INNOVATION AND EXCELLENCE SINCE 1992
Home
  >  
Categorie
  >  
Vitamine
  >  
Complete K
Complete K
Complete K
Formula a base di vitamina K
  • Basata sulle 3 migliori forme estremamente disponibili di vitamina K.
  • Partecipa all'attivazione di alcuni fattori della coagulazione.
  • Pare svolgere un ruolo importante nella prevenzione delle patologie cardiovascolari e dell'osteoporosi.
  • visualizzare le recensioni

    Quantitá : 60 Caps. Veg. 36.00 €
    (41.06 US$)
    aggiungi al carrello

    +certificato di analisi

    Nella definizione “vitamina K” sono raggruppate diverse sostanze che partecipano all’attivazione di determinati fattori della coagulazione (“Koagulation” in tedesco). Infatti, dopo aver raggiunto i vasi linfatici, questa viene assorbita dai chilomicroni e si accumula a livello del fegato in cui parteciperà alla sintesi di quattro fattori della coagulazione, tra cui il fattore II (protrombina) e la sua conversione in trombina.

    Fino a pochi anni fa, si pensava che esistesse un’unica forma e un’unica famiglia attiva di vitamina K, rappresentata dalla vitamina K1 (fitomenadione o fillochinone). Questa è la forma presente principalmente nelle piante e nei legumi verdi cruciferi: cavoli, crauti, prezzemolo, spinaci, lattuga. È liposolubile, stabile al calore ma sensibile alla luce ed agli ambienti alcalini.

    Recentemente altre forme di vitamina K, essenzialmente la vitamina K2 che si scinde in due sottotipi, la MK-4 e la MK-7, sono state oggetto di importanti studi che ne hanno messo in evidenza nuove proprietà, al di là della sua implicazione nei meccanismi della coagulazione sanguigna di cui non serve più dimostrare l’importanza.

    I menachinoni (vitamina K2) sono sintetizzati dai batteri del tratto intestinale ma, sfortunatamente, vengono totalmente eliminati nelle materie fecali invece di essere distribuiti nei vasi, nelle ossa e nei diversi tessuti.

    Queste vitamine K2 si trovano anche nelle interiora degli animali, nella carne, nei prodotti fermentati, come certi formaggi, e soprattutto nel natto, un alimento giapponese tradizionale a base di soia fermentata, da molto tempo considerato come la fonte più importante di vitamina K2, che sfortunatamente non viene assunto su base giornaliera dagli occidentali.

    E' noto ormai che la vitamina K2 resta per molto tempo attiva nell’organismo umano (fino a 72 ore), a dosi molto basse, essendo dieci volte più biodisponibile della vitamina K1, e che agisce in sinergia con numerosi micronutrienti come la vitamina D e il calcio.

    Esiste anche una forma sintetica, la vitamina K3 (menadione), che non viene proprio utilizzata poiché interferisce con il sistema di difesa antiossidante delle cellule e può scatenare un’ossidazione delle membrane cellulari. Nel neonato, può provocare una distruzione dei globuli rossi causando anemia.

    Quindi l’integrazione deve comprendere sia la vitamina K1 sia le vitamine K2.

    La frazione MK-4 della vitamina K2 è molto simile alla vitamina K1, che l’organismo converte in vitamina K4; a causa della breve semi-vita biologica, che raramente supera un’ora, questo integratore diventa difficile da utilizzare singolarmente.

    Al contrario, la frazione MK-7 possiede una semi-vita di tre giorni; questo permette una concentrazione sanguigna stabile ed il suo utilizzo a basse dosi senza eccessivi accumuli nell'organismo.

