INNOVATION AND EXCELLENCE SINCE 1992
Home
  >  
Categorie
  >  
Probiotici e prebiotici
  >  
Probio Forte™
Probio Forte™
Probio Forte™
Potente miscela di probiotici per ripristinare l'equilibrio
  • Otto miliardi di microrganismi per capsula.
  • Contiene 5 specie probiotiche confezionate per resistere all'acidità dello stomaco.
  • Realizzato tramite un processo di liofilizzazione di alta qualità e che garantisce la sopravvivenza dei probiotici.
  • Aiuta a ottimizzare il sistema immunitario, a ridurre l'infiammazione sistemica, ad alleviare dei problemi gastrointestinali.
visualizzare le recensioni

Quantitá : 60 DR Caps™ 29.00 €
(32.67 US$)
aggiungi al carrello

+certificato di analisi

Probio Forte è una miscela perfettamente equilibrata di cinque specie probiotiche contenenti un totale di 8 miliardi di batteri benefici per capsula.

Queste 5 specie rientrano fra i probiotici più studiati dalla comunità scientifica: Bifidobacterium lactis BL 2211, Lactobacillus acidophilus NCFM BL 2027, Lactobacillus casei BL 2401, Lactobacillus plantarum BL 2203 e Lactobacillus lactis 2618.

Sono in grado di modificare numerosi parametri fisiologici e metabolici come la maturazione del sistema immunitario, il rafforzamento della barriera intestinale, l'ottimizzazione della digestione, la produzione di neurotrasmettitori in grado di influenzare la salute psicologica, la decomposizione di sostanze tossiche e l'esclusione dei batteri patogeni tramite effetto competitivo.

Le scelte fatte da SuperSmart per produrre questo eccezionale integratore alimentare consentono agli 8 miliardi di probiotici di:

  • sopravvivere e rimanere stabili durante il periodo di conservazione (liofilizzazione piuttosto che atomizzazione, aggiunta di inulina durante la fabbricazione);
  • essere presenti in grandi quantità (8 miliardi di batteri per dose);
  • raggiungere il sito d'azione, l'intestino, in concentrazione sufficiente (uso dell'alta tecnologia DR CapsTM).
" Il ruolo dell'infinitamente piccolo in natura è infinitamente grande. " Louis Pasteur

A chi si rivolge l'integratore alimentare Probio Forte?

Probio Forte è un integratore che si rivolge a tutte le tipologie di persone e soprattutto:

  • alle persone che desiderano infine prendersi cura del loro microbiota;
  • alle persone che soffrono di problemi digestivi di ogni tipo (disturbi della digestione, intolleranza al lattosio, mal di stomaco, gonfiore addominale, flatulenza...) ;
  • alle persone con più di 50 anni la cui composizione della flora intestinale tende a deteriorarsi (meno bifidobatteri, più Bacteroidetes patogeni) (1-2) ;
  • alle persone che seguono o che hanno seguito una terapia antibiotica (3);
  • alle persone fragili (4);
  • alle persone con problemi di natura immunitaria o che desiderano aumentare la qualità delle loro risposte immunitarie;
  • alle persone che desiderano semplicemente migliorare il loro benessere nella vita quotidiana.

Quali sono i vantaggi di Probio Forte?

Gli effetti benefici di Probio Forte sono spiegati dall'attività enzimatica di ciascuna specie probiotica, dalla loro interazione con le altre specie che compongono il microbioma, dai loro effetti sulla barriera intestinale e dalla loro capacità di comunicare con il sistema nervoso centrale tramite il nervo vago (5). Si nota in modo particolare:

  • un miglioramento della qualità della risposta immunitaria;
  • un sollievo dai disturbi gastrointestinali e dai sintomi digestivi (dolori addominali, borborigmi, flatulenza, aerofagie...) (6);
  • un aiuto per ridurre la sindrome del colon irritabile, l'intolleranza al lattosio e la costipazione (7-8);
  • un'accelerazione del tempo di transito intestinale (9);
  • un aiuto al benessere gastrointestinale, anche nelle persone sane (10);
  • una modulazione dell'attività del cervello (11);
  • degli effetti positivi sull' umore e sulla salute psicologica (12);
  • una riduzione dell'infiammazione sistemica;
  • una concorrenza diretta con dei batteri responsabili di infezioni (come l' Helicobacter pylori (13)).

