0
it
US
X
× SuperSmart Informarsi per problema di salute Nuovi articoli Articoli popolari
Visita il nostro negozio Il mio conto Smart Prescription Blog Programma di fidelizzazione Lingua: Italiano
Dimagranti e gestione del peso Guide e tutorial

3 tipi di metabolismo: qual è il tuo? Come ottimizzarlo?

A quale somatotipo appartieni, secondo la classificazione di William Sheldon? E quale metabolismo ne deriva? A seconda della tua categoria, scopri come aumentare di peso, stabilizzarti o perdere peso.
Ectomorfo, endomorfo e mesomorfo
William Sheldon ha identificato tre somatotipi, ognuno con un proprio metabolismo.
Rédaction Supersmart.
2022-09-06Commenti (0)

Metabolismo e somatotipi secondo William Sheldon

La classificazione dei diversi tipi di metabolismo riportata più avanti è direttamente ispirata alla distinzione dei somatotipi di William Sheldon, medico americano della prima metà del XX secolo, la cui opera ebbe una notevole risonanza.

Di fatto, Sheldon ipotizzava che ogni individuo fosse biologicamente determinato prima ancora della nascita, da cui una classificazione con termini mutuati dall’embriologia. Per William Sheldon, essenzialmente (1):

Tuttavia, William Sheldon non si ferma qui: per lui, i somatotipi, detti anche morfotipi, sono associati a caratteristiche comportamentali. Pertanto:

Peraltro, questa teoria non ignora la teoria ayurvedica dei tre dosha: Vata (che corrisponderebbe all’ectomorfo), Pitta (che corrisponderebbe al mesomorfo) e Kapha (che corrisponderebbe all’endomorfo) – si veda il nostro articolo del blog sui tre dosha.

Metabolismo: attenzione al determinismo!

L’intera teoria di William Sheldon da allora è stata respinta. Da una parte, è ormai convinzione generale che l’aspetto comportamentale e psicologico della classificazione di Sheldon sia assurdo, e nessuno più vi fa riferimento (2-3).

Dall’altra, studi più recenti hanno dimostrato che, nel corso della sua vita, ogni individuo può essere categorizzato nei diversi somatotipi, in funzione della sua massa muscolare, della massa grassa, del livello di stress, ecc. (4)

Si deve quindi tenere presente che non vi è alcun determinismo e che non esistono dei criteri per ottimizzare il metabolismo, favorire l’aumento della massa muscolare o la perdita di grasso, stabilizzare il peso e migliorare la gestione dello stress.

Tali criteri si basano sia sulla pratica sportiva, l’alimentazione, la meditazione o la riabilitazione psicologica, sia sugli integratori alimentari selezionati.

Metabolismo dell’ectomorfo

Secondo la classificazione dei somatotipi di William Sheldon, un individuo ectomorfo è magro, asciutto e poco muscoloso.

Pur ammettendo che la teoria di Sheldon sia obsoleta, è innegabile che questa descrizione corrisponda a una realtà applicabile a molti individui.

Tuttavia, il problema sorge quando si ha un fisico ectomorfo e il relativo metabolismo: tutti gli sforzi per ingrassare o aumentare la massa muscolare si rivelano vani.

Questo può evidenziare diversi aspetti.

Attenzione: praticando il body-building, aumenterai la massa muscolare e quindi il metabolismo. Sarà dunque necessario aumentare l’apporto calorico per continuare a prendere peso e aumentare la massa muscolare.

Metabolismo del mesomorfo

Nella classificazione di William Sheldon, come nella vita reale, gli individui con un somatotipo mesomorfo sono considerati “fortunati”, poiché hanno un fisico equilibrato e un metabolismo ottimale, grazie ai quali possono mantenere una quota calorica elevata senza aumentare di peso.

Per i mesomorfi, dunque, la sfida sarà essenzialmente quella di stabilizzare il peso, di evitare di diventare endomorfi o, più raramente, ectomorfi (la tendenza naturale, infatti, è piuttosto quella di propendere all’endomorfismo).

A tal fine, si possono attuare tre strategie:

Metabolismo dell’endomorfo

Da ultimi vi sono, quindi, gli individui endomorfi, che aumentano facilmente di peso e mancano di tono ed energia. Per definizione, presentano una discrepanza tra il metabolismo e l’apporto energetico e possono diventare rapidamente obesi.

Dagli anni ‘90, i ricercatori studiano l’impatto di un ormone specifico, la leptina, nei meccanismi dell’obesità (9).

In sostanza, quando le cellule contengono troppo grasso, producono leptina per dare un segnale al cervello affinché interrompa l’assunzione di cibo e l’accumulo di grasso.

Se è innegabile che l’alimentazione è la causa principale dell’obesità, sembra inoltre cheun’alimentazione ricca di zuccheri e grassi provochi infine un’insensibilità dei recettori della leptina. Di conseguenza, diventa molto difficile curare l’obesità.

