0
it
US
SuperSmartSuper-nutrition Blog
X
× Acquistare per problema di salute Acquistare per ingrediente I prodotti più venduti novità Promozioni Il mio conto Smart Prescription Blog Programma di fidelizzazione Lingua: Italiano
Home Acquistare per problema di salute Antietà Senolytic Complex + DNA Repair
Senolytic Complex + DNA Repair
Senolytic Complex + DNA Repair Senolytic Complex + DNA Repair Senolytic Complex + DNA Repair
Senolytic Complex + DNA Repair
Antietà Recensioni dei clienti
117.00 €(129.05 US$) in magazzino
Descrizione
Formula ottimizzata per la riparazione del DNA
  • Attività antimutagena.
  • Ideata per contrastare l'invecchiamento.
  • Riunisce innumerevoli sostanze antiossidanti che rallentano lo stress ossidativo.
I senolitici: una formula rivoluzionaria per eliminare le cellule senescenti all’origine dell’invecchiamento
  • Aiuta a ringiovanire l’intero organismo in modo rapido e duraturo.
  • Favorisce l’autodistruzione delle cellule senescenti che sono all’origine dell’invecchiamento e dei disturbi legati all’età (debolezza muscolare, declino cognitivo, disturbi cardiovascolari, infiammazione cronica...)
  • Ricco di fisetina, il composto senolitico naturale più potente mai identificato.
  • Contiene quercetina fitosoma 20 volte più assimilabile rispetto alla quercetina classica.
  • Basato sulle più recenti ricerche scientifiche (terapia con senolitici).
-
+
aggiungi al carrello
Lista dei desideri
DNA RepairPer Raggiungere e mantenere una salute ottimale è fondamentale una buona salute cellulare. Proteggere e riparare il DNA danneggiato sono probabilmente le preoccupazioni maggiori degli scienziati per aumentare la durata di vita dell’organismo. DNA Repair, nuova formula totalmente inedita, non solo proteggerà il DNA, ma aumenterà anche la capacità di riparazione della nostra struttura genetica.

Le nostre cellule si moltiplicano ogni giorno, ma il DNA, all’interno di esse, è fragile e suscettibile di subire dei danni per diversi fattori: attacco da parte dei radicali liberi, mancanza di vitamine, di minerali, di enzimi… Quando il DNA viene danneggiato, si osserva un indebolimento delle funzioni cellulari che può spingersi fino all’impossibilità da parte delle cellule di duplicarsi e di compiere le proprie suddivisioni.
Infatti, ogni giorno il DNA subisce dei danni, ma quando generazioni intere di cellule si trovano danneggiate, è la riserva potenziale vitale che è compromessa a livello degli organi e dei tessuti, accelerando considerevolmente l’invecchiamento.
La scienza contemporanea conferma infatti che è la distruzione progressiva del DNA che porta inizialmente all’invecchiamento accelerato e poi all’indebolimento globale del corpo le cui capacità di autoriparazione sono limitate e, soprattutto, sempre meno efficaci con l’età. Le cellule si duplicano allora sotto forma danneggiata o corrotta, poi cessano di suddividersi.
È tuttavia possibile, con degli integratori nutrizionali accuratamente selezionati, di ostacolare questo processo degenerativo. DNA REPAIR contiene quindi degli estratti specifici di piante, delle vitamine e minerali così come delle sostanze antiossidanti che agiranno in sinergia per sostenere i processi di riparazione del DNA.

