0
it
US
X
× SuperSmart Informarsi per problema di salute Nuovi articoli Articoli popolari
Visita il nostro negozio Il mio conto Smart Prescription Blog Programma di fidelizzazione Lingua: Italiano
Digestione e comfort oro-gastrointestinale Casi

Carbone attivo: come agisce sui gas intestinali?

Utilizzato da millenni, il carbone attivo è noto per essere il rimedio naturale più efficace contro i gas. Scopri come questa sostanza agisce concretamente su gonfiore e flatulenza.
Il carbone attivo contro i gas
Il carbone attivo viene utilizzato fin dall’antichità per ridurre gas e gonfiore.
Rédaction Supersmart.
2022-09-13Commenti (0)

Promemoria: quali sono le cause del gas intestinale

La produzione di gas intestinali è un fenomeno normale e riguarda tutti gli individui. È dovuto principalmente all’accumulo di aria ingerita nell’intestino (soprattutto durante l’assunzione di cibo), ma anche alla fermentazione di alcuni zuccheri poco o non digeribili dai batteri intestinali (come i FODMAP) (1-2). Questi gas vengono poi rilasciati con l’emissione di flati, il cui numero sfiora i 14 al giorno in un uomo in buona salute, principalmente dopo i pasti (3).

Tuttavia, alcune persone possono soffrire di un eccesso di flatulenza. È il cosiddetto fenomeno dellasovra-fermentazione, una ritenzione d’aria nel condotto intestinale oltremodo prolungata o un’eccessiva presenza di alcuni batteri nella flora intestinale. Più raramente, può essere la manifestazione di un cattivo assorbimento o di un’intolleranza alimentare.

Di per sé benigna, la flatulenza si associa spesso a disagio sociale e disturbi digestivi. A volte è accompagnata da gonfiore, distensione o pressione addominale, rumori e gorgoglii addominali (borborigmi) o dolore nella regione ombelicale e del basso ventre (5).

Che cos’è il carbone attivo?

Noto anche come carbone attivato o carbonio attivato, il carbone attivo è prodotto da una materia prima ricca di carbonio che può essere di origine animale (ossa) o vegetale (cortecce di legno, gusci di noci di cocco...).

A differenza del carbone utilizzato per le grigliate, il carbone attivo subisce diversi trattamenti che ne modificano profondamente la struttura. L’obiettivo è aumentarne la superficie di contatto accentuandone la porosità.

Grazie alla superficie arricchita di micropori, il carbone attivo cattura e trattiene facilmente una serie di composti indesiderati: è il cosiddetto fenomeno diadsorbimento. Immaginata fin dall’antichità – e sfruttata dallo stesso Ippocrate – questa proprietà è all’origine delle sue molteplici applicazioni terapeutiche, in particolare in materia di decontaminazione e di disintossicazione (6-7).

La trasformazione strutturale avviene in due fasi:

Carbone attivo e flatulenza: come agisce?

È ormai riconosciuto che il carbone attivo contribuisce alla riduzione della flatulenza eccessiva dopo i pasti (8). Per estensione, agisce quindi favorevolmente sul gonfiore associato, alleggerendo la zona addominale dall’“aria nella pancia”. Ma come agisce in pratica?

Una volta ingerito, il carbone attivo arriva intatto nella sfera intestinale: non viene quindi né snaturato né alterato dalla digestione (9).

Poi entra in gioco la sua proprietà di adsorbimento. Con la sua carica elettrica negativa, l’involucro esterno attira le particelle di carica positiva – tra cui i gas e alcune tossine – e le intrappola nei suoi pori. Come una calamita, ma su scala microscopica!

Sebbene richiami la metafora della spugna, questa immagine potrebbe in realtà essere leggermente ingannevole. In effetti, le sostanze catturate non penetrano nel cuore della struttura del carbone (a differenza dell’acqua che si infiltra nella schiuma della spugna), ma rimangono in superficie e si annidano nelle cavità create dall’attivazione – come una chiave che entra in una serratura.

Seppure neutralizzati, i composti adsorbiti non sono per questo fisicamente distrutti, ma terminano la loro corsa ancorati al carbone fino alla fine del tratto digestivo, per essere poi espulsi attraverso le feci.

Qual è il legame tra carbone attivo e flora intestinale?

Anche se i meccanismi in atto devono essere ancora essere chiariti, il carbone attivo potrebbe, “trattenendo” alcuni rifiuti nelle sue reti, influenzare indirettamente la composizione del microbiota intestinale. Il suo impiego come coadiuvante per alcuni trattamenti antibiotici suscettibili di alterare la flora batterica è attualmente allo studio (10).

Pertanto, sembrerebbe che una flora instabile e poco diversificata possa essere correlata a una minore tolleranza dei gas intestinali (11).

Quale integratore di carbone attivo scegliere?

A seconda del tipo di processo di attivazione, il carbone attivo presenta una porosità più o meno fine, che condiziona il tipo di molecole adsorbite. Per poter imprigionare i gas, sono necessari pori molto stretti (a volte inferiori al nanometro) (12).