Pertanto, le strategie da attuare per compensare un metabolismo endomorfo sono le seguenti:

Bibliografia

  1. SHELDON, William A. Atlas of men, a guide for somatotyping the adult male at all ages.
  2. MADDAN, Sean, WALKER, Jeffery T., et MILLER, J. Mitchell. Does size really matter?: A reexamination of sheldon's somatotypes and criminal behavior. The Social Science Journal, 2008, vol. 45, no 2, p. 330-344.
  3. VERTINSKY, Patricia. Embodying normalcy: Anthropometry and the long arm of William H. Sheldon's somatotyping project. Journal of Sport History, 2002, vol. 29, no 1, p. 95-133.
  4. CARTER, JE Lindsay, CARTER, JE Lindsay, et HEATH, Barbara Honeyman. Somatotyping: development and applications. Cambridge university press, 1990.
  5. BURKE, Louise M. Branched-chain amino acids (BCAAs) and athletic performance. International SportMed Journal, 2001, vol. 2, no 3, p. 1-7.
  6. PEETERS, G. M. E. E., VAN SCHOOR, N. M., VAN ROSSUM, E. F. C., et al.The relationship between cortisol, muscle mass and muscle strength in older persons and the role of genetic variations in the glucocorticoid receptor. Clinical endocrinology, 2008, vol. 69, no 4, p. 673-682.
  7. MORLEY, John E., ARGILES, Josep M., EVANS, William J., et al.Nutritional recommendations for the management of sarcopenia. Journal of the american Medical Directors association, 2010, vol. 11, no 6, p. 391-396.
  8. WHITE, C. Michael. A review of human studies assessing cannabidiol's (CBD) therapeutic actions and potential. The Journal of Clinical Pharmacology, 2019, vol. 59, no 7, p. 923-934.
  9. IZQUIERDO, Andrea G., CRUJEIRAS, Ana B., CASANUEVA, Felipe F., et al.Leptin, obesity, and leptin resistance: where are we 25 years later?. Nutrients, 2019, vol. 11, no 11, p. 2704.
  10. HENDERSON, Shonteh, MAGU, Bahrat, RASMUSSEN, Chris, et al.Effects of coleus forskohlii supplementation on body composition and hematological profiles in mildly overweight women. Journal of the International Society of Sports Nutrition, 2005, vol. 2, no 2, p. 1-9.
  11. POTHURAJU, Ramesh, SHARMA, Raj Kumar, CHAGALAMARRI, Jayasimha, et al.A systematic review of Gymnema sylvestre in obesity and diabetes management. Journal of the Science of Food and Agriculture, 2014, vol. 94, no 5, p. 834-840.
SharePinterest

Commenti

Devi accedere al tuo conto per poter lasciare un commento
Questo articolo non è stato ancora commentato, inserisci la prima recensione
La nostra selezione di articoli
Donna che dorme
Addormentarsi velocemente senza sonniferi: il trattamento naturale dimenticato

Probabilmente, fate parte di quelle persone che hanno già sperimentato l'orribile sensazione causata dall'insonnia: lenzuola bollenti, pelle sudata, continui cambiamenti di posizione e la sensazione insopportabile di non poter fare nulla. E il sonno passa sempre di più... O forse appartenete anche voi a quel 20- 40% della popolazione per la quale il sonno è diventato un inferno. Sia in un caso che nell'altro, una domanda vi tormenta senza sosta: cosa posso fare per addormentarmi velocemente? E se vi dicessimo che esiste un rimedio naturale ed efficace non considerato dagli insonni?

Cellule adipose (adipociti) viste al microscopio
Ecco cosa succede alle cellule di grasso quando si aumenta di peso

Se sei in sovrappeso o se hai la cosiddetta "pancia", sei probabilmente vittima di un'infiammazione cronica del tessuto adiposo. Poiché si tratta di un processo patologico silenzioso che, prima o poi, si manifesterà come una bomba a orologeria, è meglio interessarsi alle nuove scoperte e agire rapidamente.

Alimenti ultra-trasformati
Quali sono gli alimenti trasformati? Con cosa sostituirli?

Nelle nostre dispense e nei nostri frigoriferi, gli alimenti trasformati sono più numerosi di quanto si creda. Impara a riconoscerli e a sostituirli con cibi più sani per la tua salute.

Amici che soddisfano le loro esigenze nutrizionali
Fabbisogno nutrizionale e assunzioni raccomandate: l’essenziale da sapere

Apporto calorico, macronutrienti, micronutrienti e fibre: finalmente un articolo completo sui fabbisogni nutrizionali e sugli apporti raccomandati negli adulti.

Acqua di cocco
Bevande al cocco: quali proprietà e benefici?

Acqua di cocco, latte di cocco, olio di cocco... dai seguaci della dieta chetogenica alle più grandi star hollywoodiane, sono tutti appassionati della noce di cocco! SuperSmart ti spiega se questi prodotti fanno bene o meno alla salute.

Sostenitore della crononutrizione
Crononutrizione: le tre ricette migliori da conoscere

Conosci la crononutrizione, il regime alimentare basato sui ritmi biologici? Ecco tre ricette facili e veloci per una crononutrizione di successo.

Questi prodotti dovrebbero interessarti

© 1997-2022 Supersmart.com® - Tutti i diritti di riproduzione riservati
© 1997-2022 Supersmart.com®
Tutti i diritti di riproduzione riservati
Nortonx
secure
Warning
ok