Una formulazione esclusiva e davvero efficace

L’AC-11®
è un estratto botanico brevettato idrosolubile diUncaria tomentosa. Numerosi studi clinici hanno confermato che questi carbossi alchil esteri (CAE) sono potenti agenti riparatori dei danni del DNA cellulare, che sono correlati all’esposizione ai raggi solari o allo stress ossidativo di ogni origine.• Inoltre, i benefici dell’assunzione di AC-11® vanno ben al di là di quelli legati alla riparazione del DNA danneggiato. Infatti, le molteplici ricerche effettuate su questo prodotto mostrano che l’AC-11® :
    - rinforza il sistema immunitario sostenendo soprattutto i linfociti (aumenta la loro durata di vita);
    - stimola la produzione di collagene di tipo 3 (a livello cutaneo);
    - ripara i tessuti muscolari;
    - migliora la risposta all’infiammazione normalizzando il NF-kB, che è un fattore di trascrizione nucleare che sta alla base della codifica genetica di numerose proteine che regolano l’apoptosi cellulare e i meccanismi legati all’infiammazione e alla crescita cellulare.
• L’AC-11®, standardizzato in CAE, è quindi indubbiamente uno degli agenti più attivi per opporsi all’invecchiamento, a complemento di altre sostanze antiossidanti e riparatorie.
L’estratto di broccoli contenuto in DNA Repair è standardizzato al 10% di sulforafano. Questo glucosinolato molto studiato è un attivatore enzimatico. È confrontabile con l’I3C (indolo-3-carbinolo) ed è in grado di neutralizzare delle sostanze cancerogene tramite attivazione degli enzimi di disintossicazione epatica detti di fase 2. Può anche proteggere contro alcuni tumori maligni chimicamente indotti, come quelli del colon e della prostata. È una sostanza protettrice maggiore dell’integrità cellulare.
Per rinforzarne l’azione, è stato aggiunto un estratto di rafano (Wasabi - Horse radish) per il suo contenuto in glucosinolati diversi che intervengono nella regolazione degli enzimi epatici, preservano il DNA e migliorano la risposta ai processi infiammatori.
Gli arabinogalattani estratti dal larice (Larix occidentalis) ostacolano i processi infiammatori e sostengono molto efficacemente il sistema immunitario aumentando i NK (da ciò il loro utilizzo in caso di metastasi epatiche) e le linfochine, che si oppongono così alla distruzione del DNA cellulare in caso di diverse aggressioni.
Il Curcuma longa, e in modo più particolare i curcuminoidi che contiene, fanno parte delle migliori sostanze capaci di preservare il DNA cellulare e di comportarsi come dei potenti agenti di disintossicazione. Tutti gli studi confermano che il curcuma è un antiossidante generale, una sostanza protettrice dal cancro, un riduttore dei processi infiammatori e che la relativa assunzione induce un abbassamento degli elementi mutageni.
SOD-Gliadins complesso è la sola forma stabile orale di SOD (superossido dismutasi). Questo estratto di melone combinato a una proteina estratta dal grano (la gliadina), protegge il DNA dai danni ossidativi.
AuroraBlue® è un miscuglio esclusivo di polveri di bacche di tipo Vaccinium (alaskaense, ovaliforium, membranaceum, uliginosum, cespitosum) estremamente ricche di antociani, di proantocianidine, di flavonoli (quercetina, miricetina, fisetina, catechine), di stilbeni, di vitamine (C e K), di minerali e di oligoelementi…
L’eccellente profilo nutrizionale di questo complesso unico e le sostanze che contiene permetteranno:
    • delle buone duplicazioni cellulari;
    • di lottare contro i fenomeni infiammatori e ossidativi e, così, di proteggere il DNA da questi attacchi degenerativi a livello cellulare.
La clorofilla, sotto forma di sale cuprico sodico, completerà queste altre sostanze agendo contro i radicali liberi e legandosi a certi composti chimici tossici. Ne contribuisce così all’eliminazione.

E infine, la vitamina B9 nella sua forma più biodisponibile (Quatrefolic®), la vitamina B12 (metilcobalamina) e lo zinco pidolato sono tre catalizzatori indispensabili che intervengono nei processi di ossidoriduzione e di metilazione del DNA.

