0
it
US
WSM
222514935
Il carrello è vuoto
Menu
Donna sportiva appassionata di silicio organico

Silicio organico: quali benefici? Quale forma scegliere?

Ti stai chiedendo quali sono i benefici del silicio organico e la forma migliore per assumerlo come integratore? Scopri tutte le caratteristiche di questo prezioso oligoelemento.

Che cos’è il silicio organico?

Il silicio, rappresentato dal simbolo chimico Si, è contrassegnato dal numero atomico 14 nella tavola periodica degli elementi. Poiché costituisce circa il 26% della massa della crosta terrestre, è il secondo elemento più abbondante dopo l’ossigeno (1). Tuttavia non si trova libero in natura, ma si presenta sempre in forma composta ossia combinato con altri atomi.

Presente fino a 7 g negli adulti, il silicio è anche un oligoelemento importante per il corpo umano. Si concentra in molti tessuti (pelle, arterie, timo...). Non è sintetizzabile dall’organismo e viene assunto essenzialmente con l’alimentazione: acque minerali, cereali integrali, legumi, lattuga, mandorle… (2)

Nel nostro ambiente si rilevano due importanti forme di silicio (3):

  • silicio minerale: presente nella sabbia e in alcune rocce (quarzo, opale, ametista...), rimane insolubile in acqua e di fatto molto poco assimilabile dall’organismo;
  • silicio organico: allo stato naturale, è il risultato della metabolizzazione del silicio minerale operata dall’apparato radicale delle piante. Le piante legnose, come bambù, equiseto, avena od ortica, ne contengono in abbondanza. Può anche essere sintetizzato chimicamente in laboratorio. Solubile in acqua, ha una biodisponibilità molto migliore.

Quali sono i benefici del silicio organico?

Pelle più radiosa

Il silicio organico preserva la giovinezza e la luminosità della pelle attenuando le rughe e mantenendone l’idratazione. Promuove, inoltre, la bellezza di altre fanere, come unghie e capelli (4). E poiché le nostre riserve di silicio si riducono con il tempo, è un prezioso alleato delle pelli mature.

Ad esempio, uno studio condotto su 50 donne con danni cutanei correlati alla fotoesposizione ha mostrato un netto miglioramento della consistenza della pelle conseguentemente a un’integrazione di acido ortosilicico, una forma particolare di silicio organico (5).

Garante della mineralizzazione ossea

Componente principale del tessuto osseo e connettivo, il silicio organico è coinvolto nella fissazione del calcio. Si trova anche nel bordo osteoide, l’area dove viene costruito l’osso (6).

Diversi studi hanno esaminato l’impatto di un aumento dell’assunzione di silicio alimentare sulla densità minerale ossea nelle donne in premenopausa (7). Numerosi esperimenti condotti su animali da laboratorio si concentrano anche sulla comprensione delle ripercussioni di una privazione di silicio sulla formazione dello scheletro (8).

Spinta difensiva

Organo chiave del sistema immunitario, il timo contiene una notevole quantità di silicio. Localizzata nella parte superiore del torace, questa ghiandola si trova tra i polmoni e interviene in particolare nella maturazione dei linfociti T (9-10).

Effetto positivo sulle arterie

Sapevi che è nell’aorta che si osserva una delle più alte concentrazioni di silicio organico? Arteria principale del corpo umano, questa autostrada di lusso distribuisce il sangue ossigenato dal cuore agli organi.

Mantenendo uno stretto legame con la sintesi dell’elastina, il silicio modulerebbe la flessibilità dei vasi sanguigni (11). Ricordiamo a questo proposito che la rigidità delle pareti arteriose costituisce un fattore di rischio cardiovascolare non trascurabile.

Armatura anti-metallo

Diversi studi hanno esaminato le interazioni tra alluminio e silicio e un possibile “effetto tampone” del secondo sul primo (12).

L’alluminio, appartenente alla famiglia dei metalli pesanti, ha una propensione ad accumularsi in alcuni tessuti, tra cui ossa, fegato, polmoni e cervello. Poiché presenta tossicità se assunto ad alte dosi, oggi il suo ruolo nello sviluppo di alcuni disturbi neurologici, in particolare nei soggetti con insufficienza renale (13), solleva numerose domande.

