0
it
US
SuperSmartSuper-nutrition Blog
X
× Informarsi per problema di salute Nouveaux articles Articoli popolari Visita il nostro negozio Il mio conto Smart Prescription Blog Programma di fidelizzazione Lingua: Italiano
Antietà Casi

La curcuma smantella un trituratore di proteine coinvolto nel cancro

Se sei interessato/a ai farmaci naturali, non puoi ignorare questa pianta che viene soprannominata "il sole in polvere" e che è apprezzata dalle popolazioni asiatiche da migliaia di anni: la curcuma.
Rédaction Supersmart.
2019-09-10Commentaires (0)

Se sei interessato/a ai farmaci naturali, non puoi ignorare questa pianta che viene soprannominata "il sole in polvere" e che è apprezzata dalle popolazioni asiatiche da migliaia di anni: la curcuma (dal latino Curcuma longa).

Questa radice dai colori vivaci è presente nei trattati di medicina ayurvedica da almeno 4000 anni e gode di una popolarità senza precedenti in tutto il mondo. Viene utilizzata talvolta per le sue proprietà antiossidanti, talvolta per il suo sensazionale potere antinfiammatorio, ma è la sua capacità di prevenire il cancro, o anche di rallentarlo, che appassiona maggiormente. Nella comunità scientifica, questo entusiasmo per le proprietà anticancerogene della curcuma è evidente: in 30 anni, il numero di studi scientifici sull'argomento è aumentato in modo significativo, con un ritmo di pubblicazione in costante aumento. Il suo interesse è aumentato notevolmente quando alcuni ricercatori hanno notato che la prevalenza di molti tumori era più bassa nei paesi asiatici dove se ne consuma in grandi quantità (1).

La maggior parte di questi studi hanno confermato inequivocabilmente che la curcuma svolgeva un ruolo nella prevenzione e nella proliferazione delle cellule cancerogene (2-8) senza saperne realmente il motivo. Il suo meccanismo d'azione è stato spiegato in modo convincente solo nel 941° studio scientifico. Diamo uno sguardo all'incredibile storia di questa radice che certamente non ha ancora svelato tutti i suoi segreti.

L'incredibile espansione della curcuma: la storia che ha permesso il suo avvento

Un bel giorno, da qualche parte nel sud-est asiatico, un piccolo gruppo di uomini probabilmente ha provato per caso a gustare il rizoma di una piccola pianta perenne dai fiori di colore viola della famiglia della Curcuma longa. Visto che l'esperienza è stata piuttosto piacevole, hanno gradualmente introdotto questo rituale nelle loro abitudini alimentari senza sapere che la pianta in realtà aveva delle proprietà benefiche. Queste proprietà sconosciute hanno poi dato al piccolo gruppo di uomini un vantaggio selettivo rispetto agli altri gruppi che non lo consumavano: una maggiore capacità di guarigione, un'aspettativa di vita leggermente superiore e di conseguenza un numero di discendenti superiore alla media. Logicamente, questi discendenti fecero le stesse scelte alimentari dei loro genitori e le trasmisero alle generazioni successive, cosicché nel tempo i consumatori di curcuma divennero sempre più numerosi, fino a formare un'intera popolazione. Una popolazione di consumatori di curcuma. A poco a poco, e senza sapere davvero come, gli individui che formarono tale popolazione associarono la pianta alla loro superiorità: dovevano aver capito che quest'ultima conferiva loro dei "poteri" speciali. Non sorprende quindi che sia diventata una figura sacra attorno alla quale si sono fondati e si raccontano, ancora oggi, miti e favolose credenze popolari. In Malesia, per esempio, la pasta di curcuma viene ancora applicata sul ventre della madre e sul cordone ombelicale per allontanare gli "spiriti maligni", mentre in India viene fatto passare un filo di curcuma intorno al collo per stimolare la fertilità.