Questo complesso può essere assunto per lunghi periodi di tempo, da solo o abbinato al cicloastragenolo, che stimola anche la riparazione del DNA attivando la telomerasi, o anche alla pirrolochinolina-chinone (PQQ) che protegge il DNA mitocondriale.
composizioneDNA Repair
Dose giornaliera: 2 capsule
Numero di dosi per scatola: 30
Quantità per dose
AC-11® (estratto brevettato di Uncaria tomentosa standardizzato all’8 % di carbossi alchil esteri) 250 mg
Estratto di broccoli standardizzato al 10% di sulforafano glucosinolato 150 mg
Estratto di larice standardizzato all’85% di arabinogalattani 125 mg
Estratto di Curcuma longa standardizzato al 95 % di curcuminoidi 100 mg
Complesso SOD-Gliadins che contiene un estratto di melone (Cucumis melo L) combinato a un estratto di grano (Triticum vulgare) su supporto di maltodestrina vegetale che contiene 500 UI (unità NBT) di SOD 100 mg
Sale cuprico-sodico della clorofilla (di cui 4 mg di rame ovvero 400 % AJR) 100 mg
AuroraBlue® (Miscuglio proprietario di polveri di Vaccinium alaskaense, Vaccinium ovaliforium, Vaccinium membranaceum, Vaccinium uliginosum, Vaccinium cespitosum) 100 mg
Estratto di wasabi 4/1 50 mg
Zinco pidolato (di cui 3 mg di zinco, ovvero 20 % AJR) 15 mg
Metilcobalamina 200 mcg
Acido Quatrefolic® (6S)-5-metiltetraidrofolicacidolinico (di 200 mcg di 54-59 % di sali di glucosamina e di acido (6S)-5-metiltetraidrofolicacidolinico) 108 mc
Altri ingredienti: Gomma acacia, farina di riso.
Quatrefolic®, Gnosis, Italia. GliSODin®, Isocell, Francia.
AuroraBlue®, Denali, USA. AC-11® è un marchio depositato di Optigenex Inc., USA. (N. patente europea 1,485,114 A2, 1,096,943 B1)
Consigli di utilizzoDNA Repair
Adulti. Assumere due capsule al giorno.
Senolytic Complex

Senolytic Complex è una formula ”senolitica”inedita, per lottare contro l’invecchiamento e che si basa sulle ultime scoperte della medicina antietà.
Il termine “senolitico”, recentemente proposto dalla comunità scientifica, sottolinea la sua capacità di eliminare le cellule senescenti la cui presenza nell’organismo è stata identificata negli ultimi anni, con lo stress ossidativo e l’accorciamento dei telomeri,come una delle cause dell’invecchiamento. Fino ad oggi, non esisteva alcun trattamento per prevenire o rallentare questo processo, il che rende Senolytic Complex un trattamento totalmente rivoluzionario.

La formula contiene i composti senolitici naturali più potenti mai identificati: la quercetina (in una forma 20 volte più biodisponibile rispetto alla quercetina classica), la teaflavina e soprattutto, la fisetina, un flavonoide prodigioso che entusiasma la comunità scientifica.

A chi si rivolge l’integratore Senolytic Complex?

Senolytic Complex si rivolge a tutte le persone con più di 40 anni, come trattamento o tramite assunzione prolungata, per eliminare le cellule senescenti e prevenirne la ricomparsa.

È particolarmente raccomandato per i seguenti profili:

  • le persone che vogliono prolungare la loro aspettativa di vita;
  • le persone che vogliono mantenere una buona condizione fisica e uno stato di salute ottimale durante l’invecchiamento;
  • le persone già affette da disturbi legati all'età (debolezza muscolare, disturbi cardiovascolari, disturbi della vista e dell'udito, declino cognitivo, osteoporosi...) e coloro che desiderano ridurne il rischio.

Come funziona Senolytic Complex?

La scoperta di cellule senescenti che invadono l’organismo

Nel 2014, alcuni ricercatori hanno fatto un importante passo in avanti nella lotta contro l'invecchiamento. Hanno identificato delle cellule totalmente “invecchiate” nei tessuti delle persone di oltre 40 anni.Queste cellule, cosiddette "senescenti", sono delle cellule abominevoli (1), deformate, incapaci di suddividersi e distribuite in tutti i tessuti dell’organismo. Non sono più in grado di funzionare normalmente, ma non sono state eliminate dall’organismo e si accumulano quindi patologicamente nel corpo.

Queste cellule sono rare negli individui giovani, ma aumentano con l'età, specialmente nel tessuto adiposo, nei muscoli scheletrici, nei vasi sanguigni, nel cervello, nei reni e nella pelle (2-3).

Le loro drammatiche conseguenze sulle cellule sane e sull’organismo

Sfortunatamente, le cellule senescenti non si limitano a occupare il terreno: rallentano l'attività delle cellule sane vicine rilasciando continuamente delle sostanze pro-infiammatorie (IL-1, IL-6 e IL-8), delle vescicole e delle proteine insolubili (fibronectina, collagene) nel mezzo extracellulare (4-7). Queste sostanze sono vere e proprie “grida disperate”: indicano alle altre cellule lo stato di deterioramento avanzato in cui si trovano, ma influenzano notevolmente il funzionamento delle cellule sane vicine (8)!