Qual è la migliore forma di silicio organico?

Vuoi iniziare ad assumere un integratore di silicio organico e non sei sicuro di quale forma preferire?

Tre di queste sono regolarmente utilizzate nella produzione di integratori alimentari: silicio solido (biossido di silicio), gel di acido silicico e silicio liquido (acido ortosilicico stabilizzato). Peraltro, non tutte presentano lo stesso grado di biodisponibilità.

Ad oggi, l’acido ortosilicico stabilizzato è quello che offre i maggiori benefici per l’organismo, data la sua alta qualità e il particolare processo di produzione (14). È infatti generalmente associato alla colina, un agente stabilizzante già presente come nutriente cellulare, che ha la funzione di bloccare la catena di polimerizzazione (ossia la sua trasformazione in sostanze di massa molecolare più elevate) (15).

Senza di essa, l’acido ortosilicico instabile si trasformerebbe parzialmente in gel di silice. Questa stabilizzazione garantisce un migliore assorbimento a livello intestinale, per la massima efficacia.

Alla ricerca di un integratore di silicio organico completo?

Stabilizzato con l’aggiunta di colina, l’integratore di silicio liquido Orthosilicic Acid si basa su una sinergia di vitamine e minerali per rafforzare la sua azione sull’organismo. Contiene soprattutto vitamina B12, boro, manganese, zinco (che contribuisce al mantenimento di pelle e unghie normali) e selenio (che partecipa al mantenimento di capelli e unghie normali) (16-17).

Deve inoltre la sua singolarità al contenuto di L-carnitina (presente nei mitocondri, le “centrali energetiche” delle nostre cellule) e MSM (precursore di composti faro del sistema articolare) (18-19).