Quali sono i componenti di Probio Forte?

La formula Probio Forte contiene 5 ceppi di probiotici diversi che figurano tra le specie più studiate dalla ricerca scientifica.

Bifidobacterium lactis (BL 2211).

Le specie del genere Bifidobacterium sono utilizzate da diversi decenni come integratori alimentari (14) e offrono una perfetta sicurezza d'uso. Il Bifidobacterium lactis è noto per il suo contributo al sistema immunitario (15): diversi studi hanno così dimostrato la sua capacità di diminuire i livelli di diverse citochine coinvolte nell'infiammazione sistemica (fattore di necrosi tumorale, interleuchina 10) (16), ma anche per migliorare la capacità fagocitaria e l'attività delle cellule Natural Killer (NK) (17).

Le specie del genere Lactobacillus: acidophilus (NCFM BL 2027), casei (BL 2401), plantarum (BL 2203) e lactis (BL 2618).

Queste specie sono molto popolari nella comunità scientifica. Si trovano anche in alimenti fermentati come lo yogurt o il kefir. Quindi, il Lactobacillus acidophilus NCFM è un ceppo studiato scientificamente da oltre 40 anni: è stato isolato nel 1975 in alcuni laboratori della Carolina del Sud dal professor M. Gilliland e dal suo team, a partire da una fonte umana (18). Queste quattro specie esercitano tutti gli effetti attesi dai probiotici, ma presentano in modo particolare degli effetti antimicrobici importanti, soprattutto grazie alla loro capacità di secernere degli acidi organici e diversi peptidi batteriostatici.

Cosa rende Probio Forte davvero eccezionale?

1) Il suo confezionamento ultra innovativo

Probio Forte è confezionato in una forma molto innovativa che massimizza la sopravvivenza dei probiotici che contiene: le capsule DRCaps™. Sono delle capsule che proteggono i probiotici dall'acidità dello stomaco e aiutano anche a massimizzarne la sopravvivenza per tutta la durata di conservazione preservandoli dall'umidità.

Certificati vegani, privi di OGM, halal e kosher, hanno ricevuto il primo premio nella categoria "Nuove attrezzature, processi e tecnologie" dal famoso Nutraceutical Business and Technology (NBT) Magazine.

Come funziona? Uno studioin vivo basato sulla scintigrafia (19) ha mostrato che il rilascio del loro contenuto cominciava, in media, 52 minuti dopo la loro ingestione. Questo rilascio ritardato consente di proteggere i probiotici mentre attraversano l'ambiente acido dello stomaco. Senza questa innovazione tecnologica, la maggior parte dei probiotici non arrivano vivi fino all'intestino e non possono quindi svilupparsi.

2) Il suo metodo di produzione

Per conservare a lungo dei probiotici, è indispensabile immergerli in uno stato di "letargo" disidratandoli. Per riuscirci, esistono due principali tecniche possibili: l'atomizzazione e la liofilizzazione.
L'atomizzazione è una tecnica che consiste nel far passare il liquido contenente i ceppi in un flusso di aria calda per polverizzarlo. È il metodo più economico e veloce, ma sottopone i probiotici a condizioni molto rigide (20) (temperature molto elevate, stress osmotico, stress ossidativo (21), disintegrazione delle membrane lipidiche (22), ecc.) che uccidono inesorabilmente alcuni probiotici (23). Con un tale processo, è impossibile garantire che il numero di batteri vivi sia quello indicato sulla scatola dell'integratore.
Ecco perché SuperSmart ha scelto di ricorrere alla liofilizzazione, un trattamento più lungo e più costoso, ma che garantisce una stabilità ottimale dei probiotici (24). Consiste nell'essiccare tramite sublimazione i probiotici precedentemente congelati.