Numerosi studi hanno potuto dimostrare, negli ultimi tre anni, che la quantità di cellule senescenti nell’organismo è direttamente correlata al ritmo dell’invecchiamento (9) e allo sviluppo dei disturbi legati all'età. Una scarsa quantità di cellule senescenti è sufficiente per seminare il caos in un tessuto(10) e per provocare la comparsa di numerosi disturbi legati all’età: l'infiammazione sistemica, l'artrite, l'aterosclerosi, le malattie croniche (11), la sarcopenia, la cataratta, l’insulino-resistenza, l’iporeattività vascolare (12) (13)...

Come eliminare queste cellule “parassite”

Normalmente, queste cellule dovrebbero autodistruggersi per evitare di danneggiare l’organismo (parliamo di apoptosi), ma nel loro caso, il meccanismo non funziona. Sono quindi condannate a parassitare l'organismo e a seminare il caos intorno a loro. (14).

Fortunatamente, i ricercatori hanno identificato diversi composti in grado di riparare specificamente questo meccanismo difettoso e quindi di provocarne l'autodistruzione. Hanno denominato questi composti fuori dal comune come “senolitici”.

Il primo studio che ha permesso di identificare dei senolitici è stato pubblicato nel 2015 nella famosa rivista scientifica Aging Cell (15).La quercetina, un composto flavonoico naturale, combinato con un farmaco anticancerogeno, aveva permesso di ridurre drasticamente il numero di cellule senescenti e di ridurre significativamente la secrezione di fattori proinfiammatori nell'organismo studiato. In sole 5 settimane, questa combinazione aveva permesso di ridurre significativamente la mortalità e il deterioramento fisico.

Da allora, decine di ricerche hanno permesso di identificare dei composti naturali con le stesse proprietà (16-17). Hanno portato allo sviluppo di una nuova terapia rivoluzionaria, il trattamento senolitico, in grado di uccidere selettivamente le cellule senescenti per ridurre la gravità delle malattie correlate all’età, aumentare la resilienza, nonché la longevità e ritardare gli effetti dell'invecchiamento.

Questo trattamento consiste in un'immensa pulizia, una “spolveratura” completa che consente alle cellule sane di riprendere il controllo dell’organismo e di funzionare nuovamente a pieno regime. È un grande passo in avanti nella lotta contro l'invecchiamento.

Quali sono i componenti di Senolytic Complex?

Senolytic Complex contienetre composti senolitici eccezionali (la fisetina, la quercetina e la teaflavina) e tre altri composti antietà di interesse (la vitamina C, il nicotinammide mononucleotide e la bromelina).

Come funziona Senolytic Complex?

Come funziona Senolytic Complex?

La fisetina, il più potente senolitico.

La fisetina fa parte della grande famiglia dei flavonoidi, un gruppo di composti polifenolici antiossidanti (18) presenti in piccole quantità nelle fragole, nel mango e in alcune piante. Tra i flavonoidi testati, la fisetina si è rivelata la più efficace per ridurre le cellule senescenti(19).

Ha permesso di prolungare la longevità (20-21) e di ridurre i marcatori della senescenza nell’uomo.La sua natura idrofoba gli consente di penetrare facilmente nelle cellule attraverso la membrana cellulare (22). Favorisce poi l’autodistruzione delle cellule anomale (come le cellule senescenti) attivando diverse proteine caratteristiche.Una delle sue particolarità è la riduzione della frazione delle cellule senescenti dell'immunità (linfociti T e NK), il che permette di amplificare il suo effetto benefico perché le cellule immunitarie sono importanti per eliminare le cellule senescenti (23). Inoltre, inibisce l'attività di diverse citochine infiammatorie come TNFa, IL-6 e il fattore di trascrizione NF-Κb e presenta degli effetti anti-iperlipidemici (24).

Il dosaggio è pari a 100 mg al giorno (se ne consumano in media 0,4 mg al giorno (25) tramite l’alimentazione).

Maggiori informazioni sulla fisetina e sulle sue proprietà senolitiche: Fisetin is a senotherapeutic that extends health and lifespan.

La quercetina e la teaflavina, altri due composti senolitici di riferimento

Poiché le cellule senescenti utilizzano diversi meccanismi per resistere alla morte programmata (26-27), è importante aggiungere altri composti senolitici alla formula. La scelta è caduta sulla quercetina e sulla teaflavina, poiché i due composti sono dei senolitici naturali evidenziati dalla ricerca.

