
keyboard_arrow_up