0
it
US
X
× SuperSmart Informarsi per problema di salute Nuovi articoli Articoli popolari Visita il nostro negozio Il mio conto Smart Prescription Blog Programma di fidelizzazione Lingua: Italiano
Guide e tutorial

Alimentazione crudista: benefici, pericoli e buone pratiche del

Se ricerchi una dieta più sana e più in sintonia con la natura, non puoi perderti la grande tendenza del crudismo, raw food in inglese. Benefici, pericoli, buone pratiche: vi sveliamo proprio tutto.
Alimenti crudi con prosciutto, pomodoro e sottaceti
Dovremmo mangiare tutto crudo? SuperSmart ti dà la sua opinione.
Rédaction Supersmart.
2021-10-19Commenti (0)

Il crudismo: che cos'è?

Nel grande movimento del crudismo, denominato anche alimentazione "viva", esistono diverse tendenze e diverse tipologie di consumatori: (1)

Il punto comune di tutte queste diete è che il cibo viene consumato prevalentemente o interamente crudo.

Infatti, gli appassionati di crudismo ammettono di consumare tra il 75% e l'80% di prodotti crudi.

I benefici del raw food

Il crudismo porta a una perdita di peso significativa, il che può essere l'effetto desiderato e dare giovamento alle persone in sovrappeso (2). Questa perdita di peso si ottiene in particolare rinunciando ai biscotti industriali e ad altri prodotti trasformati.

Tuttavia, non è a questo livello che gli appassionati di raw food situano principalmente i benefici della loro dieta.

I professionisti che hanno reso popolare il crudismo sostengono infatti che mangiare crudo permette di conservare tutte le vitamine degli alimenti (il che è assolutamente vero) e soprattutto tutti gli enzimi degli alimenti (assolutamente vero anche questo) (3).

Questi enzimi consentono di avviare la digestione di alcuni nutrienti (carboidrati e proteine) già nello stomaco e quindi di facilitare la digestione, portando a una migliore assimilazione da parte dell'organismo.

Inoltre, visto che la maggior parte dei movimenti del raw food esclude gli alimenti di origine animale e si basa principalmente su alcuni alimenti alcalinizzanti, il crudismo favorisce l'equilibrio acido-base dell'organismo.

Pertanto, una dieta crudista dà una sferzata di energia, un maggior comfort digestivo e, soprattutto, un'alimentazione più vicina a quella dei nostri antenati umani. In questo senso, il crudismo è in diretta concorrenza con la paleodieta.

La cottura degli alimenti alle origini dell'umanità

Va ricordato, però, che l'evoluzione dell'uomo sarebbe dovuta in particolare alla sua abitudine di cuocere il cibo, come sostengono i ricercatori della Harvard Graduate School of Arts and Sciences in uno studio pubblicato su Proceedings of the Academy (PNAS) (4).

Infatti, i paleoantropologi e gli archeologi stimano che l'uomo cucini i suoi alimenti da almeno un milione di anni e probabilmente anche da più tempo. È ormai ampiamente appurato che la cottura della carne sia uno dei fattori scatenanti dell'evoluzione umana verso l'uomo sapiens (5).

Infatti, oltre al fatto che la carne cotta fornisce più energia della carne cruda (6) e che i suoi nutrienti sono più facilmente assimilabili, con un minor dispendio energetico durante la digestione (7-8), la minore masticazione necessaria rispetto al consumo di carne cotta ha permesso una riduzione del volume della mandibola a vantaggio di un cranio più grande.

Inoltre, alcuni archeologi sono stati in grado di dimostrare che gli esseri umani cuociono anche le piante da almeno 170.000 anni, probabilmente per le stesse ragioni.

Sembra inoltre che la cottura ammorbidisca le fibre, rendendole meno irritanti per il colon e che distrugga i microrganismi patogeni,riducendo così il rischio di intossicazione alimentare.

I pericoli del crudismo

Poiché il movimento del crudismo è piuttosto antico, molti studi sono stati condotti sui suoi seguaci. Così:

Tuttavia, è innegabile che tutte queste carenze possono essere contrastate adattando la dieta e assumendo integratori alimentari come Methylcobalamine (per la vitamina B12), Calcium-AEP o Vitamin D3 5000 UI, ad esempio.

Ricordiamo anche che un multivitaminico (come Daily 3) riunisce una porzione interessante di ciascuno di questi minerali e vitamine, tra gli altri composti benefici per la salute umana.