Si noti, inoltre, che la qualità delle materie prime impiegate incide anche sul numero e sulle dimensioni degli alveoli ottenuti (13).

Prediligi quindi una forma di carbone attivo vegetale con una rete di micropori sufficientemente granulare, che assicurerà più efficacemente l’adsorbimento dei gas intestinali (l’integratore Charcoal, ricavato da un legno resinoso, viene attivato per ottenere una porosità ultrafine).

Bibliografia

  1. Magge S, Lembo A. Low-FODMAP Diet for Treatment of Irritable Bowel Syndrome. Gastroenterol Hepatol (N Y). 2012 Nov;8(11):739-45. PMID: 24672410; PMCID: PMC3966170.
  2. Cormier RE. Gaz abdominal. Dans : Walker HK, Hall WD, Hurst JW, éditeurs. Méthodes cliniques : l'histoire, les examens physiques et de laboratoire. 3ème édition. Boston : Butterworths ; 1990. Chapitre 90. Disponible sur : https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK417/
  3. Hasler WL. Gas and Bloating. Gastroenterol Hepatol (N Y). 2006 Sep;2(9):654-662. PMID: 28316536; PMCID: PMC5350578.
  4. Deng Y, Misselwitz B, Dai N, Fox M. Lactose Intolerance in Adults: Biological Mechanism and Dietary Management. 2015 Sep 18;7(9):8020-35. doi: 10.3390/nu7095380. PMID: 26393648; PMCID: PMC4586575.
  5. Zhang L, Sizar O, Higginbotham K. Meteorism. [Updated 2021 Oct 21]. In: StatPearls [Internet]. Treasure Island (FL): StatPearls Publishing; 2022 Jan-. Available from: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK430851/
  6. Zellner T, Prasa D, Färber E, Hoffmann-Walbeck P, Genser D, Eyer F. The Use of Activated Charcoal to Treat Intoxications. Dtsch Arztebl Int. 2019 May 3;116(18):311-317. doi: 10.3238/arztebl.2019.0311. PMID: 31219028; PMCID: PMC6620762.
  7. Neuvonen PJ, Olkkola KT. Oral activated charcoal in the treatment of intoxications. Role of single and repeated doses. Med Toxicol Adverse Drug Exp. 1988 Jan-Dec;3(1):33-58. doi: 10.1007/BF03259930. PMID: 3285126.
  8. Hall RG Jr, Thompson H, Strother A. Effects of orally administered activated charcoal on intestinal gas. Am J Gastroenterol. 1981 Mar;75(3):192-6. PMID: 7015846.
  9. Silberman J, Galuska MA, Taylor A. Charbon activé. [Mise à jour le 5 juillet 2022]. Dans : StatPearls [Internet]. Treasure Island (FL): StatPearls Publishing; 2022 janvier-. Disponible sur : https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK482294/
  10. Yuzuriha K, Yakabe K, Nagai H, Li S, Zendo T, Zai K, Kishimura A, Hase K, Kim YG, Mori T, Katayama Y. Protection of gut microbiome from antibiotics: development of a vancomycin-specific adsorbent with high adsorption capacity. Biosci Microbiota Food Health. 2020;39(3):128-136. doi: 10.12938/bmfh.2020-002. Epub 2020 Feb 29. PMID: 32775131; PMCID: PMC7392918.
  11. Manichanh C, Eck A, Varela E, Roca J, Clemente JC, González A, Knights D, Knight R, Estrella S, Hernandez C, Guyonnet D, Accarino A, Santos J, Malagelada JR, Guarner F, Azpiroz F. Anal gas evacuation and colonic microbiota in patients with flatulence: effect of diet. 2014 Mar;63(3):401-8. doi: 10.1136/gutjnl-2012-303013. Epub 2013 Jun 13. PMID: 23766444; PMCID: PMC3933177.
  12. Li L, Sun F, Gao J, Wang L, Pi X, Zhao G. Broadening the pore size of coal-based activated carbon via a washing-free chem-physical activation method for high-capacity dye adsorption. RSC Adv. 2018 Apr 18;8(26):14488-14499. doi: 10.1039/c8ra02127a. PMID: 35540785; PMCID: PMC9079918.
  13. Ilomuanya MO, Nashiru B, Ifudu ND, Igwilo CI. Effect of pore size and morphology of activated charcoal prepared from midribs of Elaeis guineensis on adsorption of poisons using metronidazole and Escherichia coli O157:H7 as a case study. J Microsc Ultrastruct. 2017 Jan-Mar;5(1):32-38. doi: 10.1016/j.jmau.2016.05.001. Epub 2016 May 12. PMID: 30023235; PMCID: PMC6014264.
SharePinterest

Commenti

Devi accedere al tuo conto per poter lasciare un commento
Questo articolo non è stato ancora commentato, inserisci la prima recensione
La nostra selezione di articoli

Questi prodotti dovrebbero interessarti

© 1997-2022 Supersmart.com® - Tutti i diritti di riproduzione riservati
© 1997-2022 Supersmart.com®
Tutti i diritti di riproduzione riservati
Nortonx
secure
Warning
ok