Come la fisetina, la quercetina fa parte dei flavonoidi. Viene estratta dalStyphnolobium japonicum, la "sofora del Giappone", chiamata anche "albero del miele", e confezionata in una forma fitosomica che ne massimizza l’assorbimento nel flusso sanguigno. È riconosciuta come un composto senolitico di riferimento, in combinazione con la teaflavina, un polifenolo del tè nero.

La bromelina, il NMN et la vitamina C

Senolytic Complex è rinforzato dall’aggiunta di sostanze antietà che operano in simbiosi come il nicotinammide mononucleotide, che rappresenta un elemento essenziale per la produzione di energia cellulare e per la longevità delle proteine sirtuine, la bromelina, un enzima che lotta attivamente contro l’infiammazione sistemica e la vitamina C (sotto forma non acida), un potente antiossidante in grado di sostenere il sistema immunitario.

Come assumere Senolytic Complex?

Senolytic Complex può essere usato come trattamento (annuale o trimestrale) (28) o su base continua a seconda delle proprie esigenze. Le capsule devono essere assunte ai pasti.

Il trattamento senolitico può far parte di un programma a tre fasi:

  1. Liberare l’organismo dalle sue cellule senescenti (anche una pulizia parziale sembra avere degli effetti benefici (29) con l’aiuto di Senolytic Complex.
  2. Prevenire la comparsa di nuove cellule senescenti migliorando lo stile di vita, proteggendosi dai fattori che causano l'invecchiamento delle cellule, rafforzando i sistemi di riparazione del DNA (con l’aiuto di DNA Repair) e i sistemi antioassidanti (con l’aiuto di Resveratrol synergy). Senolytic Complex partecipa attivamente alla prevenzione della loro ricomparsa grazie alla vitamina C e alla bromelina. Infatti, molti meccanismi sono all’origine della loro comparsa, ma due di essi sembrano preponderanti: i livelli elevati d’infiammazione e lo stress ossidativo. .
  3. Stimolare e rafforzare il sistema immunitario in modo che partecipi anche all’eliminazione delle cellule senescenti (con l’aiuto diun estratto di fungo immunostimolante).

Attenzione: la fisetina non è raccomandata in parallelo con l'uso di farmaci della classe degli antagonisti della vitamina K, che sono dei comuni anticoagulanti orali (30)

Gli ultimi studi mostrano che una tale formula può provocare dei potenti effetti ringiovanenti, migliorare la condizione delle persone affette da disturbi legati all’età, ritardare l’invecchiamento e prolungare l’aspettativa di vita.
Un privilegio sensazionale che spinge l'integratore alimentare direttamente al primo posto nella nutrizione antietà e che dovrebbe rendere felici molte persone…

Edizione: aprile 2019

Nota: questo prodotto non deve sostituire una dieta diversificata ed equilibrata e uno stile di vita sano.Seguire le istruzioni per l'uso, la dose giornaliera consigliata e la data di scadenza.Non raccomandato per le donne incinte o in allattamento e per i bambini al di sotto dei 15 anni.Tenere fuori dalla portata dei bambini.Conservare in luogo fresco e asciutto.