Col tempo, le popolazioni asiatiche capirono che potevano controllare la riproduzione della loro pianta fortunata e persino ottenere piante con rizomi più grandi incrociando degli esemplari e coltivandoli. Così, la ricerca mostra oggi che la Curcuma longa è il risultato di un addomesticamento intenso e che la versione selvatica era probabilmente meno ricca di sostanze benefiche come la curcumina. Le specie che ci circondano sono il frutto complesso dell'interazione dell'uomo con il suo ambiente…

Nel II secolo a.C., il periodo vedico apparve in India, poi la medicina tradizionale di Siddha. Si tratta di farmaci olistici molto avanzati che presuppongono che le malattie dipendono da fattori dietetici. La curcuma, o Manjal, ovviamente occupa un posto di rilievo: i seguaci della medicina di Siddha la utilizzano soprattutto come agente cardioprotettivo. Anche se molti anni dopo, i commercianti arabi scopriranno questa spezia e le affermazioni che le popolazioni locali gli prestano, saranno sedotti a loro volta e parteciperanno alla sua espansione nel mondo.

Oggi la curcuma è un prodotto naturale conosciuto in tutto il mondo. Le credenze delle popolazioni asiatiche nei suoi confronti persistono ancora, anche se appaiono relativamente "ingenue" per le popolazioni occidentali. Ma come possiamo dargli torto? Non avevano alcun modo di capire come la curcuma agisse sul loro corpo e non potevano indovinare tramite quale miracolo permetteva loro di vivere più a lungo, se non attraverso dei racconti compatibili con il loro sistema di credenze. La medicina moderna è molto più concreta: non si preoccupa delle belle storie che riguardano le piante tradizionali. Tutto ciò che le interessa è sapere se hanno davvero un effetto fisiologico sull'organismo, se si possono utilizzare per prevenire e curare le malattie e se possiamo comprendere il loro meccanismo d'azione. E risulta che la curcuma risponde ormai favorevolmente a queste 3 condizioni…

Si conosce ora il meccanismo d'azione della curcuma contro il cancro

Utilizzando una tecnica molto sofisticata chiamata cristallografia a raggi X, alcuni ricercatori dell'Università della California a San Diego hanno dimostrato che uno dei componenti della curcuma, la curcumina, aveva una forma spaziale molto particolare. Quando si trova vicino a una molecola denominata DYRK2 e che è coinvolta nelle cellule cancerogene, le due molecole si incastrano come dei pezzi di puzzle. E questa associazione impedisce alla DYRK2 di continuare la sua attività abituale: la curcumina agisce un po' come delle manette che si legano ai polsi di un uomo e gli impediscono di usare le braccia.

Le protéasome est un broyeur cellulaire très utile dans une cellule saine

Ostacolata dalla curcumina, la DIRK2 non è quindi più in grado di svolgere la sua missione principale un trituratore selettivo incaricato di distruggere le proteine inutili o danneggiate nella cellula. Si deve immaginare questo trituratore come un enorme cilindro che inghiotte le proteine da un lato e le espelle in pezzi dall'altro. Senza questo trituratore, che è denominato più scientificamente il proteasoma, i rifiuti proteici si accumulerebbero e finirebbero per far esplodere le cellule. È quindi un elemento essenziale per la nostra sopravvivenza.

Ma nelle cellule cancerogene, il trituratore diventa completamente alterato. Non è più in grado di selezionare correttamente le proteine che deve distruggere e quindi comincia a sterminare delle proteine vitali per la sopravvivenza dell'organismo. Il trituratore "alterato" ha un particolare appetito per le proteine che sono in grado di rilevare delle anomalie nella cellula e di dare l'allarme. Si tratta di proteine "salvavita" che pattugliano regolarmente la cellula e controllano scrupolosamente ogni componente. Quando notano un'anomalia, innescano delle reazioni molecolari complesse per ripararla. Se la riparazione dell'anomalia non è fattibile ed è sufficientemente grave da compromettere la sopravvivenza dell'intero organismo, ordinano il suicidio della cellula. È meglio condannare una cellula, piuttosto che correre il rischio di vedere tale cellula moltiplicarsi e formare una colonia pericolosa per l'organismo.