Attenzione: anche se alcuni batteri non vivi possono esercitare degli effetti sull'immunità, è stato riconosciuto scientificamente che la quantità di batteri che arrivano vivi nell'intestino è il criterio di qualità più importante di una formula probiotica.

3) L'aggiunta di ingredienti naturali per massimizzare la sopravvivenza dei probiotici

Non accontentandosi di aver scelto la liofilizzazione per fabbricare i suoi integratori, SuperSmart ha anche pensato di aggiungere degli ingredienti naturali protettivi dei probiotici, seguendo le ultime raccomandazioni scientifiche (25).

Pertanto, Probio Forte contiene inulina, estratta naturalmente dalla radice di cicoria, un carboidrato indigeribile che viene utilizzato sia per stimolare la crescita dei bifidobatteri (26) sia per massimizzare la sopravvivenza dei probiotici durante la fabbricazione e lo stoccaggio. Questi polisaccaridi naturali agiscono infatti come lioprotettori riducendo la formazione dei cristalli di ghiaccio durante il processo di produzione e diminuendo i danni cellulari inflitti ai probiotici durante la conservazione.

Come ottimizzare l'efficacia di Probio Forte?

Probio Forte va conservato in frigorifero?

Si consiglia di mantenere il prodotto in condizioni di bassa temperatura e scarsa umidità per mantenere il maggior numero di batteri "vivi". Ecco perché SuperSmart conserva l'intera quantità di Probio Forte in luoghi refrigerati.

Tuttavia, una conservazione a temperatura ambiente provoca solo una minima diminuzione dei batteri vivi, a condizione che non superi qualche settimana. Ciò è stato reso possibile grazie all'aggiunta di ingredienti naturali che permettono specificamente di aumentare la sopravvivenza dei probiotici a temperature inadeguate.

Cosa succede ai probiotici di Probio Forte dopo essere stati ingeriti?

Una volta ingeriti, i probiotici vengono rilasciati nell'intestino, dove vengono immediatamente reidratati. Escono quindi dal loro stato di letargo e cominciano a moltiplicarsi, entrando in competizione con altri batteri per aderire alle pareti intestinali.

La sopravvivenza e la crescita dei probiotici nel tratto gastrointestinale è indispensabile per influenzare le popolazioni microbiche ed esercitare le loro attività benefiche. Gli studi mostrano che l'assunzione di probiotici deve essere ripetuta e regolare affinché questa crescita sia durevole e gli effetti siano misurabili.

Benché i probiotici siano protetti dall'ambiente acido dello stomaco da DR Cap™, è consigliabile assumere Probio Forte a stomaco vuoto e con un bicchiere d'acqua per ridurre il più possibile questa acidità e garantire una migliore speranza di sopravvivenza ai pochi batteri che sarebbero stati rilasciati troppo presto.

Si dovrebbe adattare la propria alimentazione assumendo Probio Forte?

Si raccomanda di aumentare molto gradualmente gli apporti di fibre alimentari (frutta, verdura, cereali integrali), in modo da fornire ai probiotici i materiali necessari al loro sviluppo. Queste fibre sono infatti considerate come dei "prebiotici".