Bibliografia

  1. Swanson E.C., Manning B., Zhang H., Lawrence J.B.Higher-order unfolding of satellite heterochromatin is a consistent and early event in cell senescence.J Cell Biol. 2013;203(6):929–942.
  2. Tchkonia T., Morbeck D.E., von Zglinicki T., van Deursen J., Lustgarten J., Scrable H. Fat tissue, aging, and cellular senescence.Aging Cell. 2010;9:667–684
  3. Tchkonia T., Morbeck D.E., von Zglinicki T., van Deursen J., Lustgarten J., Scrable H. Fat tissue, aging, and cellular senescence.Aging Cell. 2010;9:667–684.
  4. Lee BY, Han JA, Im JS, Morrone A, Johung K, Goodwin EC, et al.Senescence-associated beta-galactosidase is lysosomal beta-galactosidase.Aging Cell.2006;5(2):187–95.Epub 2006/04/22. 10.1111/j.1474-9726.2006.00199.x
  5. Toutfaire M, Bauwens E, Debacq-Chainiaux F. Biochem Pharmacol.The impact of cellular senescence in skin ageing: A notion of mosaic and therapeutic strategies.
  6. Oct 15;142:1-12. doi:10.1016/j.bcp.2017.04.011. Epub 2017 Apr 10.
  7. L. Urbanelli, S. Buratta, K. Sagini, B. Tancini, C. Emiliani, Extracellular vesicles as new players in cellular senescence, Int.J. Mol.Sci. 17 (9) (2016).
  8. L. Urbanelli, S. Buratta, K. Sagini, B. Tancini, C. Emiliani, Extracellular vesicles as new players in cellular senescence, Int.J. Mol.Sci. 17 (9) (2016).
  9. M. Toutfaire et al., The impact of cellular senescence in skin ageing:A notion of mosaic and therapeutic strategies, Biochem.Pharmacol. (2017), http://dx.doi.org/10.1016/j.bcp.2017.04.011
  10. Campisi J. Aging, cellular senescence, and cancer.Annual review of physiology.2013;75:685–705.Epub 2012/11/13. 10.1146/annurev-physiol-030212-183653 .
  11. Herbig U., Ferreira M., Condel L., Carey D., Sedivy J.M.Cellular senescence in aging primates.Science. 2006;311(5765):1257.
  12. Zhu Y, Armstrong JL, Tchkonia T, Kirkland JL.Cellular senescence and the senescent secretory phenotype in age-related chronic diseases.Curr Opin Clin Nutr Metab Care.2014;17:324–28. doi: 10.1097/MCO.0000000000000065.
  13. Xu M, Palmer AK, Ding H, Weivoda MM, Pirtskhalava T, White TA, Sepe A, Johnson KO, Stout MB, Giorgadze N, Jensen MD, LeBrasseur NK, Tchkonia T, Kirkland JL.Targeting senescent cells enhances adipogenesis and metabolic function in old age. eLife.2015;4:e12997. doi: 10.7554/eLife.12997.
  14. Xu M, Bradley EW, Weivoda MM, Hwang SM, Pirtskhalava T, Decklever T, Curran GL, Ogrodnik M, Jurk D, Johnson KO, Lowe V, Tchkonia T, Westendorf JJ, Kirkland JL.Transplanted senescent cells induce an osteoarthritis-like condition in mice.J Gerontol A Biol Sci Med Sci. doi: 10.1093/gerona/glw154.2016glw154
  15. Jeyapalan JC, Sedivy JM.Cellular senescence and organismal aging.Mech Ageing Dev.2008;129(7–8):467–74.Epub 2008/05/27. 10.1016/j.mad.2008.04.001
  16. Zhu Y, Tchkonia T, Pirtskhalava T, Gower AC, Ding H, Giorgadze N, et al.The Achilles’ heel of senescent cells: from transcriptome to senolytic drugs.Aging cell.2015;14(4):644–58. 10.1111/acel.12344
  17. Wang Y, Chang J, Liu X, Zhang X, Zhang S, Zhang X, et al.Discovery of piperlongumine as a potential novel lead for the development of senolytic agents.Aging (Albany NY).2016;8(11):2915–26.10.18632/aging.101100. PMC5191878.
  18. Zhu Y, Tchkonia T, Fuhrmann‐Stroissnigg H, Dai HM, Ling YY, Stout MB, et al.Identification of a novel senolytic agent, navitoclax, targeting the Bcl‐2 family of anti‐apoptotic factors.Aging Cell.2016;15(3):428–35. 10.1111/acel.12445
  19. Khan N, Syed DN, Ahmad N, Mukhtar H. Fisetin: a dietary antioxidant for health promotion.Antioxid Redox Signal.2013;19:151-62. doi: 10.1089/ars.2012.4901.
  20. MJ Yousefzadeh, Zhu Y et al.Fisetin is a senotherapeutic that extends health and lifespan.EBioMedicine.2018 Oct;36:18-28. doi:10.1016/j.ebiom.2018.09.015. Epub 2018 Sep 29.
  21. Howitz K.T., Bitterman K.J., Cohen H.Y., Lamming D.W., Lavu S., Wood J.G.Small molecule activators of sirtuins extend Saccharomyces cerevisiae lifespan.Nature. 2003;425(6954):191-196.