È quindi più facile capire perché le cellule cancerogene riescono a moltiplicarsi nonostante le numerose anomalie pericolose che trasmettono: il trituratore "alterato" stermina le proteine che dovrebbero monitorare le anomalie e impedire alle cellule anomale di dividersi. Questo trucco permette alle cellule cancerogene di riprodursi massicciamente senza alcun controllo. In realtà, non si spingerebbero molto lontano senza questa alterazione del "trituratore". È per questo motivo che la ricerca si orienta da diversi anni verso la sintesi di farmaci che bloccano l'azione di questo trituratore cellulare. Legandosi alla DIRK2, la curcumina non agisce diversamente. Disattiva indirettamente il trituratore cellulare, consentendo alle proteine "salvavita" di sfuggire alla morte e di svolgere nuovamente la loro funzione. Almeno momentaneamente, perché la curcumina non si lega permanentemente alla chinasi DYRK2, ma questo sussulto può essere sufficiente per portare la cellula camcerogena al suicidio o per riparare alcune delle anomalie...

Questo meccanismo d'azione, scoperto per la prima volta, si aggiunge alle proprietà antiossidanti e antinfiammatorie riconosciute che vengono già utilizzate per prevenire e curare molte patologie in Asia e altrove. Consacra, ancora di più, la curcuma al rango di superalimento.

Come consumare la curcuma per godere dei suoi benefici?

Il potenziale della curcuma è eccezionale, a condizione tuttavia che entri in contatto con le cellule dell'organismo. Gli autori dello studio sono attenti a ricordare che la biodisponibilità della curcumina è scarsa (13-14) e che la frazione che raggiunge nella circolazione sanguigna viene rapidamente evacuata dal fegato nelle urine. Questa scarsa biodisponibilità spiega il motivo per cui la curcuma viene utilizzata più nella prevenzione che nel trattamento: le quantità di curcumina che raggiungono le cellule possono essere sufficienti per evitare che una cellula diventi cancerogena (aiutando a riparare gli errori o a bloccarne la moltiplicazione), ma non avranno lo stesso potere contro un tumore già ben installato che contiene decine di migliaia di cellule cancerogene.

Questo problema di biodisponibilità non si pone nel tratto digestivo poiché la curcumina è a contatto con le cellule senza dover passare attraverso la parete intestinale. La quantità attiva dipende quindi direttamente dalle dosi ingerite. Questo spiega il motivo per cui gli studi clinici si concentrano per la maggior parte sui tumori del tratto digestivo (15), in particolare il cancro al colon, che colpisce ogni anno 500.000 persone in Europa.

Esistono dei mezzi per aumentare la biodisponibilità della curcumina? Fortunatamente, sì. E ancora, la saggezza popolare asiatica ha superato la ricerca scientifica, dal momento che gli ingredienti che permettono di aumentare la disponibilità della curcumina si trovano in molte ricette tradizionali come il curry o i chutney. Questi ingredienti includono la bromelina, un gruppo di enzimi presenti nell'ananas fresco, e soprattutto la piperina, un alcaloide del pepe nero che si trova anche nell'integratore Bioperine. Come funziona? Aumentando l'attività di una proteina intestinale coinvolta nel trasporto (16), ma anche rallentando il meccanismo che permette di solubilizzare la curcumina e di contribuire alla sua eliminazione nelle urine (17). In uno studio condotto sull'uomo, la somministrazione di piperina ha così permesso di aumentare la biodisponibilità della curcumina del 2000 % (18) , mentre i partecipanti si sono accontentati di assumere una dose giornaliera di 2 g di curcumina, ovvero l'equivalente di una capsula di Natural Curcuma. Poiché la curcumina è un chelante del ferro (19), questa strategia è tuttavia riservata piuttosto alle persone che non soffrono di carenze di ferro.

Si consiglia anche di assumere gli integratori di curcuma durante i pasti, in quanto la presenza di acidi grassi aumenta l'assorbimento della spezia. Per questo motivo esistono degli integratori come Super Curcuma che contengono dei fosfolipidi e quindi hanno un migliore assorbimento rispetto agli integratori classici.

Infine, è anche possibile coltivare alcune piante di curcuma in casa, in un grande vaso da fiori e controllando che il terreno sia sempre umido e protetto dal gelo. La raccolta, che avviene nove o dieci mesi dopo la semina, garantirà dei rizomi freschi, molto più gustosi della polvere generosamente irradiata, venduta nei supermercati...