Bibliografia

  1. Biagi E., Candela M., Turroni S., Garagnani P., Franceschi C., Brigidi P. Ageing and gut microbes: Perspectives for health maintenance and longevity. Pharmacol. Res. 2013;69:11–20. doi: 10.1016/j.phrs.2012.10.005.
  2. Biagi E., Candela M., Franceschi C., Brigidi P. The aging gut microbiota: New perspectives. Ageing Res. Rev. 2011;10:428–429. doi: 10.1016/j.arr.2011.03.004.
  3. O’Sullivan O., Coakley M., Lakshminarayanan B., Conde S., Claesson M.J., Cusack S., Fitzgerald A.P., O’Toole P.W., Stanton C., Ross R.P. Alterations in intestinal microbiota of elderly Irish subjects post-antibiotic therapy. J. Antimicrob. Chemother. 2012 doi: 10.1093/jac/dks348
  4. Van Tongeren S.P., Slaets J.P., Harmsen H.J., Welling G.W. Fecal microbiota composition and frailty. Appl. Environ. Microbiol. 2005;71:6438–6442. doi: 10.1128/AEM.71.10.6438-6442.2005.
  5. Theodorou V., Ait Belgnaoui A., Agostini S., Eutamene H. (2014) Effect of commensals and probiotics on visceral sensitivity and pain in irritable bowel syndrome. Gut Microbes 5: 430–436.
  6. Van Kerkhoven L., Eikendal T., Laheij R., van Oijen M., Jansen J. (2008) Gastrointestinal symptoms are still common in a general western population. Neth J Med 66: 18–22.
  7. Ford A., Quigley E., Lacy B., Lembo A., Saito Y., Schiller L., et al. (2014) Efficacy of prebiotics, probiotics, and synbiotics in irritable bowel syndrome and chronic idiopathic constipation: systematic review and meta-analysis. Am J Gastroenterol 109: 1547–1561 plus quiz.
  8. Moayyedi P., Ford A., Talley N., Cremonini F., Foxx-Orenstein A., Brandt L., et al. (2010) The efficacy of probiotics in the treatment of irritable bowel syndrome: a systematic review. Gut 59: 325–332.
  9. Miller L., Ouwehand A. (2013) Probiotic supplementation decreases intestinal transit time: meta-analysis of randomized controlled trials. World J Gastroenterol 19: 4718–4725.
  10. Marteau P., Guyonnet D., Lafaye de, Micheaux P., Gelu S. (2013) A randomized, double-blind, controlled study and pooled analysis of two identical trials of fermented milk containing probiotic Bifidobacterium lactis CNCM I-2494 in healthy women reporting minor digestive symptoms. Neurogastroenterol Motil 25: 331–e252.
  11. Tillisch K., Labus J., Kilpatrick L., Jiang Z., Stains J., Ebrat B., et al. (2013) Consumption of fermented milk product with probiotic modulates brain activity. Gastroenterology 144: 1394–1401, e1–e4.
  12. Dinan T. G., Cryan J. F. (2017). The microbiome-gut-brain axis in health and disease. Gastroenterol. Clin. North Am. 46 77–89. 10.1016/j.gtc.2016.09.007
  13. Tytgat H. L., Douillard F. P., Reunanen J., Rasinkangas P., Hendrickx A. P., Laine P. K., et al. (2016). Lactobacillus rhamnosus Gg outcompetes Enterococcus faecium via mucus-binding pili: evidence for a novel and heterospecific probiotic mechanism. Appl. Environ. Microbiol. 82 5756–5762. 10.1128/AEM.01243-16
  14. Borriello SP, Hammes WP, Holzapfel W, et al. Safety of probiotics that contain lactobacilli or bifidobacteria. Clin Infect Dis. 2003;36: 775–780.
  15. Perez Martinez G., Bauerl C., Collado M.C. Understanding gut microbiota in elderly’s health will enable intervention through probiotics. Benef. Microbes. 2014;5:235–246. doi: 10.3920/BM2013.0079.
  16. Ouwehand A.C., Bergsma N., Parhiala R., Lahtinen S., Gueimonde M., Finne-Soveri H., Strandberg T., Pitkala K., Salminen S. Bifidobacterium microbiota and parameters of immune function in elderly subjects. FEMS Immunol. Med. Microbiol. 2008;53:18–25. doi: 10.1111/j.1574-695X.2008.00392.x.