  22. Wood J.G., Rogina B., Lavu S., Howitz K., Helfand S.L., Tatar M. Sirtuin activators mimic caloric restriction and delay ageing in metazoans.Nature. 2004;430(7000):686-689.
  23. Ishige K, Schubert D, Sagara Y.Flavonoids protect neuronal cells from oxidative stress by three distinct mechanisms.Free Radic Biol Med. 2001;30:433–46. doi: 10.1016/S0891-5849(00)00498-6.
  24. Iannello A., Thompson T.W., Ardolino M., Lowe S.W., Raulet D.H. p53-dependent chemokine production by senescent tumor cells supports NKG2D-dependent tumor elimination by natural killer cells. J Exp Med. 2013;210(10):2057–2069
  25. Prasath G.S., Subramanian S.P.Fisetin, a tetra hydroxy flavone recuperates antioxidant status and protects hepatocellular ultrastructure from hyperglycemia mediated oxidative stress in streptozotocin induced experimental diabetes in rats.Food Chem Toxicol. 2013;59:249-255.
  26. Arai Y., Watanabe S., Kimira M., Shimoi K., Mochizuki R., Kinae N. Dietary intakes of flavonols, flavones and isoflavones by Japanese women and the inverse correlation between quercetin intake and plasma LDL cholesterol concentration.J Nutr. 2000;130(9):2243–2250
  27. Zhu Y., Tchkonia T., Pirtskhalava T., Gower A., Ding H., Giorgadze N. The Achilles' heel of senescent cells: from transcriptome to senolytic drugs.Aging Cell. 2015;14:644-658.
  28. Niedernhofer L.J., Robbins P.D.Senotherapeutics for healthy ageing.Nat Rev Drug Discov. 2018;17(5):377.
  29. Kirkland J.L., Tchkonia T., Zhu Y., Niedernhofer L.J., Robbins P.D.The clinical potential of senolytic drugs.J Am Geriatr Soc. 2017;65(10):2297-2301
  30. T. Tchkonia, Y.Zhu, J. van Deursen, J. Campisi, J.L.Kirkland, Cellular senescence and the senescent secretory phenotype: therapeutic opportunities, J. Clin.Invest. 123 (3) (2013) 966–972.
  31. Touil YS, Auzeil N, Boulinguez F, Saighi H, Regazzetti A, Scherman D, Chabot GG.Fisetin disposition and metabolism in mice: identification of geraldol as an active metabolite.Biochem Pharmacol.2011;82:1731-39. doi: 10.1016/j.bcp.2011.07.097
composizioneSenolytic Complex
Dose giornaliera: 3 capsule
Numero di dosi per scatola: 30
Quantità per dose
Quercefit® (Complesso di fitosomi di girasole e di quercetina di sofora del Giappone standardizzato al 40% di lecitina e al 40% di quercetina) 400 mg
Bromelina 2000 GDU/g 200 mg
Vitamina C (Ester C®) 100 mg*
Fisetina di stelo di Rhus succedanea 100 mg
Estratto di foglie di tè nero decaffeinato 300 mg
Nicotinammide mononucleotide 10 mg
Altri ingredienti: gomma di acacia, farina di riso bianco.
*RDA di vitamina C 125 %
Quercefit®, Indena, Italia.Ester C®, Ester C Company.
Consigli di utilizzoSenolytic Complex
Adulti.Assumere 3 capsule vegetali al giorno.

Pacchetti sinergia

Iscriviti alla nostra newsletter
e ottieni il 5% di sconto fisso
La nostra selezione di articoli
La curcuma smantella un trituratore di proteine coinvolto nel cancro

Se sei interessato/a ai farmaci naturali, non puoi ignorare questa pianta che viene soprannominata "il sole in polvere" e che è apprezzata dalle popolazioni asiatiche da migliaia di anni: la curcuma.

La conversazione sul cancro che avresti voluto leggere prima

Alimentazione, impatto dello stress, cause possibili delle mutazioni, spiegazione dei fenomeni... Due interlocutori esplorano in profondità gli aspetti del cancro.

5 buoni motivi per fare il pieno di antiossidanti

In grado di opporsi alla nefasta azione dei radicali liberi, le molecole dal potere antiossidante presentano innumerevoli vantaggi per la salute. Venite a scoprire 5 buoni motivi per fare il pieno di antiossidanti e proteggere l'organismo.

Senolytic Complex + DNA Repair
-
+
117.00 €
(129.05 US$)
aggiungi al carrello
© 1997-2019 Supersmart.com® - Tutti i diritti di riproduzione riservati
© 1997-2019 Supersmart.com®
Tutti i diritti di riproduzione riservati
x
secure