Lo studio principale dell'articolo

Sourav Banerjee, Chenggong Ji, Joshua E. Mayfield, Apollina Goel, JunyuXiao, Jack E. Dixon, Xing Guo. Ancient drug curcumin impedes 26S proteasome activity by direct inhibition of dual-specificity tyrosine-regulated kinase 2, Proceedings of the National Academy of Sciences Jul 2018, 201806797; DOI:10.1073/pnas.1806797115

Bibliografia

  1. López-Lázaro M. Anticancer and carcinogenic properties of curcumin: considerations for its clinical development as a cancer chemopreventive and chemotherapeutic agent. Nutr Food Res. 2008 Jun;52 Suppl 1:S103-27. Review.
  2. Bar-Sela G, Epelbaum R, Schaffer M. Curcumin as an anti-cancer agent: review of the gap between basic and clinical applications. Curr Med Chem. 2010;17(3):190-7.
  3. Polasa K, Raghuram TC, et al. Effect of turmeric on urinary mutagens in smokers.Mutagenesis1992 Mar;7(2):107-9.
  4. Cheng AL, Hsu CH, et al. Phase I clinical trial of curcumin, a chemopreventive agent, in patients with high-risk or pre-malignant lesions. Anticancer Res. 2001 Jul-Aug;21(4B):2895-900.
  5. Cruz-Correa M, Shoskes DA, et al. Combination treatment with curcumin and quercetin of adenomas in familial adenomatous polyposis. Clin Gastroenterol Hepatol. 2006 Aug;4(8):1035-8.
  6. Epelbaum R, Schaffer M, et al. Curcumin and gemcitabine in patients with advanced pancreatic cancer. Nutr Cancer. 2010;62(8):1137-41.
  7. Sharma RA, McLelland HR, et al. Pharmacodynamic and pharmacokinetic study of oral Curcuma extract in patients with colorectal cancer. Clin Cancer Res. 2001 Jul;7(7):1894-900.
  8. Goel A, Aggarwal BB. Curcumin, the golden spice from Indian saffron, is a chemosensitizer and radiosensitizer for tumors and chemoprotector and radioprotector for normal organs. Nutr Cancer. 2010 Oct;62(7):919-30. Review.
  9. Sherr CJ, Roberts JM. CDK inhibitors: positive and negative regulators of G1-phase progression. Genes Dev. 1999;13:1501–1512. doi: 10.1101/gad.13.12.1501.
  10. Luqman S, Pezzuto JM. NFkappaB: a promising target for natural products in cancer chemoprevention. Phytother Res. 2010;24:949–963.
  11. Drexler HC. Activation of the cell death program by inhibition of proteasome function. Proc Nat Acad Sci. 1997;94:855–860. doi: 10.1073/pnas.94.3.855.
  12. Chevrel, S. (2016). Cancer et hasard. Une dérive médiatique passée au crible. Les Tribunes de la santé, 53,(4), 103-110. doi:10.3917/seve.053.0103.
  13. Dhillon N, Aggarwal BB, et al. Phase II trial of curcumin in patients with advanced pancreatic cancer. Clin Cancer Res. 2008 Jul 15;14(14):4491-9.
  14. Reuter S, Eifes S, et al. Modulation of anti-apoptotic and survival pathways by curcumin as a strategy to induce apoptosis in cancer cells. Biochem Pharmacol. 2008 Dec 1;76(11):1340-51. Review.
  15. Villegas I, Sánchez-Fidalgo S, et al. New mechanisms and therapeutic potential of curcumin for colorectal cancer. Mol Nutr Food Res. 2008 Sep;52(9):1040-61. Review.
  16. Bhardwaj RK, Glaeser H, Becquemont L, Klotz U, Gupta SK, Fromm MF. Piperine, a major constituent of black pepper, inhibits human P-glycoprotein and CYP3A4. J Pharmacol Exp Ther. 2002 Aug;302(2):645-50.
  17. Singh J, Dubey RK, Atal CK. Piperine-mediated inhibition of glucuronidation activity in isolated epithelial cells of the guinea-pig small intestine: evidence that piperine lowers the endogeneous UDP-glucuronic acid content. J Pharmacol Exp Ther. 1986 Feb;236(2):488-93.
  18. Shoba G, Joy D, Joseph T, Majeed M, Rajendran R, Srinivas PS. Influence of piperine on the pharmacokinetics of curcumin in animals and human volunteers. Planta Med. 1998 May;64(4):353-6.
  19. Jiao Y, Wilkinson J, Di X, Wang W, Hatcher H, Kock ND, D’Agostino R, Jr, Knovich MA, Torti FM, Torti SV. Curcumin, a cancer chemopreventive and chemotherapeutic agent, is a biologically active iron chelator. Blood 2009;113:462–9.