Mangiare crudo e cotto: una via di mezzo soddisfacente?

Il crudismo ha quindi innegabili benefici: gli alimenti crudi, lattofermentati o germogliati contengono molte vitamine, minerali ed enzimi che in una certa misura favoriscono la digestione.

Inoltre, mangiare crudo favorisce la sensazione di sazietà, elimina i grassi cotti dall'alimentazione e richiede il consumo di alimenti ricchi ottimi per la salute (frutta, verdura, semi oleosi, semi, semi germogliati, ecc.).

Tuttavia, di fronte ai rischi di un'alimentazione esclusivamente crudista, la maggior parte dei nutrizionisti e dei medici consiglia unadieta equilibrata che comprenda il 50% di prodotti crudi (in particolare i suddetti alimenti) e il 50% di alimenti cotti (broccoli, patate/patate dolci, cereali, pseudocereali, carni, uova, ecc.).

Come spesso accade, gli eccessi possono presentare dei rischi, mentre la via di mezzo consente di godere dei benefici di tutti gli approcci.

Bibliografia

  1. DEBRY, G. Les particularités diététiques végétarisme, végétalisme, crudivorisme, macrobiotisme. La Revue du praticien (Paris), 1991, vol. 41, no 11, p. 967-972.
  2. ROBERTS, Susan B., MCCRORY, Megan A., et SALTZMAN, Edward. The influence of dietary composition on energy intake and body weight. Journal of the American College of Nutrition, 2002, vol. 21, no 2, p. 140S-145S.
  3. HOWELL, Edward. Enzyme nutrition: the food enzyme concept. Penguin, 1995.
  4. CARMODY, Rachel N., WEINTRAUB, Gil S., et WRANGHAM, Richard W. Energetic consequences of thermal and nonthermal food processing. Proceedings of the National Academy of Sciences, 2011, vol. 108, no 48, p. 19199-19203.
  5. WRANGHAM, Richard W., JONES, James Holland, LADEN, Greg, et al.The raw and the stolen: cooking and the ecology of human origins. Current anthropology, 1999, vol. 40, no 5, p. 567-594.
  6. Carmody, Rachel N., and Richard W. Wrangham. 2009. The energetic significance of cooking. Journal of Human Evolution 57:379–391.
  7. CARMODY, Rachel N., WEINTRAUB, Gil S., et WRANGHAM, Richard W. Reply to Wollstonecroft et al.: Cooking increases the bioavailability of starch from diverse plant sources. Proceedings of the National Academy of Sciences, 2012, vol. 109, no 17, p. E992-E992.
  8. Boback, Scott M., Christian L. Cox, Brian D. Ott, Rachel Carmody, Richard W. Wrangham, and Stephen M. Secor. 2007. Cooking and grinding reduces the cost of meat digestion. Comparative Biochemistry and Physiology A 148:651–656.
  9. KOEBNICK, Corinna, STRASSNER, Carola, HOFFMANN, Ingrid, et al.Consequences of a long-term raw food diet on body weight and menstruation: results of a questionnaire survey. Annals of Nutrition and Metabolism, 1999, vol. 43, no 2, p. 69-79.
  10. VAN DEN, Truong, BIERMANN, Christopher J., et MARLETT, Judith A. Simple sugars, oligosaccharides and starch concentrations in raw and cooked sweet potato. Journal of Agricultural and Food Chemistry, 1986, vol. 34, no 3, p. 421-425.
  11. KOEBNICK, Corinna, GARCIA, Ada L., DAGNELIE, Pieter C., et al.Long-term consumption of a raw food diet is associated with favorable serum LDL cholesterol and triglycerides but also with elevated plasma homocysteine and low serum HDL cholesterol in humans. The Journal of nutrition, 2005, vol. 135, no 10, p. 2372-2378.
  12. CLINE, Jill. Calcium and vitamin d metabolism, deficiency, and excess. Topics in companion animal medicine, 2012, vol. 27, no 4, p. 159-164.
SharePinterest

Commenti

Devi accedere al tuo conto per poter lasciare un commento
Questo articolo non è stato ancora commentato, inserisci la prima recensione
La nostra selezione di articoli

Questi prodotti dovrebbero interessarti

© 1997-2021 Supersmart.com® - Tutti i diritti di riproduzione riservati
© 1997-2021 Supersmart.com®
Tutti i diritti di riproduzione riservati
Nortonx
secure
Warning
ok