    Il natto costituisce una delle sue maggiori fonti.
    Secondo studi recenti, la MK-7 si rivela essere uno dei migliori agenti di prevenzione contro le infiammazioni croniche che possono silenziosamente danneggiare i tessuti nel tempo e contribuire così allo sviluppo di malattie ad esse strettamente correlate: cancro, obesità, malattie cardiovascolari (tra cui ictus e infarto). Gli studi hanno infatti dimostrato le sue proprietà di inibizione dei marcatori proinfiammatori prodotti dai monociti.
    Ma il ruolo biologico della vitamina K2 va ben oltre.
    Essa fissa il calcio nei tessuti in cui questo deve normalmente essere presente, ovvero le ossa e i denti. Attivando la sintesi dell'osteocalcina, un ormone specifico del tessuto osseo sintetizzato dagli osteoblasti, garantisce la mineralizzazione catturando e ridistribuendo il calcio nell’organismo, a livello osseo e dentale, riducendo così gli incidenti legati all’osteoporosi e prevenendo le fratture (soprattutto dell’anca).

    Rimuove il calcio dai tessuti nei quali esso non dovrebbe essere presente, come le arterie e i tessuti molli che si induriscono a causa della presenza di calcio. Eliminandolo da questi tessuti, li protegge da ulteriori calcificazioni, cioè dall’aterosclerosi e dalla calcificazione aortica.

    Infine, garantisce il buon funzionamento del sistema renale evitando i calcoli renali causati dalla presenza di calcio.
    Uno studio pubblicato sulla rivista “Modern Rheumatology”, inoltre, ha dimostrato che la vitamina K2 migliora i sintomi dell’artrite reumatoide, oltre a mantenere normale l'ATP mitocondriale e ad alleviare i disturbi legati alla malattia di Parkinson.

    Carenza? Deficit?

    La carenza, rara nell’adulto, è molto più frequente nei neonati e nei prematuri, ma può anche colpire le persone anziane che soffrono di malassorbimento intestinale o di osteoporosi. Anche le donne incinte hanno un fabbisogno superiore di vitamina K, così come i neonati allattati al seno.

    Studi effettuati dal dottor Rhéaume-Bleue, tuttavia, hanno evidenziato che l’80% degli americani presentava una carenza di vitamina K2, possibile causa di disturbi cerebrali, cancro, ictus, calcoli renali o ancora osteoporosi.

    L’assunzione di Complete K è quindi indispensabile:
      • per le persone a rischio di emorragie;
      • per le persone con problemi di malassorbimento intestinale (malattia di Crohn, malattia celiaca, diarrea cronica…);
      • per le persone anziane;
      • per coloro che soffrono di osteoporosi, o almeno per tutte le donne in menopausa;
      • per le persone a rischio di malattie cardiovascolari o di cancro. Alcuni ricercatori dell’Università di Maastricht hanno riscontrato una carenza di vitamina K anche in numerose persone in buona salute, quindi un a sua integrazione potrebbe portare benefici a tutte le persone oltre i quarant’anni.
    Dose journalière : 1 gélule
    Nombre de doses par boîte : 60
    Quantità per dose
    Vitamina K1 (fitomenadione) 1 500 mcg
    Vitamina K2 MK-4 (menachinone 4) 1 000 mcg
    Vitamina K2 MK-7 [MenaQ7™ (menachinone 7)] 150 mcg
    Altri ingredienti: cellulosa microcristallina, stearato di magnesio, diossido di silicio.
    MenaQ7™, NattoPharma ASA, Norvegia.


    adulti. Assumere una capsula al giorno.
    Attenzione: consultate il vostro terapeuta se state assumendo farmaci anticoagulanti.

    Precauzioni: Non superare la dose giornaliera raccomandata. Questo prodotto è un supplemento nutrizionale che non deve sostituire un'alimentazione varia ed equilibrata. Non lasciare alla portata dei bambini. Conservare al riparo dalla luce, da fonti di calore e dall'umidità. Come con ogni supplemento nutrizionale, consultare un medico prima di assumerlo durante la gravidanza, l'allattamento o nel caso di problemi di salute.
     
    Scopri qualche testimonianza dei nostri clienti

    Gratis

    Ti ringraziamo per la visita, prima di uscire

    ISCRIVITI AL
    Club SuperSmart
    Ed approfitta
    di promozioni esclusive:
    Continua gli acquisti
    keyboard_arrow_up