Crédits Illustrations : Lucille Duchene, www.lucilleduchene.com

Share

Commentaires

Devi accedere al tuo conto per poter lasciare un commento
Questo articolo non è stato ancora commentato, inserisci la prima recensione
La nostra selezione di articoli
Perché puntare sui benefici del resveratrolo?

Oggi disponibile sotto forma di integratore alimentare, il resveratrolo è un principio attivo fuori dal comune. Studiato da diverse decine di anni, non finisce di rivelare nuove proprietà e virtù terapeutiche...

Le insospettabili virtù della mela

Pensate di sapere tutto sulla mela? Questo articolo potrebbe sorprendervi! Oltre alle innumerevoli varietà e agli svariati colori, le mele presentano tantissimi virtù per la salute.

L'uva, parola d'ordine per la salute in autunno!

L'uva è senza dubbio il frutto di riferimento durante la stagione autunnale! Questo piccolo frutto deve il proprio successo anche al delizioso gusto zuccherino. Ma soprattutto agli innumerevoli benefici per la salute.

5 buoni motivi per fare il pieno di antiossidanti

In grado di opporsi alla nefasta azione dei radicali liberi, le molecole dal potere antiossidante presentano innumerevoli vantaggi per la salute. Venite a scoprire 5 buoni motivi per fare il pieno di antiossidanti e proteggere l'organismo.

Bella e in forma dopo i 60 anni: ecco i nostri trucchi

60 anni? È l'età in cui le donne fioriscono e sono più serene. Ma è anche l'età in cui è necessario prendersi cura di sé. Ecco i nostri consigli.

Anti-age: 6 abitudini fondamentali per ritardare l'invecchiamento

Invecchiare è ineluttabile. Però possiamo rallentare il processo di invecchiamento adottando buone abitudini e puntando su prodotti di buona qualità. Perché? Come? Ecco alcuni suggerimenti.

Questi prodotti dovrebbero interessarti

Novita
Senolytic ComplexSenolytic Complex

I senolitici: una formula rivoluzionaria per eliminare le cellule senescenti all’origine dell’invecchiamento

84.00 €(93.21 US$)
+
Mitochondrial FormulaMitochondrial Formula

Ringiovanire le cellule senescenti generando nuovi mitocondri

59.00 €(65.47 US$)
+
AMPK BoosterAMPK Booster

L'enzima cellulare che promuove la longevità e riduce l'immagazzinamento dei grassi.

42.00 €(46.60 US$)
+
Nicotinamide Mononucleotide 125 mgNicotinamide Mononucleotide 125 mg

E ora, ringiovaniamo! Novità a livello mondiale! Questo potenziatore del NAD+ potrebbe davvero invertire il processo di invecchiamento!

59.00 €(65.47 US$)
+
Novita
Dragonhead extractDragonhead extract

Un estratto antietà di Melissa moldavica per imitare la restrizione calorica

42.00 €(46.60 US$)
+
Astragaloside IV 98%Astragaloside IV 98%

Una formula avanzata anti-invecchiamento assolutamente eccezionale! Approfittate dell'offerta lancio "Pacchetto longevità" Astragaloside IV + Resveratrol Synergy -->

98.00 €(108.74 US$)
+
Astragalus ExtractAstragalus Extract

Estratto idroglicerinato di astragalo in gocce La "Fontana della Giovinezza" millennaria della medicina cinese.

19.00 €(21.08 US$)
+
Nicotinamide Riboside 125 mgNicotinamide Riboside 125 mg

"Molecola miracolosa", "Vitamina incredibile nascosta"

69.00 €(76.56 US$)
+
© 1997-2019 Supersmart.com® - Tutti i diritti di riproduzione riservati
© 1997-2019 Supersmart.com®
Tutti i diritti di riproduzione riservati
x
secure