Bibliografia

  1. Jurkić LM, Cepanec I, Pavelić SK, Pavelić K. Biological and therapeutic effects of ortho-silicic acid and some ortho-silicic acid-releasing compounds: New perspectives for therapy. Nutr Metab (Lond). 2013 Jan 8;10(1):2. doi: 10.1186/1743-7075-10-2. PMID: 23298332; PMCID: PMC3546016.
  2. Farooq MA, Dietz KJ. Silicon as Versatile Player in Plant and Human Biology: Overlooked and Poorly Understood. Front Plant Sci. 2015 Nov 12;6:994. doi: 10.3389/fpls.2015.00994. PMID: 26617630; PMCID: PMC4641902.
  3. Pennington JA. Silicon in foods and diets. Food Addit Contam. 1991 Jan-Feb;8(1):97-118. doi: 10.1080/02652039109373959. PMID: 2015936.
  4. Araújo LA, Addor F, Campos PM. Use of silicon for skin and hair care: an approach of chemical forms available and efficacy. An Bras Dermatol. 2016 May-Jun;91(3):331-5. doi: 10.1590/abd1806-4841.20163986. PMID: 27438201; PMCID: PMC4938278.
  5. Barel A, Calomme M, Timchenko A, De Paepe K, Demeester N, Rogiers V, Clarys P, Vanden Berghe D. Effect of oral intake of ch.-stabilized orthosilicic acid on skin, nails and hair in women with photodamaged skin. Arch Dermatol Res. 2005 Oct;297(4):147-53. doi: 10.1007/s00403-005-0584-6. Epub 2005 Oct 26. Erratum in: Arch Dermatol Res. 2006 Apr;297(10):481. Dosage error in article text. Erratum in: Arch Dermatol Res. 2006 Feb;297(8):381. Paepe, K De [corrected to De Paepe, K]. PMID: 16205932.
  6. Carlisle EM. Silicon: an essential element for the chick. 1972 Nov 10;178(4061):619-21. doi: 10.1126/science.178.4061.619. PMID: 5086395
  7. Macdonald HM, Hardcastle AE, Jugdaohsingh R, Reid DM, Powell JJ. Dietary silicon intake is associated with bone mineral density in premenopasual women and postmenopausal women taking HRT. Journal of Bone Mineral Research. 2005;20:S393.
  8. Jugdaohsingh R, Tucker KL, Qiao N, Cupples LA, Kiel DP, Powell JJ. Dietary silicon intake is positively associated with bone mineral density in men and premenopausal women of the Framingham Offspring cohort. J Bone Miner Res. 2004 Feb;19(2):297-307. doi: 10.1359/JBMR.0301225. Epub 2003 Dec 16. PMID: 14969400.
  9. Gordova VS, Dyachkova IM, Sergeeva VE, Sapozhnikov SP, Smorodchenko AT. Morphofunctional adaptation of rat thymus structures to silicon consumption with drinking water. Bull Exp Biol Med. 2015 Apr;158(6):816-9. doi: 10.1007/s10517-015-2869-x. Epub 2015 Apr 21. PMID: 25894784.
  10. Thapa P, Farber DL. The Role of the Thymus in the Immune Response. Thorac Surg Clin. 2019 May;29(2):123-131. doi: 10.1016/j.thorsurg.2018.12.001. Epub 2019 Mar 7. PMID: 30927993; PMCID: PMC6446584.
  11. Maehira F, Motomura K, Ishimine N, Miyagi I, Eguchi Y, Teruya S. Soluble silica and coral sand suppress high blood pressure and improve the related aortic gene expressions in spontaneously hypertensive rats. Nutr Res. 2011 Feb;31(2):147-56. doi: 10.1016/j.nutres.2010.12.002. PMID: 21419319.
  12. Bellia JP, Birchall JD, Roberts NB. The role of silicic acid in the renal excretion of aluminium. Ann Clin Lab Sci. 1996 May-Jun;26(3):227-33. PMID: 8726215.
  13. Klotz K, Weistenhöfer W, Neff F, Hartwig A, van Thriel C, Drexler H. The Health Effects of Aluminum Exposure. Dtsch Arztebl Int. 2017 Sep 29;114(39):653-659. doi: 10.3238/arztebl.2017.0653. PMID: 29034866; PMCID: PMC5651828.
  14. Araújo LA, Addor F, Campos PM. Use of silicon for skin and hair care: an approach of chemical forms available and efficacy. An Bras Dermatol. 2016;91(3):331-335. doi:10.1590/abd1806-4841.20163986
  15. Wickett RR, Kossmann E, Barel A, Demeester N, Clarys P, Vanden Berghe D, Calomme M. Effect of oral intake of chol.-stabilized orthosilicic acid on hair tensile strength and morphology in women with fine hair. Arch Dermatol Res. 2007 Dec;299(10):499-505. doi: 10.1007/s00403-007-0796-z. Epub 2007 Oct 25. PMID: 17960402.
  16. Gupta M, Mahajan VK, Mehta KS, Chauhan PS. Zinc therapy in dermatology: a review. Dermatol Res Pract. 2014;2014:709152. doi:10.1155/2014/709152
  17. Tortelly Costa VD, Melo DF, Matsunaga AM. The Relevance of Selenium to Alopecias. Int J Trichology. 2018;10(2):92-93. doi:10.4103/ijt.ijt_37_17
  18. Virmani MA, Cirulli M. The Role of l-Carnitine in Mitochondria, Prevention of Metabolic Inflexibility and Disease Initiation. Int J Mol Sci. 2022 Feb 28;23(5):2717. doi: 10.3390/ijms23052717. PMID: 35269860; PMCID: PMC8910660.
  19. Butawan M, Benjamin RL, Bloomer RJ. Methylsulfonylmethane: Applications and Safety of a Novel Dietary Supplement. 2017 Mar 16;9(3):290. doi: 10.3390/nu9030290. PMID: 28300758; PMCID: PMC5372953.

Commenti

Devi accedere al tuo conto per poter lasciare un commento

Questo articolo non è stato ancora commentato, inserisci la prima recensione

Pagamento protetto
32 anni di esperienza
Soddisfatti
o rimborsati
Invio rapido
Consultazione offerta