  17. Larry E. Miller, Liisa Lehtoranta, and Markus J. Lehtinen. The Effect of Bifidobacterium animalis ssp. lactis HN019 on Cellular Immune Function in Healthy Elderly Subjects: Systematic Review and Meta-Analysis, Nutrients. 2017 Mar; 9(3): 191.
  18. Sanders ME, Klaenhammer TR. Invited review: the scientific basis of Lactobacillus acidophilus NCFM functionality as a probiotic. J Dairy Sci. 2001 Feb;84(2):319-31.
  19. Capsugel’s Scintigraphic in vivo study of DRCAPS [https://www.capsugel.com/news/capsugels-scintigraphic-in-vivo-study-of-drcapstm-capsules-visually-tracks-]
  20. Broeckx G., Vandenheuvel D., Claes I. J. J., Lebeer S., Kiekens F. (2016). Drying techniques of probiotic bacteria as an important step towards the development of novel pharmabiotics. Int. J. Pharm. 505 303–318. 10.1016/j.ijpharm.2016.04.002
  21. Ghandi, A., Powell, I.B., Howes, T., Chen, X.D., Adhikari, B., 2012. Effect of shear rate and oxygen stresses on the survival of Lactococcus lactis during the atomization and drying stages of spray drying: a laboratory and pilot scale study. J. Food Eng. 113, 194–200. doi:http://dx.doi.org/10.1016/j.jfoodeng.2012.06.005
  22. Santivarangkna, C., Kulozik, U., Foerst, P., 2008b. Inactivation mechanisms of lactic acid starter cultures preserved by drying processes. J. Appl. Microbiol. 105,1–13. doi:http://dx.doi.org/10.1111/j.1365-2672.2008.03744.x.
  23. Perdana, J., Bereschenko, L., Fox, M.B., Kuperus, J.H., Kleerebezem, M., Boom, R.M., Schutyser, M.A.I., 2013. Dehydration and thermal inactivation of Lactobacillus plantarum WCFS1: Comparing single droplet drying to spray and freeze drying. Food Res. Int. 54, 1351–1359. doi:http://dx.doi.org/10.1016/j. foodres.2013.09.043.
  24. Broeckx, G., Vandenheuvel, D., Claes, I. J. J., Lebeer, S., & Kiekens, F. (2016). Drying techniques of probiotic bacteria as an important step towards the development of novel pharmabiotics. International Journal of Pharmaceutics, 505(1-2), 303–318. doi:10.1016/j.ijpharm.2016.04.002
  25. Broeckx, G., Vandenheuvel, D., Claes, I. J. J., Lebeer, S., & Kiekens, F. (2016). Drying techniques of probiotic bacteria as an important step towards the development of novel pharmabiotics. International Journal of Pharmaceutics, 505(1-2), 303–318. doi:10.1016/j.ijpharm.2016.04.002
  26. Prebiotic capacity of inulin-type fructans. Kolida S, Gibson GR. J Nutr. 2007 Nov;137(11 Suppl):2503S-2506S. Review.
Dose giornaliera: 1 DR Caps™
Numero di dosi per scatola: 30
Quantita per dose
Bifidobacterium lactis BL 2211 1.6x109 CFU
Lactobacillus acidophilus NCFM BL 2027 1.6x109 CFU
Lactobacillus casei BL 2401 1.6x109 CFU
Lactobacillus plantarum BL 2203 1.6x109 CFU
Lactobacillus lactis 2618 1.6x109 CFU
Altri ingredienti: amido di mais, inulina di cicoria, stearato di magnesio.

Ogni capsula vegetale contiene 8 miliardi di microrganismi.


Assumere 1 DR Caps™ al giorno, preferibilmente a stomaco vuoto.
Sebbene Probio Forte™ sia stabile a una temperatura ambiente di 20 °C, si consiglia, una volta aperto, di conservarlo nel frigorifero.

Precauzioni: Non superare la dose giornaliera raccomandata. Questo prodotto è un supplemento nutrizionale che non deve sostituire un'alimentazione varia ed equilibrata. Non lasciare alla portata dei bambini. Conservare al riparo dalla luce, da fonti di calore e dall'umidità. Come con ogni supplemento nutrizionale, consultare un medico prima di assumerlo durante la gravidanza, l'allattamento o nel caso di problemi di salute.
 
Scopri qualche testimonianza dei nostri clienti
Probio Forte™
Quantitá : 60 DR Caps™ 29.00 €
(32.67 US$)
aggiungi al carrelloadd_shopping_cart

Gratis

Ti ringraziamo per la visita, prima di uscire

ISCRIVITI AL
Club SuperSmart
Ed approfitta
di promozioni esclusive:
Continua gli acquisti
keyboard_arrow_up